Il cancro al cervello Glioblastoma mortale si è fermato con un nuovo composto

Glioblastoma, una delle forme più letali di cancro al cervello, potrebbe aver trovato la sua nemesi. Una nuova ricerca mostra che il tumore, che è notoriamente difficile da trattare, può essere fermato da un composto sperimentale.
cancro al cervello farmajet

Una nuova ricerca mostra che un composto sperimentale può impedire la crescita di tumori cerebrali aggressivi.

Il glioblastoma è una forma particolarmente aggressiva di tumore al cervello , con un tasso mediano di sopravvivenza di 10-12 mesi.

Parte del motivo per cui i glioblastomi sono così mortali è che essi derivano da un tipo di cellula cerebrale chiamata astrociti .

Queste cellule hanno la forma di una stella, quindi quando i tumori si formano sviluppano tentacoli, il che li rende difficili da rimuovere chirurgicamente.

Inoltre, i tumori avanzano rapidamente. Questo perché gli astrociti forniscono supporto ai neuroni e controllano la quantità di sangue che li raggiunge; così, quando i tumori si formano, hanno accesso a un gran numero di vasi sanguigni, aiutando le cellule cancerose a crescere e diffondersi molto rapidamente.

Un altro motivo per cui i glioblastomi sono così difficili da trattare è il loro alto tasso di recidiva. Ciò è dovuto ad una sottopopolazione di cellule contenute nel tumore chiamato glioma cellule staminali (GSC) – un tipo di autorigenerante cancro cellule staminali che controlla la crescita dei tumori.

Subhas Mukherjee, Ph.D., ricercatore universitario di patologia presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago, Illinois, ei suoi colleghi hanno studiato il comportamento di queste cellule per alcuni anni.

Basandosi su questa ricerca precedente, Mukherjee e il team hanno ora scoperto che queste cellule contengono alti livelli di un enzima chiamato CDK5.

Bloccando questo enzima, i ricercatori mostrano nel loro nuovo studio, impedisce al glioblastoma di crescere e inibisce le capacità autorigeneranti delle GSC.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Cell Reports.

L’inibitore CDK5 blocca la crescita del tumore

La ricerca precedente che utilizzava un modello di Drosophila fly di tumori cerebrali condotti da Mukherjee e team ha rivelato che il silenziamento del gene che codifica per CDK5 diminuiva le dimensioni del tumore e il numero di GSC.

Un ulteriore screening genetico negli esseri umani con glioblastoma ha rivelato che queste persone avevano anche alti livelli dell’enzima CDK5.

Mukherjee approfondisce ulteriormente il processo di ricerca, dicendo: “Abbiamo iniziato a eseguire test nel nostro laboratorio e abbiamo scoperto che CDK5 promuove un alto livello di gambo nelle cellule, quindi proliferano e crescono di più”.

“Abbiamo isolato le cellule che erano più simili a steli e abbiamo scoperto che hanno un alto livello di CDK5 rispetto a quelli meno staminali”.

Successivamente, i ricercatori hanno applicato un inibitore CDK5 alle cellule di glioblastoma umano. Ciò ha impedito ai tumori di crescere e ha causato alla GSC la perdita di alcuni dei loro staminali, rendendo più difficile il loro rigenerarsi.

I ricercatori hanno anche testato l’efficacia di questo enzima-bloccante sui tre sottotipi principali del glioblastoma: i sottotipi neurali, classici e mesenchimali.

Di questi, l’ultimo sottotipo ha mostrato di avere livelli inferiori di CDK5, quindi in futuro questo nuovo approccio potrebbe non essere di beneficio ai pazienti con glioblastoma mesenchimale come significativamente.

Un nuovo composto può arrestare la recidiva del tumore

Mukherjee commenta come i risultati della sua e della sua squadra possano cambiare le pratiche terapeutiche per il trattamento del glioblastoma:

“Il tasso di mortalità per il glioblastoma è cambiato solo moderatamente negli ultimi 30 anni”, dice. “L’attuale farmaco, la temozolomide, è piuttosto efficace quando il tumore si ripresenta, e uno dei maggiori problemi con glioblastomi è che tendono a tornare indietro”.

Ma l’uso dell’inibitore CDK5 in combinazione con questo farmaco chemioterapico potrebbe ostacolare la crescita del tumore e impedire loro di ritornare.

“L’idea è di uccidere i resti e le cellule staminali di glioma dopo la chemioterapia”, dice Mukherjee. “Quelle sono le cellule che persistono e causano la ricorrenza.”

L’inibitore CDK5 – chiamato CP681301 – può attraversare la barriera emato-encefalica , spiega, ei risultati di questo studio suggeriscono che il composto è ideale per la creazione di nuovi farmaci.

Mukherjee sta già lavorando alla progettazione di un tale farmaco ed è fiducioso che il processo sarà abbastanza veloce. “Speriamo di generare alcuni modelli e iniziare a testare entro pochi mesi”, afferma il ricercatore.

Annunci