I Comprovati benifici dell’integratore Aglio puro Biodisponibile.

L’aglio ( Allium sativum ), è ampiamente usato come condimento in cucina, ma è stato anche usato come medicina nella storia antica e moderna; è stato preso per prevenire e curare una vasta gamma di condizioni e malattie.

L’aglio appartiene al genere Allium ed è strettamente legato alla cipolla , al rakkyo (una cipolla trovata in Asia), allo scalogno, all’erba cipollina, al porro e allo scalogno. È stato usato dall’uomo per migliaia di anni ed è stato usato nell’Antico Egitto sia per scopi culinari che per i suoi benefici sulla salute e terapeutici.

Questo articolo esaminerà i potenziali benefici per la salute dell’aglio e coprirà tutte le ricerche che supportano le affermazioni.

Fatti veloci su aglio

  • In molti paesi, l’aglio è stato usato in medicina per secoli.
  • L’aglio può avere una serie di benefici per la salute, sia crudi che cotti.
  • Può avere significative proprietà antibiotiche .

Storia

aglio foto.jpg

Ci sono molte indicazioni mediche sull’aglio.

L’aglio è stato usato in tutto il mondo per migliaia di anni. Le registrazioni indicano che l’aglio era in uso quando furono costruite le piramidi di Giza, circa 5.000 anni fa.

Richard S. Rivlin scrisse nel Journal of Nutrition che l’antico medico greco Ippocrate (circa il 460-370 aC), noto oggi come “il padre della medicina occidentale”, prescriveva l’aglio per una vasta gamma di condizioni e malattie. Ippocrate promuoveva l’uso dell’aglio per il trattamento di problemi respiratori, parassiti, cattiva digestione e affaticamento .

Agli atleti olimpici originari dell’Antica Grecia è stato dato l’aglio, probabilmente il primo esempio di agenti che migliorano le prestazioni utilizzati negli sport.

Dall’antico Egitto, l’aglio si diffuse alle antiche civiltà antiche della Valle dell’Indo (Pakistan e India occidentale oggi). Da lì, è arrivato in Cina.

Secondo gli esperti di Kew Gardens, il centro botanico reale d’eccellenza inglese, le persone dell’antica India apprezzarono le proprietà terapeutiche dell’aglio e pensarono anche che fosse un afrodisiaco. Le classi superiori evitavano l’aglio perché disprezzavano il suo forte odore, mentre i monaci, “… le vedove, gli adolescenti e coloro che avevano preso un voto o stavano digiunando, non potevano mangiare aglio a causa della sua qualità stimolante”.

Nel corso della storia in Medio Oriente, Asia orientale e Nepal, l’aglio è stato usato per trattare bronchiti , ipertensione ( pressione alta ), tubercolosi , disturbi del fegato, dissenteria , flatulenza , coliche , vermi intestinali, reumatismi, diabete e febbri .

Il francese, lo spagnolo e il portoghese introdussero l’aglio nel nuovo mondo.

usi

Attualmente, l’aglio è ampiamente utilizzato per diverse condizioni legate al sistema sanguigno e al cuore, tra cui l’ aterosclerosi (indurimento delle arterie), colesterolo alto , infarto , malattia coronarica e ipertensione .

L’aglio è usato anche oggi da alcune persone per la prevenzione del cancro del polmone , del cancro alla prostata , del cancro al seno , del cancro allo stomaco , del cancro del retto e del cancro del colon .

È importante aggiungere che solo alcuni di questi usi sono supportati dalla ricerca.

Uno studio pubblicato sulla rivista Food and Chemical Toxicology ha avvertito che il riscaldamento a breve termine riduce gli effetti antinfiammatori degli estratti di aglio crudo fresco. Questo potrebbe essere un problema per alcune persone che non amano o non tollerano il gusto e / o l’odore dell’aglio fresco.

Benefici

Di seguito sono riportati alcuni esempi di alcuni studi scientifici pubblicati su riviste accademiche sui benefici terapeutici (o meno) dell’aglio.

AGLIO PURO BIODISPONIBILE 

AGLIO-PURO-BIODISPONIBILE-50-CAPSULE-DA-500-MG.jpg

Rischio di cancro polmonare

Le persone che hanno mangiato aglio crudo almeno due volte a settimana durante il periodo di studio di 7 anni hanno avuto un rischio inferiore del 44 per cento di sviluppare il cancro del polmone, secondo uno studio condotto presso il Centro Provinciale per il controllo e la prevenzione delle malattie in Cina.

I ricercatori, che hanno pubblicato il loro studio sulla rivista Cancer Prevention Research , hanno effettuato interviste faccia a faccia con 1.424 pazienti con cancro del polmone e 4.543 individui sani. Gli è stato chiesto della loro dieta e stile di vita, comprese le domande sul fumo e quanto spesso hanno mangiato l’aglio.

Gli autori dello studio hanno scritto: “L’associazione protettiva tra l’assunzione di aglio crudo e il cancro ai polmoni è stata osservata con un pattern dose-risposta, suggerendo che l’aglio può potenzialmente servire come agente chemioterapico per il cancro del polmone.”

Cancro al cervello

I composti di zolfo e organo trovati nell’aglio sono stati identificati come efficaci nel distruggere le cellule nei glioblastomi , un tipo di tumore cerebrale mortale .

Scienziati della Medical University of South Carolina hanno riportato sulla rivista Cancer che tre composti organici di zolfo dell’aglio – DAS, DADS e DATS – “hanno dimostrato efficacia nell’eradicazione delle cellule di cancro al cervello, ma DATS si è dimostrato il più efficace”.

Il co-autore, Ray Swapan, Ph.D., ha dichiarato: “Questa ricerca mette in evidenza la grande promessa dei composti originari di piante come medicina naturale per il controllo della crescita maligna delle cellule tumorali del cervello umano.Inoltre sono necessari ulteriori studi su modelli animali di tumori cerebrali applicazione di questa strategia terapeutica ai pazienti con tumore al cervello. “

Osteoartrite dell’anca

Le donne le cui diete erano ricche di vegetali di allium avevano livelli più bassi di osteoartrite , una squadra del King’s College di Londra e l’Università di East Anglia, entrambe in Inghilterra, riportavano nella rivista BMC Musculoskeletal Disorders . Esempi di verdure all’alleum comprendono aglio, porri, scalogni, cipolle e rakkyo.

Gli autori dello studio hanno detto che i loro risultati non solo hanno evidenziato il possibile impatto della dieta sugli esiti dell’osteoartrite, ma hanno anche dimostrato il potenziale per l’utilizzo di composti che esistono nell’aglio per sviluppare trattamenti per la condizione.

Lo studio a lungo termine, che ha coinvolto più di 1.000 gemelli sane, ha scoperto che coloro le cui abitudini alimentari includevano molta frutta e verdura, “in particolare gli alliums come l’aglio”, avevano meno segni di artrosi precoce nell’articolazione dell’anca.

Potenzialmente un potente antibiotico

Il solfuro di diallile, un composto nell’aglio, era 100 volte più efficace di due antibiotici popolari nel combattere il batterio Campylobacter , secondo uno studio pubblicato sul Journal of Antimicrobial Chemotherapy .

Il batterio Campylobacter è una delle cause più comuni di infezioni intestinali.

L’autore senior, il dottor Xiaonan Lu, della Washington State University, ha dichiarato: “Questo lavoro è molto eccitante per me perché dimostra che questo composto ha il potenziale per ridurre i batteri che causano malattie nell’ambiente e nel nostro approvvigionamento alimentare”.

Protezione del cuore

aglio cuore.jpg

L’aglio può contenere sostanze chimiche protettive per il cuore.

Il trisolfuro di diallile, un componente dell’olio di aglio, aiuta a proteggere il cuore durante la chirurgia cardiaca e dopo un infarto, i ricercatori della Scuola di Medicina della Emory University hanno scoperto. Credono anche che il diallil trisolfuro potrebbe essere usato come trattamento per l’ insufficienza cardiaca .

È stato dimostrato che il gas idrogeno solforato protegge il cuore dai danni.

Tuttavia, è un composto volatile e difficile da erogare come terapia.

Per questo motivo, gli scienziati hanno deciso di concentrarsi sul diallil trisolfuro, un componente dell’olio di aglio, come un modo più sicuro per fornire i benefici dell’idrogeno solforato al cuore.

In esperimenti con topi da laboratorio, il team ha scoperto che, dopo un infarto, i topi che avevano ricevuto diallil solfuro avevano il 61% in meno di danni cardiaci nell’area a rischio, rispetto ai topi non trattati.

In un altro studio, pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry , gli scienziati hanno scoperto che l’olio d’aglio può aiutare a proteggere i pazienti diabetici dalla cardiomiopatia.

La cardiomiopatia è la principale causa di morte tra i pazienti diabetici. È una malattia cronica del miocardio (muscolo cardiaco), che è anormalmente ispessita, ingrossata e / o irrigidita.

Il team ha alimentato i ratti da laboratorio diabetici con olio d’aglio o olio di mais. Coloro che hanno nutrito l’olio all’aglio hanno sperimentato significativamente più cambiamenti associati alla protezione contro i danni al cuore, rispetto agli animali che sono stati nutriti con olio di mais.

Gli autori dello studio hanno scritto: “In conclusione, l’olio d’aglio possiede un potenziale significativo per proteggere i cuori dalla cardiomiopatia indotta dal diabete”.

Gli studi sull’uomo dovranno essere eseguiti per confermare i risultati di questo studio.

Colesterolo alto e alta pressione sanguigna

I ricercatori dell’Università di Ankara hanno studiato gli effetti della supplementazione di estratto di aglio sul profilo lipidico (grasso) del sangue dei pazienti con colesterolo alto nel sangue. Il loro studio è stato pubblicato sul Journal of Nutritional Biochemistry .

Lo studio ha coinvolto 23 volontari, tutti con colesterolo alto; 13 di loro avevano anche la pressione alta. Sono stati divisi in due gruppi:

  • Il gruppo normoteso ad alto contenuto di colesterolo ( pressione arteriosa normale ).
  • Il gruppo ipertensivo di colesterolo alto (alta pressione sanguigna).

Hanno preso supplementi di estratto di aglio per 4 mesi e sono stati regolarmente controllati per i parametri lipidici del sangue, così come la funzionalità dei reni e del fegato.

Alla fine dei 4 mesi, i ricercatori hanno concluso che “… l’integrazione con estratti di aglio migliora il profilo lipidico del sangue, rafforza il potenziale antiossidante del sangue e provoca una significativa riduzione della pressione sanguigna sistolica e diastolica e porta ad una diminuzione del livello di ossidazione prodotto (MDA) nei campioni di sangue, che dimostra una riduzione delle reazioni di ossidazione nel corpo. “

In altre parole, i supplementi dell’estratto di aglio riducevano i livelli di colesterolo alto e anche la pressione sanguigna nei pazienti con ipertensione. Gli scienziati hanno aggiunto che il loro era un piccolo studio – è necessario più lavoro da svolgere.

Cancro alla prostata

I medici del Dipartimento di Urologia, Cina-Giappone Friendship Hospital, Pechino, Cina, hanno condotto uno studio per valutare la relazione tra il consumo di verdure di Allium e il rischio di cancro alla prostata.

Hanno raccolto e analizzato gli studi pubblicati fino a maggio 2013 e hanno riportato i loro risultati sull’Asia Pacific Journal of Cancer Prevention .

Gli autori dello studio hanno concluso che “le verdure di Allium, in particolare l’assunzione di aglio, sono correlate a un ridotto rischio di cancro alla prostata”.

Il team ha anche commentato che, poiché non ci sono molti studi rilevanti, ulteriori studi prospettici ben disegnati dovrebbero essere effettuati per confermare i loro risultati.

Danno epatico alcol-indotto

Le lesioni epatiche indotte dall’alcol sono causate dal consumo eccessivo a lungo termine di bevande alcoliche.

Scienziati dell’Istituto di Tossicologia della School of Public Health dell’Università di Shandong, in Cina, volevano determinare se il diallil disulfide (DADS), un composto di organosulfuro derivato dall’aglio, potesse avere effetti protettivi contro lo stress ossidativo indotto dall’etanolo .

Il loro studio è stato pubblicato su Biochimica et Biophysica Acta .

I ricercatori hanno concluso che il DADS potrebbe aiutare a proteggere dalle lesioni epatiche indotte dall’etanolo.

Consegna pretermine (prematura)

Infezioni microbiche durante la gravidanza aumentano il rischio di parto prematuro da parte di una donna. Gli scienziati della Divisione di Epidemiologia, Istituto norvegese per la salute pubblica, hanno studiato l’impatto che gli alimenti potrebbero avere sulle infezioni antimicrobiche e sul rischio di parto pretermine.

Lo studio e i suoi risultati sono stati pubblicati sul Journal of Nutrition .

Ronny Myhre e colleghi si sono concentrati sugli effetti di Allium e frutta secca, perché una ricerca in letteratura aveva identificato questi due alimenti come indicanti la più grande promessa per ridurre il rischio di parto pretermine.

Il team ha studiato l’assunzione di frutta secca e Alliums tra 18.888 donne nella coorte norvegese di madre e figlio, di cui il 5% (950) è stato sottoposto a PTD spontanea (parto prematuro).

Gli autori dello studio hanno concluso che “l’assunzione di alimenti con composti antimicrobici e prebiotici può essere importante per ridurre il rischio di PTD spontanea, in particolare l’aglio era associato a un rischio generale di PTD spontaneo inferiore”.

Aglio e il comune raffreddore

Un gruppo di ricercatori della St. Joseph Family Medicine Residency, Indiana, ha condotto uno studio dal titolo “Trattamento del raffreddore comune nei bambini e negli adulti”, pubblicato su American Family Physician .

Hanno riferito che “l’uso profilattico dell’aglio può ridurre la frequenza del raffreddore negli adulti, ma non ha alcun effetto sulla durata dei sintomi”. Uso profilattico significa usarlo regolarmente per prevenire la malattia.

Sebbene ci sia qualche ricerca per suggerire che l’aglio crudo abbia i maggiori benefici, altri studi hanno esaminato l’apporto complessivo di allium, sia crudo che cotto, e hanno trovato benefici. Pertanto, è possibile gustare l’aglio in vari modi per coglierne i vantaggi.

Annunci

Aglio puro biodisponibile che cos’e’ e a cosa serve.

E’ un integratore alimentare a base di aglio utile per regolare la funzionalità dell’apparato cardiovascolare, di supporto al metabolismo dei trigliceridi e del colesterolo. E’ inoltre utile per le fluidità delle secrezioni bronchiali, per il benessere di naso e gola per la funzione digestiva.

I monoconcentrati racchiudono e conservano tutte le sostanze funzionali presenti nella pianta da cui si ricavano, rendendole disponibili in una forma dall’uso semplice e pratico.

I nostri prodotti non contengono coloranti, conservanti, aromi artificiali, OGM, glutine, lattosio, allergeni. Sono di origine vegetale e adatti a vegetariani. Sono prodotti in laboratori certificati; gli estratti sono naturali e titolati, la concentrazione del principio attivo è garantito da analisi.

Senza glutine, senza lattosio, vegan approved, vegetarian V-Caps.

Proprietà aglio:

I composti caratteristici del bulbo d’Aglio sono rappresentati da una complessa serie di sostanze solforate. Nel bulbo integro i composti solforati sono rappresentati principalmente dall’alliina (85%) e, in misura minore, dalla isoalliina (5%) e dalla metiina (10%), completamente inodori. Quando il tessuto vegetale del bulbo viene spezzettato, contuso o altrimenti processato, dai succhi vacuolari viene rilasciato l’enzima alliinasi (alliina liasi) che rapidamente trasforma i tre composti nei rispettivi acidi sulfenici, responsabili del caratteristico odore dell’Aglio.

Le attività biologiche ed i più noti impieghi clinici descritti per l’Allium sativum sono:

– Attività ipolipemizzante ed antiaterogena. I benefici dell’Allium sativum nella riduzione del rischio cardiovascolare sono stati oggetto di numerosi studi condotti nel corso degli ultimi vent’anni e riassunti in diverse metanalisi e rassegne bibliografiche, le quali hanno esaminato in maniera critica il potenziale della pianta nei diversi settori terapeutici. In particolare, i dati clinici sull’efficacia ipocolesterolemizzante dell’Allium sativum sembrano essere di entità relativamente modesta; molto più interessanti appaiono invece le evidenze relative all’impiego della droga nella prevenzione della malattia aterosclerotica e delle sue complicanze. È noto da tempo che un supplemento dietetico di Aglio riduce l’iperlipemia e rallenta lo sviluppo delle placche aterosclerotiche indotte sperimentalmente nell’animale con una dieta aterogena.

L’Aglio, soprattutto in seguito ad un uso protratto e continuativo, sembra essere un efficace supporto nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, anche alla luce di una presunta correlazione fra l’uso abbondante di Aglio nella dieta mediterranea e la ridotta incidenza di ipercolesterolemia e cardiopatia ischemica osservata nei Paesi del Sud-Europa. Proprio allo scopo di verificare se l’Aglio normalmente impiegato nei cibi mantiene gli effetti medicinali riscontrati per la droga, uno studio ha indagato l’effetto sul metabolismo lipidico di quattro estratti di Aglio (droga in polvere, Aglio bollito per 20 minuti, estratto acquoso ed estratto acquoso di Aglio bollito).

L’effetto ipolipemizzante dell’estratto totale di Aglio e quello di allicina, ajoene, metilajoene e vinilditiine presi isolatamente non differiscono in modo significativo, e ciò sta a significare che il miglior effetto sul quadro lipidico si ha somministrando l’estratto totale della droga titolato in allicina o in alliina.

– Attività antiipertensiva. L’Aglio è utilizzato anche per la sua attività antiipertensiva. L’attività è stata per anni riferita ad un effetto vasodilatatore periferico che certamente può contribuire alla riduzione della pressione arteriosa sistolica e diastolica: l’azione vasodilatatrice è mediata da una inibizione dell’adenosina deaminasi a livello dell’endotelio vascolare con un potenziamento dell’effetto miorilassante della stessa adenosina endogena. Recentemente, però, è stato dimostrato che l’Aglio ha anche attività diuretica e natriuretica nel coniglio e probabilmente questa attività incide sull’azione ipotensiva dell’Aglio più dell’effetto vasodilatatore.

– Attività antiaggregante piastrinica ed antitrombotica. Il fitocomplesso di Aglio e diversi suoi costituenti mostrano di possedere attività antiaggregante piastrinica in vitro ed in vivo. L’Aglio ha anche attività profibrinolitica ed emoreologica. Anche se molti composti presenti nell’Aglio hanno attività antiaggregante piastrinica, l’attenzione dei ricercatori è stata rivolta soprattutto agli ajoeni, composti che inibiscono l’aggregazione piastrinica indotta da diversi agenti e bloccano la liberazione del contenuto dei corpi densi e degli α-granuli piastrinici.

– Diabete. L’estratto di Allium sativum sembrerebbe svolgere un’azione protettiva a livello pancreatico, in particolare sulle beta-cellule. Il trattamento con estratto di Aglio in ratti resi sperimentalmente diabetici con streptozocina, riduceva la glicemia in modo simile a quello ottenibile con la glibenclamide ed aumentava i livelli di insulina. Tale risultato, non osservato in ratti normali, sembra dovuto in parte alla stimolazione della secrezione insulinica dalle cellule beta-pancreatiche e in parte all’attività antilipoperossidante della droga. Ciò suggerisce che gli estratti di Aglio possono costituire un buon fitoterapico da tenere in considerazione per il paziente diabetico come anche per il paziente che presenti i primi segni di una sindrome metabolica.

– Altre attività. Fra le altre attività dell’Aglio, è stato segnalato un effetto antiaritmico nel cane ed una protezione del miocardio nei confronti di ischemie sperimentali. Inoltre, è stata identificata una buona attività dell’Aglio nei confronti dell’Helicobacter pylori, agente corresponsabile in alcune situazioni dell’ulcera gastroduodenale; una attività dell’ajoene su alcuni mcroorganismi Gram-positivi, quali il Bacillus cereus, il Bacillus subtilis, il Mycobacterium smegmatis, Streptomyces griseus, lo Staphylococcus aureus ed il Lactobacillus plantarum, e Gram-negativi, quali l’Escherichia coli, la Klebsiella pneumoniae e lo Xanthomonas maltophilia; una buona efficacia dell’ajoene nelle infezioni micotiche del piede (Tinea pedis), dell’orecchio (otomicosi) e del cavo orale. Ancora, l’Aglio possiede una buona attività antisettica, che può risultare utile in caso di infezioni delle vie respiratorie. È certo che i composti solforati sono da sempre conosciuti come antibatterici, ed anche che la loro struttura tiosulfinata è importante per questa loro azione. Altra interessante attività dell’Allium sativum, per la quale viene impiegato dalla medicina tradizionale, è una buona attività antielmintica, utile nelle infestazioni intestinali da ascaridi ed ossiuri.

Modo d’uso:

Si consiglia di assumere da 2 a 4 capsule al giorno dopo i pasti, con abbondante acqua.

Ingredienti:

Aglio (Allium sativum L.) bulbo estratto secco tit. 1% in allina; involucro: capsula in gelatina vegetale (idrossi-propil-metilcellulosa); agenti di carica: cellulosa; agente antiagglomerante: sali di magnesio degli acidi grassi.

Tenori medi per dose massima giornaliera:

Aglio e.s. 1312 mg, pari ad allina 13,12 mg.

Modalità di conservazione:

Conservare in luogo fresco ed asciutto, al riparo dalla luce. La data di fine validità si riferisce al prodotto correttamente conservato, in confezione integra.

Avvertenze:

Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini di età inferiore a 3 anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano.