Questa “ricetta” sperimentale potrebbe combattere il cancro al colon?

I ricercatori stanno sperimentando con probiotici ingegnerizzati e verdure crocifere nel tentativo di aprire la strada a un’arma più efficace contro il cancro del colon-retto.
 colon1

Un “cocktail” di probiotici ingegnerizzati e broccoli potrebbe essere il prossimo passo nella lotta contro il cancro al colon.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ritengono il cancro del colon-retto il terzo tipo più comune di cancro da diagnosticare, nonché la seconda causa più comune di mortalità correlata al cancro negli Stati Uniti.

E, secondo i dati del National Cancer Institute (NCI), ci sono stati stimati 135.430 nuovi casi di cancro del colon-retto nel 2017.

Le percentuali di sopravvivenza dopo il trattamento per questo tipo di cancro sono generalmente incoraggianti; Il 64,9% dei pazienti ha un tasso di sopravvivenza a lungo termine.

Tuttavia, negli stadi più avanzati della malattia, i risultati dopo il trattamento sono meno ottimistici e aumenta anche la probabilità di recidiva del tumore .

Ora, il dott. Chun-Loong Ho, il prof. Matthew Chang ei suoi colleghi, della Yong Loo Lin School of Medicine dell’Università Nazionale di Singapore a Clementi, stanno studiando nuovi modi per curare il tumore del colon-retto e prevenirne il ripetersi.

I ricercatori hanno iniziato a sperimentare con un mix di probiotici ingegnerizzati e sostanze derivate da verdure crocifere – come broccoli, cavolfiori e cavolini di Bruxelles – per, infine, ideare un “cocktail” anticancro efficace da ingredienti prontamente disponibili.

I loro risultati sono stati riportati all’inizio di questa settimana sulla rivista Nature Biomedical Engineering .

Al centro, un microbo geneticamente modificato

Il dottor Ho ei suoi colleghi si sono concentrati su Escherichia coli Nissle, che è un microbo non patogeno (che significa non causa di malattia). Hanno geneticamente ingegnerizzato questo ceppo di E. coli in un probiotico che sarebbe in grado di legarsi a una proteina presente nelle cellule cancerose del colon-retto. Quindi, verrebbe prodotto un enzima chiamato mirosinasi .

La mirosinasi può quindi essere utilizzata per convertire il glucosinolato , che è un componente presente nelle verdure crocifere, in un sottoprodotto chiamato sulphoraphane , che, secondo i ricercatori, può avere un effetto protettivo contro le cellule tumorali.

Il dottor Ho ei suoi colleghi speravano che il sulforafano così prodotto potesse interagire con le cellule tumorali che lo circondavano e annientarli.

Poiché le cellule regolari e non cancerose non possono convertire i glucosinolati – e poiché non sono influenzati dal sulforafano – i ricercatori hanno ritenuto che solo le cellule cancerose del colon-retto sarebbero state prese di mira dalla sostanza.

Esperimenti in vitro e in vivo hanno confermato l’ipotesi del dott. Ho e dei suoi colleghi. L’aggiunta di E. coli ingegnerizzato insieme all’estratto di broccoli o ad una soluzione di glucosinolati in una capsula di Petri contenente cellule cancerose del colon-retto ha comportato la soppressione di oltre il 95% di queste cellule.

Questo era vero per le cellule del cancro del colon-retto provenienti da tumori sia umani sia da topi, così come per le linee di cellule cancerose del colon-retto prodotte in laboratorio.

Ma esperimenti su altri tipi di cellule tumorali – tra cui il cancro della mammella e dello stomaco – hanno dimostrato che il cocktail sperimentale non ha avuto alcun impatto percettibile sui tumori oltre al colon-retto.

“Le mamme hanno ragione dopo tutto”

Quando testato su topi con tumori del colon , la combinazione sperimentale è stata vista diminuire il numero di tumori del 75%.

I ricercatori notano anche che i tumori rimanenti erano diminuiti in termini di dimensioni – erano tre volte più piccoli di quelli rilevati nelle controparti di controllo degli animali, a cui non era stata somministrata la combinazione di probiotici e crocifere di veg.

Il dottor Ho e colleghi sperano che i probiotici di nuova ingegneria, usati insieme alla sostanza estratta dai broccoli, possano giocare un doppio ruolo nella lotta contro il cancro al colon.

Per uno, il nuovo mix potrebbe aiutare a prevenire la formazione di tumori del colon-retto. Quindi, potrebbe essere utile uccidere eventuali cellule tumorali residue all’indomani del trattamento o dell’intervento chirurgico, riducendo così anche la possibilità di recidiva del tumore.

Un aspetto interessante della nostra strategia è che sfrutta il nostro stile di vita, trasformando potenzialmente la nostra dieta normale in un regime terapeutico sostenibile ea basso costo, sperando che la nostra strategia possa essere un utile complemento alle attuali terapie antitumorali.”

Prof. Matthew Chang

In una vena più spensierata, come afferma il dott. Ho, le scoperte dello studio attuale sottolineano che “[m] altri hanno ragione, mangiare verdura è importante”.