Test che distingue tra infezioni batteriche e virali in fase di sviluppo

Un team internazionale di scienziati – guidato da ricercatori dell’Imperial College di Londra – ha scoperto due geni che vengono attivati ​​quando un bambino ha un’infezione batterica. Questa rivelazione potrebbe consentire al team di sviluppare un rapido test per gli studi medici e gli ospedali per identificare infezioni come la meningite e assistere alla crescente minaccia di resistenza agli antibiotici.
testI medici di solito devono inviare campioni per diagnosticare infezioni batteriche o virali. Il nuovo test potrebbe fornire un modo rapido per i medici di testare immediatamente i pazienti.

Lo studio, pubblicato su JAMA , ha scoperto che i due geni, chiamati IFI44L e FAM89A, si sono spostati su uno stato “on” quando era presente un’infezione batterica. Questa conoscenza potrebbe consentire ai medici di distinguere tra infezioni batteriche e virali e identificare i primi casi di infezioni gravi che potrebbero essere mortali.

Mentre le infezioni virali sono più comuni delle infezioni batteriche, le infezioni batteriche sono spesso più gravi.

Meningite , setticemia e polmonite avvengono tutte a seguito di un’infezione batterica. La differenziazione tra queste condizioni potenzialmente pericolose per la vita e i virus può consentire agli operatori sanitari di fornire trattamenti più rapidi e più accurati.

Inoltre, fare una distinzione tra se un individuo ha un’infezione virale o batterica può prevenire la prescrizione di antibiotici per i virus. Gli antibiotici sono efficaci contro i batteri e non combattono le infezioni causate da virus come raffreddore, influenza , mal di gola , bronchiti e molte infezioni del seno e dell’orecchio.

La prescrizione inefficace di antibiotici per infezioni virali non cura l’infezione, non impedisce ad altri di ammalarsi, può causare effetti collaterali inutili e dannosi e può contribuire alla resistenza agli antibiotici, che è quando i batteri possono resistere agli effetti di un antibiotico e continuare a causare danno.

Gli antibiotici sono tra i farmaci più comunemente prescritti. Tuttavia, fino al 50% delle volte , l’uso di antibiotici non è necessario, viene dosato in modo errato e viene utilizzato per la durata sbagliata.

Ogni anno negli Stati Uniti, più di 2 milioni di persone vengono infettate da batteri resistenti agli antibiotici e almeno 23.000 persone muoiono come conseguenza diretta di queste infezioni.

Molti bambini vengono diagnosticati erroneamente con virus

Attualmente, quando un bambino visita il medico o il pronto soccorso con la febbre , non esiste un metodo rapido per determinare se il bambino ha una malattia batterica o virale.

La diagnosi si basa sul prelievo di un campione di sangue o di liquido spinale, sul trasferimento in laboratorio e in attesa di oltre 48 ore per vedere se i batteri crescono nel campione.

Il Prof. Michael Levin, del Dipartimento di Medicina dell’Imperial College London, che ha guidato lo studio, spiega: “La febbre è uno dei motivi più comuni per cui i bambini vengono portati alle cure mediche, ma ogni anno molti bambini vengono mandati via dai dipartimenti di emergenza o gli ambulatori medici perché l’equipe medica pensa di avere un’infezione virale quando in realtà sono affetti da infezioni batteriche potenzialmente fatali – che spesso vengono diagnosticate solo troppo tardi “.

“Al contrario, molti altri bambini sono ricoverati in ospedale e ricevono antibiotici perché l’equipe medica non è in grado di escludere immediatamente la possibilità di un’infezione batterica – ma in realtà, sono affetti da un virus”, aggiunge.

Levin, che lavora nella divisione di malattie infettive pediatriche, continua a dire che mentre la ricerca è in una fase iniziale, i risultati mostrano che l’infezione batterica può essere distinta da altre cause di febbre – compresa l’infezione virale – utilizzando un modello di geni che sono acceso o spento in risposta all’infezione.

“La sfida è ora quella di trasformare le nostre scoperte in un test diagnostico che possa essere utilizzato nei reparti di emergenza dell’ospedale o negli ambulatori del GP, per identificare quei bambini che hanno bisogno di antibiotici”, aggiunge Levin.

Due geni predicono un’infezione batterica con un’accuratezza del 95-100 percento

Gli scienziati hanno studiato 240 bambini che arrivavano negli ospedali con la febbre nel Regno Unito, in Spagna, nei Paesi Bassi e negli Stati Uniti, con un’età media di 19 mesi.

Dopo che i metodi tradizionali erano stati usati per determinare se il bambino avesse un’infezione batterica o virale, i ricercatori hanno analizzato i geni che erano stati attivati ​​nei globuli bianchi dei bambini.

Usando microarray di RNA – un metodo che misura i cambiamenti in 48.000 geni simultaneamente usando solo una piccola goccia di sangue – il team ha trovato due geni attivati ​​durante le infezioni batteriche. Ulteriori indagini hanno indicato che i due geni hanno predetto un’infezione batterica con un’accuratezza del 95-100%.

Il Dr. Jethro Herberg, docente senior in malattie infettive pediatriche presso Imperial e coautore della ricerca, afferma: “Siamo di fronte a una crescente minaccia da parte di batteri resistenti agli antibiotici: una grande percentuale dell’uso di antibiotici è guidata dalla nostra incapacità di identificare in modo affidabile il piccolo numero di bambini con infezione batterica dal numero molto più grande con infezione virale, che non hanno bisogno di antibiotici “.

“Lapaura di perdere infezioni potenzialmente letali come la meningite e la setticemia si traduce in medici che prescrivono spesso antibiotici e intraprendono indagini come le punture del legno solo per essere sicuri. Un test rapido basato sui due geni che abbiamo identificato potrebbe trasformare la pratica pediatrica e permetterci di usare gli antibiotici solo su quei bambini che hanno effettivamente un’infezione batterica “.

Dr. Jethro Herberg

Vinny Smith, amministratore delegato della Meningitis Research Foundation che ha sostenuto lo studio, aggiunge:

“Questo ultimo sviluppo è molto eccitante: la meningite e la setticemia batterica possono uccidere in poche ore e lasciare i sopravvissuti con effetti collaterali che cambiano la vita.” Fornire agli operatori sanitari gli strumenti per determinare rapidamente se un’infezione è batterica o virale consentirà un rilevamento e un trattamento più rapidi di meningite e setticemia. ”

Annunci

Farmajet la tua parafarmacia online

Farmajet è una parafarmacia nata nel 2007, grazie all’esperienza ventennale maturata sui prodotti per la salute ed il benessere della persona da parte del suo titolare fondatore. Farmajet è specializzata nella commercializzazione di parafarmaci, cosmetici, prodotti erboristici, dispositivi medicali e prodotti per l’infanzia delle migliori marche.
Nel corso degli anni Farmajet, grazie al mercato online ha servito più di 200.000 clienti, coniugando competitività dei prezzi, qualità dei prodotti, divenendo un’azienda leader del settore nel panorama nazionale.

Le caratteristiche distintive di Farmajet sono:
– una superficie di vendita al pubblico di 200 mq, un magazzino con logistica avanzata di 600 mq;

– uno staff altamente qualificato composto da 5 farmaciste, 4 assistenti alla vendita e 8 operatori logistici;

– catalogo dei prodotti offerti vastissimo, testimoniato dalle oltre 100.000 referenze commercializzate;

– garanzia dell’originalità dei prodotti, derivante dalla profonda conoscenza del mondo della parafarmacia e della cosmesi e dalla qualità delle marche commercializzate;

– sistema innovativo di gestione del magazzino che consente una costante disponibilità dei prodotti;

– sicurezza delle transazioni.

Sede legale: Farmajet s.r.l. – Via delle Ginestre n.16 – 67039 Sulmona (AQ)
Magazzino e logistica: S.S. 5 dir snc – 67035 Pratola Peligna (AQ)
Assistenza clienti telefonica +39.0864.271923
Whatsapp +39.333.8235470
E-mail:info@farmajet.it
Codice Univoco Parafarmacia: 009253
P.Iva 01727780668