Eruzione del pannolino per adulti: ciò che devi sapere

 

L’eruzione da pannolino adulta si verifica spesso in seguito all’utilizzo di pannolini per adulti, slip per incontinenza o cuscinetti. L’esantema da pannolino inizia come piccole chiazze rosa di pelle irritata e progredisce fino a macchie più grandi di protuberanze rosse, sollevate e dolorose con un’eruzione cutanea circostante.

L’eruzione da pannolino può essere scomoda e dolorosa, ma la maggior parte dei casi può essere trattata con farmaci da banco (OTC) e rimedi casalinghi.

Eruzioni cutanee gravi, che non rispondono alle cure di base o che durano più di 3 giorni possono essersi sviluppate a seguito di infezioni o condizioni mediche sottostanti. Gli esempi includono infezioni da lieviti e condizioni della pelle a lungo termine, come la psoriasi e l’ eczema .

In questo articolo, esaminiamo le cause e i sintomi della dermatite da pannolino per adulti, nonché le opzioni per la prevenzione e il trattamento.

Gli adulti possono avere dermatite da pannolino?

pannolini farmajet

Pannolini e cuscinetti per adulti possono causare eruzioni cutanee.

Chiunque può sviluppare un’eruzione da pannolino a qualsiasi età. È più comune nei neonati e nei bambini perché i pannolini intrappolano umidità e batteri vicino alla pelle.

Per lo stesso motivo, gli adulti che indossano assorbenti o slip appositamente progettati con imbottitura assorbente possono anche sviluppare dermatite da pannolino.

Le persone possono aver bisogno di usare pannolini o assorbenti per adulti in una varietà di situazioni, anche quando sono:

  • avere problemi nell’utilizzare o accedere al bagno
  • lottando con il controllo dell’intestino o della vescica
  • lavorare in lavori che richiedono lunghi periodi di tempo senza poter andare in bagno
  • vivere con condizioni come il morbo di Alzheimer che influenzano la loro capacità di ricordare di andare in bagno

Le cause

L’utilizzo di pannolini per adulti, biancheria intima per incontinenza o pastiglie può portare a dermatite da pannolino negli adulti.

Le cause specifiche relative all’uso di questi prodotti includono:

  • irritazione della pelle da calore e umidità intrappolati
  • danno della barriera cutanea da sfregamento o sfregamento
  • infiammazione causata dall’ammoniaca nelle urine intrappolate o dagli enzimi nelle feci, che danneggiano i tessuti della pelle a stretto contatto con la pelle
  • reazioni allergiche a coloranti, profumi o materiali nel pannolino, nella biancheria intima o nel cuscinetto
  • infezioni fungine, più comunemente Candida albicans
  • infezioni batteriche, più comunemente Staphylococcus aureus
  • riacutizzazioni di condizioni croniche della pelle, come la psoriasi e l’eczema

Non tutti quelli che hanno il pannolino si logorano o usano i pannolini. La dermatite da pannolino e le infezioni ad essa associate possono anche essere causate da:

  • scarsa igiene genitale
  • reazioni allergiche o riacutizzazioni relative a prodotti chimici, coloranti o fragranze presenti nei detergenti utilizzati per lavare la biancheria intima
  • sfregamento o sfregamento cronico o grave
  • reazioni allergiche a coloranti, profumi o altre sostanze presenti in salviette o lubrificanti per l’igiene personale

Sintomi

prurito farmajet

I sintomi possono includere prurito e macchie scolorite della pelle.

L’irritazione da pannolino può svilupparsi ovunque su inguine, glutei, cosce e fianchi.

I casi da lieve a moderato di dermatite da pannolino possono causare:

  • macchie rosa o macchie di pelle
  • chiazze o macchie di pelle secca
  • prurito
  • piccoli urti rialzati, rossi e non collegati da un’eruzione cutanea sottostante

I casi moderati di dermatite da pannolino spesso causano:

  • vaste aree di una rosea rossastra a rosso brillante
  • protuberanze più grandi, rosse, sollevate che sono sparse e talvolta collegate dall’eruzione cutanea sottostante
  • prurito e tenerezza

L’eruzione da pannolino grave o non curata può portare a:

  • grandi macchie di pelle rossa, infiammata che può apparire bruciata
  • dossi o lividi molto grandi che a volte si riempiono di liquido e trasudano
  • prurito estremo e bruciore
  • dolore e tenerezza
  • dolore quando si è seduti o quando si indossano indumenti intimi o indumenti

Un’eruzione da pannolino che si manifesta in concomitanza con una riacutizzazione di un’altra condizione della pelle, come psoriasi, eczema o dermatite atopica, può presentare sintomi simili a quelli della condizione sottostante.

Quando un’infezione è la causa di dermatite da pannolino, può anche causare:

  • febbre
  • vesciche che trasudano pus
  • tutto il corpo fa male e dolori
  • esaurimento

Rimedi casalinghi

Nella maggior parte dei casi, il modo migliore per trattare l’eritema da pannolino adulta è quello di cambiare brevemente gli assorbenti e gli assorbenti e il più presto possibile dopo averli imbrattati.

Le persone con dermatite da pannolino dovrebbero anche:

  • cambia slip o assorbenti se diventano anche leggermente bagnati
  • Lavare delicatamente l’area interessata alcune volte al giorno con acqua tiepida e saponi o detergenti ipoallergenici
  • tamponare la pelle con un asciugamano invece di massaggiarla
  • risciacquare accuratamente tutti i saponi dopo il bagno
  • utilizzare detergenti non irritanti e salviette per l’igiene personale che non contengano profumi, coloranti aggiunti o alcoli
  • indossare slip e assorbenti il ​​meno frequentemente possibile

Una persona può anche incoraggiare il flusso d’aria di:

  • permettendo all’aria di asciugare all’aria dopo il bagno o la pulizia
  • utilizzando slip specializzati con micropori
  • evitando di indossare slip troppo stretti

Unguenti e creme contenenti ossido di zinco e vaselina possono aiutare ad alleviare i sintomi. Una persona può applicare questi prodotti a tutta l’area ogni giorno.

Le persone che trovano che le creme all’ossido di zinco sono troppo appiccicose una volta asciutte possono applicare un sottile strato di gel lubrificante o crema, come lanolina o vaselina, sulla parte superiore.

Altro trattamento

Se un rash da pannolino non migliora con l’igiene di base e le creme o gli unguenti da banco, una persona dovrebbe consultare un medico. Le persone dovrebbero anche chiedere consiglio se la loro eruzione cutanea è grave o dura più di 3 giorni.

Una combinazione di scarsa igiene e irritazione della pelle è responsabile della maggior parte dei casi di dermatite da pannolino, ma diverse condizioni mediche sottostanti possono causare sintomi simili.

Per le persone con infezioni fungine, un medico può prescrivere farmaci antifungini topici, come il ciclopirox, la nistatina o un tipo di imidazolo.

La maggior parte delle creme antimicotiche deve essere applicata due volte al giorno per 7-10 giorni. Le persone con gravi infezioni fungine possono aver bisogno di assumere farmaci per via orale oltre all’uso di creme.

Se l’eruzione è causata da un’infezione batterica, un medico prescriverà creme antibatteriche, come quelle contenenti bacitracina o acido fusidico. Di solito una persona deve applicare le creme due o tre volte al giorno per 7-10 giorni.

Le persone che hanno sottostanti condizioni della pelle, come la psoriasi e l’eczema, potrebbero aver bisogno di usare creme e unguenti anti corticosteroidi durante le riacutizzazioni.

Prevenzione

aloe farmajet

L’aloe vera può aiutare a prevenire un’eruzione da pannolino.

Il modo migliore per prevenire il dermatite da pannolino consiste nel cambiare frequentemente le mutande e nel più breve tempo possibile dopo che si sono bagnate o sporche.

Lavare l’intera area quotidiana con un detergente ipoallergenico o sapone può anche aiutare a ridurre il rischio di irritazione. È meglio asciugare la pelle o lasciarla asciugare all’aria piuttosto che strofinarla.

L’applicazione di creme idratanti o creme medicate prima di indossare slip o assorbenti può anche ridurre il rischio di sfregamenti e aiuto per lenire la pelle infiammata.

I prodotti e i rimedi naturali sono disponibili nei negozi e online e includono:

  • Calmoseptine
  • Penaten
  • olio di cocco
  • Aloe Vera
  • olio di fegato di merluzzo
  • creme calamine
  • lanolina
  • amido di mais

Slip e mutande per adulti vengono continuamente migliorati per renderli più confortevoli e per ridurre la possibilità di dermatite da pannolino.

I prodotti che dovrebbero aiutare a ridurre il rischio di irritazione e infezione includono:

  • slip e assorbenti ipoallergenici
  • Slip e assorbenti superassorbenti realizzati con poliacrilato di sodio
  • Slip e pastiglie traspiranti con piccoli fori chiamati micropori che aumentano il flusso d’aria e riducono l’umidità
  • slip in cotone riutilizzabili

Porta via

La maggior parte dei casi di dermatite da pannolino adulti si risolvono entro 1 o 2 giorni con l’igiene di base e l’uso di ossido di zinco e creme lubrificanti.

Tuttavia, gravi eruzioni da pannolino e quelle causate da condizioni mediche di base di solito richiedono un trattamento per evitare danni permanenti alla pelle e altre complicazioni di salute.

Una persona dovrebbe parlare con un medico di eruzioni cutanee che:

  • dura più di 3 giorni dopo aver usato i rimedi casalinghi
  • sono molto dolorosi
  • sono accompagnati da febbre o sintomi simil-influenzali
  • blister, sbuccia, emana, sanguina o perde pus
  • sono accompagnati da dolore durante la minzione o il passaggio di uno sgabello
Annunci

Quante volte al giorno una persona dovrebbe fare pipì?

Molte persone si chiedono quanto spesso dovrebbero fare pipì. Mentre nessun numero impostato è considerato normale, le persone in media urinano sei o sette volte al giorno.

Diversi fattori possono influenzare la frequenza di un singolo individuo durante il giorno. Farmaci, integratori, cibi e bevande possono tutti svolgere un ruolo, così come alcune condizioni mediche. Anche l’età e le dimensioni della vescica sono importanti.

La comunità medica usa il termine frequenza urinaria per descrivere quanto spesso una persona fa pipì.

In questo articolo, discutiamo le frequenze sane e non salutari e come gestire i sintomi associati.

Frequenza urinaria sana

cartello toilette farmajet

Urinare da 4 a 10 volte al giorno è considerato salutare se non influisce sulla vita di tutti i giorni.

La maggior parte delle persone fa pipì 6 o 7 volte ogni 24 ore. La pipì tra 4 e 10 volte algiorno può essere considerata salutare se la frequenza non interferisce con la qualità della vita della persona.

La frequenza urinaria dipende dai seguenti fattori:

  • età
  • dimensione della vescica
  • assunzione di liquidi
  • la presenza di condizioni mediche, come diabete e UTI.
  • i tipi di liquidi consumati, poiché l’alcol e la caffeina possono aumentare la produzione di urina
  • l’uso di farmaci, come quelli per la pressione sanguigna e integratori

In media, una persona che beve 64 once di liquido in 24 ore farà pipì approssimativamente sette volte durante quel periodo.

Minzione durante la gravidanza

I cambiamenti ormonali e la pressione sulla vescica coinvolta in gravidanza possono anche aumentare la produzione urinaria. Questa elevata frequenza urinaria può continuare fino a 8 settimane dopo il parto.

I sintomi di pipì troppo spesso o non abbastanza

Pisciare troppo raramente o frequentemente può indicare una condizione di base, specialmente se accompagnata dai seguenti sintomi:

  • mal di schiena
  • sangue nelle urine
  • urina torbida o scolorita
  • difficoltà nel passaggio dell’urina
  • febbre
  • perdite tra le visite ai servizi igienici
  • dolore durante la minzione
  • urina dall’odore forte

Il trattamento può risolvere i sintomi e prevenire le complicanze, quindi è importante consultare un medico.

Chiunque notasse un drastico cambiamento nella frequenza o nella produzione urinaria, anche se dovesse comunque rientrare nel range di normalità, dovrebbe consultare un medico.

Quali fattori influenzano la frequenza urinaria?

bicchiere di vino farmajet

Il consumo di alcol e caffeina può aumentare la frequenza urinaria.

Se una persona consuma elevate quantità di liquidi, in particolare bevande contenenti caffeina, possono notare fluttuazioni in quanto o quanto spesso fanno pipì.

Tuttavia, i cambiamenti drammatici nella frequenza urinaria possono indicare una grave condizione di base.

La Cleveland Clinic ha riferito che l’ 80 percento dei problemi alla vescica sono causati da fattori al di fuori della vescica.

Condizioni mediche sottostanti

Le seguenti condizioni possono essere responsabili delle variazioni della frequenza urinaria:

  • Infezione del tratto urinario (UTI) : può causare minzione frequente, urgenza urinaria, sensazione di bruciore o dolore durante la pipì e mal di schiena. Le UTI sono molto comuni, specialmente tra le donne. Di solito è necessario un trattamento antibiotico .
  • Vescica iperattiva : descrive minzione frequente ed è collegata a diversi problemi, tra cui infezioni, obesità , squilibri ormonali e danni ai nervi. La maggior parte dei casi è facilmente curabile.
  • Cistite interstiziale : questa condizione a lungo termine è anche nota come sindrome della vescica dolorosa. Sebbene non sia coinvolta alcuna infezione, provoca sintomi simili a una UTI. La causa esatta è sconosciuta, ma è spesso legata all’infiammazione della vescica .
  • Diabete : diabete non diagnosticato o mal controllato può portare a livelli elevati di zucchero nel sangue, che possono causare minzione frequente.
  • Ipocalcemia o ipercalcemia : alti livelli di calcio (ipercalcemia) o bassi livelli di calcio (ipocalcemia) influenzano la funzionalità renale e possono avere un impatto sulla produzione urinaria.
  • Anemia falciforme : questa forma ereditaria di anemia , o basso numero di globuli rossi, può influenzare i reni e la concentrazione di urina. Questo fa sì che alcune persone facciano pipì più spesso.
  • Problemi alla prostata : un ingrossamento della prostata provoca una persona a urinare di meno. Possono anche manifestare difficoltà a mano a mano che la prostata si ingrandisce e blocca il flusso di urina.
  • Debolezza del pavimento pelvico : quando i muscoli pelvici perdono forza, una persona può fare pipì più frequentemente. Questo è spesso il risultato del parto.

farmaci

Farmaci chiamati diuretici faranno la maggior parte delle persone a fare pipì più spesso. I diuretici prelevano il liquido dal flusso sanguigno e lo inviano ai reni.

Questi farmaci sono spesso prescritti per le persone con pressione alta , problemi ai reni o malattie cardiache.

Esempi di diuretici includono:

  • bumetanide (Bumex)
  • clorotiazide (diurile)
  • furosemide (Lasix)
  • metolazone (Zytanix)
  • spironolattone (Aldactone)

fluidi

Consumare molto liquido può aumentare la produzione urinaria, mentre non consumare abbastanza può causare disidratazione e diminuzione della produzione.

L’alcol e la caffeina hanno effetti diuretici e aumentano la frequenza urinaria. Una persona senza condizioni di base può fare pipì più frequentemente durante o dopo aver bevuto bevande alcoliche o contenenti caffeina.

La caffeina può essere trovata in:

  • caffè
  • cole
  • Bevande energetiche
  • cioccolata calda

Età avanzata

Molte persone urinano più frequentemente, specialmente di notte, quando invecchiano.

La maggior parte delle persone di età superiore ai 60 anni non urina più di due volte la notte , comunque. Se una persona si sveglia per fare pipì più di due volte, dovrebbe consultare un medico.

Trattamento

La minzione frequente non richiede un trattamento se non ci sono condizioni di base e la frequenza non influenza la felicità o la qualità della vita.

Anche le donne in gravidanza non necessitano di trattamento, in quanto il sintomo dovrebbe scomparire poche settimane dopo il parto.

Qualsiasi trattamento richiesto dipenderà dalla causa. Se una condizione come il diabete o una UTI è responsabile della minzione frequente, il trattamento risolverà questo sintomo. Può anche aumentare il flusso urinario e ridurre le dimensioni della prostata.

Se il trattamento fa sì che una persona faccia pipì troppo spesso, un medico può aggiustare il dosaggio o prescrivere un farmaco diverso.

Potrebbe essere utile registrare l’assunzione di liquidi, la frequenza urinaria, l’urgenza e altri sintomi per 3 o più giorni prima di un appuntamento. Questo può aiutare un medico durante la diagnosi e la determinazione del trattamento migliore.

Suggerimenti per la gestione della frequenza urinaria

uomo che versa acqua nel bicchiere farmajet

Bere 8 bicchieri d’acqua al giorno può aiutare a gestire la frequenza urinaria.

Anche dopo il trattamento, alcune persone trovano utili le seguenti strategie:

  • Limitare la quantità di soda, caffeina e alcol consumati, oppure evitarli completamente.
  • Bere 8 bicchieri d’acqua al giorno.
  • Pipì prima e dopo i rapporti sessuali, e asciuga da davanti a dietro dopo aver usato il bagno.
  • Prova gli integratori probiotici o cibi ricchi di probiotici, tra cui yogurt, kefir e kimchi. I probiotici possono sostenere la salute genitale e urinaria.
  • Evitare l’uso di prodotti profumati intorno all’area genitale.
  • Indossa biancheria intima di cotone e indumenti larghi per prevenire infezioni e irritazioni.
  • Esercita gli esercizi di Kegel per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico deboli.
  • Mantenere un peso sano per evitare di esercitare una maggiore pressione sui muscoli pelvici e sulla vescica.

Alcune persone trovano utile attenersi a un programma di bagni. Ciò comporta l’andare in bagno ad orari programmati e aumentare gradualmente il tempo tra una visita e l’altra fino a un normale intervallo di 3 ore.

Porta via

Le prospettive per fare la pipì troppo spesso o non abbastanza spesso dipendono dalla causa sottostante. La maggior parte delle cause di minzione frequente può essere trattata con farmaci e cambiamenti dello stile di vita.

Chiunque sia preoccupato per la loro produzione urinaria dovrebbe consultare un medico il prima possibile, per ridurre il rischio di complicanze. Anche cercare un trattamento in una fase precoce può migliorare le prospettive.