Potrebbe il magnesio regolare la pressione sanguigna?

Circa un terzo degli adulti in Italia  ha la pressione alta, solo la metà dei quali ha la pressione sanguigna alta sotto controllo. Una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Hypertension dell’Italian Heart Association , identifica il magnesio come un potenziale rimedio.
cibi con magnesio.jpg

Una dieta sana ricca di verdure a foglia verde, legumi, noci, semi e cereali integrali potrebbe abbassare la pressione sanguigna.

Con l’ ipertensione che colpisce circa 15 milioni di persone in Italia e aumentando il rischio di due delle principali cause di morte per gli italiani – malattie cardiache e ictus – prevenire o controllare la pressione sanguigna è un obiettivo sanitario essenziale.

Identificato come “assassino silenzioso”, poiché spesso non ha segni o sintomi di allarme, l’ipertensione è una condizione comune e spesso pericolosa.

Una meta-analisi, finanziata dall’Iniziativa di ricerca strategica della Scuola di Medicina dell’Indiana University, fornisce dettagli sui risultati positivi che mostrano un’associazione tra un consumo giornaliero di magnesio e una riduzione della pressione sanguigna.

Il magnesio è già riconosciuto come essenziale per oltre 300 reazioni biochimiche nel corpo.

Mentre è in corso una ricerca per sapere se il magnesio ha un effetto significativo sull’ipertensione, è stato ampiamente documentato il mantenimento della normale funzione nervosa e muscolare, il mantenimento di un battito cardiaco costante, il supporto di un sistema immunitario sano e l’assistenza alle ossa per rimanere forti.

La nuova ricerca include dati provenienti da 34 studi clinici, con un totale di 2.028 partecipanti.

I ricercatori hanno scoperto che quei partecipanti che avevano una mediana di 368 mg di magnesio al giorno per una media di 3 mesi registravano una diminuzione della pressione arteriosa sistolica di 2,00 mm Hg e una diminuzione della pressione diastolica di 1,78 mm Hg.

Con la sua relativa sicurezza e basso costo, i supplementi di magnesio potrebbero essere considerati un’opzione per abbassare la pressione sanguigna in pazienti ad alto rischio o pazienti ipertesi .”

Yiqing Song, MD, Sc.D., autore principale, Indiana University, Indianapolis

Song e colleghi hanno anche osservato che i pazienti che avevano assunto 300 mg di magnesio al giorno avevano aumentato i livelli di magnesio nel sangue e ridotto la pressione sanguigna entro un mese.

Elevati livelli di magnesio nel sangue sono stati associati ad un miglioramento del flusso sanguigno, che è stato chiamato come un fattore legato alla pressione sanguigna abbassata.

Un’adeguata assunzione di magnesio può essere raggiunta attraverso una dieta sana

Sebbene l’82 percento dei dosaggi di integratori di magnesio nello studio fossero pari o superiori alla RDA (Recommended Dietary Allowance) americana per gli adulti, l’American Heart Association (AHA) afferma che il magnesio, come supplemento, potrebbe non essere necessario per il desiderato effetto del mantenimento della pressione sanguigna.

Il portavoce dell’AHA Penny Kris-Etherton, Ph.D., Professore di Nutrizione presso l’Università della Pennsylvania, afferma: “Questo studio sottolinea l’importanza di consumare una dieta sana che fornisce la quantità raccomandata di magnesio come strategia per aiutare a controllare il sangue pressione.”

Aggiunge, “È importante sottolineare che questa quantità di magnesio (368 mg / die) può essere ottenuta da una dieta sana che è coerente con le raccomandazioni dietetiche AHA.”

La canzone di Yiqing nota: “Coerentemente con gli studi precedenti, le nostre prove suggeriscono che l’effetto antipertensivo del magnesio potrebbe essere efficace solo tra le persone con carenza o insufficienza di magnesio”.

“Tali prove indicative indicano che il mantenimento dello stato ottimale di magnesio nel corpo umano può aiutare a prevenire o trattare l’ipertensione”, conclude.

I ricercatori hanno inoltre scoperto che l’integrazione di magnesio potrebbe solo diminuire la pressione sanguigna nelle persone che hanno una carenza di magnesio.

I limiti della meta-analisi includono il piccolo numero di partecipanti in ogni studio e tassi di abbandono significativi. Tuttavia, gli studi con tassi di abbandono più bassi hanno espresso una maggiore riduzione della pressione arteriosa.

Il magnesio si trova nelle verdure a foglia verde, legumi, noci, semi, cereali integrali, alcuni cereali per la colazione e altri alimenti fortificati.

Noi di Farmajet consigliamo il Magnesio puro essenziale il migliore integratore di magnesio in vendita nelle farmacie in Italia

magnesio puro nuova confezione

Annunci

Basso contenuto di magnesio collegato alla malattia cardiaca

I bassi livelli di magnesio si sono rivelati il ​​miglior predittore di malattie cardiache, contrariamente alla tradizionale convinzione che il colesterolo o il grasso saturo svolgano il ruolo più importante. 

Il ricercatore Andrea Rosanoff, PhD., Ei suoi colleghi hanno condotto una revisione dettagliata della ricerca sulle malattie cardiovascolari, utilizzando studi risalenti al 1937. L’attuale revisione si basa sul lavoro iniziato da Midred Seelig, MD, che ha studiato il legame tra il magnesio e malattia cardiovascolare per più di 40 anni. 

Ricerche precedenti hanno rivelato che il basso tenore di magnesio è legato a tutti i fattori di rischio cardiovascolare noti come:

  • alta pressione sanguigna
  • accumulo di placca arteriosa
  • calcificazione dei tessuti molli
  • colesterolo
  • indurimento delle arterie

Ciò implica che il vero colpevole delle malattie cardiovascolari è stato bassi livelli di magnesio , mentre storicamente, gli esperti hanno accusato una dieta ricca di grassi saturi e colesterolo alto. 

Il dott. Rosanoff ha detto:

“Nel 1957 il basso tenore di magnesio si dimostrò, con forza, in modo convincente, una causa di aterogenesi e calcificazione dei tessuti molli, ma questa ricerca fu largamente e immediatamente ignorata poiché il colesterolo e la dieta ricca di grassi saturi divennero i responsabili della lotta. questa prima “svolta sbagliata”, una ricerca sempre più sottoposta a peer review ha dimostrato che il basso tenore di magnesio è associato a tutti i noti fattori di rischio cardiovascolare, come il colesterolo e l’ipertensione. “

ipomagnesia
Decenni di assunzione elevata di calcio non sono stati bilanciati con l’aumento dell’assunzione di magnesio e in una popolazione statunitense in cui la maggior parte degli adulti non riceve il fabbisogno giornaliero di magnesio, i rapporti dietetici tra calcio e magnesio sono in aumento. Pertanto gli studi stanno rivelando che gli integratori di calcio che non sono in equilibrio con il magnesio, aumentano il rischio di malattie cardiache. 

Carolyn Dean, MD, ND e membro del comitato consultivo medico dell’associazione no-profit Nutritional Magnesium Association (www.nutritionalmagnesium.org), aggiunge:

“Il colesterolo non è la causa deve essere ovvio, dal momento che le malattie cardiache sono ancora il killer numero uno in America nonostante oltre due decenni di uso di statine.Il fatto che bassi livelli di magnesio sono associati a tutti i fattori di rischio e sintomi del cuore malattia, ipertensione , diabete , colesterolo alto, aritmia cardiaca , angina e infarto non possono più essere ignorati, le prove sono troppo convincenti. “

Magnesio nella nostra dieta quotidiana

L’attuale dieta alimentare elaborata che è comune negli Stati Uniti è costituita da alimenti a basso contenuto di magnesio e altri nutrienti cruciali. Ciò è dovuto a perdite durante la lavorazione ea causa della riduzione dei livelli di magnesio nel grano e nelle verdure. 

I legumi e le noci sono ricchi di magnesio (Mg), tuttavia la dieta alimentare trasformata include raramente questi due alimenti. Cercando di evitare calorie e grassi per prevenire le malattie cardiache, le persone spesso eliminano i dadi dalla loro dieta, anche se contengono grassi sani e una grande fonte di Mg.

Dopo alcune generazioni di questa dieta a basso contenuto di Mg, le giovani madri con deficienza di Mg hanno anche figli che iniziano con un basso Mg – una condizione che non viene spesso discussa dalla comunità medica. Inoltre, lo stile di vita stressante che si verifica negli Stati Uniti può anche aumentare la necessità di Mg. 

Come la moderna dieta alimentare e lo stressante stile di vita si diffondono in tutto il mondo, una crescente popolazione umana sperimenterà bassi livelli di Mg e livelli crescenti di malattie cardiovascolari, secondo gli autori. 

Dr. Mehmet Oz, conduttore del premio Emmy Award del talk show sindacato nazionale The Dr Oz Show e vicepresidente e professore di chirurgia presso la Columbia University afferma:

magnesio puro nuova confezione
il migliore integratore di magnesio in commercio nelle farmacie italiane e’ il magnesio puro essenziale.

“Il magnesio è essenziale per aiutare a regolare il metabolismo e aiuta a ridurre la pressione sanguigna e a dilatare le arterie. Tre su quattro di voi guardando [The Dr Oz Show] proprio in questo grande paese non ricevono la quantità di magnesio di cui avete bisogno Sei carente di magnesio. “

Cosa sapere sulla carenza di magnesio

Un medico di solito prende in considerazione una diagnosi di ipomagnesiemia in cui vi sono meno di 1,8 milligrammi di magnesio per decilitro di sangue. Le carenze non sempre causano problemi, ma alcuni dei primi sintomi includono contrazioni muscolari, intorpidimento e formicolio.

Se non trattata, l’ipomagnesiemia può causare problemi di salute cronici e ridurre i livelli di calcio e potassio nel corpo .

In questo articolo, osserviamo da vicino quali fattori possono causare bassi livelli di magnesio . Esploriamo anche gli effetti sul corpo e sui metodi di trattamento.

Cos’è l’ipomagnesiemia?

ipomagnesia.jpg

L’ipomagnesiemia è quando una persona ha bassi livelli di magnesio.

Il magnesio è un minerale ed elettrolita che ha un certo numero di ruoli vitali nel corpo. Poiché il corpo non può produrlo, il magnesio deve essere consumato come parte della dieta di una persona.

Secondo il National Institutes of Health , circa il 50-60 percento del magnesio del corpo viene immagazzinato nelle ossa e meno dell’1 percento si trova nel sangue.

Rilevare una mancanza può essere difficile, in quanto non fa parte del normale lavoro di sangue.

I risultati di uno studio del 2012 suggeriscono che circa il 48% degli italiani non riceve abbastanza magnesio nelle loro diete. Tuttavia, è relativamente raro che l’assunzione di magnesio basso causi sintomi nelle persone sane.

Il magnesio svolge un ruolo in oltre 300 reazioni enzimatiche del corpo. Contribuisce in modo significativo a:

  • salute di muscoli e nervi
  • regolazione della pressione sanguigna
  • produzione di energia nelle cellule del corpo
  • sintesi di DNA e RNA

Sintomi

Le persone con lieve ipomagnesiemia possono non avere sintomi, ma queste possono includere:

  • spasmi, in particolare nei muscoli facciali
  • debolezza e esaurimento
  • nausea e vomito
  • cambiamenti di personalità
  • tremori
  • riflessi molto pronunciati
  • stipsi

Una carenza di magnesio più grave può causare:

  • contrazioni muscolari
  • convulsioni
  • cambiamenti nel ritmo del cuore

In rari casi , il cambiamento nel ritmo può essere pericoloso per la vita.

Le cause

donna gravidanza.jpg

Più magnesio è necessario durante la gravidanza o l’allattamento.

L’ipomagnesemia può verificarsi quando una persona non assorbe abbastanza magnesio dalla propria dieta. Oppure, possono rilasciare troppo magnesio dai reni o attraverso il tratto gastrointestinale.

La malnutrizione , probabilmente causata da anoressia , bulimia o vomito frequente può provocare una carenza di magnesio. Tuttavia, è improbabile che la malnutrizione sia responsabile dei bassi livelli del minerale in persone altrimenti sane.

Altre cause di una carenza di magnesio includono:

  • L’alcolismo . L’eccessivo consumo di alcol può portare a squilibri di elettroliti o sostanze nutritive e può causare all’organismo di rilasciare più magnesio del solito.
  • Allattamento e gravidanza . Questi fattori aumentano la necessità di magnesio.
  • La diarrea . La diarrea cronica può portare a uno squilibrio degli elettroliti. Le persone con condizioni correlate come il morbo di Crohn sono più vulnerabili all’ipomagnesemia.
  • Età . Man mano che una persona invecchia, diventa più difficile assorbire il magnesio.
  • Diabete . Alti livelli di glucosio nei reni possono causare all’organismo il rilascio di più magnesio. Le persone con diabete di tipo 2 o resistenza all’insulina possono sviluppare carenze di magnesio. La chetoacidosi diabetica è una complicanza potenzialmente letale del diabete e può ridurre i livelli di magnesio.
  • Insufficienza d’organo . L’insufficienza d’organo, in particolare dei reni, può causare l’espulsione del corpo in eccesso di magnesio.

Le persone con determinati farmaci possono anche perdere grandi quantità di magnesio. Questi farmaci comprendono:

  • alcuni farmaci antifungini
  • diuretici
  • inibitori della pompa protonica
  • il farmaco chemioterapico cisplatino

Gli individui che ricevono ormone vasopressina o alcuni ormoni tiroidei possono essere colpiti in modo simile.

Trattamento

Quando una carenza di magnesio provoca sintomi, un medico di solito prescrive integratori.

I seguenti alimenti sono anche ricchi di questo elettrolita:

  • mandorle, arachidi e anacardi
  • altri legumi e noci
  • avocado
  • riso integrale
  • fiocchi d’avena

Quando le carenze sono gravi, o i metodi di cui sopra sono esclusi, un medico può raccomandare i sali di magnesio per via orale. Il magnesio può anche essere iniettato in un muscolo o in una vena. Il monitoraggio continuo può determinare se il trattamento funziona.

Una carenza di magnesio è legata ad altre carenze di minerali e un medico può trattarli contemporaneamente. Ad esempio, è comune ricevere calcio e magnesio insieme.

È anche importante trattare qualsiasi condizione sottostante, come il diabete, che potrebbe essere responsabile del basso contenuto di magnesio. Una carenza di magnesio può indicare che il trattamento attuale non funziona. Un piano di trattamento migliorato può includere cambiamenti nello stile di vita o nuovi farmaci.

Collegamenti con ipocalcemia e ipopotassiemia

Una persona con livelli molto bassi di magnesio può anche presentare una deficienza di calcio, chiamata ipocalcemia, e una carenza di potassio, chiamata ipopotassiemia.

Il magnesio aiuta a trasportare gli ioni di calcio e di potassio dentro e fuori le cellule. Può anche contribuire all’assorbimento di questi importanti minerali.

Trattare solo una carenza di magnesio può peggiorare il deficit di calcio perché il magnesio si lega al calcio. I medici che sospettano l’ipomagnesiemia testano spesso altre carenze contemporaneamente.

Diagnosi

prelievo di sangue.jpg

I risultati di un esame del sangue possono aiutare a diagnosticare l’ipomagnesiemia.

Un medico può sospettare che i livelli di magnesio siano bassi sulla base dei sintomi o perché una persona ha una condizione comunemente associata a una carenza di magnesio.

Un esame del sangue può confermare la diagnosi ed è importante che un medico controlli anche i livelli di calcio e potassio.

Tuttavia, poiché la maggior parte del magnesio si trova nelle ossa o nei tessuti, una persona può ancora avere una carenza, anche quando i livelli nel sangue sono normali. Una persona con una carenza di calcio o di potassio può ancora aver bisogno di un trattamento per l’ipomagnesiemia.

prospettiva

La maggior parte delle persone con bassi livelli di magnesio non è in grado di assorbire le giuste quantità. Altri potrebbero vedere un miglioramento aggiungendo alimenti ricchi di magnesio alla dieta.

Gli alimenti che contengono grandi quantità di magnesio e calcio, come latte e formaggio, possono fornire maggiori benefici.

Molte persone con una carenza di magnesio non lo sapranno mai. Quando i sintomi si sviluppano, è necessario un trattamento immediato. La mancanza è facilmente reversibile e una persona può essere sorpresa dalla velocità con cui i suoi sintomi migliorano.

È importante, tuttavia, non autodiagnosticare una carenza di magnesio e iniziare la supplementazione senza consultare un medico. Troppo di qualsiasi sostanza nutritiva, incluso il magnesio, può essere dannoso e può causare uno squilibrio in altri minerali.

Parla con un medico di qualsiasi sintomo di ipomagnesiemia.

Per integrare il magnesio Farmajet consiglia Magnesio puro essenziale il migliore integratore di magnesio in vendita nelle farmacie in Italia. Piu’ di 300.000 pezzi venduti nel 2018. E consigliato da Amazon come uno dei miliori integratori venduti.

magnesio puro nuova confezione

Il Magnesio puro Essenziale allevia le emicranie?

Le emicranie possono essere difficili da trattare con gli antidolorifici tradizionali, quindi molte persone cercano modi alternativi per prevenirli. Un potenziale rimedio è il magnesio.

Il magnesio è un minerale naturale che aiuta a mantenere stabile la pressione sanguigna , favorisce la salute del cuore, regola la funzione nervosa e muscolare e costruisce ossa, DNA e proteine. Una mancanza di magnesio può anche contribuire a mal di testa ed emicranie .

Alcune persone usano il magnesio per trattare e prevenire i sintomi dell’emicrania, tra cui un forte mal di testa, disturbi visivi, sensibilità alla luce e al suono, nausea e vomito.

Il magnesio aiuta a sbarazzarsi delle emicranie?

magnesio integratore.jpg

Gli studi suggeriscono che il magnesio può aiutare a prevenire il mal di testa.

Alcune ricerche hanno indicato che l’assunzione di un integratore di magnesio potrebbe essere un modo efficace per prevenire il mal di testa. Altri studi hanno anche suggerito che i livelli di magnesio nel cervello di una persona possono essere bassi durante l’emicrania.

L’American Migraine Foundation suggerisce di assumere un supplemento di ossido di magnesio per 400-500 milligrammi (mg) al giorno per prevenire l’emicrania.

Alcuni ricercatori pensano che l’efficacia del magnesio come prevenzione contro l’emicrania aumenta quando una persona assume dosi più elevate – oltre 600 (mg) – per almeno 3 o 4 mesi.

Tuttavia, assumere alte dosi di magnesio come integratore può causare effetti avversi in alcune persone.

L’assunzione di magnesio può essere più efficace per le persone le cui emicranie includono aura o disturbi visivi.

Come usare il magnesio per l’emicrania

Le persone con emicrania possono assumere l’ossido di magnesio sotto forma di una pillola per integrare l’assunzione di magnesio.

In alternativa, un medico può somministrare per via endovenosa 1-2 grammi (g) di solfato di magnesio se una persona ha problemi ad assorbirlo.

Altre forme di magnesio includono:

  • carbonato di magnesio
  • cloruro di magnesio
  • citrato di magnesio

Il corpo assorbe questi diversi tipi di magnesio a velocità diverse. Il corpo ha difficoltà ad assorbire il magnesio a meno che non sia legato a qualcos’altro, quindi gli integratori di magnesio spesso contengono altre sostanze, come gli amminoacidi, che forniscono anche benefici per la salute.

Alcune persone preferiscono aumentare il loro apporto di magnesio attraverso la loro dieta.

Gli alimenti che contengono magnesio includono:

  • noci e cereali
  • fagioli neri e lenticchie
  • cereali
  • spezie
  • cacao
  • tè e caffè
  • verdure a foglia verde
  • avocado
  • semi, come semi di zucca o di zucca
  • mandorle
  • sgombro, tonno e Pollock
  • yogurt magro o kefir
  • banane
  • fichi
  • cioccolato fondente

L’ assunzione giornaliera media raccomandata di magnesio è di 310-320 mg per le donne e di 400-420 mg per gli uomini.

Effetti collaterali e rischi

crampi allo stomaco.jpg

Supplementi di magnesio possono causare crampi e vomito.

Il magnesio si trova naturalmente in molti alimenti. Aumentare i livelli di magnesio mangiando più di questi alimenti non sembra avere alcun rischio associato.

Tuttavia, l’assunzione di troppi supplementi di magnesio può causare alcuni effetti avversi, tra cui diarrea , crampi e vomito.

Se una persona sperimenta la diarrea a causa di un supplemento di magnesio, dovrebbe smettere di prenderlo. È anche essenziale per una persona con diarrea rimanere idratata.

Le persone dovrebbero anche evitare di assumere integratori di magnesio insieme a un tipo di antibiotici noti come aminoglicosidi. L’assunzione di queste sostanze insieme può causare debolezza muscolare e altri problemi.

Il magnesio può anche interferire con il modo in cui una persona assorbe gli antibiotici. Pertanto, una persona dovrebbe assumere gli antibiotici necessari almeno 2 ore prima o 4-6 ore dopo aver assunto questi supplementi.

Il magnesio può anche abbassare la pressione sanguigna di una persona. Le persone che assumono farmaci per l’ ipertensione che assumono integratori di magnesio potrebbero essere a rischio di ipotensione , ovvero quando la pressione del sangue scende pericolosamente bassa.

Un eccessivo accumulo di magnesio nel corpo può portare a gravi effetti collaterali, tra cui:

  • un battito cardiaco irregolare
  • respirazione rallentata
  • coma

Supplementi di magnesio possono anche causare effetti collaterali aggiuntivi in ​​persone con determinate condizioni mediche, come ad esempio:

  • disturbi emorragici
  • diabete
  • problemi renali, compresa l’insufficienza renale
  • condizioni gastrointestinali, come la malattia infiammatoria intestinale (IBD) o un’infezione allo stomaco

Chiunque pensi di prendere integratori di magnesio dovrebbe prima discuterne con un medico. Un medico può consigliare a un individuo se il supplemento è sicuro in base alla sua storia medica.

Le donne incinte dovrebbero anche consultare un medico prima di prendere un integratore di magnesio. Dovrebbero anche evitare di assumere alte dosi di solfato di magnesio per via endovenosa, poiché potrebbero causare assottigliamento osseo nel feto in via di sviluppo.

Porta via

Se preso correttamente, il magnesio potrebbe essere un’opzione di trattamento sicuro per le persone con emicrania. Ha un potenziale minore di effetti collaterali negativi rispetto ad alcuni trattamenti medici tradizionali.

Le persone con una storia di aura possono trovare particolarmente utile l’uso dell’ossido di magnesio.

Chiunque stia prendendo in considerazione l’assunzione di integratori di magnesio dovrebbe prima parlare con un medico, in quanto potrebbe interagire con i farmaci di una persona o peggiorare i sintomi di una condizione esistente.

Gli integratori di magnesio sono disponibili in molte farmacie, negozi di alimenti naturali e online .

Farmajet consiglia per curare il mal di testa da emicrania di assumere due cucchiaini da magnesio puro essenziale la mattina disciolto in un bicchiere d’acqua, attendere il deposito e bere solo il liquido.

Magnesio puro essenziale

MAGNESIO-PURO-ESSENZIALE-300-G.jpg

Cosa sapere sulla carenza di magnesio

Un medico di solito prende in considerazione una diagnosi di ipomagnesiemia in cui vi sono meno di 1,8 milligrammi di magnesio per decilitro di sangue. Le carenze non sempre causano problemi, ma alcuni dei primi sintomi includono contrazioni muscolari, intorpidimento e formicolio.

Se non trattata, l’ipomagnesiemia può causare problemi di salute cronici e ridurre i livelli di calcio e potassio nel corpo .

In questo articolo, osserviamo da vicino quali fattori possono causare bassi livelli di magnesio . Esploriamo anche gli effetti sul corpo e sui metodi di trattamento.

Cos’è l’ipomagnesiemia?

magnesio farmajet 3

L’ipomagnesiemia è quando una persona ha bassi livelli di magnesio.

Il magnesio è un minerale ed elettrolita che ha un certo numero di ruoli vitali nel corpo. Poiché il corpo non può produrlo, il magnesio deve essere consumato come parte della dieta di una persona.

Secondo il National Institutes of Health , circa il 50-60 percento del magnesio del corpo viene immagazzinato nelle ossa e meno dell’1 percento si trova nel sangue.

Rilevare una mancanza può essere difficile, in quanto non fa parte del normale lavoro di sangue.

I risultati di uno studio del 2012 suggeriscono che circa il 48% degli americani non riceve abbastanza magnesio nelle loro diete. Tuttavia, è relativamente raro che l’assunzione di magnesio basso causi sintomi nelle persone sane.

Il magnesio svolge un ruolo in oltre 300 reazioni enzimatiche del corpo. Contribuisce in modo significativo a:

  • salute di muscoli e nervi
  • regolazione della pressione sanguigna
  • produzione di energia nelle cellule del corpo
  • sintesi di DNA e RNA

Sintomi

Le persone con lieve ipomagnesiemia possono non avere sintomi, ma queste possono includere:

  • spasmi, in particolare nei muscoli facciali
  • debolezza e esaurimento
  • nausea e vomito
  • cambiamenti di personalità
  • tremori
  • riflessi molto pronunciati
  • stipsi

Una carenza di magnesio più grave può causare:

  • contrazioni muscolari
  • convulsioni
  • cambiamenti nel ritmo del cuore

In rari casi , il cambiamento nel ritmo può essere pericoloso per la vita.

Le cause

donna incinta farmajet

Più magnesio è necessario durante la gravidanza o l’allattamento.

L’ipomagnesemia può verificarsi quando una persona non assorbe abbastanza magnesio dalla propria dieta. Oppure, possono rilasciare troppo magnesio dai reni o attraverso il tratto gastrointestinale.

La malnutrizione , probabilmente causata da anoressia , bulimia o vomito frequente può provocare una carenza di magnesio. Tuttavia, è improbabile che la malnutrizione sia responsabile dei bassi livelli del minerale in persone altrimenti sane.

Altre cause di una carenza di magnesio includono:

  • L’alcolismo . L’eccessivo consumo di alcol può portare a squilibri di elettroliti o sostanze nutritive e può causare all’organismo di rilasciare più magnesio del solito.
  • Allattamento e gravidanza . Questi fattori aumentano la necessità di magnesio.
  • La diarrea . La diarrea cronica può portare a uno squilibrio degli elettroliti. Le persone con condizioni correlate come il morbo di Crohn sono più vulnerabili all’ipomagnesemia.
  • Età . Man mano che una persona invecchia, diventa più difficile assorbire il magnesio.
  • Diabete . Alti livelli di glucosio nei reni possono causare all’organismo il rilascio di più magnesio. Le persone con diabete di tipo 2 o resistenza all’insulina possono sviluppare carenze di magnesio. La chetoacidosi diabetica è una complicanza potenzialmente letale del diabete e può ridurre i livelli di magnesio.
  • Insufficienza d’organo . L’insufficienza d’organo, in particolare dei reni, può causare l’espulsione del corpo in eccesso di magnesio.

Le persone con determinati farmaci possono anche perdere grandi quantità di magnesio. Questi farmaci comprendono:

  • alcuni farmaci antifungini
  • diuretici
  • inibitori della pompa protonica
  • il farmaco chemioterapico cisplatino

Gli individui che ricevono ormone vasopressina o alcuni ormoni tiroidei possono essere colpiti in modo simile.

Trattamento

Quando una carenza di magnesio provoca sintomi, un medico di solito prescrive integratori.

I seguenti alimenti sono anche ricchi di questo elettrolita:

  • mandorle, arachidi e anacardi
  • altri legumi e noci
  • avocado
  • riso integrale
  • fiocchi d’avena

Quando le carenze sono gravi, o i metodi di cui sopra sono esclusi, un medico può raccomandare i sali di magnesio per via orale. Il magnesio può anche essere iniettato in un muscolo o in una vena. Il monitoraggio continuo può determinare se il trattamento funziona.

Una carenza di magnesio è legata ad altre carenze di minerali e un medico può trattarli contemporaneamente. Ad esempio, è comune ricevere calcio e magnesio insieme.

È anche importante trattare qualsiasi condizione sottostante, come il diabete, che potrebbe essere responsabile del basso contenuto di magnesio. Una carenza di magnesio può indicare che il trattamento attuale non funziona. Un piano di trattamento migliorato può includere cambiamenti nello stile di vita o nuovi farmaci.

Collegamenti con ipocalcemia e ipopotassiemia

Una persona con livelli molto bassi di magnesio può anche presentare una deficienza di calcio, chiamata ipocalcemia, e una carenza di potassio, chiamata ipopotassiemia.

Il magnesio aiuta a trasportare gli ioni di calcio e di potassio dentro e fuori le cellule. Può anche contribuire all’assorbimento di questi importanti minerali.

Trattare solo una carenza di magnesio può peggiorare il deficit di calcio perché il magnesio si lega al calcio. I medici che sospettano l’ipomagnesiemia testano spesso altre carenze contemporaneamente.

Diagnosi

analisi del sangue farmajet

I risultati di un esame del sangue possono aiutare a diagnosticare l’ipomagnesiemia.

Un medico può sospettare che i livelli di magnesio siano bassi sulla base dei sintomi o perché una persona ha una condizione comunemente associata a una carenza di magnesio.

Un esame del sangue può confermare la diagnosi ed è importante che un medico controlli anche i livelli di calcio e potassio.

Tuttavia, poiché la maggior parte del magnesio si trova nelle ossa o nei tessuti, una persona può ancora avere una carenza, anche quando i livelli nel sangue sono normali. Una persona con una carenza di calcio o di potassio può ancora aver bisogno di un trattamento per l’ipomagnesiemia.

prospettiva

La maggior parte delle persone con bassi livelli di magnesio non è in grado di assorbire le giuste quantità. Altri potrebbero vedere un miglioramento aggiungendo alimenti ricchi di magnesio alla dieta.

Gli alimenti che contengono grandi quantità di magnesio e calcio, come latte e formaggio, possono fornire maggiori benefici.

Molte persone con una carenza di magnesio non lo sapranno mai. Quando i sintomi si sviluppano, è necessario un trattamento immediato. La mancanza è facilmente reversibile e una persona può essere sorpresa dalla velocità con cui i suoi sintomi migliorano.

È importante, tuttavia, non autodiagnosticare una carenza di magnesio e iniziare la supplementazione senza consultare un medico. Troppo di qualsiasi sostanza nutritiva, incluso il magnesio, può essere dannoso e può causare uno squilibrio in altri minerali.

Parla con un medico di qualsiasi sintomo di ipomagnesiemia.

Farmajet consiglia  mAGNESIO PURO ESSENZIALE 

Perché abbiamo bisogno di magnesio? Farmajet news

  1. Benefici
  2. carenza
  3. Assunzione consigliata
  4. fonti
  5. rischi
Il magnesio svolge un ruolo in oltre 300 reazioni enzimatiche all’interno del corpo, tra cui il metabolismo del cibo, la sintesi di acidi grassi e proteine ​​e la trasmissione di impulsi nervosi.

Il corpo umano contiene circa 25 grammi (g) di magnesio, il 50-60% dei quali è immagazzinato nel sistema scheletrico. Il resto è presente nei muscoli, nei tessuti molli e nei fluidi corporei.

Questa funzionalità del Knowledge Center di MNT fa parte di una raccolta di articoli sui benefici per la salute di vitamine e minerali chiave .

Considera l’assunzione raccomandata di magnesio, i suoi effetti sulla salute, le fonti alimentari e i possibili rischi per la salute.

Fatti veloci su magnesioEcco alcuni punti chiave sul magnesio. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • Il magnesio è vitale per il corretto funzionamento di centinaia di enzimi.
  • Il consumo di magnesio adeguato potrebbe aiutare a ridurre i sintomi premestruali.
  • I semi di girasole, le mandorle e i gamberetti sono alcuni dei cibi ricchi di magnesio.
  • Gli integratori di magnesio possono interagire con diversi farmaci, quindi è meglio consultare un medico prima di assumerli.

Benefici

magnesio farmajet

Gli spinaci sono una buona fonte di magnesio.

Il magnesio è uno dei sette macrominerali essenziali.

Questi sono minerali che devono essere consumati in quantità relativamente grandi, almeno 100 milligrammi (mg) al giorno.

Un apporto adeguato può aiutare a prevenire problemi alle ossa, al sistema cardiovascolare, al diabete e ad altre funzioni.

I seguenti benefici per la salute sono stati associati al magnesio.

1. Salute delle ossa

Il magnesio è importante per la formazione dell’osso. Aiuta ad assimilare il calcio nelle ossa e svolge un ruolo nell’attivazione della vitamina D nei reni. La vitamina D è anche essenziale per le ossa sane.

L’assunzione ottimale di magnesio è associata a una maggiore densità ossea, a una migliore formazione dei cristalli ossei ea un minor rischio di osteoporosi nelle donne dopo la menopausa .

2. Assorbimento del calcio

Il calcio e il magnesio sono importanti per il mantenimento della salute delle ossa e la prevenzione dell’osteoporosi.

Senza il magnesio, un’elevata assunzione di calcio può aumentare il rischio di calcificazione delle arterie e di malattie cardiovascolari, così come i calcoli renali .

Chiunque stia assumendo integratori di calcio deve assumere anche magnesio per assicurarsi che il suo apporto di calcio sia correttamente metabolizzato.

3. Diabete

Il magnesio svolge un ruolo importante nel metabolismo dei carboidrati e del glucosio, quindi lo stato di magnesio può anche avere un impatto sul rischio di diabete.

Diversi studi hanno associato una maggiore assunzione di magnesio con un minor rischio di diabete.

Per ogni aumento di 100 mg al giorno dell’assunzione di magnesio, fino a un certo punto, il rischio di sviluppare diabete di tipo 2 diminuisce di circa il 15%. Bassi livelli di magnesio erano collegati a una ridotta secrezione di insulina e a una minore sensibilità all’insulina.

Nella maggior parte di questi studi, l’assunzione di magnesio proveniva da fonti alimentari. Tuttavia, altri studi hanno mostrato un miglioramento della sensibilità all’insulina con un apporto di integratori di magnesio compreso tra 300 e 365 mg al giorno.

Secondo il National Institutes of Health (NIH), l’American Diabetes Association nota che sono necessarie ulteriori prove prima che il magnesio possa essere utilizzato abitualmente per il controllo glicemico nei pazienti con diabete.

4. Salute del cuore

Il magnesio è necessario per mantenere la salute dei muscoli, compreso il cuore, e per la trasmissione dei segnali elettrici nel corpo.

Un’adeguata assunzione di magnesio è stata associata ad un minor rischio di:

  • aterosclerosi , un accumulo di grasso sulle pareti delle arterie
  • ipertensione o ipertensione arteriosa

Nel Framingham Heart Study, le persone con il più alto apporto di magnesio avevano una probabilità inferiore del 58% di calcificazione delle arterie coronariche e una probabilità inferiore del 34% di calcificazione delle arterie addominali.

I pazienti che ricevono il magnesio subito dopo un attacco di cuore hanno un minor rischio di mortalità. Il magnesio è talvolta usato come parte del trattamento per insufficienza cardiaca congestizia (CHF), per ridurre il rischio di aritmia o ritmo cardiaco anormale.

Un apporto giornaliero di 365 mg di magnesio al giorno ha dimostrato di migliorare i profili lipidici.

Il NIH cita scoperte “in modo significativo” che associa più elevati livelli di magnesio nel sangue con un minor rischio di malattie cardiovascolari e di ischemica cardiopatie derivante da un afflusso di sangue al cuore basso. Notano anche che livelli più elevati di magnesio possono ridurre il rischio di ictus .

Tuttavia, sottolineano che l’assunzione di integratori di magnesio abbassa la pressione sanguigna “solo in piccola parte”.

Il NIH richiede un’indagine ampia e ben progettata per capire in che modo il magnesio derivante dalla dieta o dagli integratori potrebbe aiutare a proteggere il cuore.

5. Emicrania

Piccoli studi hanno suggerito che la terapia con magnesio può aiutare a prevenire o alleviare il mal di testa , ma la quantità che potrebbe essere necessaria per fare la differenza è alta. Dovrebbe essere amministrato solo da un professionista della salute.

6. Sindrome premestruale

Garantire un’adeguata assunzione di magnesio, in particolare combinato con vitamina B6, può aiutare ad alleviare i sintomi della sindrome premestruale (PMS), come gonfiore, insonnia , gonfiore alle gambe, aumento di peso e tenerezza del seno.

7. Alleviare l’ansia

Riduzioni dei livelli di magnesio o cambiamenti nel modo in cui vengono elaborati sono stati collegati a un aumento dei livelli di ansia .

Questo sembra correlare l’attività nell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), un insieme di tre ghiandole che controllano la reazione di una persona allo stress .

La ricerca ha dimostrato che una dieta a basso contenuto di magnesio può alterare i tipi di batteri presenti nell’intestino e questo può influire sul comportamento basato sull’ansia.

carenza

La carenza di magnesio è rara, ma può colpire le persone anziane. Essa può derivare dal consumo di alcol in eccesso, alcune condizioni di salute, come ad esempio un disturbo gastrointestinale, e l’uso di alcuni farmaci.

I sintomi includono:

  • perdita di appetito
  • nausea e vomito
  • affaticamento e debolezza

I sintomi più avanzati includono:

  • intorpidimento e formicolio
  • crampi muscolari
  • convulsioni
  • cambiamenti di personalità
  • cambiamenti e spasmi del ritmo cardiaco

La carenza è legata all’insulino-resistenza , alla sindrome metabolica, alla malattia coronarica e all’osteoporosi. Può portare a bassi livelli di calcio o bassi livelli di potassio nel sangue.

Assunzione consigliata

La dose giornaliera raccomandata (RDA) per il magnesio dipende dall’età e dal sesso.

Il NIH consiglia la seguente assunzione di magnesio:

  • Da 1 a 3 anni: 80 mg al giorno
  • Da 4 a 8 anni: 130 mg al giorno
  • da 9 a 13 anni: 240 mg al giorno

Da 14 anni, i requisiti sono diversi per uomini e donne.

  • Maschi di età compresa tra 14 e 18 anni: 410 mg al giorno
  • Maschi di età pari o superiore a 19 anni: da 400 a 420 mg al giorno
  • Femmine di età compresa tra 14 e 18 anni: 360 mg al giorno
  • Femmine di 19 anni e oltre: da 310 a 320 mg al giorno
  • Durante la gravidanza: da 350 a 400 mg al giorno
  • Durante l’allattamento: da 310 a 360 mg al giorno

Quanto bene assorbiamo il magnesio?

La “biodisponibilità” di un nutriente è il grado in cui viene assorbito e trattenuto nel corpo per l’uso.

Il magnesio ha una biodisponibilità di medio livello. È principalmente assorbito nell’intestino tenue.

L’efficacia dell’assorbimento dipende da:

  • la quantità di magnesio nella dieta
  • la salute del tratto gastrointestinale
  • lo stato generale di magnesio di una persona
  • la dieta nel suo complesso

fonti

Le migliori fonti di magnesio sono noci e semi, verdure verde scuro, cereali integrali e legumi. Il magnesio è anche aggiunto ad alcuni cereali da colazione e altri alimenti fortificati.

Ecco alcune buone fonti di magnesio:

  • Semi di girasole, torrefatto a secco, 1 tazza: 512 mg
  • Mandorle arrostite a secco 1 tazza: 420 mg
  • Semi di sesamo, interi torrefatti, 1 oncia: 101 mg
  • Spinaci, bolliti, 1 tazza: 78 mg
  • Anacardi, tostati a secco, 1 oncia: 74 mg
  • Cereali tritati, due grossi biscotti: 61 mg
  • Latte di soia, normale, 1 tazza: 61 mg
  • Fagioli neri, cotti, 1 tazza: 120 mg
  • Farina d’avena, cotta, 1 tazza: 58 mg
  • Broccoli, cotti, 1 tazza: 51 mg
  • Edamame , sgusciato, cotto, 1 tazza: 100 mg
  • Burro di arachidi, liscio, 2 cucchiai da tavola: 49 mg
  • Gamberetti, crudi, 4 once: 48 mg
  • Piselli con occhio nero, cotto, 1 tazza: 92 mg
  • Riso integrale, cotto, 1 tazza: 84 mg
  • Fagioli, in scatola, 1 tazza: 70 mg
  • Latte di mucca, intero, 1 tazza: 33 mg
  • Banana , un mezzo: 33 mg
  • Pane, grano integrale, una fetta: 23 mg

Il magnesio si perde man mano che il grano viene raffinato, quindi è meglio scegliere cereali e prodotti a base di pane con cereali integrali. I frutti più comuni, carne e pesce, sono a basso contenuto di magnesio.

rischi

Un sovradosaggio di magnesio attraverso le fonti alimentari è improbabile, perché ogni eccesso di magnesio che viene consumato nel cibo sarà eliminato nelle urine.

Tuttavia, un’elevata assunzione di magnesio da integratori può portare a problemi gastrointestinali, come diarrea , nausea e crampi.

Dosi molto elevate possono causare problemi ai reni, bassa pressione sanguigna , ritenzione di urina, nausea e vomito, depressione e letargia, perdita del controllo del sistema nervoso centrale(SNC), arresto cardiaco ed eventualmente morte.

Chiunque soffra di un disturbo renale non deve assumere integratori di magnesio, a meno che il medico non lo consigli.

La supplementazione di magnesio può anche dare origine ad alcune interazioni farmacologiche.

I farmaci che possono interagire con il magnesio includono :

  • Dabrafenib
  • digossina
  • eltrombopag
  • elvitegravir
  • gefitinib
  • ketoconazolo
  • Ledipasvir
  • levomethadyl
  • Liquirizia
  • Micofenolato Mofetile
  • Acido micofenolico
  • pazopanib
  • fenitoina
  • Chinino
  • raltegravir
  • rilpivirina
  • vismodegib

Devo prendere integratori?

Sono disponibili integratori di magnesio, ma è meglio ottenere qualsiasi vitamina o minerale attraverso il cibo, perché i nutrienti funzionano meglio se combinati con altri nutrienti.

Molte vitamine, minerali e fitonutrienti lavorano sinergicamente. Ciò significa che prenderli insieme porta più benefici per la salute che non consumarli separatamente.

È meglio concentrarsi su una dieta sana ed equilibrata per soddisfare i fabbisogni giornalieri di magnesio e utilizzare gli integratori come supporto, ma sotto controllo medico.

FARMAJET CONSIGLIA MAGNESIO PURO ESSENZIALE 

MAGNESIO-PURO-ESSENZIALE-300-G