Inversione dell’aterosclerosi con un colpo

Una nuova ricerca dimostra che l’iniezione di nanofibre sinteticamente progettate nei topi aiuta a rompere la placca arteriosa che è una caratteristica dell’aterosclerosi.
placca.jpg

Un nuovo studio suggerisce che un’iniezione potrebbe essere in grado di ridurre la placca arteriosa (raffigurata qui).

L’aterosclerosi è una condizione in cui la placca si accumula all’interno delle arterie , irrigidendosi e infine bloccandole.

La placca è una sostanza cerosa fatta di colesterolo , grasso, frammenti di rifiuti cellulari, calcio e fibrina , una proteina insolubile che aiuta a coagulare il sangue.

Poiché la placca si accumula gradualmente all’interno delle arterie, provoca la perdita dell’elasticità delle navi, il che le rende meno efficienti nel pompare il sangue.

Inoltre, rende le pareti interne delle arterie più spesse, il che limita il flusso di ossigeno alle cellule. Nel tempo, la placca può portare a coaguli di sangue, o parti di esso possono staccare e bloccare le arterie.

Per queste ragioni, l’aterosclerosi può causare cardiopatia ischemica , angina , malattia delle arterie periferiche o malattia renale cronica , tra le altre condizioni.

Le terapie attuali per l’aterosclerosi includono l’uso di statine, che aiutano a regolare i livelli di colesterolo. Tuttavia, questi farmaci aiutano solo a tenere sotto controllo la condizione; non lo invertono

Una nuova ricerca, tuttavia, mostra che un giorno, invertire questa condizione potrebbe essere possibile. Il dottor Neel A. Mansukhani, un collega di chirurgia vascolare integrata presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago, ha condotto uno studio in cui sono state utilizzate nanofibre sinteticamente create in un modello murino di aterosclerosi.

L’iniezione ha mirato con successo l’accumulo di colesterolo e ha portato alla rottura della placca. I risultati sono stati presentati alla conferenza dell’American Heart Association Vascular Discovery: From Genes to Medicine Scientific Sessions 2018 , tenutasi a San Francisco, in California

Il trattamento riduce la placca fino all’11 percento

Il Dr. Mansukhani spiega come i ricercatori hanno deciso di progettare fibre molto piccole che contenevano particelle che rimuovono il colesterolo. “Il nostro obiettivo”, afferma, “era di sviluppare una nuova terapia non invasiva, non chirurgica, per arrestare e invertire la malattia colpendo effettivamente la parete del vaso con nanofibre a base di peptidi sviluppate in laboratorio”.

Per testare la sostanza di nuova concezione, il Dr. Mansukhani e il team hanno progettato geneticamente topi per avere aterosclerosi. Quindi, hanno posto i topi su una dieta ricca di grassi per 14 settimane.

Dopo le 14 settimane, alcuni roditori sono stati iniettati con le nanofibre e alcuni con acqua salina bisettimanale per 8 settimane.

“[F] prima di tutto volevamo confermare che la terapia mirasse effettivamente alle aree dell’aterosclerosi”, afferma il dott. Mansukhani. A tal fine, lui e il suo team hanno utilizzato tecniche di imaging per tracciare l’effetto della sostanza terapeutica nei corpi dei roditori.

Gli effetti erano evidenti dopo 24 ore, erano durati fino a 72 ore e erano completamente spariti in 7-10 giorni.

Complessivamente, alla fine del periodo di trattamento di 8 settimane, la placca nei topi maschi è diminuita dell’11% e quella delle femmine è diminuita del 9%.

[I risultati] dimostrano che una nuova nanofibra mirata si lega specificamente alle lesioni aterosclerotiche e riduce il carico di placca dopo una breve durata del trattamento.”

Dr. Neel A. Mansukhani

Nonostante questi risultati promettenti, gli autori mettono in guardia sul fatto che i risultati sono solo preliminari e che sono necessari più test prima che il metodo innovativo possa essere sperimentato negli esseri umani.

 

Farmajet consiglia il migliore integratore a base di Riso rosso fermentato e monacolina K che riduce il colesterolo cattivo. Armocolest 

ARMOCOLEST-INTEGRATORE-PER-IL-MANTENIMENTO-DEI-NORMALI-LIVELLI-DI-COLESTEROLO--30-COMPRESSE

Annunci

Potrebbe essere possibile eliminare le arterie otturate?

Potrebbe essere in arrivo una nuova sperimentazione clinica per studiare un potenziale modo di ridurre il rischio di aterosclerosi a esordio precoce.
arterie otturate

L’aterosclerosi può portare a una serie di problemi cardiovascolari.

Dopo aver valutato la ricerca precedente, un rapporto pubblicato sul Journal of American Heart Association conclude che una sperimentazione clinica potrebbe aprire la strada a un nuovo trattamento per aiutare a ridurre l’insorgenza precoce dell’aterosclerosi .

Secondo la principale autrice, la dott.ssa Jennifer G. Robinson, professore di epidemiologia e direttrice del Centro di Intervento di prevenzione presso l’Università di Iowa, nella città di Iowa, la chiave potrebbe riguardare le lipoproteine ​​B negli adulti giovani e di mezza età.

Queste proteine ​​del sangue (chiamate anche apolipoproteina B) comprendono lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) o colesterolo “cattivo” . Gli scienziati pensano che LDL e altre lipoproteine ​​B siano tra le principali cause di aterosclerosi.

Prevenire l’aterosclerosi

“Abbassarli potrebbe avere un grande impatto sul far sparire l’aterosclerosi”, afferma il dott. Robinson. “Se funziona, è possibile eliminare completamente infarti e ictus all’interno di una generazione, perché non si può avere un infarto o ictus a meno che non si abbia aterosclerosi.”

Il potenziale studio mira a determinare se sia possibile invertire l’aterosclerosi negli adulti ad alto rischio tra i 25 ei 55 anni utilizzando farmaci noti come statine e inibitori di PCSK9 per un periodo di 3 anni. Sia le statine che gli inibitori PCSK9 agiscono per abbassare il colesterolo LDL nel sangue.

“L’idea è di abbassare il colesterolo per un breve periodo di tempo, lasciare che tutto l’accumulo precoce di colesterolo si dissolva e lasciare che le arterie guariscano”, afferma il dott. Robinson, confermando che questo metodo ha avuto successo negli studi sugli animali. “Quindi i pazienti potrebbero dover essere ri-trattati ogni decennio o due se l’aterosclerosi inizia a svilupparsi di nuovo.”

Una volta che sai cosa causa qualcosa, puoi inventare un martello ed eliminarlo. Non siamo i primi a pensare a questa idea, sarebbe lo studio culminante di decenni di ricerca di migliaia di persone”.

Dr. Jennifer G. Robinson

Il Dott. Robinson continua, “Ma sono entusiasta di questo, e penso che sia davvero il momento di perseguire questa ipotesi.”

In che modo l’aterosclerosi influisce sulla tua salute

L’aterosclerosi, in cui la placca si accumula nelle arterie, può impedire al sangue ricco di ossigeno di viaggiare attraverso i vasi sanguigni per rifornire il resto del corpo.

La placca è composta da diverse sostanze nel sangue, come grasso, colesterolo e calcio . Nel corso del tempo, questa placca inizia a indurirsi e quando lo fa, restringe le arterie.

Ciò significa che una persona non riceve tanto sangue ricco di ossigeno quanto necessario, il che può avere gravi conseguenze, inclusi infarti e ictus. Può anche portare alla morte.

Ci sono alcuni fattori di rischio per l’aterosclerosi che le persone possono provare a controllare se stessi, compresi i livelli di colesterolo nel sangue malsano. Alti livelli di LDL e bassi livelli di lipoproteine ​​ad alta densità, o “buoni”, colesterolo sono tra le principali cause della malattia.

Altri fattori di rischio includono l’ ipertensione , il fumo, l’ insulino-resistenza , il diabete , il sovrappeso e la mancanza di attività fisica. Una dieta non salutare può anche essere un fattore, in particolare per le persone che mangiano molti cibi ad alto contenuto di grassi saturi, grassi trans, colesterolo, sodio e zucchero.

Potenziali limiti di studio

Sarebbe auspicabile un nuovo modo di combattere l’aterosclerosi a esordio precoce, soprattutto perché le malattie cardiache sono così diffuse e una delle principali cause di morte per le persone negli Stati Uniti. I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) rilevano che circa 1 su 4 decessi sono il risultato di una malattia cardiaca.

Tuttavia, il Dr. John Wilkins, cardiologo e assistente professore alla Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago, Illinois, che ha condotto studi sulle lipoproteine ​​B ma non è stato coinvolto in questo studio, pensa che potrebbe essere difficile convincere gli adulti sani a prendere farmaci per tenere a bada l’aterosclerosi

Egli osserva inoltre che questo tipo di sperimentazione clinica può essere difficile da fare in quanto comporterebbe il monitoraggio delle persone per 20 o 30 anni, il che potrebbe rivelarsi difficile.

Nel complesso, lo studio è promettente e, come afferma il dott. Robinson, potrebbe portare a grandi cambiamenti nel modo in cui i medici e i loro pazienti combattono le malattie cardiache in futuro. Ridurre o eliminare l’aterosclerosi nelle persone è un obiettivo eccellente, e mentre una sperimentazione clinica non è ancora iniziata, è sicuramente un buon punto di partenza.

Farmajet consiglia per eliminare il colesterolo cattivo Armocolest

ARMOCOLEST-INTEGRATORE-PER-IL-MANTENIMENTO-DEI-NORMALI-LIVELLI-DI-COLESTEROLO--30-COMPRESSE.jpg

Inversione dell’aterosclerosi con un colpo

Una nuova ricerca dimostra che l’iniezione di nanofibre sinteticamente progettate nei topi aiuta a rompere la placca arteriosa che è una caratteristica dell’aterosclerosi.
aterosclerosi farmajet

Un nuovo studio suggerisce che un’iniezione potrebbe essere in grado di ridurre la placca arteriosa (raffigurata qui).

L’aterosclerosi è una condizione in cui la placca si accumula all’interno delle arterie , irrigidendosi e infine bloccandole.

La placca è una sostanza cerosa fatta di colesterolo , grasso, frammenti di rifiuti cellulari, calcio e fibrina , una proteina insolubile che aiuta a coagulare il sangue.

Poiché la placca si accumula gradualmente all’interno delle arterie, provoca la perdita dell’elasticità delle navi, il che le rende meno efficienti nel pompare il sangue.

Inoltre, rende le pareti interne delle arterie più spesse, il che limita il flusso di ossigeno alle cellule. Nel tempo, la placca può portare a coaguli di sangue, o parti di esso possono staccare e bloccare le arterie.

Per queste ragioni, l’aterosclerosi può causare cardiopatia ischemica , angina , malattia delle arterie periferiche o malattia renale cronica , tra le altre condizioni.

Le terapie attuali per l’aterosclerosi includono l’uso di statine, che aiutano a regolare i livelli di colesterolo. Tuttavia, questi farmaci aiutano solo a tenere sotto controllo la condizione; non lo invertono

Una nuova ricerca, tuttavia, mostra che un giorno, invertire questa condizione potrebbe essere possibile. Il dottor Neel A. Mansukhani, un collega di chirurgia vascolare integrata presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago, ha condotto uno studio in cui sono state utilizzate nanofibre sinteticamente create in un modello murino di aterosclerosi.

L’iniezione ha mirato con successo l’accumulo di colesterolo e ha portato alla rottura della placca. I risultati sono stati presentati alla conferenza dell’American Heart Association Vascular Discovery: From Genes to Medicine Scientific Sessions 2018 , tenutasi a San Francisco, in California.

Il trattamento riduce la placca fino all’11 percento

Il Dr. Mansukhani spiega come i ricercatori hanno deciso di progettare fibre molto piccole che contenevano particelle che rimuovono il colesterolo. “Il nostro obiettivo”, afferma, “era di sviluppare una nuova terapia non invasiva, non chirurgica, per arrestare e invertire la malattia colpendo effettivamente la parete del vaso con nanofibre a base di peptidi sviluppate in laboratorio”.

Gli autori spiegano che le piccole fibre contengono una sequenza chiave di amminoacidi che scioglie il colesterolo.

Per testare la sostanza di nuova concezione, il Dr. Mansukhani e il team hanno progettato geneticamente topi per avere aterosclerosi. Quindi, hanno posto i topi su una dieta ricca di grassi per 14 settimane.

Dopo le 14 settimane, alcuni roditori sono stati iniettati con le nanofibre e alcuni con acqua salina bisettimanale per 8 settimane.

“[F] prima di tutto volevamo confermare che la terapia mirasse effettivamente alle aree dell’aterosclerosi”, afferma il dott. Mansukhani. A tal fine, lui e il suo team hanno utilizzato tecniche di imaging per tracciare l’effetto della sostanza terapeutica nei corpi dei roditori.

Gli effetti erano evidenti dopo 24 ore, erano durati fino a 72 ore e erano completamente spariti in 7-10 giorni.

Complessivamente, alla fine del periodo di trattamento di 8 settimane, la placca nei topi maschi è diminuita dell’11% e quella delle femmine è diminuita del 9%.

[I risultati] dimostrano che una nuova nanofibra mirata si lega specificamente alle lesioni aterosclerotiche e riduce il carico di placca dopo una breve durata del trattamento.”

Dr. Neel A. Mansukhani

Nonostante questi risultati promettenti, gli autori mettono in guardia sul fatto che i risultati sono solo preliminari e che sono necessari più test prima che il metodo innovativo possa essere sperimentato negli esseri umani.

Potrebbe il caffè fermare le arterie intasate?

Un nuovo studio offre ancora più prove del fatto che il caffè è buono per noi, dopo aver scoperto che consumare più di tre tazze di caffè ogni giorno può ridurre il rischio di aterosclerosi, che è un importante fattore di rischio per le malattie cardiache.
caffe1

I ricercatori suggeriscono che bere almeno tre tazze di caffè al giorno possa giovare alla salute del cuore dei non fumatori.

Se semplicemente non puoi affrontare la giornata senza la tua tazza di caffè, non sei solo.

Infatti, più della metà di noi beve caffè ogni giorno, consumando in media tre tazze.

La maggior parte di noi gode del caffè per una spinta mentale, ma gli scienziati scoprono che c’è molto di più nella bevanda rispetto al cervello.

Uno studio condotto da Medical News Today lo scorso anno, ad esempio, ha collegato il consumo di caffè a una riduzione del 70% delle patologie epatiche, mentre altre ricerche hanno collegato la bevanda a un minor rischio di infarto e ictus .

Il nuovo studio – che è stato recentemente pubblicato sul Journal of American Heart Association – suggerisce inoltre che il caffè può proteggere la salute del nostro cuore.

Condotto da ricercatori dell’Università di San Paolo in Brasile, lo studio rivela che bere almeno tre tazze di caffè al giorno può ridurre il rischio di arterie ostruite o aterosclerosi .

L’aterosclerosi è una condizione causata da un accumulo di placca nelle arterie. Questo accumulo può restringere le arterie e limitare il flusso sanguigno, che può portare a malattie cardiache e ictus.

La placca comprende un numero di sostanze presenti nel sangue, una delle quali è il calcio .

Secondo i ricercatori dello studio – tra cui Dirce M. Marchioni, della Scuola di sanità pubblica dell’Università di San Paolo – pochi studi hanno indagato su come il caffè influenzi l’accumulo di calcio nelle arterie coronarie e coloro che hanno osservato questa associazione hanno prodotto risultati contraddittori.

Caffè benefico, ma solo per i non fumatori

Per esplorare ulteriormente questo collegamento, Marchioni e colleghi hanno analizzato i dati di 4.426 adulti – in media 50 anni – che vivevano a San Paolo, in Brasile.

Hanno usato un questionario sulla frequenza del cibo per determinare la quantità di caffè consumata da ogni soggetto. Sono stati divisi in tre gruppi sulla base di questi risultati: meno di una tazza di caffè al giorno, da una a tre tazze al giorno e più di tre tazze al giorno.

Tutti i soggetti sono stati sottoposti anche a una TAC , che è stata utilizzata per valutare l’accumulo di calcio nelle loro arterie coronarie.

Rispetto agli adulti che hanno consumato meno di una tazza o da una a tre tazze di caffè al giorno, quelli che hanno consumato almeno tre tazze al giorno hanno meno probabilità di mostrare calcificazione coronarica nelle loro scansioni CT.

Tuttavia, dopo l’aggiustamento, i ricercatori hanno scoperto che questa associazione era significativa solo per gli adulti che non avevano mai fumato. Infatti, i non fumatori che consumavano almeno tre tazze di caffè al giorno avevano un rischio inferiore del 63 per cento di calcificazione coronarica.

Per i fumatori precedenti o attuali, bere caffè sembrava non avere benefici per l’accumulo di calcio.

“È possibile che gli effetti deleteri del fumo possano sopraffare i benefici del consumo di caffè sulle lesioni cardiovascolari iniziali”, ipotizza il team, “quindi questo impatto del caffè può verificarsi solo in persone che non hanno mai fumato”.

I ricercatori osservano che, poiché il loro studio è osservativo, non può provare causa ed effetto tra il consumo di caffè e l’accumulo di calcio.

Tuttavia, suggeriscono che il consumo regolare di caffè potrebbe avere implicazioni cliniche per la salute del cuore.

Commentando i loro risultati, Marchioni e colleghi scrivono:

“I nostri risultati suggeriscono che il consumo di caffè potrebbe esercitare un potenziale effetto benefico contro la calcificazione coronarica e il rischio cardiovascolare [malattia cardiovascolare], in particolare nei non fumatori.”

Cosa c’è da sapere sull’aterosclerosi?

L’aterosclerosi è una condizione in cui le arterie si restringono e si induriscono a causa di un accumulo di placca intorno alla parete dell’arteria.

È anche noto come malattia vascolare arteriosclerotica.

La malattia interrompe il flusso di sangue intorno al corpo, ponendo il rischio di gravi complicazioni. Questo articolo del Knowledge Center di MNT spiegherà come e perché si sviluppa l’aterosclerosi, nonché i suoi sintomi e trattamenti.

Cos’è l’aterosclerosi?

atero1

Le arterie portano il sangue dal cuore. Il danno al rivestimento cellulare causa l’aterosclerosi.

L’aterosclerosi è il restringimento delle arterie dovuto all’accumulo di placca sulle pareti delle arterie.

Le arterie trasportano il sangue dal cuore al resto del corpo. Sono allineati con un sottile strato di cellule che li mantiene lisci e permettono al sangue di fluire facilmente. Questo è chiamato endotelio.

L’aterosclerosi inizia quando l’endotelio si danneggia, permettendo al tipo dannoso di colesterolo di accumularsi nella parete dell’arteria.

Il corpo invia un tipo di globuli bianchi per pulire questo colesterolo, ma, a volte, le cellule rimangono bloccate nel sito interessato.

Nel corso del tempo, si può accumulare la placca, fatta di colesterolo, macrofagi, calcio e altre sostanze dal sangue.

A volte, la placca cresce di una certa dimensione e smette di crescere, causando l’individuo senza problemi. Tuttavia, a volte, la placca intasa l’arteria, interrompendo il flusso di sangue intorno al corpo. Ciò rende più probabile la formazione di coaguli di sangue, che possono comportare condizioni potenzialmente letali.

In alcuni casi, la placca alla fine si apre. Se ciò accade, le piastrine si riuniscono nell’area interessata e possono aderire insieme formando coaguli di sangue. Questo può bloccare l’arteria, portando a complicazioni potenzialmente letali, come ictus e infarto .

La condizione può interessare l’intero albero dell’arteria, ma colpisce principalmente le arterie più grandi e ad alta pressione.

Sintomi

I primi segni di aterosclerosi possono iniziare a svilupparsi durante l’adolescenza, con striature di globuli bianchi che appaiono sulla parete dell’arteria. Molto spesso, non ci sono sintomi fino a quando una placca non si rompe, o il flusso sanguigno è molto limitato. Questo in genere richiede molti anni per verificarsi.

I sintomi dipendono da quali arterie sono interessate.

Arterie carotidi

Le arterie carotidi forniscono sangue al cervello. Un afflusso di sangue limitato può causare un ictus e una persona può manifestare una serie di sintomi a causa dell’aterosclerosi in quest’area, tra cui:

  • debolezza
  • respirazione difficoltosa
  • mal di testa
  • intorpidimento facciale
  • paralisi

Arterie coronarie

atero2

Il dolore al petto può essere un sintomo di aterosclerosi che colpisce gli articoli coronarici.

Le arterie coronarie forniscono sangue al cuore. Quando l’apporto di sangue al cuore è limitato, può causare angina e infarto.

I sintomi includono:

  • vomito
  • ansia estrema
  • dolore al petto
  • tosse
  • sentirsi svenire

Arterie renali

Le arterie renali forniscono sangue ai reni. Se l’afflusso di sangue si riduce, c’è un serio rischio di sviluppare una malattia renale cronica .

La persona con blocco dell’arteria renale può sperimentare:

  • perdita di appetito
  • gonfiore delle mani e dei piedi
  • difficoltà di concentrazione

Trattamento

Trattare l’aterosclerosi è importante per prevenire le complicanze.

Le opzioni di trattamento comprendono cambiamenti nello stile di vita, vari farmaci e interventi chirurgici. Tuttavia, è importante che un medico diagnostichi correttamente l’aterosclerosi per assicurarsi che le arterie siano riportate alla piena capacità.

Diagnosi

Coloro che sono a rischio di sviluppare aterosclerosi dovrebbero essere testati perché i sintomi non mostrano fino a che si sviluppa la malattia cardiovascolare. Una diagnosi sarà basata sulla storia medica, i risultati dei test e un esame fisico.

Altri test includono:

Analisi del sangue

Questi misurano quanti zuccheri, grassi e proteine ​​ci sono nel sangue. Se ci sono alti livelli di grassi e zuccheri, potrebbe indicare un aumento del rischio di aterosclerosi.

Esame fisico

Il medico ascolterà le arterie usando uno stetoscopio per vedere se c’è un insolito suono “sibilante” a causa del flusso sanguigno irregolare. Se questo è sentito, può significare che c’è una placca che ostruisce il flusso sanguigno.

Potrebbe anche esserci un polso molto debole sotto l’area dell’arteria che si è ristretta. A volte, non c’è un impulso rilevabile.

Un arto interessato può avere una pressione arteriosa anormalmente bassa .

Potrebbe esserci un rigonfiamento pulsante dietro il ginocchio o nell’addome, a indicare la presenza di un aneurisma .

Dove il flusso di sangue è limitato, le ferite possono anche non guarire correttamente. Il medico può verificare questo tipo di ferita.

Ultrasuoni: uno scanner ad ultrasuoni può controllare la pressione del sangue in parti distinte del corpo. I cambiamenti di pressione indicano dove le arterie possono avere un flusso sanguigno ostruito.

TAC: può essere usato per trovare arterie che sono indurite e ristrette.

Coloro che sono a rischio di sviluppare aterosclerosi sarà probabilmente detto dal loro medico di cambiare il loro stile di vita e mantenere un peso sano. In alcuni casi, il trattamento può includere farmaci o interventi chirurgici.

Opzioni di trattamento

La gamma di trattamenti per l’aterosclerosi comprende:

Cambiamenti nello stile di vita: si concentrano sulla gestione del peso, sull’attività fisica e su una dieta sana. Un medico può raccomandare di mangiare cibi ricchi di fibre solubili e limitare l’assunzione di grassi saturi, sodio e alcol.

Farmaci: i farmaci antipiastrinici possono prevenire l’accumulo di placca o aiutare a prevenire la formazione di coaguli di sangue. Altri, come le statine, potrebbero essere prescritti per abbassare il colesterolo e gli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) possono aiutare a ridurre la pressione sanguigna.

Chirurgia: i casi gravi di aterosclerosi possono essere trattati con procedure chirurgiche, come l’angioplastica o l’innesto di bypass delle arterie coronarie (CABG).

L’angioplastica comporta l’espansione dell’arteria e l’apertura del blocco in modo che il sangue possa scorrere di nuovo correttamente. CABG è un’altra forma di intervento chirurgico che può migliorare il flusso di sangue al cuore utilizzando arterie da altre parti del corpo per bypassare un’arteria coronaria ristretta.

Prevenzione

Prevenire lo sviluppo di aterosclerosi è uno dei modi migliori per trattare la condizione.

I passaggi per limitare il rischio di accumulo di placca includono:

Dieta: cercare di evitare i grassi saturi, aumentano i livelli di colesterolo cattivo. I seguenti alimenti sono ricchi di grassi insaturi e possono aiutare a mantenere bassi i livelli di colesterolo cattivo:

  • olio d’oliva
  • avocado
  • Noci
  • pesce grasso
  • noccioline
  • semi

Esercizio: l’ esercizio migliorerà i livelli di forma fisica, abbasserà la pressione sanguigna e aiuterà la perdita di peso.

Non fumare: il fumo è uno dei principali fattori di rischio per l’aterosclerosi e aumenta anche la pressione sanguigna. I fumatori dovrebbero smettere il più presto possibile e organizzare un incontro con il proprio medico sui modi per rinunciare e gestire i sintomi di astinenza.

Le cause

Alcuni fattori possono danneggiare l’area interna dell’arteria e portare all’aterosclerosi.

Questi fattori includono:

  • alta pressione sanguigna
  • alti livelli di colesterolo
  • fumo
  • alti livelli di zucchero nel sangue

Arteriosclerosi vs. aterosclerosi

L’arteriosclerosi e l’aterosclerosi sono condizioni diverse.

  • L’arteriosclerosi è l’irrigidimento o indurimento delle pareti delle arterie.
  • L’aterosclerosi è il restringimento dell’arteria a causa dell’accumulo di placca. L’aterosclerosi è un tipo specifico di arteriosclerosi.

Tutte le persone con aterosclerosi hanno l’arteriosclerosi, ma quelle con arteriosclerosi potrebbero non avere necessariamente aterosclerosi. Tuttavia, i due termini sono frequentemente utilizzati con lo stesso significato.

complicazioni

L’aterosclerosi può portare a complicanze gravi e di lunga durata.

Si può contribuire direttamente alla coronarico, carotideo, e periferico malattie cardiache . Nella malattia coronarica , le arterie vicino al cuore si restringono. La malattia dell’arteria carotidea colpisce le arterie vicino al cervello nello stesso modo, e la malattia delle arterie periferiche colpisce l’apporto di sangue agli arti.

Questi possono portare a una serie di complicazioni pericolose, tra cui :

  • Malattie cardiache e insufficienza cardiaca: Il cuore potrebbe non essere in grado di pompare abbastanza sangue intorno al corpo o non riempire con sufficienti livelli di sangue.
  • Attacco cardiaco: si tratta di un’emergenza medica in cui la fornitura di sangue si blocca. Può essere pericolosa per la vita.
  • Insufficienza renale: i reni possono smettere di funzionare se non ricevono abbastanza sangue.
  • Aneurisma: questa è una condizione grave in cui le pareti di un rigonfiamento dell’arteria, a volte scoppiano e causano sanguinamento interno potenzialmente fatale.
  • Ictus: un ictus è un’emergenza medica in cui viene bloccato l’apporto di sangue al cervello, affamando il cervello di ossigeno. Questo può uccidere le cellule cerebrali.
  • Aritmia: l’ aterosclerosi può portare a ritmi cardiaci e palpitazioni anomali.

Fattori di rischio

Alcune persone hanno un rischio più elevato di sviluppare la condizione. Questi includono

  • Diabete: gli individui con diabete scarsamente controllato e frequentemente alti livelli di glucosio nel sangue hanno maggiori probabilità di sviluppare l’aterosclerosi.
  • Genetica: le persone che hanno un genitore o fratello con aterosclerosi e malattie cardiovascolari hanno un rischio molto più elevato di sviluppare aterosclerosi rispetto ad altri.
  • Inquinamento atmosferico: l’ esposizione all’inquinamento atmosferico sembra aumentare il rischio di accumulo di colesterolo nelle arterie coronarie.

Le persone esposte a questi fattori di rischio dovrebbero prestare particolare attenzione a mantenere una dieta povera di grassi e povera di sodio ed evitare l’assunzione di tabacco.

Farmajet consiglia Armocolest 

ARMOCOLEST-INTEGRATORE-PER-IL-MANTENIMENTO-DEI-NORMALI-LIVELLI-DI-COLESTEROLO--30-COMPRESSE