Il raffreddore: potremmo essere vicini a una cura?

Il comune raffreddore ha sfidato la scienza medica per millenni; ha superato sia il nostro sistema immunitario sia l’industria farmaceutica. Tuttavia, secondo un nuovo studio, l’aiuto potrebbe presto essere a portata di mano.
donna con raffreddore

Conosciamo tutti la miseria del comune raffreddore.

Il raffreddore comune, opportunamente chiamato, colpisce l’adulto medio da due a tre volte l’anno, ei bambini ancora più regolarmente.

Attualmente, non c’è modo di prevenire un raffreddore comune e una volta arrivato, non c’è modo di liberarsene.

Nonostante il mondo incredibilmente high-tech in cui viviamo, la ricerca medica non può ancora sconfiggere questo nemico. Tutto ciò che possiamo fare è trattarne i sintomi e tenerlo stretto finché non è passato.

Perché il comune raffreddore è difficile da affrontare?

Il comune raffreddore ha eluso le anticipazioni della scienza medica per due motivi principali. Il primo problema è che non c’è un solo colpevole. I raffreddori sono spesso causati da un rinovirus – una grande famiglia di virus con centinaia di varianti. Ciò rende la vaccinazione impossibile e fornisce al nostro sistema immunitario un compito impegnativo.

In secondo luogo, questi virus si evolvono rapidamente, quindi anche se potessimo produrre vaccini per coprire l’intero spettro dei rinovirus, diventerebbero rapidamente resistenti.

Sebbene affrontare il raffreddore non sia un problema enorme per la maggior parte delle persone, ci sono buone ragioni per continuare a cercare metodi per combatterlo. Una persona coinvolta nella caccia è la professoressa Ed Tate, dell’Imperial College di Londra nel Regno Unito. Spiega l’importanza di combattere il raffreddore comune:

“Il raffreddore comune è un inconveniente per la maggior parte di noi, ma può causare gravi complicazioni a persone con condizioni come l’asma e [malattia polmonare ostruttiva cronica]”.

Un nuovo approccio

Gli scienziati stavano inizialmente cercando un composto che avrebbe come bersaglio una proteina nei parassiti della malaria . Hanno trovato due molecole probabili e hanno scoperto che erano più efficaci quando erano combinati.

Usando tecniche avanzate, hanno combinato le due molecole e prodotto un nuovo composto che blocca un enzima presente nelle cellule umane, chiamato N-myristoyltransferase (NMT).

I virus normalmente rubano la NMT dalle cellule umane e la usano per creare un guscio protettivo attorno alle loro informazioni genetiche, conosciute come il capside. NMT è vitale per la sopravvivenza dei virus del raffreddore; senza di esso, non possono replicarsi e diffondersi.

Tutti i ceppi del virus del raffreddore comune usano questa tecnica, quindi inibire l’NMT potrebbe far cadere tutti i ceppi del comune virus del raffreddore. In realtà, dovrebbe anche funzionare contro i virus correlati che causano l’afta epizootica e la poliomelite .

Inoltre, poiché la molecola si rivolge alle cellule umane piuttosto che al virus, la resistenza non sarebbe un problema. I risultati del team sono stati recentemente pubblicati sulla rivista Nature Chemistry .

I ricercatori hanno grandi speranze per il farmaco, che attualmente va sotto il nome in codice di IMP-1088.

Un farmaco come questo potrebbe essere estremamente utile se somministrato nelle prime fasi dell’infezione e stiamo lavorando per creare una versione che possa essere inalata in modo che arrivi rapidamente ai polmoni”.

Prof. Ed Tate

Sebbene altri farmaci che colpiscono le cellule umane in questo modo siano stati testati prima, l’IMP-1088 è “più di 100 volte più potente” dei suoi predecessori.

Inoltre, i farmaci precedenti progettati per bloccare la NMT erano troppo tossici per essere di beneficio. Questo nuovo farmaco, tuttavia, non ha danneggiato le cellule umane in coltura. Naturalmente, saranno necessarie ulteriori ricerche per confermare che il farmaco sia sicuro per l’uso.

Un’altra preoccupazione è delineata dal Prof. Tate, che spiega: “Il modo in cui il farmaco funziona significa che dovremmo essere sicuri che sia stato usato contro il virus del raffreddore, e non condizioni simili con cause diverse, per minimizzare la possibilità di effetti collaterali tossici effetti “.

Quindi, non siamo ancora arrivati, ma siamo il più vicino possibile a una cura per il raffreddore.

Annunci