I migliori alimenti per combattere il cancro

Nessun alimento protegge completamente le persone contro il cancro. Il termine alimenti che combattono il cancro si riferisce agli alimenti che possono ridurre il rischio di sviluppare il cancro se una persona li aggiunge alla loro dieta.

Questo articolo esamina i migliori alimenti che combattono il cancro e spiega la scienza che supporta queste affermazioni.

Gli alimenti che contengono composti presenti in natura che hanno potenti proprietà antitumorali includono:

Mele

mela e cancro.jpg

Le mele contengono proprietà antitumorali che possono anche aiutare a prevenire l’infiammazione, le malattie cardiovascolari e le infezioni.

La frase “una mela al giorno toglie il medico di torno” in realtà suona abbastanza vero. Le mele contengono polifenoli che hanno proprietà antitumorali promettenti.

I polifenoli sono composti a base vegetale che possono prevenire l’ infiammazione , le malattie cardiovascolari e le infezioni.

Alcune ricerche suggeriscono che i polifenoli possiedono proprietà antitumorali e antitumorali.

Ad esempio, il polifenolo di phloretin inibisce una proteina chiamata glucosio trasportatore 2 (GLUT2) svolge un ruolo nella crescita cellulare in stadio avanzato in alcuni tipi di cancro .

Uno studio del Journal of Food and Drug Analysis del 2018 suggerisce che la phloretin di mela inibisce significativamente la crescita delle cellule di cancro al seno , mentre non influenza le cellule normali.

Frutti di bosco

Le bacche sono ricche di vitamine , minerali e fibre alimentari. Gli scienziati hanno mostrato un grande interesse per le bacche a causa delle loro proprietà antiossidanti e dei potenziali benefici per la salute.

Uno studio mostra che l’antocianina, che è un composto nelle more, abbassa i biomarcatori per il cancro del colon .

Un altro studio dimostra che gli effetti antinfiammatori dei mirtilli possono impedire la crescita di tumori al seno nei topi.

Verdure crocifere

Verdure crocifere, come broccoli, cavolfiori e cavoli , contengono nutrienti benefici, tra cui vitamina C, vitamina K e manganese.

Le verdure crocifere contengono anche sulforafano, un composto vegetale con proprietà antitumorali.

Uno studio mostra che il sulforafano inibisce in modo significativo la crescita delle cellule tumorali e stimola la morte cellulare nelle cellule di cancro del colon.

Un altro studio mostra che il sulforafano in combinazione con la genisteina, un composto presente nella soia, può inibire significativamente lo sviluppo e le dimensioni del tumore del tumore al seno . Il sulforafano inibisce anche l’istone deacetilasi, un enzima con legami con lo sviluppo del cancro.

Una revisione raccomanda da 3 a 5 porzioni di verdure crocifere a settimana per i migliori effetti di prevenzione del cancro.

Carote

carote.jpg

Le carote contengono elevate quantità di beta-carotene, che possono prevenire alcuni tipi di cancro.

Le carote contengono diversi nutrienti essenziali tra cui vitamina K, vitamina A e antiossidanti.

Le carote contengono anche elevate quantità di beta-carotene , che è responsabile per il distinto colore arancione.

Studi recenti rivelano che il beta-carotene svolge un ruolo vitale nel sostenere il sistema immunitario e può prevenire certi tipi di cancro.

Una revisione di otto studi mostra che il beta-carotene ha legami con una riduzione del rischio di cancro al seno e alla prostata .

Un’altra analisi mostra che un maggiore consumo di carote comporta un rischio inferiore del 26 per cento di sviluppare il cancro allo stomaco .

Pesce grasso

Il pesce grasso, tra cui salmone, sgombro e acciughe, è ricco di nutrienti essenziali, come la vitamina B, il potassio e gli acidi grassi omega-3 .

Uno studio ha scoperto che le persone la cui dieta era alta nei pesci d’acqua dolce avevano un rischio inferiore del 53 per cento per il cancro del colon-retto rispetto a quelle a basso contenuto di pesce d’acqua dolce.

Un altro studio ha rilevato che il consumo di olio di pesce in età avanzata ha legami con il rischio significativamente più basso di cancro alla prostata.

Infine, uno studio successivo a 68.109 persone ha scoperto che le persone che hanno assunto integratori di olio di pesce almeno quattro volte alla settimana avevano il 63% in meno di probabilità di sviluppare il cancro del colon rispetto a chi non lo faceva.

Noci

Secondo l’ American Institute for Cancer Research , tutte le noci esibiscono proprietà anti-cancro, ma gli scienziati hanno studiato le noci più di altri tipi di noci.

Le noci contengono una sostanza chiamata pedunculagina, che il corpo metabolizza in urolitine. Le uroliti sono composti che si legano ai recettori degli estrogeni e possono svolgere un ruolo nella prevenzione del cancro al seno.

In uno studio su animali , i topi che ricevevano noci intere e olio di noci avevano livelli più alti di geni che sopprimevano il tumore rispetto ai topi che ricevevano olio vegetale.

Legumi

legumi.jpg

I legumi sono ricchi di fibre, che possono aiutare a ridurre il rischio di sviluppare un cancro.

I legumi, come fagioli, piselli e lenticchie, sono ricchi di fibre, che possono aiutare a ridurre il rischio di sviluppare un cancro.

Una meta-analisi di 14 studi mostra un’associazione tra maggiore consumo di legumi e minor rischio di cancro del colon-retto.

Un altro studio esamina la relazione tra l’assunzione di fibre di fagioli e il rischio di cancro al seno.

I risultati dello studio indicano che le persone che mangiavano diete ricche di fibre di fagioli avevano il 20% in meno di probabilità di sviluppare il cancro al seno rispetto a coloro che non soddisfacevano l’assunzione giornaliera di fibre.

Integratori e farmaci

Sebbene gli alimenti sopra elencati siano prodotti di uso quotidiano e prontamente disponibili, alcune persone potrebbero non voler apportare significativi cambiamenti nella dieta o nello stile di vita. In questo caso, ci sono molti supplementi e farmaci disponibili che contengono composti antitumorali.

Le vitamine A, C ed E sono notevoli per le loro proprietà antitumorali e sono disponibili come integratori nei principali negozi di alimentari.

La maggior parte dei composti a base vegetale elencati in questo articolo, come la phloretin, l’antocianina e il sulforafano, vengono in forma di pillola.

Farmaci da banco, come l’ aspirina e l’ibuprofene, possono anche ridurre il rischio di cancro in alcune persone.

Parla sempre con un medico prima di iniziare un nuovo trattamento farmacologico o un regime di integrazione.

Porta via

La ricerca sulla prevenzione del cancro attraverso la dieta è ancora nelle fasi iniziali e richiede ulteriori test. Gli scienziati hanno effettuato la maggior parte degli studi menzionati nelle cellule o nei topi.

Tuttavia, è importante ricordare che una dieta equilibrata ricca di frutta fresca, verdura e grassi buoni porterà benefici alla salute generale.

Annunci

Un’iniezione potrebbe uccidere il cancro

Gli scienziati che stanno sperimentando un trattamento innovativo per il cancro hanno escogitato un’iniezione mirata che ha già eliminato con successo tumori nei topi.
siringa.jpg

Potrebbe un colpo somministrato direttamente a un tumore solido segnare la fine del cancro?

La ricerca che ha escogitato trattamenti più efficaci per tutti i tipi di cancro è stata abbondante negli ultimi anni, offrendo sempre nuove speranze.

Alcuni degli esperimenti più recenti includono l’utilizzo di nanotecnologie all’avanguardia per scovare i microtumori, ingegnerizzare i microbi per contrastare le cellule cancerose e far morire di fame i tumori maligni.

L’ultimo studio, della Stanford University School of Medicine in California, ha studiato il potenziale di un altro approccio: iniettare quantità “minute” di due agenti che stimolano la risposta immunitaria del corpo direttamente in un tumore solido maligno .

Finora, i loro studi sui topi si sono dimostrati efficaci. “Quando usiamo questi due agenti insieme”, spiega l’autore dello studio senior Dr. Ronald Levy, “vediamo l’eliminazione dei tumori su tutto il corpo”.

Questo approccio ignora la necessità di identificare i target immunitari specifici del tumore e non richiede l’attivazione all’ingrosso del sistema immunitario o la personalizzazione delle cellule immunitarie di un paziente.”

Dr. Ronald Levy

Inoltre, i ricercatori hanno motivo di credere in una traiettoria più rapida verso studi clinici per questo metodo, dal momento che uno degli agenti coinvolti è già stato approvato per l’uso in terapia umana, mentre l’altro è già sotto sperimentazione clinica per il trattamento del linfoma .

risultati dello studio sono stati pubblicati ieri sulla rivista Science Translational Medicine .

‘Applicazione una tantum’ di formula

Il Dott. Levy è specializzato nell’impiego dell’immunoterapia, che è un tipo di trattamento in cui la risposta immunitaria dell’organismo è migliorata in modo che possa colpire le cellule tumorali – per combattere il linfoma o il cancro del sistema linfatico.

Esistono diversi tipi di immunoterapia, compresi alcuni che potenziano l’intero sistema immunitario del corpo e altri che sono molto più mirati. Ma, notano i ricercatori, sono tutti accompagnati da avvertimenti.

Possono avere effetti collaterali problematici, richiedere molto tempo o essere semplicemente troppo costosi. Il metodo del team, tuttavia, ha probabilmente maggiori benefici, anche al di là della sua potenziale efficacia come trattamento.

“Il nostro approccio utilizza un’applicazione unica di piccolissime quantità di due agenti per stimolare le cellule immunitarie solo all’interno del tumore stesso”, spiega il dott. Levy. Questo metodo può “insegnare” alle cellule immunitarie come combattere contro quel tipo specifico di cancro, che quindi permette loro di migrare e distruggere tutti gli altri tumori esistenti.

Sebbene il ruolo del sistema immunitario sia quello di rilevare ed eliminare corpi estranei dannosi, molti tipi di cellule cancerose sono in grado di eludere il rilevamento in modi complessi, che consente loro di crescere e diffondersi.

Un tipo di globuli bianchi chiamati cellule T svolgono un ruolo vitale nel regolare la risposta immunitaria del corpo. Normalmente, le cellule T mirano e combattono i tumori del cancro, ma troppo spesso le cellule tumorali imparano a “ingannarli” e a sfuggire alla risposta immunitaria.

Efficace contro molti tipi di cancro

Nel nuovo studio, il dottor Levy e il suo team hanno consegnato microgrammi di due agenti specifici in un sito di tumore duro in ciascuno dei topi affetti. Gli agenti in questione erano:

  • CigG oligonucleotide, un breve tratto di DNA sintetico che potenzia la capacità delle cellule immunitarie di esprimere un recettore chiamato OX40, che si trova sulla superficie delle cellule T
  • un anticorpo che si lega al recettore, attivando le cellule T

Una volta che le cellule T sono attivate, alcune di loro migrano verso altre parti del corpo, “dando la caccia” e distruggendo altri tumori.

È importante sottolineare che il dott. Levy e i suoi colleghi osservano che questo metodo potrebbe essere utilizzato per indirizzare un numero di diversi tipi di cancro; in ogni caso, le cellule T “impareranno” ad affrontare il tipo specifico di cellule tumorali a cui sono state esposte.

In laboratorio, gli scienziati hanno prima applicato questo metodo al modello murino di linfoma e 87 su 90 topi sono diventati liberi dal cancro. Negli altri tre casi, i tumori si sono ripresentati, ma sono scomparsi quando i ricercatori hanno somministrato il trattamento una seconda volta.

Allo stesso modo sono stati osservati risultati positivi nel modello murino di cancro al seno, al colon e alla pelle . Inoltre, anche i topi geneticamente modificati per sviluppare il cancro al seno spontaneamente hanno risposto bene a questo metodo di trattamento.

“Un approccio mirato”

Tuttavia, quando gli scienziati hanno trapiantato due diversi tipi di tumore del cancro – linfoma e cancro del colon – nello stesso animale ma iniettando solo la formula sperimentale in un sito di linfoma, i risultati sono stati contrastanti.

Tutti i tumori del linfoma sono diminuiti, ma lo stesso non si è verificato per il tumore del colon, confermando che le cellule T imparano solo a gestire le cellule tumorali che si trovavano nelle loro immediate vicinanze prima dell’iniezione.

Come continua il dottor Levy, “Questo è un approccio molto mirato: solo il tumore che condivide i bersagli proteici visualizzati dal sito trattato è interessato: stiamo attaccando obiettivi specifici senza dover identificare esattamente quali proteine ​​le cellule T stanno riconoscendo”.

Attualmente, il team sta preparando una sperimentazione clinica per testare l’efficacia di questo trattamento nelle persone con linfoma di basso grado. Il dott. Levy spera che, se la sperimentazione clinica avrà successo, sarà in grado di estendere questa terapia praticamente a qualsiasi tipo di tumore del cancro negli esseri umani.

“Non penso che ci sia un limite al tipo di tumore che potremmo potenzialmente trattare, purché sia ​​stato infiltrato dal sistema immunitario”, conclude il dott. Levy.

Un Farmaco Anti Micotico uccide le cellule tumorali dormienti del colon-retto.

Il cancro colorettale è il quarto tipo di cancro più comunemente diagnosticato negli Stati Uniti. Sebbene siano disponibili vari trattamenti per questo, alcune cellule tumorali sono resistenti alla terapia. Ora, la ricerca suggerisce che un farmaco antifungino può essere efficace contro queste cellule persistenti.
capsule farmajet

Può itraconazolo, un farmaco antifungino, eliminare le cellule tumorali resistenti alla terapia e arrestare la progressione del tumore?

Il farmaco itraconazolo viene in genere utilizzato nel trattamento delle infezioni fungine.

Questi possono includere alcuni tipi di lievito vaginale ( candidosi vulvovaginale ) e infezioni fungine sulle mani e sui piedi ( Tinea pedis e Tinea manuum ).

Ma i ricercatori del Cambridge Institute del Cancer Research UK hanno suggerito un uso nuovo di zecca per questa sostanza – vale a dire, come trattamento in grado di eliminare le cellule tumorali dormienti nel cancro del colon-retto .

Questo è uno dei tipi di cancro più comuni negli Stati Uniti e si stima che 140.250 persone apprenderanno di avere questa malattia nel 2018, secondo il National Cancer Institute (NCI).

“Una delle maggiori sfide nel trattamento di qualsiasi tipo di tumore è la diversità delle diverse cellule all’interno dello stesso tumore”, spiega l’autore co-conduttore Dr. Simon Buczacki, che ha partecipato al nuovo studio per studiare l’effetto di itraconazolo sulle cellule tumorali del colon-retto dormienti.

In questo studio, prosegue, il team “ha preso di mira un tipo di cellula che giace addormentata nei tumori dell’intestino, rimanendo insensibile al trattamento e mettendo il paziente a rischio che il tumore ritorni”.

In esperimenti condotti su topi, il Dr. Buczacki e il team hanno scoperto che il farmaco antifungino può essere in grado di innescare la morte di un tipo di cellule cancerose del colon-retto tipicamente immuni al trattamento.

Queste cellule tumorali si trovano in uno stato di inattività, o “dormienza”, quindi non rispondono alle solite terapie, come la chemioterapia , che mirano e distruggono le cellule tumorali attive.

Quindi, anche se un trattamento è efficace nel distruggere la maggior parte delle cellule maligne, queste unità dormienti rimarranno inalterate, mettendo la persona a rischio di avere una recidiva del cancro in seguito.

Itraconazolo blocca la progressione del tumore

Nello studio – i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Experimental Medicine – i ricercatori hanno lavorato con tumori del cancro coltivati ​​in modelli di cancro del colon-retto.

Prima di tutto, si sono concentrati sull’individuazione di quali vie di segnalazione erano coinvolte nel controllo della dormienza cellulare nel caso di tumori cancerosi. Hanno visto che, per il cancro del colon-retto, ci sono due percorsi : Wnt e ” riccio “.

Quindi, hanno testato l’efficacia di vari farmaci su questi due percorsi, ed è stato allora che hanno notato il potenziale terapeutico di itraconazolo.

Il Dr. Buczacki e il team hanno scoperto che itraconazolo interferiva con il percorso Wnt, che ha portato all’eliminazione delle cellule dormienti e bloccato la crescita del tumore.

“La cosa interessante è che questo farmaco sembra dare il calcio alle cellule dormienti e non dormienti”, osserva il dottor Buczacki.

“Costringe le cellule a ritornare in un breve ciclo di crescita”, spiega, “prima di sbattere su un pulsante irreversibile di” stop “, entrando in un fermo permanente che è noto come senescenza.”

Seguendo questi risultati promettenti, il team vorrebbe eventualmente testare l’efficacia di questo farmaco negli studi clinici, su pazienti con carcinoma del colon-retto in fase avanzata.

Un altro passo sarebbe quello di accertare se itraconazolo sarebbe più efficace da solo o utilizzato in terapia combinata, somministrato insieme ad altri farmaci.

Il prof. Greg Hannon – direttore del Cambridge Institute del Cancer Research UK – commenta la scoperta, definendo la ricerca uno “studio innovativo” che “ha compiuto un passo avanti nell’affrontare una delle maggiori sfide nella ricerca sul cancro”.

“La presenza di cellule tumorali dormienti resistenti ai farmaci è un problema in molti tipi di cancro”, dice.

Se troviamo modi per indirizzare queste cellule nel cancro dell’intestino, potrebbe fornire intuizioni per affrontare il problema delle cellule tumorali dormienti più in generale”.

Prof. Greg Hannon