Le “proteine ​​naturali” potrebbero invertire il diabete legato all’obesità,e curare il fegato grasso

Una scoperta fortuita nella ricerca sul cancro ha rivelato che una proteina che si trova naturalmente nel corpo svolge un ruolo importante nella regolazione del metabolismo. Ulteriori indagini hanno portato a suggerire che l’innalzamento dei livelli delle proteine ​​potrebbe invertire il fegato grasso, il diabete di tipo 2 e altre condizioni correlate all’obesità.
donna obesa.jpg

L’obesità può causare una serie di disturbi cardiometabolici, ma una proteina presente in natura può prevenire gli effetti dannosi del sovrappeso.

Gli scienziati della Scuola di Medicina della Georgetown University di Washington, DC, hanno scoperto che l’aumento della produzione della proteina causava ai topi obesi la riduzione della quantità di grasso nei loro corpi anche se erano geneticamente modificati per mangiare troppo.

Lo hanno fatto aumentando l’espressione del gene associato alla proteina.

In un documento sul loro lavoro che appare ora nella rivista Scientific Reports , gli autori descrivono come la proteina 3 (FGFBP3, o BP3) che lega il fattore di crescita dei fibroblasti “modula il metabolismo di grassi e glucosio nei modelli murini di sindrome metabolica”.

“Abbiamo trovato”, dice l’autore senior dello studio Anton Wellstein, che è un professore di oncologia e farmacologia al Centro oncologico globale di Georgetown Lombardi, “che otto trattamenti BP3 in 18 giorni [erano] sufficienti a ridurre il grasso nei topi obesi di oltre un terzo “.

Sono state ridotte anche altre condizioni legate all’obesità . Gli eccessivi livelli di zucchero nel sangue degli animali – un segno distintivo del diabete noto come iperglicemia – cadevano e il loro fegato, che era grasso, perdeva il grasso.

I ricercatori osservano che poiché la BP3 si trova naturalmente nel corpo, le terapie basate su di essa non dovrebbero subire gli stessi lunghi test dei farmaci basati su composti sintetici. Gli studi clinici che utilizzano l’equivalente umano potrebbero iniziare subito dopo la conclusione di studi preclinici, spiegano gli autori.

Le terapie basate su BP3 potrebbero anche avere il vantaggio di effetti collaterali minimi, se non addirittura indesiderati; gli investigatori non ne trovarono nessuno nei topi trattati, anche quando esaminarono i loro tessuti al microscopio.

Obesità e condizioni correlate

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) stima che i tassi di obesità siano quasi triplicati a livello mondiale dal 1975.

Le stime per il 2016 rivelano che un terzo degli adulti (1,9 miliardi) è sovrappeso e che di questi, 650 milioni hanno obesità.

C’è un modello simile di aumento dell’obesità nei bambini. Nel 1975, circa il 4% di quelli di età compresa tra 5 e 19 anni era in sovrappeso o obesi, rispetto al 18% nel 2016.

L’obesità, in particolare l’obesità addominale, è uno dei fattori di rischio che compongono la sindrome metabolica, un insieme di condizioni che aumentano il rischio di sviluppare problemi di salute e malattie come diabete, malattie cardiache, ictus, alcuni tipi di cancro e steatosi epatica non alcolica ( fegato grasso).

L’obesità addominale, o con una linea di cintura ampia, è un indicatore di troppo grasso intorno allo stomaco, che aumenta il rischio cardiaco più che portare troppi grassi nel resto del corpo, compresi i fianchi.

Poiché la sindrome metabolica aumenta in linea con l’obesità, gli esperti prevedono che soppianterà il fumo come principale fattore di rischio per le malattie cardiache .

BP3 è una “proteina chaperone”

BP3 appartiene a una famiglia di proteine ​​”chaperone” che potenziano l’attività dei fattori di crescita dei fibroblasti (FGF) legandosi a loro. Le FGF sono presenti in molte specie, dove aiutano a controllare i processi biologici vitali che vanno dalla crescita cellulare alla riparazione dei tessuti.

Il prof. Wellstein ha indagato sul ruolo di BP3 per qualche tempo. L’aumento della produzione di BP3 si verifica in alcuni tipi di cancro , così lui e il suo team hanno deciso di dare un’occhiata più da vicino.

Hanno scoperto che BP3 si lega a tre FGF la cui caratteristica di segnalazione nel metabolismo cellulare. Due delle FGF aiutano a regolare l’uso e la conservazione di zuccheri e grassi. Il terzo FGF regola l’uso del fosfato.

Il Prof. Wellstein afferma che l’aumento di BP3 aiuta ad aumentare la segnalazione di queste FGF, rendendo la proteina “un forte stimolatore del metabolismo dei carboidrati e dei lipidi”.

“È come avere a disposizione molti più taxi a New York per raccogliere tutte le persone che hanno bisogno di un passaggio”, aggiunge.

Con il metabolismo accelerato, lo zucchero nel sangue e il grasso trasformato nel fegato vengono utilizzati per l’energia e non vengono immagazzinati, e anche i depositi di grasso vengono prelevati.”

Prof. Anton Wellstein

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...