Un antibiotico esistente potrebbe aiutare a trattare il melanoma.

Nel trattamento del melanoma, le cellule tumorali a volte sviluppano una resistenza ai farmaci antitumorali. Un nuovo studio si chiede se un antibiotico possa fornire una potenza di fuoco extra per sostenere i trattamenti esistenti.
melanoma.jpg

Un antibiotico può aumentare il trattamento del melanoma.

Il melanoma è un tipo di cancro della pelle che si sviluppa dai melanociti. Queste sono cellule che contengono pigmento.

È uno dei tumori più comuni che colpiscono i giovani adulti.

Conta circa l’1% dei tumori della pelle, gli specialisti diagnosticano oltre 90.000 nuovi melanomi ogni anno in Italia.

Preoccupantemente, i tassi di melanoma sono cresciuti lentamente negli ultimi 30 anni.

Molti casi vengono trattati con successo ma, a causa del costante aumento della prevalenza, è sempre più importante progettare il trattamento più efficace possibile.

Nei tumori del melanoma, le cellule differiscono; alcuni sono altamente suscettibili ai trattamenti esistenti sul cancro, come gli inibitori di BRAF e MEK, mentre altri diventano rapidamente resistenti a questi farmaci, sostenendo la crescita e la diffusione del tumore .

Trovare i modi per affrontare queste cellule tumorali più fastidiose è della massima importanza.

Gli scienziati hanno precedentemente dimostrato che le cellule più difficili da trattare producono livelli particolarmente alti di un enzima chiamato aldeide deidrogenasi 1 (ALDH1).

Usando questo come punto di partenza, gli esperti hanno cercato modi per bloccare la produzione di ALDH1, e il nuovo studio spinge ulteriormente l’imbarcazione, mirando a estirpare e distruggere tutte le cellule che secernono alti livelli di ALDH1.

Il team – presso l’Istituto di genetica e medicina molecolare del Medical Research Council dell’Università di Edimburgo nel Regno Unito – si è concentrato sulla nifuroxazide, un antibiotico . È stato inizialmente brevettato negli anni ’60 e viene tipicamente utilizzato per il trattamento di colite e diarrea .

Le loro scoperte sono state pubblicate questa settimana sulla rivista Cell Chemical Biology .

Vecchi farmaci, nuovi trucchi

Il team ha impiantato campioni di melanoma umano in topi e poi li ha trattati con nifuroxazide. Come previsto, l’antibiotico ha ucciso selettivamente le cellule tumorali che hanno prodotto livelli più alti di ALDH1 ma non ha danneggiato altri tipi di cellule.

Per il passo successivo, hanno trattato il tumore con farmaci antitumorali standard – gli inibitori BRAF e MEK – e il numero di cellule che producevano livelli più alti di ALDH1 aumentava e diventava particolarmente sensibile al nifuroxazide.

Se ulteriori studi raggiungono conclusioni simili, potremmo usare nifuroxazide insieme agli inibitori di BRAF e MEK, asciugando le cellule cancerose più pericolose.

Non ci sarà una bacchetta magica per il targeting del melanoma – le variazioni che esistono all’interno dei cancri significano che ci sarà bisogno di essere terapie combinate”.

Piombo ricercatore Dr. Liz Patton

Continua: “Quando alle persone vengono somministrati farmaci BRAF o MEK per trattare il melanoma, i tumori possono avere più cellule con alti livelli di ALDH, quindi pensiamo che sia un obiettivo davvero importante.”

“Abbiamo dimostrato che questo antibiotico utilizzato principalmente per colpire i batteri intestinali può anche colpire e uccidere le cellule tumorali ad alto contenuto di enzima ALDH1”.

La nifuroxazide è una droga ben utilizzata, ma ci sono ancora molti ostacoli da chiarire prima che possa essere usato per trattare il cancro negli studi clinici; come delinea il Dr. Patton:

“È fantastico che questo antibiotico sia approvato per l’uso negli esseri umani, ma non è stato progettato come un farmaco antitumorale, quindi abbiamo ancora bisogno di scoprire se è sicuro ed efficace per il cancro negli esseri umani – per esempio, può arrivare al cancro nel corpo e le dosi necessarie sono sicure? Potremmo aver bisogno di prendere il concetto di come funziona questo antibiotico e riprogettarlo per renderlo migliore nell’uccidere il cancro. “

Il Dr. Nathan Richardson, responsabile della medicina molecolare e cellulare presso il Medical Research Council, è entusiasta della prospettiva.

Dice: “Questo studio immaginativo sfrutta la sensibilità di alcune cellule tumorali a un antibiotico esistente e potrebbe rivelare un nuovo eccitante approccio sia al trattamento di combinazione che alla medicina ‘personalizzata’ indirizzando direttamente la resistenza ai farmaci”.

La resistenza ai farmaci è un ostacolo significativo nel trattamento di molti tumori; si spera, tuttavia, che questo tipo di approccio possa anche aiutare i ricercatori ad affrontare altri tipi di cancro.

Annunci

Il cancro della pelle mortale potrebbe essere fermato con un farmaco contro l’artrite

Il melanoma può essere uno dei tumori della pelle meno comuni, ma è ancora il più mortale. Nuova speranza potrebbe essere all’orizzonte per le persone con questa malattia, tuttavia, sotto forma di un farmaco esistente usato per curare l’artrite.
melanoma.jpg

I ricercatori suggeriscono che un farmaco contro l’artrite potrebbe aiutare a combattere il melanoma.

Ricercatori dell’Università di East Anglia (UEA) nel Regno Unito hanno rivelato come l’aggiunta di leflunomide – un farmaco immunosoppressore utilizzato per il trattamento dell’artrite reumatoide – a un trattamento con melanoma in atto abbia bloccato la crescita delle cellule di cancro del melanoma nei topi.

risultati promettenti del team sono stati recentemente pubblicati sulla rivista Oncotarget.

Il melanoma è una forma di cancro della pelle che inizia nei melanociti, che sono cellule della pelle che producono melanina, cioè il pigmento che aiuta a proteggere la nostra pelle dal sole e che conferisce alla pelle il suo colore “abbronzato”.

Secondo l’American Cancer Society (ACS), il melanoma rappresenta solo l’ 1 per cento di tutti i tumori della pelle, ma è responsabile di una grande proporzione di decessi per cancro della pelle.

Solo quest’anno, circa 9.730 persone negli Stati Uniti dovrebbero morire di melanoma, evidenziando la necessità di trattamenti più efficaci.

Ricercatore capo del nuovo studio, il dottor Grant Wheeler, della Scuola di Scienze Biologiche della UEA, e colleghi, ritengono che la leflunomide possa aiutare a soddisfare questa esigenza, aumentando i trattamenti esistenti sul melanoma.

Leflunomide innesca l’apoptosi

Il fatto che leflunomide sia un farmaco immunosoppressore è importante. “Con i trattamenti per il melanoma”, spiega il Dr. Wheeler, “il problema principale è stato lo sviluppo della resistenza ai tumori , un modo in cui questo viene combattuto attraverso trattamenti di immunoterapia che sfruttano le difese del corpo”.

“Tuttavia,” aggiunge, “sono sempre necessarie nuove terapie combinate e dobbiamo identificare nuovi farmaci che possano essere aggiunti all’arsenale delle terapie anti-melanoma disponibili per i pazienti”.

Per vedere se leflunomide potrebbe essere un candidato adatto, i ricercatori hanno prima testato il farmaco sulle cellule di melanoma in laboratorio.

Scoprirono che il farmaco era in grado di arrestare la fase iniziale della crescita delle cellule di melanoma, prima di forzare le cellule di melanoma in morte cellulare programmata, o l’apoptosi, un processo di autodistruzione che le cellule tumorali riescono spesso a eludere.

Il team ha quindi testato leflunomide sulle cellule di melanoma in combinazione con selumetinib, che è un farmaco già utilizzato per il trattamento del melanoma. Selumetinib agisce inibendo l’attività del MEK, una proteina che aiuta la sopravvivenza delle cellule di melanoma.

I ricercatori hanno scoperto che la combinazione di leflunomide-selumetinib era più efficace per arrestare la crescita delle cellule di melanoma rispetto a leflunomide o selumetinib da solo.

La combinazione di farmaci ha arrestato la crescita del tumore

Successivamente, gli scienziati hanno testato la combinazione di leflunomide e selumetinib sui topi con tumori del melanoma e hanno confrontato i suoi effetti con ciascuno di questi farmaci da soli.

Il team ha scoperto che la combinazione di leflunomide-selumetinib ha fermato con successo la crescita del tumore del melanoma e ridotto la dimensione del tumore nei roditori entro 12 giorni. Questo trattamento è stato significativamente più efficace del trattamento con ciascun farmaco singolarmente.

Spiegando ulteriormente i risultati, i ricercatori dicono:

[…] quando leflunomide e selumetinib venivano somministrate in associazione, il volume del tumore non solo diminuiva a livelli significativamente inferiori a quelli dei soli trattamenti farmacologici, ma era importante sopprimere la crescita del tumore, con i volumi dei tumori rimasti stabili alle stesse dimensioni oltre i 12 giorno di trattamento. “

Sulla base delle loro scoperte, il Dr. Wheeler ei suoi colleghi ritengono che la leflunomide abbia il potenziale per migliorare i trattamenti attuali per la forma più mortale di cancro della pelle. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per confermare se questo obiettivo può essere raggiunto.

“Il lavoro futuro determinerà il meccanismo di sinergia tra farmaci offerto dal trattamento combinato delle cellule di melanoma con leflunomide e selumetinib”, affermano i ricercatori.

“Inoltre, sono necessari ulteriori esperimenti preclinici per determinare se le cellule di melanoma possono acquisire resistenza alla leflunomide e se il farmaco potrebbe anche essere usato con successo in combinazione con immunoterapie anti-melanoma.”

Il poliovirus uccide le cellule tumorali, ferma la ricrescita del tumore. Farmajet news

Il poliovirus uccide le cellule tumorali, ferma la ricrescita del tumore

I ricercatori della Duke University di Durham, in California, potrebbero aver scoperto un nuovo modo di uccidere le cellule tumorali.

cellu1

Il poliovirus modificato sembra consentire alle cellule T di attaccare le cellule tumorali (mostrato qui).

Il team è stato guidato congiuntamente dal Dr. Matthias Gromeier, professore nel Dipartimento di Neurochirurgia, e dal Prof. Smita Nair, che è un immunologo del Dipartimento di Chirurgia.

La nuova ricerca – pubblicata sulla rivista Science Translational Medicine – mostra come un poliovirus modificato consente all’organismo di utilizzare le proprie risorse per combattere il cancro . Il virus modificato porta il nome di poliovirus oncolitico ricombinante ( PVS-RIPO ).

PVS-RIPO è stato in studi clinici dal 2011 e risultati preliminari hanno offerto speranza a pazienti con una delle forme più aggressive di tumore al cervello: glioblastoma ricorrente. Quindi, i ricercatori hanno deciso di approfondire il modo in cui funziona esattamente il PVS-RIPO.

Spiegando la logica alla base del loro sforzo di ricerca, la dott.ssa Gromeier afferma: “Conoscere i passaggi che si verificano per generare una risposta immunitaria ci consentirà di decidere razionalmente se e quali altre terapie hanno senso in combinazione con il poliovirus per migliorare la sopravvivenza del paziente.”

Il poliovirus attacca i tumori, inibisce la ricrescita

I ricercatori hanno esaminato il comportamento del poliovirus in due linee cellulari umane: il melanoma e il carcinoma mammario triplo negativo . Hanno osservato che il poliovirus si attacca alle cellule cancerose. Queste cellule hanno un eccesso di proteina CD155, che funge da recettore per il poliovirus.

Quindi, il poliovirus inizia ad attaccare le cellule maligne, innescando il rilascio di antigeni dal tumore . Gli antigeni sono sostanze tossiche che il corpo non riconosce, quindi scatenano un attacco immunitario contro di loro.

Quindi, quando le cellule tumorali rilasciano gli antigeni, questo avverte il sistema immunitario del corpo per iniziare ad attaccare. Allo stesso tempo, il poliovirus infetta le cellule dendritiche e i macrofagi.

 

Le cellule dendritiche sono cellule il cui ruolo è quello di processare gli antigeni e “presentarli” alle cellule T, che sono un tipo di cellula immunitaria. I macrofagi sono un altro tipo di cellula immunitaria – vale a dire, grandi globuli bianchi il cui ruolo principale è quello di liberare i nostri corpi di detriti e sostanze tossiche.

I risultati della coltura cellulare – che i ricercatori hanno poi verificato in modelli murini – hanno dimostrato che una volta che il PVS-RIPO infetta le cellule dendritiche, queste cellule “dicono” alle cellule T di iniziare l’attacco immunitario.

Una volta avviato, questo processo sembra avere un successo continuo. Le cellule tumorali continuano ad essere vulnerabili all’attacco del sistema immunitario per un periodo di tempo più lungo, che sembra fermare il tumore dalla ricrescita.

Come spiega il prof. Nair, “non solo il poliovirus sta uccidendo le cellule tumorali, ma sta anche infettando le cellule che presentano l’antigene, il che consente loro di funzionare in modo tale da poter sollevare una risposta delle cellule T in grado di riconoscere e infiltrarsi in un tumore “.

Questo è un risultato incoraggiante, perché significa che il poliovirus stimola una risposta infiammatoria innata”.

Prof. Smita Nair

Parlando alle notizie mediche Oggi sulle implicazioni cliniche delle scoperte e le indicazioni degli scienziati per la ricerca futura, il dott. Gromeier ha detto: “I nostri risultati forniscono chiare motivazioni per andare avanti con studi clinici sul cancro al seno, sul cancro alla prostata e sul melanoma maligno.”

“Questo include nuovi trattamenti di combinazione che perseguiremo”, ha aggiunto.

Più specificamente, spiega, perché lo studio ha rivelato che dopo il trattamento con il poliovirus “i checkpoint immunitari sono aumentati sulle cellule immunitarie”, una strategia futura che i ricercatori intendono esplorare è il poliovirus [oncolitico] combinato con il blocco del checkpoint immunitario. ”