Rughe e perdita di capelli invertiti nei topi

Il sogno di poter preservare la nostra gioventù fisiologica ha ossessionato l’umanità per secoli, e più la scienza avanza, più otteniamo la speranza che un giorno questo sogno diventi realtà.
giovane e vecchio.jpg

Gli scienziati si stanno avvicinando alla ricerca del segreto del ringiovanimento?

La perdita dei capelli e lo sviluppo delle rughe della pelle sono qualcosa che tutti noi iniziamo a sperimentare, in misura maggiore o minore, quando invecchiamo.

Questi sintomi dell’invecchiamento sono in gran parte dettati dal declino della funzione mitocondriale all’interno delle cellule.

I mitocondri sono strutture cellulari chiave che producono adenosina trifosfato (ATP), il “carburante” che mantiene una sana funzione cellulare.

Quando i mitocondri non funzionano più correttamente o producono la quantità necessaria di ATP, ciò può avere conseguenze dannose.

Oltre a provocare la corrugazione della pelle e la perdita dei capelli, la disfunzione mitocondrialepuò contribuire allo sviluppo di molte malattie croniche.

In un recente studio, Keshav Singh – dell’Università di Alabama a Birmingham – e colleghi hanno sperimentato modi per invertire una mutazione del DNA che porta a disfunzioni mitocondriali.

In un articolo pubblicato sulla rivista Cell Death & Disease , i ricercatori riportano che, lavorando con un modello murino, hanno avuto successo nel ripristinare la funzione mitocondriale, invertendo in tal modo le rughe e la perdita di capelli osservate nei roditori.

“A nostra conoscenza, questa osservazione non ha precedenti”, afferma Singh.

La mutazione che scatena i segni dell’invecchiamento

Singh e colleghi spiegano che i cambiamenti nella funzione mitocondriale si verificano a causa di una mutazione che si verifica in un gene nucleare – un tipo di gene trovato nel nucleo delle cellule – che porta a un esaurimento del DNA mitocondriale.

Per indurre questa mutazione nel modello del topo, i ricercatori hanno usato la doxiciclina, un antibiotico che hanno aggiunto al cibo o all’acqua dei roditori. I topi che hanno ricevuto questo trattamento hanno cominciato a mostrare segni coerenti con quelli osservati nell’invecchiamento in sole 4 settimane dal suo inizio.

Ben presto, i loro capelli diventarono grigi, sperimentarono la perdita dei capelli e divennero più letargici. Entro 4-8 settimane dal trattamento, gli animali hanno anche iniziato a presentare la pelle rugosa, e questo ha colpito le femmine più gravemente di quanto non facessero i maschi.

La pelle rugosa ha mostrato il tipo di cambiamenti osservati a causa dell’invecchiamento intrinseco ed estrinseco (esterno) stressche produce danni alla pelle. I cambiamenti consistenti con l’invecchiamento estrinseco comprendevano troppe cellule della pelle, ispessimento dello strato più esterno della pelle, follicoli dei capelli malsani e aumento dell’infiammazione .

Singh e il team hanno anche notato che i topi avevano un’espressione alterata di metalloproteinasi della matrice, che sono enzimi che aiutano a sostenere le fibre di collagene che impediscono l’increspatura del tessuto cutaneo.

Un fattore reversibile?

Tuttavia, i ricercatori hanno osservato pochi cambiamenti nel tessuto di altri organi dopo aver indotto la mutazione genetica. Questo, secondo loro, suggerisce che i mitocondri svolgono un ruolo più importante nella salute del tessuto cutaneo rispetto ad altri tipi di tessuto.

Fortunatamente, gli scienziati hanno scoperto che erano in grado di invertire questi cambiamenti nei topi disattivando la mutazione genetica che avevano inizialmente indotto.

Entro un mese dopo aver interrotto il trattamento con doxiciclina, il DNA mitocondriale stava iniziando a ricostituirsi, ei topi hanno riguadagnato i capelli – nel loro colore iniziale – e le loro rughe sono state levigate.

Questo, sostiene Singh, suggerisce che la funzione mitocondriale possa essere un fattore reversibile legato all’invecchiamento della pelle e dei capelli – che, aggiunge, è un risultato “sorprendente”.

“Suggerisce che i meccanismi epigenetici alla base del cross-talk tra mitocondri e nuclei debbano svolgere un ruolo importante nel ripristino del normale fenotipo della pelle e dei capelli”, spiega Singh.

Questo modello murino dovrebbe fornire un’opportunità senza precedenti per lo sviluppo di strategie di sviluppo di farmaci preventivi e terapeutici per aumentare le funzioni mitocondriali per il trattamento della patologia associata all’invecchiamento della pelle e dei capelli e di altre malattie umane in cui la disfunzione mitocondriale gioca un ruolo significativo”.

Keshav Singh

I ricercatori sperano che ulteriori studi li aiuteranno a chiarire se procedure analoghe potrebbero, in futuro, essere utilizzate per invertire i sintomi dell’invecchiamento in altri tipi di tessuto.

Annunci

Come trattare la forfora. farmajet news

  1. Rimedi casalinghi
  2. Trattamento
  3. Le cause
  4. complicazioni
  5. Forfora nei bambini
La forfora è una condizione del cuoio capelluto che causa la comparsa di scaglie di pelle. È spesso accompagnato da prurito.

La causa esatta è sconosciuta, ma vari fattori aumentano il rischio . Non è correlato alla scarsa igiene, ma può essere più visibile se una persona non si lava o si pettina spesso.

La forfora può essere imbarazzante e difficile da trattare, ma l’aiuto è disponibile.

Fatti veloci sulla forforaEcco alcuni punti chiave sulla forfora. Maggiori dettagli sono l’articolo principale.

  • La forfora è una condizione comune, ma può essere imbarazzante e difficile da trattare.
  • Non è legato all’igiene, ma lavare e spazzolare i capelli può aiutare a rimuovere i vecchi fiocchi di pelle.
  • I fattori di rischio includono avere determinate condizioni della pelle o mediche e l’uso di prodotti per capelli inappropriati.
  • Vari trattamenti sono disponibili al banco, ma i casi più gravi dovrebbero essere visti da un medico.

Rimedi casalinghi

Il trattamento mira a fermare la forfora rallentando la riproduzione delle cellule della pelle o contrastando la produzione di lievito che potrebbe essere la causa.

La strategia dipenderà dall’età del paziente e dalla gravità della condizione. Tuttavia, ci sono alcuni cambiamenti nello stile di vita e rimedi casalinghi che possono aiutare; questi includono:

Gestire lo stress: lo stress può innescare la forfora in alcune persone, quindi gestirlo meglio può ridurre i sintomi.

Shampoo più spesso: se hai i capelli grassi e il cuoio capelluto, lavare ogni giorno può aiutare.

Luce solare: una piccola esposizione alla luce solare può essere utile.

Olio dell’albero del tè: anche se ci sono poche prove, alcune persone credono che i preparati che includono l’olio dell’albero del tè aiutano a ridurre i sintomi della forfora. Può causare reazioni allergiche in alcune persone, quindi usare cautela.

Trattamento

Shampoo e prodotti per il cuoio capelluto sono disponibili al banco nella maggior parte dei negozi e farmacie. Questi possono controllare la dermatite seborroica, ma non possono curarla.

Shampoo e preparati per il cuoio capelluto

Prima di usare uno shampoo antifungoso, gli individui dovrebbero cercare con cura di rimuovere eventuali chiazze squamose o incrostate sul cuoio capelluto, per quanto possibile, questo renderà lo shampoo più efficace.

Lo shampoo antiforfora è disponibile per trattare la forfora nella barba.

Ingredienti da tenere d’occhio

La maggior parte degli shampoo antiforfora o anti-fungini contiene almeno uno dei seguenti principi attivi:

  • Ketoconazolo : un efficace anti-fungine. Shampoo contenenti questo ingrediente possono essere utilizzati a qualsiasi età.
  • Solfuro di selenio : riduce la produzione di oli naturali dalle ghiandole del cuoio capelluto. È efficace nel trattamento della forfora.
  • Piritione di zinco : rallenta la crescita del lievito.
  • Catrame di carbone : ha un agente anti-fungine naturale. I capelli tinti o trattati possono diventare macchiati dall’uso a lungo termine. Saponi di catrame possono anche rendere il cuoio capelluto più sensibile alla luce solare, quindi gli utenti dovrebbero indossare un cappello quando fuori. Il catrame di carbone può anche essere cancerogeno in dosi elevate.
  • Acidi salicilici : aiutano il cuoio capelluto a liberarsi delle cellule della pelle. Non rallentano la riproduzione delle cellule della pelle. Molti “scrub per il cuoio capelluto” contengono acidi salicilici. A volte il trattamento può lasciare il cuoio capelluto asciutto e peggiorare la desquamazione della pelle.
  • Olio dell’albero del tè : Derivato dall’albero del tè australiano ( Melaleuca alternifolia ), molti shampoo ora includono questo ingrediente. È stato a lungo usato come anti-fungine, un antibiotico e un antisettico. Alcune persone sono allergiche ad esso.

La migliore strategia è quella di selezionare uno shampoo contenente uno di questi ingredienti e shampoo i capelli ogni giorno fino a quando la forfora è sotto controllo.

Dopo questo, possono essere usati meno frequentemente.

Può essere d’aiuto l’alternanza di shampoo antiforfora con shampoo normale. Uno shampoo specifico può smettere di essere altrettanto efficace dopo un po ‘di tempo. A questo punto, potrebbe essere una buona idea passare a uno con un altro ingrediente.

Alcuni shampoo dovrebbero essere lasciati sul cuoio capelluto per circa 5 minuti, poiché il risciacquo troppo velocemente non darà all’opera il tempo di lavorare. Altri dovrebbero essere sciacquati subito. Gli utenti dovrebbero seguire le istruzioni sul contenitore.

Le cause

Le cause esatte della forfora sono sconosciute.

Una teoria è che è legata alla produzione di ormoni, poiché spesso inizia intorno al periodo della pubertà .

Qui guardiamo a 10 ulteriori fattori possibili.

1. Dermatite seborroica

forfora

La forfora comporta scaglie di pelle che si accumulano nei capelli.

Le persone con dermatite seborroica hanno la pelle irritata e grassa e hanno maggiori probabilità di avere la forfora.

La dermatite seborroica colpisce molte aree della pelle, inclusi il dorso delle orecchie, lo sterno, le sopracciglia e i lati del naso.

La pelle sarà rossa, untuosa e coperta da squame bianche o gialle.

La dermatite seborroica è strettamente legata alla Malassezia , un fungo che normalmente vive sul cuoio capelluto e si nutre degli oli che i follicoli piliferi secernono.

Solitamente non causa problemi, ma in alcune persone diventa iperattivo, causando irritazione al cuoio capelluto e producendo ulteriori cellule della pelle.

Mentre queste cellule della pelle in più muoiono e cadono, si mescolano con l’olio dei capelli e del cuoio capelluto, formando la forfora.

2. Non abbastanza spazzolatura dei capelli

La pettinatura o la spazzolatura dei capelli riduce regolarmente il rischio di forfora, poiché favorisce il normale distacco della pelle.

3. Lievito

Le persone sensibili al lievito hanno una probabilità leggermente maggiore di forfora, quindi il lievito può avere un ruolo. La forfora è spesso peggiore durante i mesi invernali e meglio quando il clima è più caldo.

Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che la luce ultravioletta-A (UVA) del sole contrasta il lievito.

4. Pelle secca

Le persone con pelle secca hanno maggiori probabilità di avere la forfora. L’aria fredda invernale combinata con le stanze surriscaldate è una causa comune di prurito e desquamazione della pelle. La forfora che deriva dalla pelle secca tende ad avere scaglie più piccole, non grasse.

5. Shampoo e prodotti per la cura della pelle

Alcuni prodotti per la cura dei capelli possono innescare un cuoio capelluto rosso, prurito e ridimensionante. Lo shampoo frequente può causare forfora, in quanto può irritare il cuoio capelluto.

Alcune persone dicono che non abbastanza shampoo può causare un accumulo di olio e cellule morte della pelle, portando alla forfora, ma mancano prove che questo è vero.

6. Alcune condizioni della pelle

Le persone con psoriasi , eczema e altri disturbi della pelle tendono ad avere la forfora più frequentemente di altre. Tinea capitis , un’infezione fungina nota anche come tigna del cuoio capelluto , può causare la forfora.

7. Condizioni mediche

Gli adulti con malattia di Parkinson e altre malattie neurologiche sono più inclini alla forfora e alla dermatite seborroica.

Uno studio ha rilevato che tra il 30 e l’83 per cento delle persone con HIV hanno una dermatite seborroica, rispetto al 3 al 5 per cento nella popolazione generale.

I pazienti che si stanno riprendendo da un attacco di cuore o un ictus e quelli con un sistema immunitario debole possono essere più inclini alla forfora.

8. Dieta

Non consumare abbastanza alimenti che contengono zinco, vitamine del gruppo B e alcuni tipi di grassi può aumentare il rischio.

9. Stress mentale

Potrebbe esserci un collegamento tra lo stress e molti problemi della pelle.

10. Età

La forfora è più probabile dall’adolescenza fino alla mezza età, sebbene possa durare tutta la vita. Colpisce gli uomini più delle donne, probabilmente per ragioni legate agli ormoni.

complicazioni

forfora2

I casi più gravi possono indicare una condizione della pelle e devono essere visti da un medico.

Raramente ci sono complicazioni con la forfora e normalmente non è necessario consultare un medico; tuttavia, a volte la forfora può essere un segno di una condizione medica più grave.

L’aiuto medico dovrebbe essere cercato se:

  • Ci sono segni di infezione, come arrossamento, tenerezza o gonfiore.
  • La forfora è molto grave, o persiste dopo il trattamento domiciliare.
  • Ci sono segni di eczema, psoriasi o altre condizioni della pelle che il cuoio capelluto è molto prurito.

Le complicazioni sono rare con la forfora, ma possono derivare da uno dei trattamenti.

Se un trattamento con shampoo o cuoio capelluto provoca irritazione, l’individuo dovrebbe smettere di usarlo e chiedere a un farmacista di suggerirne un altro.

Una persona con un sistema immunitario indebolito, ad esempio, a causa di HIV o AIDS , dovrebbe chiedere al proprio medico di eventuali forfora.

Forfora nei bambini

forfora3

Il cappuccio della culla è una sorta di forfora che colpisce i neonati e i bambini piccoli.

I neonati e i bambini piccoli spesso hanno una sorta di forfora conosciuta come berretto culla. Ci saranno macchie gialle, untuose e squamose sul cuoio capelluto.

Appare spesso entro i primi 2 mesi dalla nascita e dura alcune settimane o mesi.

Lavare delicatamente con lo shampoo per bambini e applicare olio per bambini può aiutare a prevenire l’accumulo di scaglie.

Se vi sono segni di screpolatura o infezione della pelle, se si verificano prurito, gonfiore o sanguinamento o se si diffonde ad altre parti del corpo, è importante consultare un medico.

Nuove soluzioni per la forfora?

È in corso una ricerca sui modi per aiutare le persone con psoriasi e altre condizioni della pelle.Il tè verde ha dimostrato il potenziale per il trattamento della forfora e della psoriasi, secondo una ricerca pubblicata nel 2012. I ricercatori ritengono che una speciale formulazione in grado di penetrare la barriera impermeabile della pelle combatterà l’ eccessiva crescita cellulare, lo stress ossidativo e l’ infiammazione .

Uno studio condotto da ricercatori europei ha suggerito che l’aggiunta di anticorpi lama allo shampoo potrebbe essere una nuova strategia per combattere la forfora.

Perché i capelli diventano grigi? Farmajet news

Pubblicato da Farmajet gennaio 2018

tempo di lettura 2 minuti

Mentre ti guardi allo specchio la mattina, vedi che l’inevitabile fato ha colpito: i tuoi primi capelli grigi! Che tu sia tra i 20 ei 50 anni, i capelli grigi raggiungeranno finalmente tutti noi.
grigi 1

Quando le cellule che producono i nostri pigmenti dei capelli diventano troppo danneggiate, i capelli successivi che crescono sono grigi.

Durante la crescita dei capelli, i melanociti formano il pigmento e lo trasferiscono alle cellule progenitrici dei capelli alla base del follicolo pilifero. Queste cellule, a loro volta, si trasformano nelle varie componenti dei capelli in crescita.

Quando i nostri capelli crescono, i pigmenti vengono continuamente incorporati, il che si traduce nel nostro colore unico dei capelli. Le cellule responsabili di questo processo sono i melanociti produttori di pigmento alla base del follicolo pilifero.

Nella normale crescita dei capelli, il follicolo produce capelli ad un tasso di circa 1 centimetro al mese per diversi anni.

Ma tutte le cellule del nostro corpo diventano sempre più danneggiate durante la nostra vita, e questi melanociti alla fine vengono persi. Quando tutti i melanociti si perdono in un particolare follicolo pilifero, i successivi capelli che crescono saranno grigi o bianchi.

La biologia della crescita dei capelli è piuttosto complessa, con una moltitudine di cellule specializzate coinvolte nella struttura e nella funzione del follicolo pilifero. Gli scienziati continuano a svelare il processo di crescita e pigmentazione dei capelli umani.

Cosa controlla la pigmentazione?

Gli esseri umani hanno due diversi tipi di pigmento. L’eumelanina è responsabile per i colori nero e marrone, mentre la feomelanina è responsabile per l’arancio e il giallo.

I geni determinano la miscela di pigmenti prodotta da ciascun individuo, motivo per cui il colore dei capelli è spesso simile nelle famiglie.

I meccanismi esatti che controllano la pigmentazione non sono ancora chiari. Tuttavia, ricerche recenti indicano un’interazione finemente sintonizzata tra diverse cellule nel follicolo pilifero.

Si dice che le cellule progenitrici dei capelli rilasciano una proteina chiamata cellula staminale fattore, che è un requisito per la produzione di pigmento da parte dei melanociti. Negli studi sui topi, i ricercatori hanno dimostrato che se questa proteina è assente, il colore dei capelli è perso.

Una volta che i capelli smettono di crescere, il follicolo pilifero subisce cambiamenti strutturali drammatici ed entra in un periodo di riposo. Durante questo processo, i melanociti muoiono naturalmente.

Tuttavia, le cellule staminali dei melanociti nel follicolo pilifero normalmente producono un nuovo set di melanociti all’inizio del prossimo ciclo di crescita dei capelli.

Una volta che i nuovi capelli iniziano a crescere, questi melanociti assicurano ancora una volta che la pigmentazione è disponibile. Ma quando i melanociti sono danneggiati o assenti, i capelli che vengono prodotti non hanno colori e possono sembrare grigi o bianchi.

Crescita dei capelli dopo i danni

La ricerca ha dimostrato che i follicoli dei capelli umani che producono capelli bianchi o grigi hanno livelli più elevati di danni cellulari causati dai radicali liberi. In questi follicoli sono assenti i melanociti e le cellule staminali dei melanociti.

Nei topi, quando il DNA delle cellule staminali dei melanociti nel follicolo pilifero è stato danneggiato , ha provocato danni permanenti alle cellule. Queste cellule staminali non erano quindi in grado di riprodursi.

Senza il pool di cellule staminali, il prossimo giro di crescita dei capelli procede senza melanociti, con conseguente capelli grigi.

Sebbene non sia stato ancora possibile stabilire pienamente la causa e l’effetto durante l’invecchiamento dei capelli negli esseri umani, l’accumulo di danni nelle cellule staminali dei melanociti nel tempo porta molto probabilmente a una perdita di questa popolazione cellulare. Ogni follicolo pilifero alla fine non sarà in grado di produrre capelli colorati.

Quindi, mentre è inevitabile che tutti noi perderemo il pigmento dei capelli un giorno, perché alcuni di noi diventano grigi nei nostri anni ’20, mentre alcuni di noi si aggrappano alle nostre ciocche colorate fino ai nostri anni ’50? La ricerca del 2016 ha mostrato che gli individui con una certa variante del fattore regolatore 4 del gene interferone sono inclini a ingrigire prima.

Come con molti dei nostri altri tratti, possiamo ringraziare i nostri genitori per aver trasmesso la loro propensione ad avvicinarci a noi.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTERS DI FARMAJET