Un nuovo vaccino potrebbe spazzare via l’acne. Farmajet news

Quasi tutti avranno a che fare con l’acne durante la loro adolescenza, e molti di noi continuano a combattere questo problema della pelle fino all’età adulta. L’acne può causare molto disagio psicologico, ma ci sono poche terapie rapide ed efficaci per affrontarlo. Verrà introdotto un nuovo vaccino per sradicare questo problema?
donna con acne.jpg

È disponibile un vaccino per l’acne?

L’acne vulgaris, o semplicemente l’acne, è una condizione della pelle che colpisce la maggior parte, se non tutti, gli adolescenti.

A volte può persistere nell’età adulta. Inoltre, cicatrici da acne possono durare a lungo.

La ricerca ha dimostrato che l’acne persistente non solo provoca disagio, ma anche disagio psicologico; le persone diventano consapevoli del proprio aspetto e si preoccupano di come ciò possa influire sui loro rapporti sociali.

Alcuni dei trattamenti più comuni per l’acne includono antibiotici e retinoidi, che sono un tipo di composto chimico che aiuta a mantenere la salute della pelle e l’aspetto.

Tuttavia, i ricercatori spiegano che questi trattamenti tradizionali non sono sempre efficaci e possono causare ulteriori effetti indesiderati – i meno gravi dei quali includono pelle secca e irritazione.

“Le attuali opzioni di trattamento spesso non sono efficaci o tollerabili per gran parte dell’85% degli adolescenti e più di 40 milioni di adulti negli Stati Uniti che soffrono di questa condizione infiammatoria cutanea multifattoriale”, spiega il ricercatore Chun-Ming Huang, dell’Università di California, San Diego.

“Terapie nuove, sicure ed efficienti sono assolutamente necessarie”, aggiunge. Questo è esattamente ciò a cui lui e il suo team hanno lavorato di recente.

Un vaccino per indirizzare le tossine dell’acne?

In un nuovo studio – i cui risultati sono ora disponibili nel Journal of Investigative Dermatology – Huang e colleghi spiegano il loro processo nello sviluppo di un vaccino efficace e sicuro per curare l’acne.

I ricercatori sono stati in grado di stabilire – per la prima volta in assoluto – di poter combattere la tossina secreta dai batteri coinvolti nelle eruzioni acneiformi con un anticorpo dedicato. Questo metodo, aggiungono, ha anche contribuito a ridurre l’infiammazione legata all’acne.

Come notano nel loro articolo, un batterio chiamato Propionibacterium acnes (comunemente indicato come Cutibacterium acnes ) produce una tossina chiamata fattore Christie-Atkins-Munch-Peterson (CAMP). Il fattore CAMP, mostrano, è in gran parte responsabile dell’infiammazione nelle lesioni dell’acne.

Lavorando sia con un modello murino che con cellule della pelle raccolte dall’uomo, i ricercatori hanno testato l’efficacia di un insieme di anticorpi monoclonali – un tipo di cellula immunitaria – contro il fattore CAMP.

Finora, gli sforzi dei ricercatori hanno mostrato risultati promettenti e gli anticorpi si sono dimostrati efficaci contro le proprietà che inducono l’infiammazione della tossina.

“Una volta convalidato da una sperimentazione clinica su vasta scala”, spiega Huang, “il potenziale impatto delle nostre scoperte è enorme per le centinaia di milioni di individui che soffrono di acne vulgaris”.

‘Una strada interessante da esplorare’

In un editoriale pubblicato accanto al documento di studio, Emmanuel Contassot – dell’Università di Zurigo in Svizzera – spiega come i vaccini per l’acne potrebbero essere più sicuri e più efficaci dei trattamenti esistenti.

Tali vaccini, scrive, avrebbero “[indirizzo] un bisogno medico insoddisfatto”. Allo stesso tempo, avverte che “le immunoterapie per l’acne che prendono di mira i fattori influenzati da P. acnesdevono essere cautamente progettate per evitare disturbi indesiderati del microbioma che garantisce l’omeostasi della pelle [autoregolazione]”.

In altre parole, i vaccini dovrebbero garantire che l’equilibrio batterico sulla pelle non sia influenzato, dal momento che alcuni filamenti batterici aiutano effettivamente a proteggere la salute generale della pelle. Tuttavia, incoraggia ulteriori sforzi per creare trattamenti migliori e più mirati per l’acne.

Indipendentemente dal fatto che i vaccini con fattore CAMP influenzino più sottotipi di P. acnes e altri commensali deve essere determinato, ma l’immunoterapia da acne presenta comunque una strada interessante da esplorare”.

Emmanuel Contassot

Annunci

Quindici rimedi casalinghi per l’acne

Molti rimedi casalinghi possono aiutare a migliorare le macchie e le piaghe da acne di una persona. Home rimedi per l’acne includono creme e gel a base di erbe dolci, oli essenziali, integratori naturali e alcuni semplici cambiamenti di stile di vita.

L’acne si sviluppa quando i pori si ostruiscono o sono infetti da batteri. L’acne è la condizione della pelle più comune in Italia, che colpisce circa l’ 80 per cento delle persone nella loro vita.

Le persone possono usare specifici rimedi casalinghi per aiutare a bilanciare i livelli di olio della pelle, ridurre l’ infiammazione , uccidere i batteri e prevenire futuri sblocchi dell’acne.

Al momento, non ci sono molte prove scientifiche per dimostrare l’efficacia della maggior parte dei rimedi casalinghi. In questo articolo, discutiamo le prove attuali di alcuni dei rimedi domestici che le persone potrebbero trovare utili.

rimedi casalinghi per l’acne

Alcuni dei rimedi domestici più popolari per l’acne riguardano l’uso di estratti di erbe naturali, molti dei quali professionisti della medicina tradizionale hanno usato per centinaia di anni.

Di seguito, discutiamo i migliori rimedi casalinghi per l’acne, quello che dice la ricerca e i cambiamenti dello stile di vita che possono aiutare.

1. Olio dell’albero del tè

albero del te

L’applicazione di olio di tea tree sulla pelle può aiutare a ridurre il gonfiore e il rossore.

L’olio dell’albero del tè è un antibatterico e antinfiammatorio naturale, il che significa che potrebbe uccidere P. acnes , i batteri che causano l’acne.

Proprietà anti-infiammatorie dell’olio dell’albero del tè significa che può anche ridurre il gonfiore e il rossore dei brufoli .

Uno studio di revisione del 2015 ha esaminato le prove esistenti per l’olio dell’albero del tè e l’acne. I ricercatori hanno scoperto che i prodotti a base di olio di tea tree possono ridurre il numero di piaghe da acne nelle persone con acne lieve o moderata.

Questo studio ha suggerito che l’olio dell’albero del tè può funzionare bene come il 5% di perossido di benzoile, che è un comune farmaco da banco (OTC).

Come usare l’olio dell’albero del tè

Le persone possono applicare l’estratto dell’albero del tè alla loro acne in creme, gel o oli essenziali. Se le persone usano oli essenziali, prima diluirli sempre in un olio vettore.

Una gamma di prodotti a base di olio di tea tree è disponibile online Farmajet consiglia TEA tree oil puro dell’ Australia .

TEA-TREE-OLIO-ESSENZIALE-PURO-CONCENTRATO-20-ML

 

2. Olio di jojoba

L’olio di jojoba è una sostanza naturale e cerosa, estratta dai semi dell’arbusto di jojoba.

Le sostanze cerose nell’olio di jojoba possono aiutare a riparare la pelle danneggiata, il che significa che può anche aiutare a velocizzare la guarigione delle ferite, comprese le lesioni dell’acne.

Alcuni dei composti nell’olio di jojoba possono aiutare a ridurre l’infiammazione della pelle, il che significa che può ridurre il rossore e il gonfiore intorno a brufoli, punti bianchi e altri punti infiammati.

In uno studio del 2012 , i ricercatori hanno dato a 133 persone maschere di argilla che contenevano olio di jojoba. Dopo 6 settimane di utilizzo delle maschere da 2 a 3 volte alla settimana, le persone hanno riportato un miglioramento del 54% nella loro acne.

Come usare l’olio di jojoba

Prova a mescolare l’olio essenziale di jojoba con una maschera per il viso in gel, crema o argilla e applicala all’acne. Altrimenti, mettere alcune gocce di olio di jojoba su un batuffolo di cotone e strofinare delicatamente su piaghe da acne.

Le persone possono comprare olio di jojoba nei negozi di salute o online .

3. Aloe vera

L’aloe vera è un antibatterico e antinfiammatorio naturale, il che significa che può ridurre la comparsa di acne e prevenire l’acne.

L’aloe vera contiene molta acqua ed è un’ottima crema idratante, quindi è particolarmente indicata per le persone che prendono la pelle secca da altri prodotti anti-acne.

In uno studio del 2014 , i ricercatori hanno somministrato alle persone con gel da lieve a moderata l’aloe vera gel e la crema tretinoina, che è un comune rimedio contro l’acne OTC, da usare per 8 settimane.

I partecipanti hanno riportato un miglioramento significativo dell’acne infiammatoria e non infiammatoria rispetto a chi ha usato solo il gel alla tretinoina.

Come usare il gel di aloe vera

Prova a pulire le piaghe dell’acne e poi applica uno strato sottile di crema o gel con almeno il 10% di contenuto di aloe vera.

Altrimenti, le persone possono idratare con gel o creme che contengono aloe vera. Questi sono disponibili per l’acquisto da negozi di salute o online .

4. Miele

Il miele è stato usato per trattare le condizioni della pelle, come l’acne, per migliaia di anni. Contiene molti antiossidanti che possono aiutare a eliminare rifiuti e detriti dai pori ostruiti.

I medici usano il miele nelle medicazioni per ferite a causa delle sue proprietà antibatteriche e cicatrizzanti.

Come usare il miele

Usando un dito pulito o un batuffolo di cotone, strofina un po ‘di miele nei brufoli. Altrimenti, aggiungi il miele a una maschera del viso o del corpo.

5. Aglio

Molti professionisti della medicina tradizionale usano l’aglio per trattare le infezioni e aumentare la capacità del corpo di combattere i germi e le infezioni.

L’aglio contiene composti organosulfur, che hanno effetti antibatterici e antinfiammatori naturali. Composti organosulfur possono anche aiutare a rafforzare il sistema immunitario, che aiuta l’organismo a combattere le infezioni.

Come usare l’aglio

Per combattere l’infiammazione e le infezioni causate dall’acne, le persone possono aggiungere più aglio alla loro dieta. Alcune persone masticano gli spicchi d’aglio intero, lo strofinano sul pane tostato o lo trasformano in una bevanda calda.

Le persone possono anche acquistare polveri o capsule d’aglio dalla maggior parte dei negozi di alimentari e di prodotti naturali.

Sebbene molte fonti online raccomandino che le persone applichino direttamente l’aglio ai brufoli, ciò potrebbe causare un’ulteriore irritazione della pelle. L’aglio può bruciare la pelle, quindi usalo sempre con cura.

6. Tè verde

te verde.jpg

Il tè verde è ricco di antiossidanti che possono aiutare a ridurre l’infiammazione della pelle.

Il tè verde contiene alte concentrazioni di un gruppo di antiossidanti polifenoli chiamati catechine.

La maggior parte delle persone con acne ha troppo sebo, o oli naturali per il corpo, nei loro pori e non abbastanza antiossidanti.

Gli antiossidanti aiutano il corpo ad abbattere sostanze chimiche e prodotti di scarto che possono danneggiare le cellule sane. Il tè verde può aiutare a eliminare alcuni dei detriti e dei rifiuti che si sono accumulati nelle piaghe da acne aperte.

Il tè verde contiene anche composti che possono aiutare a:

  • ridurre la produzione di sebo della pelle
  • ridurre P. acnes
  • ridurre l’infiammazione

Come usare il tè verde

Il tè verde può essere d’aiuto quando le persone lo bevono o usano l’estratto di tè verde sulla loro pelle, anche se i ricercatori dicono che le prove attuali sono limitate.

Tuttavia, uno studio ha trovato una riduzione del 79 e dell’89 per cento dei punti bianchi e dei punti neri dopo 8 settimane di utilizzo dell’estratto di tè verde polifenolo.

Le persone possono trovare il tè verde nella maggior parte dei negozi di strada. L’estratto di tè verde è più difficile da trovare, ma è disponibile in alcuni negozi di salute o online .

7. Echinacea

L’Echinacea , Echinacea purpurea , conosciuta anche come Echinacea viola, può contenere composti che aiutano a distruggere virus e batteri, tra cui P. acnes .

Molte persone credono che l’Echinacea possa potenziare il sistema immunitario e ridurre l’infiammazione e usarlo per combattere o prevenire infezioni, inclusi raffreddori e influenze.

Come usare Echinacea

Le persone possono applicare creme contenenti Echinacea in aree dove hanno lesioni da acne o assumere integratori di Echinacea.

I prodotti Echinacea sono disponibili presso i negozi di salute o online come creme o integratori .

8. Rosmarino

L’estratto di rosmarino, o Rosmarinus officinalis , contiene sostanze chimiche e composti che hanno proprietà antiossidanti, antibatteriche e antinfiammatorie.

Pochi studi hanno esaminato l’effetto dell’estratto di rosmarino sull’acne, ma uno studio del 2013 su modelli di topi e cellule umane ha suggerito che l’estratto di rosmarino può ridurre l’infiammazione dai batteri che causano l’acne P. acnes .

9. Veleno di ape purificato

Il veleno purificato delle api ha dimostrato di contenere proprietà antibatteriche.

In uno studio del 2013 , i ricercatori hanno scoperto che il veleno di api purificato può distruggere i batteri di P. acnes . Le persone che hanno usato cosmetici con veleno di api purificato per 2 settimane hanno avuto miglioramenti nel numero di lesioni da acne.

In uno studio del 2016 , le persone che hanno applicato un gel contenente veleno di api purificato sul viso per 6 settimane hanno visto una riduzione delle lesioni da acne da lieve a moderata.

Il veleno di ape purificato può essere un utile ingrediente futuro nel trattamento dell’acne, anche se sono necessarie ulteriori ricerche.

10. Olio di cocco

Come altri rimedi naturali, l’ olio di cocco contiene composti anti-infiammatori e antibatterici.

Queste proprietà significano che l’olio di cocco può distruggere i batteri che causano l’acne e ridurre il rossore e il gonfiore dei brufoli. L’olio di cocco può anche accelerare la guarigione nelle piaghe da acne aperte.

Come usare l’olio di cocco

Prova a sfregare l’olio di cocco puro e vergine direttamente nella zona con l’acne. Cerca l’olio di cocco nella sezione alimenti naturali dei negozi di alimentari o online .

Cambiamenti nello stile di vita per l’acne

Insieme ai rimedi casalinghi, specifici cambiamenti dello stile di vita possono avere un potente effetto sul mantenere il corpo sano, rendendo la pelle meno grassa e riducendo le riacutizzazioni dell’acne.

I cambiamenti dello stile di vita per migliorare l’acne includono:

11. Non toccare mai i punti

acne farmajet.jpg

Le persone dovrebbero evitare di toccare le piaghe da acne in quanto ciò può causare ulteriori infezioni.

Può essere molto allettante, ma toccare le piaghe da acne irriterà la pelle, potrebbe peggiorare il punto e può diffondere macchie in altre aree.

Il contatto, lo sfregamento, la spremitura o l’apertura di piaghe da acne possono anche introdurre più batteri nella lesione, causando ulteriori infezioni.

Spremere un brufolo può spingere ulteriormente i batteri e i detriti nella pelle, così il punto potrebbe tornare peggio di prima.

Parla con un medico delle piaghe più grandi o di quelle che si trovano sotto la pelle per scoprire come rimuoverle in modo sicuro.

12. Scegliere il giusto detergente

Molti saponi regolari hanno un’acidità, o pH, che è troppo alta e può irritare la pelle, peggiorando l’acne.

Scegli detergenti, risciacqui e lavaggi con un pH più vicino al pH naturale della pelle di circa 5,5 per ridurre il rischio di riacutizzazioni dell’acne e lasciare che le piaghe guariscano.

13. Usando la cura della pelle senza olio

I prodotti a base di olio o grassi possono bloccare i pori, aumentando il rischio di intasamento e formazione di piaghe da acne.

Cerca prodotti per la cura della pelle e cosmetici etichettati come ‘oil-free’ o ‘non-comedogenici’, che contengono ingredienti che consentono ai pori di respirare.

14. Rimanere idratato

Rimanere idratati è estremamente importante perché rende più facile la guarigione delle piaghe da acne e riduce il rischio generale di epidemie.

Quando la pelle è secca, può facilmente diventare irritata o danneggiata, causando brufoli. Essere idratati assicura anche che nuove cellule della pelle si sviluppino correttamente mentre le ferite guariscono.

Non esiste una dose giornaliera raccomandata di assunzione di acqua perché i fabbisogni idrici di ciascuna persona sono diversi, a seconda dell’età, di quanto sono attivi, della temperatura e di eventuali condizioni mediche.

Molte autorità sanitarie raccomandano di bere quotidianamente da sei a otto bicchieri di liquido da 8 once.

15. Ridurre lo stress

Le liste dell’American Academy of Dermatology stresscome possibile causa di riacutizzazioni dell’acne.

Lo stress provoca un aumento dei livelli dell’ormone androgeno. L’androgeno stimola i pori e le ghiandole sebacee nei pori, aumentando il rischio di acne.

I suggerimenti per la gestione dello stress includono:

  • parlare con la famiglia, gli amici, un medico o altre persone di supporto
  • dormire abbastanza
  • mangiare una dieta sana ed equilibrata ed evitare di saltare i pasti
  • esercitarsi regolarmente
  • limitando il consumo di alcol e caffeina
  • praticare la respirazione profonda, lo yoga , la consapevolezza o la meditazione

Trattamenti medici per l’acne

Ci sono molte opzioni di trattamento medico per l’acne, molte delle quali sono molto efficaci, anche se possono causare alcuni effetti collaterali e potrebbero non essere giuste per tutti.

Le persone possono parlare con un medico se usare medicine o creme medicinali è giusto per loro, specialmente se i rimedi casalinghi non funzionano.

I trattamenti OTC più diffusi per le piaghe da acne da lievi a moderate contengono i seguenti principi attivi:

  • acido salicilico
  • perossido di idrogeno
  • alfa idrossi acidi

I medici possono prescrivere farmaci più forti per curare l’acne, tra cui:

  • gel e creme di tretinoina
  • gel clindamicina e creme
  • antibiotici orali
  • isotretinoina orale
  • farmaci per il controllo delle nascite

Quando vedere un dottore

Le persone potrebbero voler parlare con il loro medico se le loro piaghe da acne sono:

  • molto doloroso
  • spesso infetto
  • profondo sotto la pelle
  • non risponde al trattamento domiciliare
  • coprendo una vasta area di pelle
  • causando disagio emotivo

prospettiva

Le persone possono scegliere tra una vasta gamma di rimedi casalinghi per curare la loro acne. Tuttavia, non tutti i rimedi funzioneranno per tutti o in ogni caso.

Le persone potrebbero aver bisogno di usare prove ed errori per scoprire quali metodi funzionano per loro. La FDA (Food and Drug Administration) statunitense non controlla i prodotti a base di erbe o gli oli essenziali.

La maggior parte dei rimedi naturali per l’acne non sono scientificamente provati per funzionare, ma alcune persone potrebbero trovarli utili.

Parla sempre con un medico prima di usare rimedi naturali per piaghe da acne severe, croniche, profonde o dolorose. Parla con un medico delle piaghe da acne minori che non rispondono alle cure di base o continuano a peggiorare.

Come usare il miele di Manuka per l’acne

Mentre ci sono molti prodotti medici sul mercato per curare l’acne, il miele Manuka può essere un rimedio naturale efficace.

Il miele di Manuka è prodotto da api che raccolgono il nettare dagli alberi di Manuka, che crescono nell’Australia meridionale e in Nuova Zelanda.

Insieme ad altri tipi di miele, le persone hanno usato il miele di Manuka per scopi medicinali per migliaia di anni.

I composti e le proprietà presenti nel miele di Manuka includono quanto segue:

  • Methylglyoxal, un composto antibatterico
  • DHA, un acido omega-3
  • leptosperina, una sostanza chimica naturale nel nettare delle piante di Manuka
  • zucchero
  • aminoacidi
  • pH basso (acidità)

Il miele di manuka per l’acne funziona?

miele di manuka farmajet

Il miele di Manuka ha proprietà anti-infiammatorie e proprietà cicatrizzanti.

C’è poca ricerca sul miele di Manuka come trattamento per l’ acne , ma può offrire alcuni benefici quando si trattano le condizioni della pelle.

Alcune ricerche del 2014 indicano che il miele ha proprietà antimicrobiche, benefici antinfiammatori e promuove la guarigione delle ferite.

I sostenitori del miele di Manuka per l’acne pensano che aiuti a curare l’acne a causa di quanto segue:

Effetti anti-infiammatori

Secondo lo stesso studio, gli antiossidanti nel miele producono effetti anti-infiammatori.

Gli agenti anti-infiammatori possono ridurre l’ infiammazione localizzata che si sviluppa con l’acne.

Proprietà antimicrobiche

Il miele di Manuka ha un effetto antimicrobico, il che significa che può distruggere microrganismi, come i batteri.

I batteri possono infettare i pori e contribuire all’acne. La ricerca indica che il miele di Manuka può sopprimere circa 60 specie di batteri, inclusi gli agenti patogeni resistenti agli antibiotici.

L’alto contenuto di zucchero nel miele può anche svolgere un ruolo nel prevenire la crescita dei microbi.

Il miele di Manuka è considerato igroscopico, il che significa che estrae l’umidità dai batteri. Senza acqua, i batteri non possono sopravvivere.

Proprietà di guarigione delle ferite

Secondo uno studio , il miele di Manuka può favorire la guarigione delle ferite a causa di diversi fattori.

Il miele di Manuka ha un pH basso e abbassare il pH di una ferita può accelerare il processo di guarigione.

Il miele attira anche l’umidità dalla ferita, aiutandola a rimanere pulita e asciutta. Gli effetti antibatterici del miele di Manuka possono anche aiutare le ferite a rimanere prive di batteri.

Come usare il miele di Manuka per l’acne

Le persone possono usare il miele di Manuka per l’acne in molti modi, tra cui:

Come trattamento spot

Prova a tamponare una piccola quantità di miele Manuka su un brufolo e lascialo asciugare.

Come maschera

Crea una maschera al miele Manuka mescolando il miele con succo di limone per creare una pasta. Applicare la pasta sul viso come maschera per circa 15 minuti o finché non si asciuga. Quindi sciacquare la maschera con acqua tiepida.

Come un detergente

Massaggiare un minuto di miele di Manuka nella pelle per un minuto e poi risciacquarlo può aiutare a purificare il viso.

Altri usi per il miele di Manuka

Ulteriori ricerche sul miele di Manuka sono necessarie per dichiarare la sua efficacia in modo conclusivo nel trattamento di determinate condizioni, ma potrebbe essere utile per il trattamento di qualcosa di più della semplice acne.

Il miele di Manuka può essere usato come rimedio complementare per quanto segue:

tagli

Il miele di Manuka non solo può accelerare la guarigione, ma è anche pensato per inibire i microrganismi e i batteri che possono infettare i tagli.

Cicatrici

Il miele di Manuka sembra essere utile nel trattamento delle cicatrici. Uno studio , che ha utilizzato un modello animale, ha scoperto che meno tessuto cicatriziale si sviluppava quando il miele Manuka veniva usato sulle ferite rispetto a quando le ferite venivano lasciate guarire da sole.

Burns

Il miele di manuka può anche essere utile nel trattamento delle ustioni. La ricerca indica che il miele di Manuka può inibire la crescita batterica e migliorare la rigenerazione dei tessuti, che sono entrambi essenziali per la guarigione delle ustioni.

considerazioni

manuka farmajet

Un grado UMF più elevato indica proprietà antibatteriche più forti.

Ci sono alcune cose da tenere a mente quando si usa il miele Manuka. Se si utilizza il miele di Manuka per l’acne, è importante capire che l’attività antibatterica varia tra i lotti.

Il sistema Unique Manuka Factor (UMF) è stato sviluppato per valutare l’attività antimicrobica di un lotto di miele Manuka.

Il miele è classificato su una scala da 5 a 20. L’UMF è basato su tre composti che si trovano naturalmente nel miele: DHA, leptosperina e metilgliossale.

Quando il miele di Manuka ha un alto UMF, significa che contiene un numero elevato di questi composti, il che indica che ha proprietà antibatteriche più forti.

È anche possibile avere una reazione allergica al miele di Manuka. Prima di usarlo come trattamento dell’acne, è meglio fare un test in loco.

Per eseguire un test in loco, tamponare una piccola quantità di miele all’interno del braccio. Se non ci sono segni di allergia dopo 24 ore, è probabile che sia sicuro. I segni di una reazione allergica includono prurito, orticaria e arrossamento.

Porta via

Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare l’efficacia del miele di Manuka nel trattamento dell’acne. Tuttavia, a causa delle sue proprietà antibatteriche, capacità di guarigione delle ferite e effetto anti-infiammatorio, può essere un trattamento utile per alcune persone.

Anche se sono disponibili altri trattamenti per l’acne, tra cui la terapia laser e antibiotici per via orale , non sono efficaci per tutti. Il miele di Manuka può fornire un’alternativa naturale e sicura.

COME ELIMINARE I BRUFOLI DAL VISO

Utili suggerimenti su come eliminare i brufoli dal viso, partendo dal presupposto che spesso sono causati da un eccessivo stress o da uno stile alimentare sbagliato: vediamo insieme come risolvere questo fastidioso problema

Come-eliminare-i-brufoli-3-e1514907109109

Se siete alla ricerca di consigli su come eliminare i brufoli, siete nel posto giusto. Questo fastidioso inestetismo, spesso può causare notevoli problemi a livello interpersonale, soprattutto quando compaiono nella fase più delicata dell’esistenza umana, ovvero l’adolescenza.

Per un adolescente non è mai facile accettare il proprio corpo e il proprio aspetto che cambia, soprattutto quando sul viso iniziano a comparire questi sgradevoli punti rossi e bianchi. Ma a cosa sono dovuti i brufoli? I brufoli sono un disturbo dell’epidermide dovuto, nella maggior parte dei casi, ad un cambiamento ormonale, per tale ragione spesso si presentano sul volto dei giovani, i cui ormoni si apprestano ad essere modificati, ma non meno frequenti sono i brufoli sottopelle.

Ma spesso, i brufoli compaiono anche sul viso o sul corpo di coloro i quali sono un po’ più avanti con l’età, come mai? Per rispondere a questa domanda, è necessario comprendere che l’acne può essere una risposta fisiologica del nostro corpo, verso agenti interni ed esterni.

Come-eliminare-i-brufoli

Per eliminare i brufoli è indispensabile una buona igiene quotidiana

Nello specifico, i brufoli possono comparire sul viso in un periodo di forte stress, possono essere causati da qualche infezione batterica, oppure si possono presentare come una reazione allergica a particolari creme o cosmetici.

Anche l’alimentazione influenza la comparsa di questo inestetismo, soprattutto quando si esagera con le fritture e i grassi, mettendo sotto sforzo il fegato, tendenzialmente possono comparire nella zona del mento se si mangia troppa cioccolata o cibi piccanti.

Per le donne, se compaiono frequentemente, possono indicare un problema a livello ginecologico, perché spesso rappresentano il primo campanello di allarme per l’ovaio policistico, in questo caso vi consigliamo una visita dallo specialista.

COME ELIMINARE I BRUFOLI: ALCUNI CONSIGLI

Se volete, quindi, sapere come eliminare i brufoli, è indispensabile come prima cosa iniziare a condurre una vita sana, non esagerando con il cibo e pensando un po’ più a se stessi. Lo stress, infatti, può causare molti più danni di quello che si pensa, il primo passo, anche in tal senso, deve partire da noi, dobbiamo concentrarci sulle cose importanti della vita, riuscendo, ogni giorno, almeno a ritagliarci mezz’ora da dedicare a noi stessi, alle nostre riflessioni e alla nostra meditazione, eliminando tutto ciò che viene definito superfluo.

prodotti che utilizziamo sul viso devono essere di qualità, sia le creme che il fondotinta, cerchiamo di acquistarli solo presso negozi autorizzati o su internet, sempre tramite siti già conosciuti.

Tra i diversi consigli su come eliminare i brufoli è indispensabile la corretta igiene quotidiana. Il nostro viso, così come le nostre mani, entra quotidianamente in contatto con virus e batteri, proviamo a pensare alle nostre mani in un mezzo pubblico che si appoggiano sul corrimano, dove si sono appoggiate centinaia di mani più o meno pulite. Quelle stesse dita, nel corso della giornata, si poggeranno sulla nostra faccia, pertanto è fondamentale lavarsi il viso la mattina, ma soprattutto la sera, prima di andare a dormire, dopo essersi struccate utilizzando un sapone neutro. Bisogna evitare di truccarsi eccessivamente, sia quando ci sono i brufoli sul viso che quando non ci sono.

Se l’acne non passa e continua ad aumentare giorno dopo giorno, potete rivolgervi ad un dermatologo che saprà darvi i giusti suggerimenti su come eliminare i brufoli, alternando qualche pomata ai saponi specifici per il disturbo. Molto indicati, in questi casi, anche il gel a base di aloe vera o una maschera a base di argilla. Ricordate, comunque, di evitare di “schiacciare” i brufoli, utilizzando le dita, perché potreste generare una reazione allergica non indifferente.

COME ELIMINARE I BRUFOLI DAL VISO: RIMEDI NATURALI

Ecco alcuni suggerimenti su come eliminare i brufoli dal viso, utilizzando prodotti di uso comune. Impacchi caldi, sia con acqua che con the nero o con the verde, utilizzando un dischetto struccante e premendolo direttamente sul brufolo, anche diverse volte al giorno.

Latte. Immergere un dischetto di cotone nel latte e passarlo sul viso, lasciando agire per qualche minuto e poi risciacquare. Acqua e bicarbonato. Lavare il viso con acqua e bicarbonato, oppure immergere un dischetto di cotone in una soluzione diluita e poi sciacquare con acqua.

Dentifricio. Applicare del dentifricio direttamente sui brufoli, lasciando agire per qualche ora e poi risciacquare. Miele. Applicare del miele nella zona colpita dai brufoli, lasciando agire per almeno mezz’ora, anche due volte al giorno, sciacquando il viso delicatamente con acqua.

Aceto o limone. Passate sui brufoli un batuffolo di cotone immerso nell’aceto bianco o nel limone. Aglio. Strofinate dell’aglio direttamente sui brufoli, lasciando agire per qualche minuto e poi lavando la zona con acqua tiepida.

Ghiaccio. Se i brufoli sono molto ingrossati potete applicare un po’ di ghiaccio, che allevierà anche il prurito. Olio di the. Applicare sul viso dell’olio di the diluito in acqua, lasciando agire per qualche minuto e poi risciacquare.

Come eliminare le cicatrici dell’acne. farmajet news

  1. Cosa sono le cicatrici dell’acne?
  2. Le cause
  3. trattamenti
  4. Rimedi casalinghi
  5. Porta via
Le cicatrici dell acne sono profonde cicatrici sulla pelle che di solito non vanno via da sole. Sono spesso causati da acne severa ma possono anche essere il risultato di infezioni della pelle o di varicella.

Ci sono una serie di trattamenti e rimedi casalinghi che possono aiutare a ridurre l’aspetto delle cicatrici e migliorare l’aspetto della pelle.

In questo articolo, delineiamo alcune delle diverse cause dei pockmark e i vari modi per trattarli.

Cosa sono i buchi della pelle causati dall’acne ?

 acne1

I segni di butteratura possono apparire come rientranze nella pelle e si verificano a causa del danneggiamento degli strati più profondi della pelle.

I pockmark, che sono anche chiamati segni di spargimento o cicatrici da acne , sono macchie con una forma concava che può sembrare fori o rientranze nella pelle. Si verificano quando gli strati più profondi della pelle si danneggiano.

Man mano che questi strati più profondi guariscono, viene prodotto ulteriore collagene . Questo collagene extra può lasciare cicatrici che non corrispondono al resto della pelle.

I pori tendono a sporgere dal resto della pelle e si notano. Anche alcuni di essi possono dare alla pelle un aspetto irregolare, che può rendere alcune persone consapevoli.

Le cause

Disturbi o malattie che causano macchie sulla pelle hanno tutte le potenzialità per causare cicatrici da pockmark.

Acne

Una delle cause più comuni di pockmarks è l’acne. L’acne è un evento comune per la maggior parte delle persone, specialmente durante i cambiamenti ormonali che accompagnano la pubertà .

La pelle può produrre sebo extra durante questo periodo, che ostruisce i pori e provoca i brufoli. I brufoli possono causare cicatrici di pockmark in seguito.

Malattie infettive

Le malattie infettive, tra cui il vaiolo, erano una causa comune di pockmarks. Sebbene il vaiolo sia per lo più scomparso, problemi simili, come la varicella , possono anche causare cicatrici caratteristiche.

La varicella provoca piccole vesciche pruriginose che si manifestano su tutto il corpo. Grattando le croste prima che guariscano completamente può lasciare un pockmark.

Altre infezioni

Altre infezioni, come quelle dello stafilococco o dello streptococco batterico, possono causare ferite che possono lasciare dietro di sé un pockmark.

Queste infezioni possono verificarsi in un follicolo pilifero, dove può creare un punto d’ebollizione. Un recente taglio può anche essere infettato.

Trattamento

Esistono diversi trattamenti per i pockmark, ciascuno con risultati diversi. Alcuni tipi di pelle possono essere meno in grado di tollerare alcuni trattamenti, quindi una persona dovrebbe discutere le proprie opzioni con un medico.

Peeling chimico

acne2

I peeling chimici regolari possono aiutare a ridurre le cicatrici.

Molte persone con pockmarks scelgono di sottoporsi a un peeling chimico per ridurre le cicatrici. Durante un peeling chimico, uno strato di acido viene applicato sul viso. Un enzima può anche essere usato per produrre risultati simili.

Questi trattamenti rimuovono gli strati esterni della pelle e la rigenerano. La pelle può essere arrossata e irritata dopo la buccia e può perdere.

Potrebbe essere necessario eseguire regolarmente peeling chimici per essere efficaci, ma in genere si traducono in una pelle uniforme e morbida e una notevole riduzione dei butterchi visibili.

dermoabrasione

Le sessioni di dermoabrasione raggiungono risultati simili a quelli chimici senza usare prodotti chimici. Una piccola spazzola metallica rotante viene fatta passare sulla pelle interessata per raschiare via gli strati superiori.

Questa dermoabrasione o raschiatura viene eseguita in anestesia locale o generale, a seconda delle dimensioni dell’area che necessita di trattamento. La pelle viene poi lasciata a guarire.

La dermoabrasione può aiutare a creare un aspetto più uniforme della pelle e ridurre i segni di butterato.

In alcuni casi, la dermoabrasione può aumentare il rischio di creare nuove cicatrici o pori dilatati. Poiché gli strati più profondi del derma vengono rimossi, può anche mettere una persona a rischio di infezioni della pelle.

microdermoabrasione

I trattamenti di microdermoabrasione mirano di nuovo a ridurre i pockmark rimuovendo gli strati più esterni della pelle.

Invece di usare una spazzola chimica o metallica per questo processo, gli specialisti della cura della pelle useranno ingredienti abrasivi, come minuscoli cristalli di bicarbonato o ossido di alluminio per rimuovere gli strati esterni della pelle. Questo funziona meglio per piccole cicatrici superficiali e spesso richiede diversi trattamenti.

Filler dermici

I medici possono anche consigliare riempitivi facciali per il trattamento di buttercupi. Queste sono iniezioni di prodotti che sollevano i pockmarks al livello del resto della pelle sul viso.

Esistono vari prodotti sul mercato, compresi gli acidi ialuronici e l’ idrossiapatite di calcio che possono essere utilizzati.

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato Bellafill solo per il trattamento delle cicatrici da acne. Questo prodotto ha minuscole microsfere di polimetilmetacrilato (PMMA) all’interno di una base di gel di collagene liscia.

L’effetto dei filler dermici è temporaneo, ma in genere dura da pochi mesi a un anno, a seconda del prodotto. Bellafill di solito dura 5 anni.

Laser frazionale

La terapia laser frazionale mira a stimolare la rigenerazione nelle cicatrici stesse. La luce laser viene diretta sul tessuto cicatriziale dei pockmarks.

Questo brucia lo strato esterno della pelle sfregiata e stimola la nuova crescita cellulare. Dopo un periodo di guarigione, i buttercup sono spesso meno visibili.

Resurfacing laser ablativo

Il resurfacing laser ablativo è una forma invasiva di trattamento laser che rimuove gli strati della pelle utilizzando un laser. La procedura richiede in genere un paio di settimane di assistenza medica e recupero, ma i risultati possono durare per anni senza ulteriori trattamenti.

Il resurfacing laser ablativo presenta alcuni rischi, inclusi cambiamenti nel colore della pelle, arrossamento e gonfiore. In alcuni casi, la terapia laser ablativa può peggiorare l’acne o le cicatrici.

microneedling

La terapia di induzione del collagene o il microingaggio è un trattamento che comporta la puntura della pelle, dove si trova il pockmark, usando piccoli aghi. Man mano che queste punture guariscono, la pelle produce più collagene per riempire i pockmarks.

I trattamenti ripetuti possono essere necessari ogni poche settimane e i risultati significativi sono generalmente visibili entro un anno.

Rimedi casalinghi

Anche se non vi è alcuna garanzia che qualsiasi trattamento domiciliare farà sparire i pockmark, molte persone scoprono che le loro cicatrici possono essere meno evidenti con uno o più trattamenti domiciliari.

Questi trattamenti domiciliari possono essere spesso trovati in un negozio di salute o in un farmaco da banco (OTC).

Oli idratanti

acne4

Si consiglia di testare oli e burri su una piccola zona di pelle per evitare reazioni avverse.

Alcuni oli naturali possono anche ridurre i segni di cicatrici, inclusi i butterfang. Questi oli contengono spesso antiossidanti naturali o altri composti che possono aiutare a ridurre il tessuto cicatriziale o aiutare a guarire le ferite.

Gli oli possono essere utilizzati, come idratanti, dopo aver pulito la pelle interessata. Alcuni oli potrebbero peggiorare l’acne per alcune persone, quindi è meglio testare l’olio su una piccola area di pelle prima di usarlo regolarmente.

Oli e burri potenzialmente utili comprendono:

  • burro di cacao
  • burro di karitè
  • olio di jojoba
  • olio di semi di canapa
  • olio di semi di rosa canina
  • olio d’oliva

Trattamenti OTC

Le creme OTC sono spesso il primo metodo di trattamento che le persone cercano di ridurre i loro pockmark. Queste creme funzionano principalmente idratando la pelle e attenuando i sintomi, come prurito o arrossamento.

Alcune bucce e maschere a bassa resistenza possono anche stimolare la nuova crescita della pelle e ridurre i segni di cicatrici. Spesso richiedono un uso continuo a lungo per produrre risultati.

L’uso continuo di questi prodotti chimici può anche causare effetti collaterali indesiderati, quindi una persona dovrebbe consultare un medico prima di utilizzarli.

Massaggio facciale

Mentre non è un rimedio diretto per le cicatrici, ottenere un massaggio facciale può aiutare a supportare altri metodi di trattamento.

Sia attraverso la stimolazione manuale o con l’ausilio di una bacchetta da massaggio, il massaggio del viso può aiutare a migliorare la circolazione nella pelle e rimuovere le tossine, che potrebbero rendere più efficaci altri trattamenti.

Olio essenziale di lavanda

Aggiungere alcune gocce di olio essenziale di lavanda agli altri oli nell’elenco sopra può aiutare a guarire meglio le ferite. La ricerca ha notato che l’olio essenziale di lavanda è noto per avere proprietà antibatteriche e antinfiammatorie e può anche aiutare a ridurre il tessuto cicatriziale in alcune persone.

Sono necessarie ulteriori ricerche sugli esseri umani per vedere se l’olio di lavanda può ridurre il tessuto cicatriziale, ma può comunque aiutare a ridurre l’ infiammazione e i batteri sulla pelle.

Porta via

Mentre non ci sono ancora trattamenti standard per i buttercock che hanno dimostrato di funzionare in tutti i casi, ci sono molte opzioni di trattamento disponibili per le persone che li vogliono rimossi.

Lavorare direttamente con un dermatologo o specialista della cura della pelle per trovare la giusta procedura o trattamento per un singolo caso è il modo migliore per affrontare pockmarks preoccupanti.