Gli scienziati scoprono cosa causa l’infiammazione nell’IBD

I ricercatori hanno recentemente identificato un meccanismo che regola l’infiammazione intestinale nei disturbi infiammatori intestinali. La scoperta potrebbe portare a una migliore cura e diagnosi di alcune condizioni, come la colite ulcerosa e il morbo di Crohn.
ibd.jpg

IBD può ridurre la qualità della vita, quindi trovare nuovi trattamenti per questo è vitale.

I ricercatori del Medical Discovery Institute di Sanford Burnham Prebys (SBP) di La Jolla, California, e dell’Istituto tecnologico Technion-Israel di Haifa hanno identificato un ruolo per una proteina chiamata RNF5, che è abbondante nelle cellule che rivestono l’intestino.

Hanno scoperto che RNF5 controlla l’attività di S100A8, una proteina già nota per essere un promotore dell’infiammazione .

Manipolando il gene RNF5 nei topi, gli scienziati hanno scoperto che RNF5 mantiene S100A8 stabile nelle cellule del rivestimento intestinale e che la sua assenza libera il potere pro-infiammatorio di S100A8.

I ricercatori riportano le loro nuove scoperte in un documento di studio che compare nella rivista Cell Reports .

Malattia infiammatoria intestinale (IBD) è il termine generale per una serie di disturbi che infiammano persistentemente il tratto gastrointestinale, o intestino.

Ci sono due tipi principali di IBD: il morbo di Crohn , che può infiammare qualsiasi parte dell’intestino tra la bocca e l’ano; e colite ulcerosa, che colpisce principalmente il colon.

Un ‘urgente bisogno’ per i nuovi trattamenti IBD

L’IBD può causare sintomi che, a loro volta, causano disagio, dolore e angoscia. Questi includono: diarrea , costipazione , sanguinamento rettale, dolore addominale e crampi, e un’improvvisa e urgente necessità di andare in bagno.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), circa 3 milioni di adulti negli in Italia riferiscono di aver ricevuto una diagnosi di IBD.

I trattamenti attuali non funzionano in tutti i casi e possono anche diventare meno efficaci nel tempo.

“Le persone con IBD hanno urgente bisogno di nuove terapie”, dice l’investigatore senior Ze’ev A. Ronai, professore nel Centro per i tumori designato da NCI a SBP.

Nonostante sia noto da tempo che le proteine ​​infiammatorie sono coinvolte nell’IBD, il meccanismo di guida sottostante è rimasto un mistero.

I recenti risultati hanno aiutato a risolvere gran parte di questo mistero e ora dovrebbero portare a trattamenti mirati più coerenti.

RNF5 moderato S100A8 pro-infiammatorio

Il prof. Ronai e il team hanno notato che i topi privi del gene RNF5 avevano una piccola infiammazione intestinale. Hanno, tuttavia, sviluppato una colite acuta quando esposti a destrano solfato di sodio, che è un composto che induce infiammazione. Questo test ha suggerito che RNF5 potrebbe avere un ruolo chiave nel fermare l’infiammazione.

Gli investigatori quindi hanno cercato proteine ​​proinfiammatorie che RNF5 potesse tenere sotto controllo e hanno deciso che il candidato più probabile era S100A8, che era già stato associato a diverse condizioni infiammatorie ed è anche usato come biomarker per aiutare la diagnosi di IBD.

I topi eliminati dalla RNF5 avevano anche livelli più alti di S100A8 nel sangue e nelle cellule che rivestivano il loro stomaco. Dando ai topi anche gli anticorpi neutralizzanti S100A8 hanno fermato i sintomi della colite acuta, confermando il ruolo della proteina nel guidare l’infiammazione.

“I nostri risultati”, afferma il prof. Ronai, “indicano che RNF5 è il blocco che tiene sotto controllo una proteina infiammatoria chiave.”

Rompere la serratura è come aprire “la scatola di Pandora”, aggiunge, e il risultato è che “S100A8 viene rilasciato per causare infiammazione”.

Risultati confermati in campioni umani

In una serie finale di esperimenti, i ricercatori hanno confermato i loro risultati in campioni di budello umano. Hanno testato campioni di tessuto prelevati dall’intestino di 19 persone con colite ulcerosa e confrontato i risultati con test eseguiti su tessuti sani.

I test hanno rivelato che bassi livelli di RNF5 e alti livelli di S100A8 correlavano con la gravità della malattia, che rifletteva i risultati dei topi eliminati dall’RNF5 .

I risultati sono coerenti con l’idea che IBD possa rispondere ai farmaci che disattivano S100A8 o regolano l’RNF5, suggerisce il Prof. Ronai.

“Anche RNF5 sembra essere un potenziale predittore della gravità della malattia e potrebbe essere utilizzato come marker diagnostico”, conclude.

Una volta identificato S100A8 come proteina regolata da RNF5 nelle cellule che rivestono l’intestino, ci siamo resi conto che potremmo aver identificato un giocatore importante nell’IBD.”

Prof. Ze’ev A. Ronai

Annunci

Che cosa è una fistola gastrointestinale e qual’è la causa? Farmajet news

Una fistola gastrointestinale si verifica quando si verifica una connessione anomala tra una parte del tratto gastrointestinale e la pelle o un altro organo, con conseguente fuoriuscita di acido gastrico. I medici possono anche chiamare una fistola gastrointestinale, una fistola enterocutanea o una fistola intestinale.

Una fistola gastrointestinale è una condizione medica grave che può richiedere cure a lungo termine. Questo articolo descriverà le cause più comuni, i trattamenti e le complicanze delle fistole gastrointestinali.

Le cause

fistola intestinale.png

Un’infezione può causare una fistola intestinale.

Circa l’ 85-90 percento di tutte le fistole gastrointestinali si presenta come una complicazione delle procedure chirurgiche.

In uno studio su 1.148 persone sottoposte a chirurgia addominale, i ricercatori hanno notato che il 5,5% dei partecipanti ha sviluppato fistole dopo il loro intervento. La maggior parte delle fistole è comparsa durante la prima settimana dopo l’intervento chirurgico.

Un medico dovrebbe sempre discutere i rischi delle fistole con una persona prima di avere un intervento addominale. Dovrebbero anche effettuare il check-in con l’individuo dopo l’intervento chirurgico nel caso in cui abbiano qualche sintomo di una fistola, poiché una pronta diagnosi potrebbe migliorare l’esito.

Altre possibili cause delle fistole gastrointestinali includono:

  • una storia di radiazioni all’addome
  • infezione, come diverticolite
  • malattie infiammatorie dell’intestino, tra cui il morbo di Crohn
  • un’ulcera nell’intestino
  • lesioni fisiche all’addome
  • cancro

Sintomi

Quando una persona ha una fistola gastrointestinale, il cibo digerito non può muoversi correttamente attraverso il corpo. La fistola causa anche perdite di liquidi, riducendo i livelli in tutto il corpo. I sintomi possono includere:

  • dolore addominale
  • disidratazione
  • diarrea
  • febbre
  • malnutrizione
  • battito cardiaco alzato
  • vomito

Una persona con una fistola gastrointestinale può diventare molto malata e può sviluppare una condizione nota come sepsi . Questo è dove il corpo di una persona si attacca come reazione a una grave infezione.

La sepsi causa una serie di sintomi, come bassa pressione sanguigna , febbre alta, alta frequenza cardiaca e insufficienza d’organo. In alcuni casi, può anche essere fatale.

I medici classificano le fistole in quattro categorie principali, che possono causare sintomi diversi:

  • Complesso : questo tipo di fistola ha più canali che influenzano più di un organo.
  • Esterno : una fistola esterna è quella che collega una porzione del tratto gastrointestinale alla pelle.
  • Extraintestinale : questa fistola collega parte dell’intestino a un altro organo del corpo, come la vescica.
  • Intestinale : questa fistola comporta la connessione di una zona dell’intestino a un’altra.

Una persona con una fistola gastrointestinale esterna avrà un’area della pelle che è aperta. Ciò significa che l’acido e altri contenuti dallo stomaco coleranno sulla pelle attraverso l’apertura della ferita. Questo può essere molto dannoso per la pelle.

Diagnosi

esame del bario per fistola anale.jpg

Le tecniche di immaginazione del bario possono evidenziare la presenza di una fistola.

Un medico prenderà in considerazione l’anamnesi di una persona durante la diagnosi di una fistola gastrointestinale. Se una persona ha avuto procedure chirurgiche specifiche, compresa la chirurgia ginecologica, ha un rischio maggiore di ottenere una fistola.

Il medico chiederà anche i sintomi della persona, anche quando si presentano e se qualcosa li allevia o li peggiora.

Se il medico sospetta una fistola gastrointestinale, ordinerà test medici per confermare la diagnosi. Questi test possono includere:

  • Scansioni di immagini , come una TAC , per identificare la fistola e determinarne le dimensioni. Questo è essenziale in modo che i chirurghi possano decidere dove posizionare i drenaggi e operare.
  • Studi di bario , in cui il medico somministrerà il bario all’individuo per via orale o per clistere prima di eseguire una radiografia. Se il bario rivela segni di perdite nell’intestino, ciò confermerà la presenza della fistola.
  • Fistulogramma , un test diagnostico che prevede l’iniezione di colorante nell’area della fistola gastrointestinale dove la pelle è aperta e perde. Questo dovrebbe rivelare eventuali blocchi nella fistola.

Trattamento

Il trattamento per una fistola gastrointestinale dipende dalla sua gravità e posizione.

Le fistole piccole e non infette spesso si chiudono da sole .

Le fistole nel colon possono impiegare 30-40 giorni per chiudersi, mentre le fistole nell’intestino tenue richiedono circa 40-50 giorni.

I medici definiscono anche le fistole come ad alto o basso rendimento. Fistole ad alto rendimento scaricano più di 500 millilitri (ml) di liquido gastrico al giorno. Le fistole a bassa uscita scaricheranno quantità inferiori.

Una fistola è generalmente più grave quanto più drena perché il fluido fuoriuscito può danneggiare e infettare la pelle e gli organi che raggiunge.

Interventi chirurgici

Se una persona ha una sepsi, un medico di solito raccomanderà un intervento chirurgico per riparare le aree di drenaggio.

La chirurgia può comportare drenaggi speciali, sistemi di terapia a pressione negativa o altre terapie per consentire alla fistola di drenare durante la guarigione. La terapia a pressione negativa utilizza un vuoto per aumentare il flusso di sangue in un’area e aiutare a drenare il liquido in eccesso.

Un chirurgo può a volte correggere le aree di drenaggio usando tecniche endoscopiche. Questi includono l’inserimento di un mirino, che è uno strumento sottile e illuminato, nel retto e fino alla zona addominale. Potrebbe essere possibile utilizzare clip o colla per chiudere le aree che perdono la fistola.

Sebbene questo approccio sia meno invasivo della chirurgia, non è possibile raggiungere tutte le fistole in questo modo.

farmaci

farmaci nel contenitore.jpg

Un medico può prescrivere farmaci per ridurre la quantità di liquido nell’intestino.

La presenza di cibo nell’intestino innesca l’ulteriore secrezione di succhi gastrici, impedendo a una persona con una fistola di assumere abbastanza nutrienti.

Una mancanza di nutrizione renderà difficile per il corpo di una persona guarire. Pertanto, accanto al trattamento chirurgico, un medico consiglierà spesso forme alternative di nutrizione mentre l’intestino guarisce.

Ad esempio, possono raccomandare la nutrizione parenterale totale (TPN), che comporta la somministrazione di sostanze nutritive attraverso una linea endovenosa (IV) centrale.

Un medico può anche prescrivere farmaci per ridurre il liquido dello stomaco e la saliva. Questo ridurrà la quantità di liquido nell’intestino. Esempi inclusi:

  • glicopirrolato o scopolamina per ridurre la produzione di saliva
  • inibitori della pompa protonica, come l’omeprazolo (Prilosec), che riducono le secrezioni acide
  • Antagonisti dei recettori H2, come famotidina (Pepcid) o ranitidina (Zantac), che riducono anche l’acidità di stomaco
  • farmaci anti-diarrea come loperamide o codeina fosfato

Un medico a volte fornisce farmaci chimicamente simili alla somatostatina, come l’octreotide e il lanreotide. Questo ormone può ridurre significativamente le secrezioni gastrointestinali, che possono aiutare la fistola a guarire.

Sebbene questa terapia non sia adatta a tutti, può aiutare alcune persone a ridurre i sintomi senza subire il maggior numero di effetti collaterali.

complicazioni

Una fistola gastrointestinale può portare a varie complicazioni, tra cui:

  • infezione
  • malnutrizione
  • squilibri elettrolitici
  • scarsa guarigione delle ferite

Circa il 25% delle fistole guarirà entro 30-40 giorni con una corretta alimentazione e alcuni trattamenti medici. Tuttavia, il tasso di mortalità per tutte le fistole gastrointestinali può arrivare al 40%. In quanto tale, è importante che le persone cerchino un trattamento immediato per questa condizione.

prospettiva

Una fistola gastrointestinale può essere una condizione grave che può risolversi spontaneamente ma a volte può richiedere un trattamento.

Quando si verifica una fistola, può richiedere molto tempo per migliorare. Tuttavia, con i farmaci e la gestione della nutrizione, molte persone saranno in grado di guarire l’area interessata.

10 eruzioni cutanee causate da colite ulcerosa

  1. Condizioni della pelle associate a colite ulcerosa
  2. Come sono collegate le IR e le eruzioni cutanee?
  3. Ridurre i problemi della pelle durante una riacutizzazione
  4. Quando vedere un dottore
La colite ulcerosa è una condizione a lungo termine che causa l’infiammazione nell’intestino crasso e nel retto. Può anche causare problemi alla pelle.

Questo articolo esplora come le condizioni della pelle sono legate alla colite ulcerosa (UC), che è un tipo di malattia infiammatoria intestinale (IBD).

Considera anche come ridurre i problemi della pelle durante una riacutizzazione e quando vedere un medico.

Condizioni della pelle associate a UC

Esiste una gamma di diverse condizioni della pelle associate a UC. Questi sono esplorati di seguito.

1. Eritema nodoso

cute1

Esistono diverse condizioni cutanee associate alla colite ulcerosa.

L’eritema nodoso è il problema della pelle più comune per le persone che hanno anche UC. Fino al 10% delle persone con UC può sviluppare l’eritema nodoso.

L’eritema nodoso causa la comparsa di teneri noduli rossi sulle braccia o sulle gambe di una persona. Questi noduli possono sembrare lividi.

Nelle persone con UC, questa eruzione cutanea tende a manifestarsi durante una riacutizzazione e scompare quando UC è in remissione.

2. Pyoderma gangrenoso

Secondo questa review del 2012 , il pioderma gangrenoso è il secondo problema cutaneo più comune che può colpire persone con UC.

Questa eruzione cutanea inizia come un ammasso di vesciche sugli stinchi, sulle caviglie o sulle braccia. Si diffonde spesso e può formare ulcere profonde. Se non mantenuto pulito, questo può essere infettato.

I ricercatori ritengono che questa condizione sia causata da un problema con il sistema immunitario che potrebbe essere collegato alla causa della UC.

3. Psoriasi

La psoriasi è una condizione della pelle causata da un problema con il sistema immunitario. Porta a una pelle rossa e chiazzata, ricoperta da un accumulo di cellule morte.

Molte persone con UC e altri tipi di IBD sono anche colpite dalla psoriasi.

Questo studio del 2015 ha rilevato l’esistenza di alcuni legami genetici tra i geni che causano l’IBD e quelli che causano la psoriasi. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere pienamente queste connessioni.

4. Alveari

Gli alveari sono punti rialzati rossi che possono apparire come un’eruzione cutanea in qualsiasi parte del corpo. Si formano a causa di una reazione nel sistema immunitario.

A volte le persone reagiscono alle medicine che assumono per la UC, che può causare alveari cronici.

5. Acne

Uno studio del 2011 ha trovato un collegamento tra l’assunzione di un farmaco destinato a trattare l’acne cistica (isotretinoina) e lo sviluppo di UC. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio questo collegamento.

6. Sindrome da dermatosi-artrite associata all’intestino

La sindrome da dermatosi-artrite associata all’intestino (BADAS) è una condizione in cui si formano piccole protuberanze sulla parte superiore del torace e delle braccia, oltre ad altri sintomi. Questi dossi possono quindi formare pustole, causando disagio. BADAS può anche causare lesioni alle gambe.

I ricercatori non comprendono appieno la causa, ma pensano che possa essere correlata all’infiammazione a causa dei batteri nell’intestino. Avere IBD rende più probabile che una persona sviluppi BADAS.

7. Vegetazione di pyodermatitis-pyostomatitis

I vegetan di pyodermatitis e i vegetans di pyostomatitis sono due condizioni della pelle che sono collegate.

Il primo causa la formazione di pustole rosse che scoppiano e formano chiazze squamose sotto l’ascella o l’inguine. Quest’ultimo coinvolge pustole in bocca.

Le due condizioni sono in genere raggruppate e chiamate piodermite-pyostomatite vegetans (PPV).

Questa condizione è associata all’UC, sebbene sia rara. I sintomi si verificano in genere dopo che una persona ha avuto UC per alcuni anni . Spesso, tuttavia, alle persone non viene diagnosticata l’UC fino a quando un medico non ha diagnosticato la PPV.

8. Sindrome di Sweet

La sindrome di Sweet è un’altra condizione legata alle riacutizzazioni di UC.

Quando una persona ha la sindrome di Sweet, piccole protuberanze rosse o viola sulla pelle si trasformano in lesioni dolorose. Spesso si formano sugli arti superiori, sulla faccia e sul collo.

9. Vitiligine

La vitiligine è una condizione della pelle che distrugge le cellule che producono il pigmento nella pelle. La vitiligine può causare la formazione di chiazze bianche in qualsiasi parte del corpo.

I ricercatori pensano che la vitiligine sia causata da una malattia immunitaria. Secondo il National Institute of Health (NIH), circa il 20% delle persone con vitiligine ha anche un’altra malattia immunitaria, come l’UC.

10. Vasculite leucocitoclastica

La vasculite leucocitoclastica (vasculite da ipersensibilità) si verifica quando i piccoli vasi sanguigni sotto la pelle si infiammano e muoiono. La reazione infiammatoria porta allo sviluppo di macchie viola sulla pelle delle gambe o delle caviglie, chiamate porpora.

La condizione deriva dall’infiammazione ed è collegata a riacutizzazioni di UC. La vasculite leucocitoclastica di solito scompare quando l’UC è in remissione

Come sono collegate le IR e le eruzioni cutanee?

cute2

La stanchezza estrema è uno dei principali sintomi della colite ulcerosa.

La UC può essere una condizione infiammatoria dolorosa e scomoda che colpisce sia l’intestino crasso che il retto.

Quando una persona ha UC, piccole ulcere si sviluppano nel rivestimento del colon. Questi possono produrre pus e sanguinare.

I principali sintomi di UC sono:

  • problemi in corso con la diarrea
  • sangue, muco o pus nelle feci
  • la necessità di passare spesso le feci
  • estrema stanchezza
  • perdita di appetito
  • perdita di peso

Riacutizzazioni della colite ulcerosa

Sebbene UC sia una condizione a lungo termine, una persona con UC può andare settimane o mesi senza sintomi. Questo è chiamato remissione.

I periodi di remissione possono essere seguiti da riacutizzazioni, in cui la persona sperimenta molti sintomi di UC.

Durante una riacutizzazione, una persona con UC può presentare sintomi in aggiunta a quelli che colpiscono il sistema digestivo. Questi includono:

  • eruzioni cutanee o chiazze di pelle rossa e gonfia
  • articolazioni gonfie o dolorose
  • ulcere della bocca
  • occhi rossi e irritati

Perché le eruzioni cutanee compaiono durante le riacutizzazioni?

L’infiammazione nel corpo che causa UC può anche influenzare la pelle. Questo può portare a eruzioni cutanee gonfie e dolorose.

Secondo uno studio del 2015, i problemi della pelle interessano fino al 15% delle persone con IBD, che includono persone con UC.

Il farmaco che una persona potrebbe assumere per controllare i suoi sintomi di UC può anche causare problemi di pelle.

Ridurre i problemi della pelle durante una riacutizzazione

Le persone con UC spesso hanno problemi di pelle durante le riacutizzazioni, quindi il modo migliore per gestire le condizioni della pelle relative alla UC è gestire la stessa UC.

Un medico può aiutare una persona con UC a trovare i metodi migliori per i loro sintomi e stile di vita.

Quando si verificano riacutizzazioni, quanto segue può aiutare a ridurre i problemi della pelle:

  • assunzione di corticosteroidi per ridurre l’infiammazione
  • mangiare una dieta equilibrata per promuovere la salute della pelle
  • mantenere la pelle interessata pulita per ridurre il rischio di infezione
  • coprendo l’area interessata con bende
  • prendendo antidolorifici da banco

Quando vedere un dottore

cute4

Le ulcere della bocca sono uno dei sintomi non digestivi che possono verificarsi durante una riacutizzazione della UC.

Se un disturbo della pelle è particolarmente fastidioso, è una buona idea parlare con un medico per ottenere una diagnosi corretta e il giusto trattamento.

Se le condizioni della pelle sono ricorrenti o peggiorano nel tempo, è una buona idea parlare con un medico del modo migliore per gestirle.

Possono anche aiutare una persona con UC a trovare modi per gestire la loro condizione nel suo complesso.