Il Magnesio puro Essenziale allevia le emicranie?

Le emicranie possono essere difficili da trattare con gli antidolorifici tradizionali, quindi molte persone cercano modi alternativi per prevenirli. Un potenziale rimedio è il magnesio.

Il magnesio è un minerale naturale che aiuta a mantenere stabile la pressione sanguigna , favorisce la salute del cuore, regola la funzione nervosa e muscolare e costruisce ossa, DNA e proteine. Una mancanza di magnesio può anche contribuire a mal di testa ed emicranie .

Alcune persone usano il magnesio per trattare e prevenire i sintomi dell’emicrania, tra cui un forte mal di testa, disturbi visivi, sensibilità alla luce e al suono, nausea e vomito.

Il magnesio aiuta a sbarazzarsi delle emicranie?

magnesio integratore.jpg

Gli studi suggeriscono che il magnesio può aiutare a prevenire il mal di testa.

Alcune ricerche hanno indicato che l’assunzione di un integratore di magnesio potrebbe essere un modo efficace per prevenire il mal di testa. Altri studi hanno anche suggerito che i livelli di magnesio nel cervello di una persona possono essere bassi durante l’emicrania.

L’American Migraine Foundation suggerisce di assumere un supplemento di ossido di magnesio per 400-500 milligrammi (mg) al giorno per prevenire l’emicrania.

Alcuni ricercatori pensano che l’efficacia del magnesio come prevenzione contro l’emicrania aumenta quando una persona assume dosi più elevate – oltre 600 (mg) – per almeno 3 o 4 mesi.

Tuttavia, assumere alte dosi di magnesio come integratore può causare effetti avversi in alcune persone.

L’assunzione di magnesio può essere più efficace per le persone le cui emicranie includono aura o disturbi visivi.

Come usare il magnesio per l’emicrania

Le persone con emicrania possono assumere l’ossido di magnesio sotto forma di una pillola per integrare l’assunzione di magnesio.

In alternativa, un medico può somministrare per via endovenosa 1-2 grammi (g) di solfato di magnesio se una persona ha problemi ad assorbirlo.

Altre forme di magnesio includono:

  • carbonato di magnesio
  • cloruro di magnesio
  • citrato di magnesio

Il corpo assorbe questi diversi tipi di magnesio a velocità diverse. Il corpo ha difficoltà ad assorbire il magnesio a meno che non sia legato a qualcos’altro, quindi gli integratori di magnesio spesso contengono altre sostanze, come gli amminoacidi, che forniscono anche benefici per la salute.

Alcune persone preferiscono aumentare il loro apporto di magnesio attraverso la loro dieta.

Gli alimenti che contengono magnesio includono:

  • noci e cereali
  • fagioli neri e lenticchie
  • cereali
  • spezie
  • cacao
  • tè e caffè
  • verdure a foglia verde
  • avocado
  • semi, come semi di zucca o di zucca
  • mandorle
  • sgombro, tonno e Pollock
  • yogurt magro o kefir
  • banane
  • fichi
  • cioccolato fondente

L’ assunzione giornaliera media raccomandata di magnesio è di 310-320 mg per le donne e di 400-420 mg per gli uomini.

Effetti collaterali e rischi

crampi allo stomaco.jpg

Supplementi di magnesio possono causare crampi e vomito.

Il magnesio si trova naturalmente in molti alimenti. Aumentare i livelli di magnesio mangiando più di questi alimenti non sembra avere alcun rischio associato.

Tuttavia, l’assunzione di troppi supplementi di magnesio può causare alcuni effetti avversi, tra cui diarrea , crampi e vomito.

Se una persona sperimenta la diarrea a causa di un supplemento di magnesio, dovrebbe smettere di prenderlo. È anche essenziale per una persona con diarrea rimanere idratata.

Le persone dovrebbero anche evitare di assumere integratori di magnesio insieme a un tipo di antibiotici noti come aminoglicosidi. L’assunzione di queste sostanze insieme può causare debolezza muscolare e altri problemi.

Il magnesio può anche interferire con il modo in cui una persona assorbe gli antibiotici. Pertanto, una persona dovrebbe assumere gli antibiotici necessari almeno 2 ore prima o 4-6 ore dopo aver assunto questi supplementi.

Il magnesio può anche abbassare la pressione sanguigna di una persona. Le persone che assumono farmaci per l’ ipertensione che assumono integratori di magnesio potrebbero essere a rischio di ipotensione , ovvero quando la pressione del sangue scende pericolosamente bassa.

Un eccessivo accumulo di magnesio nel corpo può portare a gravi effetti collaterali, tra cui:

  • un battito cardiaco irregolare
  • respirazione rallentata
  • coma

Supplementi di magnesio possono anche causare effetti collaterali aggiuntivi in ​​persone con determinate condizioni mediche, come ad esempio:

  • disturbi emorragici
  • diabete
  • problemi renali, compresa l’insufficienza renale
  • condizioni gastrointestinali, come la malattia infiammatoria intestinale (IBD) o un’infezione allo stomaco

Chiunque pensi di prendere integratori di magnesio dovrebbe prima discuterne con un medico. Un medico può consigliare a un individuo se il supplemento è sicuro in base alla sua storia medica.

Le donne incinte dovrebbero anche consultare un medico prima di prendere un integratore di magnesio. Dovrebbero anche evitare di assumere alte dosi di solfato di magnesio per via endovenosa, poiché potrebbero causare assottigliamento osseo nel feto in via di sviluppo.

Porta via

Se preso correttamente, il magnesio potrebbe essere un’opzione di trattamento sicuro per le persone con emicrania. Ha un potenziale minore di effetti collaterali negativi rispetto ad alcuni trattamenti medici tradizionali.

Le persone con una storia di aura possono trovare particolarmente utile l’uso dell’ossido di magnesio.

Chiunque stia prendendo in considerazione l’assunzione di integratori di magnesio dovrebbe prima parlare con un medico, in quanto potrebbe interagire con i farmaci di una persona o peggiorare i sintomi di una condizione esistente.

Gli integratori di magnesio sono disponibili in molte farmacie, negozi di alimenti naturali e online .

Farmajet consiglia per curare il mal di testa da emicrania di assumere due cucchiaini da magnesio puro essenziale la mattina disciolto in un bicchiere d’acqua, attendere il deposito e bere solo il liquido.

Magnesio puro essenziale

MAGNESIO-PURO-ESSENZIALE-300-G.jpg

Annunci

Cosa causa mal di testa con nausea?

Alcuni tipi di mal di testa sono accompagnati da nausea, che è la sensazione di aver bisogno di vomitare. Le emicranie sono la causa più comune di mal di testa e nausea.

Altre cause comuni includono:

  • l’ influenza
  • un raffreddore
  • disidratazione
  • gravidanza
  • allergie alimentari
  • consumo eccessivo di caffeina, nicotina o alcol

In questo articolo, esploriamo le cause comuni di entrambi i mal di testa e la nausea, così come alcuni problemi sottostanti che sono meno comuni e più seri. Discutiamo anche trattamenti e modi per prevenire i sintomi.

Le cause

mal di testa.jpg

Un mal di testa accompagnato da nausea è un sintomo comune di emicrania.

I mal di testa sono molto comuni e la maggior parte delle persone ne sperimenterà una di volta in volta. La nausea a volte accompagna un mal di testa, e un certo numero di problemi di salute può causare questo.

Le emicranie rappresentano la causa più comune di entrambi i sintomi. Secondo una recensione del 2015 , circa 1 persona su 7 in Italia  soffre di emicranie ogni anno.

Un’emicrania si sente come un mal di testa moderato o grave. Il dolore è spesso palpitante e si trova su un lato della testa. Durante l’emicrania, una persona può anche sperimentare:

  • nausea
  • vomito
  • sensibilità alla luce o al suono

Cause comuni

Oltre alle emicranie, le cause comuni di mal di testa e nausea includono:

  • cefalea a grappolo
  • l’influenza, l’influenza dello stomaco o il raffreddore
  • disidratazione
  • uso eccessivo di nicotina, caffeina o alcol
  • stress , depressione o ansia
  • allergie alimentari
  • avvelenamento del cibo
  • mal di gola
  • tonsillite
  • sindrome premestruale
  • gravidanza

Un’altra causa comune di mal di testa e nausea è bassa glicemia, che può derivare da:

  • non mangiare abbastanza
  • uso eccessivo di farmaci per il diabete
  • malattia del fegato o dei reni
  • carenze ormonali
  • bere alcolici in eccesso
  • alcuni farmaci

Altre cause di cefalea e nausea concomitanti sono più gravi e possono richiedere un trattamento medico urgente. Comprendere l’intera gamma di cause è essenziale, in quanto può consentire a una persona di cercare il giusto trattamento nel tempo.

Cause più gravi

Mal di testa e nausea sono sintomi delle seguenti gravi condizioni e lesioni:

  • malattie renali
  • meningite
  • malaria
  • febbre gialla
  • epatite A
  • trauma cranico
  • frattura del cranio
  • aneurisma cerebrale
  • tumore al cervello

Perché le emicranie causano nausea?

emicrania.jpg

Trovarsi in una stanza buia e tranquilla può aiutare a ridurre i sintomi dell’emicrania.

Secondo i risultati di una revisione del 2013 , oltre il 60% delle persone con emicrania ha anche nausea e vomito. Tuttavia, la comunità medica è ancora incerta sul motivo per cui le emicranie possono causare nausea.

Una spiegazione è che le emicranie influenzano le vie nervose che stimolano la parte del cervello che controlla il vomito. Uno studio del 2014 ha rilevato che le persone che soffrono di emicrania con nausea hanno mostrato attività nell’area midollare dorsale rostrale del cervello, che probabilmente controlla la nausea.

Un’altra teoria riguarda la serotonina , una sostanza chimica nel cervello che colpisce:

  • nausea
  • umore
  • comportamento sociale
  • appetito
  • digestione
  • memoria
  • desiderio sessuale

Secondo una revisione del 2012 , le persone con emicrania a volte hanno ridotto i livelli di serotonina, che può anche portare a nausea.

Trattamento

Il trattamento per mal di testa e nausea dipende dalla causa. Se la causa è un’emicrania, il seguente potrebbe aiutare:

  • prendendo farmaci antidolorifici
  • sdraiato in una stanza tranquilla e buia
  • stendere un panno caldo sulla fronte
  • mettendo un impacco freddo sulla parte posteriore del collo
  • provare trattamenti complementari, come l’aromaterapia o l’ agopuntura
  • assumendo farmaci anti-nausea
  • ottenere l’aria fresca
  • attenendosi a cibi insipidi e piccole porzioni

Quando vedere un dottore

mal di testa dottore.jpg

Chiunque abbia mal di testa persistente dovrebbe vedere un medico.

Se una persona ha un forte mal di testa improvviso e nessuna storia di emicranie, dovrebbe parlare con un medico.

Rivolgiti subito a un medico se un mal di testa e una nausea seguono un colpo alla testa.

Inoltre, consultare un medico se il mal di testa dovesse peggiorare nel tempo o accompagnare uno dei seguenti sintomi:

  • perdita di conoscenza
  • visione offuscata
  • una febbre
  • difficoltà a parlare
  • sensazione di vertigini o confusione
  • avendo un torcicollo
  • vomito che si verifica sporadicamente per più di 1 giorno
  • non urinare per più di 8 ore

Prevenzione

Potrebbe non essere sempre possibile prevenire il mal di testa e la nausea. Tuttavia, il seguente potrebbe aiutare:

  • smettere di fumare
  • riducendo l’assunzione di caffeina e alcol
  • riducendo gli effetti dello stress attraverso la consapevolezza, la meditazione o lo yoga
  • bere molta acqua
  • evitando cibi che hanno precedentemente attivato un’emicrania
  • mangiare una dieta sana ed equilibrata
  • praticare una buona igiene per evitare raffreddori, influenza o influenza dello stomaco
  • fare molte pause guardando gli schermi
  • fare abbastanza esercizio

Porta via

Le emicranie sono la causa più comune di mal di testa che si verificano con nausea. Anche la disidratazione e il basso livello di zucchero nel sangue sono spesso responsabili.

Alcune cause sono più serie. Diversi influenzano il cervello, come la meningite, gli aneurismi cerebrali e i tumori. Questi problemi tipicamente presentano sintomi aggiuntivi.

Chiunque sia preoccupato o insicuro sulla causa del mal di testa e della nausea dovrebbe parlare con un medico.

 

FARMAJET consiglia per prevenire il mal di testa e l’emicrania l’assunzione giornaliera della Curcuma pura Biodisponibile con 2 capsule al giorno prima dei pasti si riesce a prevenire l’emicrania ecco il link per approfondimenti CURCUMa Pura Biodisponibile

curcuma pura farmajet.jpg

Può l’ipertensione portare a mal di testa?

L’ipertensione può essere difficile da riconoscere senza l’uso di un misuratore di pressione sanguigna. Molte persone non avvertono i sintomi a meno che la loro pressione sanguigna sia pericolosamente alta.

Quando i sintomi si verificano con l’ ipertensione , possono includere un forte mal di testa . Le persone che sospettano di avere sintomi di ipertensione non dovrebbero ignorarle.

Questo articolo spiega quando l’ipertensione potrebbe causare mal di testa e quali potrebbero essere i sintomi aggiuntivi. Copre anche quando cercare un trattamento medico immediato.

Cosa dice la scienza?

I risultati dello studio forniscono prove contrastanti se l’ipertensione arteriosa causa o meno mal di testa:

Prove a supporto dell’idea

uomo con mal di testa.jpg

I ricercatori non sono ancora sicuri se l’ipertensione provochi mal di testa.

Secondo un articolo sull’Iranian Journal of Neurology , i mal di testa dovuti all’ipertensione arteriosa si verificano tipicamente su entrambi i lati della testa.

Il mal di testa tende a pulsare e spesso peggiora con l’attività fisica.

Secondo gli autori, l’ipertensione può causare mal di testa perché colpisce la barriera emato-encefalica.

L’ipertensione può causare una pressione eccessiva sul cervello, che può causare perdite di sangue dai vasi sanguigni in questo organo.

Ciò causa edema o gonfiore, che è problematico perché il cervello si trova all’interno del cranio e non ha spazio per espandersi.

Il gonfiore apporta ulteriore pressione sul cervello e provoca sintomi che comprendono mal di testa, vertigini, nausea, confusione, debolezza, convulsioni e visione offuscata. Se una persona riceve un trattamento per abbassare la pressione sanguigna , i sintomi di solito migliorano entro un’ora.

Le prove contraddicono l’idea

L’ American Heart Association sostiene che le persone solitamente non avvertono mal di testa quando la loro pressione sanguigna è alta a meno che non superi la lettura di 180/120.

I ricercatori hanno anche osservato se avere mal di testa regolari potrebbe influenzare la salute generale del cuore di una persona.

Uno studio sull’American Journal of Hypertension ha seguito 1.914 persone con ipertensione per 30 anni e ha monitorato i loro mal di testa. I risultati non hanno mostrato alcun legame tra l’insorgenza regolare di mal di testa e la probabilità di mortalità cardiovascolare.

Pertanto, non vi è alcuna indicazione che le persone che hanno mal di testa regolari non legate alla pressione alta avranno problemi cardiaci. I ricercatori suggeriscono che il mal di testa potrebbe segnalare la necessità di un trattamento e rendere le persone più propense a prendere farmaci antipertensivi ove necessario.

Altri sintomi di ipertensione

ipertensione sintomi.jpg

L’ipertensione può causare mal di schiena.

Non tutte le persone con pressione alta avranno sintomi. Di conseguenza, l’alta pressione sanguigna è conosciuta come un killer silenzioso.

Quando la pressione sanguigna aumenta rapidamente e severamente, in genere fino a letture di 180/120 o superiore, questa è nota come crisi ipertensiva.

Se una persona ha la pressione del sangue pericolosamente alta ma nessun altro sintomo, la condizione è chiamata urgenza ipertensiva. Se si verificano sintomi aggiuntivi, si tratta di un’emergenza ipertensiva.

Altri sintomi possono includere:

  • mal di schiena
  • difficoltà a parlare
  • arrossamento del viso
  • epistassi
  • intorpidimento o debolezza
  • grave ansia
  • mancanza di respiro
  • la visione cambia

Trattamenti per mal di testa ipertesi

Se le persone hanno mal di testa a causa della pressione alta, dovrebbero rivolgersi immediatamente al medico. Senza trattamento, c’è il rischio di ulteriori danni agli organi o effetti collaterali indesiderati.

I medici classificano i mal di testa ipertesi con altri sintomi correlati come un’emergenza ipertensiva. Questa condizione spesso richiede il controllo della pressione arteriosa con farmaci per via endovenosa (IV).

Esempi di questi farmaci includono:

  • nicardipina
  • labetalolo
  • nitroglicerina
  • nitroprussiato di sodio

È essenziale che le persone non tentino di abbassare la pressione sanguigna a casa, anche se hanno i farmaci. Ridurre troppo rapidamente la pressione del sangue può influire sul flusso sanguigno al cervello, causando effetti collaterali indesiderati.

Invece, dovrebbero andare in un pronto soccorso dove i medici possono aiutarli ad abbassare la pressione sanguigna in un ambiente sicuro e controllato.

Quando vedere un dottore

dottore e paziente.jpg

Il trattamento dell’ipertensione può prevenire complicazioni.

Senza trattamento, una crisi ipertensiva può causare molti gravi effetti collaterali.

Esempi di questi possono includere:

  • dolore al petto
  • danni agli occhi
  • attacco di cuore
  • danno ai reni
  • eccesso di liquido nei polmoni ( edema polmonare )
  • convulsioni
  • ictus

Pertanto, è fondamentale che una persona non ignori un forte mal di testa e qualsiasi altro sintomo relativo all’ipertensione arteriosa.

Una persona dovrebbe chiamare il 911 per cure mediche di emergenza se hanno questi sintomi. Non dovrebbero aspettare nella speranza che la loro pressione sanguigna si riduca da sola.

Porta via

In un articolo di recensione sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine , il tasso di mortalità per le persone che si recavano in un reparto di terapia coronarica con un’emergenza ipertensiva era del 4,6%.

Un trattamento tempestivo per il mal di testa relativo alla pressione alta è vitale per ridurre i sintomi di una persona e minimizzare il rischio di effetti collaterali.

Sollievo da emicrania: il sistema di predizione può aiutare a prevenire il dolore

Una nuova ricerca presenta la simulazione di un sistema che predice l’insorgenza di un attacco di emicrania con un grado notevolmente elevato di accuratezza. Essere in grado di prevedere un’emicrania può aiutare ad alleviare o addirittura prevenire il dolore del tutto.
emicrania1

I risultati possono cambiare la vita di coloro che vivono con emicranie.

Si dice che le emicranie colpiscano più del 14%delle persone negli Stati Uniti, con 1 su 7 adulti colpiti ogni anno, e che le donne abbiano il doppio delle probabilità di svilupparle rispetto agli uomini.

Mentre le emicranie tendono ad andare via da sole, il dolore è spesso lancinante, e la necessità di rimedi è terribile.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) riferisce che l’emicrania ora è la “sesta causa più alta al mondo di anni persi a causa della disabilità”.

Anche se le droghe aiutano ad alleviare il dolore, il fatto che le persone debbano aspettare fino a quando sentono i primi segni di un’emicrania spesso riduce l’efficacia degli antidolorifici.

Ma ora, un team di ricercatori spagnoli ha simulato un sistema di predizione dell’emicrania che potrebbe presto migliorare la vita delle persone affette da emicrania.

Josué Pagán Ortiz, dell’Universidad Politécnica de Madrid in Spagna, ei suoi colleghi hanno progettato il sistema e lo hanno presentato alla Summer Simulation Conference , tenutasi a Seattle, WA.

Gli scienziati hanno ora effettuato una simulazione utilizzando dati reali dei pazienti, presentando uno scenario reale per la predizione delle emicranie. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Future Generation Computer Systems.

Sapere quando un attacco può colpire può migliorare drasticamente l’efficacia degli antidolorifici, spiegano i ricercatori, aiutando i pazienti a fermare il dolore.

Simulazione di un sistema di predizione dell’emicrania

Ortiz ha parlato con Medical News Today della novità della sua recente ricerca, evidenziando il fatto che mentre il dispositivo non è stato ancora testato, è stato simulato in uno scenario reale.

“Nella nostra ricerca precedente abbiamo sviluppato un prototipo per raccogliere informazioni emodinamiche sui pazienti emicranici in uno scenario ambulatorio”, ha spiegato.

I dati emodinamici si riferiscono alle variabili che “annunciano” l’insorgenza di un attacco di emicrania e includono la temperatura superficiale della pelle, le proprietà elettriche della pelle, la frequenza cardiaca e la saturazione di ossigeno dei capillari.

“Abbiamo creato modelli predittivi personalizzati offline, nei nostri server e computer, e abbiamo voluto testarli in tempo reale al fine di generare allarmi e far sapere ai pazienti, in anticipo, quando il dolore emicranico sta per iniziare.”

“Questo esperimento è un compito lungo e costoso, quindi abbiamo deciso di simularlo prima”, ci ha detto Ortiz, aggiungendo ulteriori dettagli sulla procedura.

“Ciò che abbiamo simulato è il comportamento del nostro attuale prototipo in uno scenario reale”, ha continuato. “Abbiamo simulato le condizioni che soffrono di veri dispositivi di monitoraggio ambulatoriale: scollegamento del sensore, rumore, ecc. E abbiamo studiato come questo può influenzare l’affidabilità della previsione dell’emicrania”.

“[W] e ha mostrato tecniche per mitigare questo effetto e mantenere previsioni accurate”, ha aggiunto Ortiz. “D’altra parte, abbiamo studiato come questo sistema potrebbe avvisare i pazienti: abbiamo visto il comportamento dei modelli predittivi e il modo in cui il dispositivo di monitoraggio simulato genera avvisi”.

Oltre il 75% di accuratezza di previsione

Ortiz ha dichiarato: “La simulazione ha dimostrato che è adatto a portare nel mondo reale tutta la metodologia che abbiamo sviluppato per prevedere l’emicrania e generare allarmi in tempo reale per avvertire i pazienti in anticipo”.

Più specificamente, il “tasso medio di successo della previsione” del sistema è del 76%, e il periodo medio di tempo prima dell’inizio è di 25 minuti – che è abbastanza tempo per intervenire in modo da diminuire il dolore o prevenirlo del tutto.

Ortiz proseguì: “Le previsioni sono fatte nella finestra temporale in cui il farmaco è efficace in base alla farmacocinetica dei farmaci: con questo [sistema], stimiamo [che] saremo in grado di prevedere, e quindi evitare, circa 75 [ percentuale delle] crisi. ”

“Questo ridurrà le visite alle emergenze [stanze]”, ha affermato, aggiungendo, “[I] t consentirà [per] la medicina personalizzata (farmaci [per] la fase acuta del dolore), e migliorerà il loro [ qualità della vita. Ridurrà inoltre considerevolmente la bolletta dei sistemi sanitari nazionali e privati ​​e delle assicurazioni sanitarie a causa dei risparmi economici dei costi diretti e indiretti. ”

I risultati possono “cambiare la vita”

Nel loro studio Ortiz e colleghi illustrano i benefici della loro ricerca, affermando: “La predizione dell’emicrania ridurrà considerevolmente il dolore del paziente e quindi gli effetti dell’emicrania nel corso della propria vita, determinando anche un considerevole risparmio nel tempo. ”

“Ipazienti con emicrania non possono andare al lavoro o fare la loro vita normale (attività sociali, ecc.) Se siamo in grado di dire loro in anticipo quando subiranno il dolore, cambieranno le loro vite”.

Josué Pagán Ortiz

Ortiz ha anche condiviso con MNT alcune delle indicazioni dei ricercatori per la ricerca futura.

“Il prossimo passo naturale sarebbe l’implementazione e il collaudo di un dispositivo reale con pazienti reali: lavorare con pazienti reali per suggerire cambiamenti nel modo in cui trattano la loro malattia è un problema serio da affrontare e richiede un molti consensi legali su cui stiamo lavorando ora. ”

Questi risultati sono il risultato della collaborazione tra l’Università Complutense di Madrid e l’Università Politecnica di Madrid, in collaborazione con il Centro di simulazione computazionale e il gruppo di neurologia dell’Ospedale Universitario della Princesa di Madrid.