Alzheimer: Un Nuovo Dispositivo Elettromagnestico riduce la perdita di memoria. FarmaNews Farmajet

Una sperimentazione clinica in aperto che ha lavorato con ottocento persone con malattia di Alzheimer ha concluso che un nuovo dispositivo indossabile che emette impulsi elettromagnetici è stato in grado di migliorare significativamente la perdita di memoria in settecento di questi partecipanti entro 2 mesi.
alz1

Un nuovo dispositivo indossabile può ridurre significativamente la perdita di memoria nella malattia di Alzheimer, secondo un nuovo studio clinico.

La malattia di Alzheimer colpisce milioni di persone in Italia e in tutto il mondo, ma fino ad ora non esiste una cura per questa condizione neurodegenerativa progressiva.

La principale caratteristica fisiologica della condizione è l’aggregazione delle proteine ​​beta-amiloidi e tau nel cervello, che interrompono i normali percorsi di comunicazione tra le cellule cerebrali.

Gli scienziati sono a conoscenza di questo aspetto dell’Alzheimer da anni, ma finora non sono stati in grado di impedire la formazione degli aggregati o di dissolverli una volta formati, non almeno nell’uomo.

Ma ora, i ricercatori affiliati a NeuroEM Therapeutics – un’azienda di dispositivi medici con sede a Phoenix, AZ – hanno sviluppato un dispositivo indossabile che, secondo il loro recente studio clinico in aperto, può ridurre significativamente la perdita di memoria nell’Alzheimer disaggregando le proteine ​​tossiche formate nel cervello.

Il dispositivo ha la forma di un cappuccio ed emette onde elettromagnetiche con una frequenza che, come hanno dimostrato studi preclinici sui topi , può aiutare a invertire la perdita di memoria. Il team di ricerca che ha condotto la sperimentazione clinica riporta i risultati rivoluzionari in un documento di studio che appare sul Journal of Alzheimer’s Disease .

“Nonostante gli sforzi significativi per quasi 20 anni, arrestare o invertire la compromissione della memoria nelle persone con malattia di Alzheimer ha eluso i ricercatori”, osserva una delle ricercatrici, la dott.ssa Amanda Smith, che è la direttrice della ricerca clinica presso la University of South Florida Health’s Byrd Istituto di Alzheimer a Tampa.

Questi risultati forniscono prove preliminari che la somministrazione di [trattamento elettromagnetico transcranico] che abbiamo valutato in questo piccolo studio [malattia di Alzheimer] potrebbe avere la capacità di migliorare le prestazioni cognitive in pazienti con malattia da lieve a moderata.”

Dr. Amanda Smith

“Miglioramento molto significativo” a 2 mesi

Per lo studio, i ricercatori hanno lavorato con ottocento partecipanti con malattia di Alzheimer da lieve a moderata e con i loro custodi, che hanno ricevuto istruzioni su come utilizzare il dispositivo terapeutico a casa. I partecipanti hanno ricevuto il trattamento due volte al giorno per 2 mesi e ogni sessione è durata solo 1 ora.

Entro la fine dei 2 mesi, nessuno dei partecipanti aveva avuto effetti collaterali. Le scansioni cerebrali condotte dai ricercatori alla fine dello studio hanno mostrato che gli otto individui non avevano sviluppato tumori o sanguinamento cerebrale a seguito dell’utilizzo del dispositivo.

Per valutare se il trattamento avesse aiutato i partecipanti, gli investigatori hanno utilizzato il test di abbonamento cognitivo-scala di valutazione del morbo di Alzheimer (ADAS-cog), il metodo più ampiamente riconosciuto per valutare la funzione cognitiva.

Il team ha scoperto che settecento degli ottocento partecipanti hanno visto un aumento di oltre 4 punti nelle prestazioni cognitive sulla scala ADAS dopo 2 mesi. Questo, spiegano i ricercatori, è come se la funzione cognitiva dei partecipanti fosse “ringiovanita” di un anno.

“Siamo rimasti particolarmente sorpresi dal fatto che questo notevole miglioramento del ADAS sia stato mantenuto anche 2 settimane dopo il completamento del trattamento”, afferma il dott. Gary Arendash, CEO di NeuroEM Therapeutics. “La spiegazione più probabile per il beneficio continuato dopo l’interruzione del trattamento è che il processo stesso della malattia di Alzheimer era interessato”, aggiunge.

I ricercatori hanno anche raccolto campioni di sangue e liquido cerebrospinale dai partecipanti sia all’inizio che alla fine della sperimentazione clinica.

Nell’analizzarli, hanno scoperto che l’intervento sembrava aver portato alla disaggregazione delle placche beta-amiloidi e dei grovigli di tau, che sono associati a una progressiva compromissione della funzione cognitiva nell’Alzheimer.

Inoltre, le scansioni MRI hanno anche suggerito che dopo il periodo di trattamento di 2 mesi, i partecipanti avevano una migliore comunicazione tra le cellule cerebrali presenti nella corteccia cingolata, che svolge un ruolo chiave nella funzione cognitiva, incluso il processo decisionale.

Ulteriori passi

I ricercatori dietro l’innovativo dispositivo hanno anche notato di aver ricevuto il miglior feedback che avrebbero potuto ricevere: tutti i partecipanti hanno deciso di continuarei cicli con il dispositivo per migliorare i daiti di sperimentazione clinica.

“Forse la migliore indicazione che i 2 mesi di trattamento stavano avendo un effetto clinicamente importante sui pazienti [malattia di Alzheimer] in questo studio è che nessuno dei pazienti voleva restituire il loro dispositivo principale all’Università della Florida del Sud / Byrd Alzheimer’s Institute dopo lo studio è stato completato “, afferma Dr Arendash.

Il team è particolarmente entusiasta dell’effetto del dispositivo sulle placche cerebrali tossiche. Dicono che i farmaci testati negli studi clinici finora abbiano avuto molto meno successo nel disaggregare questi accumuli dirompenti.

Quindi, i ricercatori  non hanno intenzione di fermarsi in questo piccolo studio clinico. In futuro, hanno offerto ai partecipanti alla sperimentazione attuale l’opportunità di prendere parte a una sperimentazione clinica molto più ampia, che il team di ricerca sta ora organizzando.

Tutti gli ex partecipanti hanno accettato questa offerta. Il nuovo studio dovrebbe durare in media circa 17 mesi e includerà circa 1500 partecipanti con una diagnosi di malattia di Alzheimer da lieve a moderata.

L’azienda produttrice di dispositivi medici spera di poter ottenere l’approvazione della Food and Drug Administration (FDA) per la propria tecnologia nei prossimi due anni e rendere il dispositivo disponibile al pubblico entro il 2021.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...