Chirurgia della malattia di Crohn: cosa sapere

La malattia di Crohn è una malattia infiammatoria intestinale che danneggia l’intestino tenue e crasso. Un medico può raccomandare un intervento chirurgico alla malattia di Crohn per una persona con sintomi gravi se altri trattamenti non aiutano.

La chirurgia non cura la malattia di Crohn , ma può ridurre le complicanze associate alla malattia.

Secondo l’ Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Rene degli Stati Uniti , circa il 60 percento delle persone con malattia di Crohn ha un intervento chirurgico entro 20 anni dalla loro diagnosi.

Quando è un intervento chirurgico un’opzione per la malattia di Crohn?

intervento chirurgico.jpg

I medici possono raccomandare un intervento chirurgico nei casi più gravi di malattia di Crohn.

I medici prescrivono in genere farmaci e raccomandano cambiamenti nella dieta per aiutare a ridurre al minimo le riacutizzazioni ei sintomi della malattia di Crohn.

Tuttavia, una persona può ancora provare infiammazione e altre complicazioni, specialmente se la malattia è grave.

La chirurgia è invasiva, quindi i medici di solito non la raccomandano a meno che non sia assolutamente necessario. Esempi di queste istanze includono se una persona ha:

  • un ascesso o una tasca di infezione
  • una fistola
  • sanguinamento intestinale
  • ostruzioni intestinali
  • danno intestinale irreversibile
  • sintomi non ridotti da altri trattamenti

I medici possono anche ricorrere a interventi chirurgici in situazioni di emergenza, come un’ostruzione intestinale. I ricercatori in uno studio stimano che dal 6 al 16 per cento delle persone con Crohn che presentano sintomi acuti richiedono un intervento chirurgico.

Tipi di chirurgia

Esistono diversi tipi di chirurgia che un medico può raccomandare per il morbo di Crohn. Questi includono:

Fistulotomia anale

Questa procedura rimuove una fistola anale. Una fistola anale può rendere difficile o impossibile superare le feci. I medici di solito eseguono questo intervento chirurgico su base ambulatoriale, nel senso che una persona non rimane in ospedale durante la notte.

Resezione dell’intestino tenue

Questo intervento rimuove una porzione dell’intestino tenue a causa di un’ostruzione o di un grave danno causato dal morbo di Crohn.

Un medico può essere in grado di eseguire la chirurgia per via laparoscopica, nel senso che eseguirà alcune piccole incisioni e inserirà strumenti che consentano loro di vedere l’intestino tenue e rimuovere la parte interessata. Altre volte, un medico può aver bisogno di fare un’incisione più grande conosciuta come chirurgia a cielo aperto.

Colectomia subtotale

La colectomia subtotale è un intervento chirurgico per rimuovere tutto o una parte dell’intestino crasso, noto anche come il colon.

Analogamente a una resezione dell’intestino tenue, i medici possono eseguire questo intervento in laparoscopia o tramite un metodo di chirurgia aperta.

Stricturoplasty

Questa procedura chirurgica comporta l’allargamento dell’intestino tenue per ridurre le aree ristrette in cui è difficile passare le feci.

Tuttavia, le stenosi o le aree ristrette devono essere limitate a una piccola porzione dell’intestino per evitare di rimuovere una porzione dell’intestino tenue.

Proctocolectomia e ileostomia

Questo intervento comporta la rimozione dell’intero colon e del retto. Un chirurgo porterà anche una porzione dell’intestino tenue noto come ileo attraverso un’apertura nell’addome. Questo è noto come ileostomia.

Una persona indosserà una custodia di plastica sopra l’apertura nota come ostomia. Dovranno cambiare frequentemente la borsa, poiché raccoglie feci durante il giorno.

Un medico cercherà di preservare il più possibile l’intestino, il che favorirà la funzione digestiva.

Cosa aspettarsi

barattolo con brodo.jpg

Un dietologo può raccomandare un liquido durante il recupero.

I medici eseguono la chirurgia della malattia di Crohn mentre una persona è in anestesia generale. Ciò significa che il paziente è addormentato e non sentirà dolore durante la procedura.

Immediatamente dopo l’intervento, una persona sperimenterà un po ‘di dolore e disagio.

A volte, riceveranno supporto nutrizionale per via endovenosa, come nutrizione parenterale totale o TPN. Questo perché l’intestino ha bisogno di tempo per riposare e guarire dopo l’intervento chirurgico.

Dopo il tempo di recupero, una persona ricomincerà a mangiare di nuovo con una dieta liquida o povera di fibre che è facile da digerire. Un medico, un dietologo o entrambi aiuteranno l’individuo a fare ulteriori cambiamenti nella sua dieta che potrebbero essere necessari.

complicazioni

I ricercatori stimano che un terzo delle persone sottoposte alla chirurgia della malattia di Crohn sperimenteranno complicanze post-operatorie.

Una persona è a più alto rischio di complicanze se sta avendo un intervento chirurgico d’urgenza, perché il corpo potrebbe già essere affetto da infezione, disidratazione , basso numero di emocomponenti o altri fattori.

Le complicanze più gravi includono:

  • Fuga anastomotica : l’area in cui i medici cuciono insieme le due parti dell’intestino è nota come anastomosi. Questa zona è a rischio di perdita di contenuto intestinale se i pezzi di intestino non si fondono correttamente. Questo può causare gravi infezioni e malattie.
  • Infezione del sito chirurgico : un’infezione nel tratto gastrointestinale o nell’addome può causare dolore, gonfiore, febbre e molti altri sintomi.
  • Sanguinamento : il sanguinamento, soprattutto a livello di anastomosi, è un’altra possibile complicanza della chirurgia della malattia di Crohn. Un basso numero di globuli rossi può compromettere la capacità del corpo di guarire e talvolta può mettere a rischio la vita. Una persona può richiedere trasfusioni di sangue se il loro conteggio del sangue è troppo basso.

Altre complicazioni associate alla chirurgia della malattia di Crohn includono:

  • anemia
  • danno alle strutture circostanti
  • malnutrizione
  • polmonite
  • cicatrici
  • irritazione della pelle

Se una persona affetta da morbo di Crohn sta assumendo immunomodulatori o altri farmaci che possono compromettere la guarigione delle ferite, il recupero può essere più difficile.

Per questo motivo, i medici raccomandano spesso di ridurre questi farmaci prima dell’intervento chirurgico per minimizzare i rischi.

Recupero

recupero post operatorio.jpg

Un medico può discutere dei potenziali tempi di recupero prima dell’intervento chirurgico.

La durata del recupero dipende dal tipo di intervento chirurgico e dalla salute generale della persona prima dell’intervento chirurgico.

Più è invasivo e lungo l’intervento chirurgico, più a lungo tende ad essere il tempo di guarigione. Un medico dovrebbe discutere queste considerazioni, in quanto una persona probabilmente dovrà prendere accordi con il lavoro o la scuola e limitare la propria attività fisica mentre si riprende.

La chirurgia per il morbo di Crohn non cura questa condizione. Invece, aiuta una persona a gestire i loro sintomi e può aiutare a prevenire effetti collaterali potenzialmente pericolosi per la vita.

Una persona probabilmente sperimenterà nuove aree di infiammazione dove non l’hanno fatto in precedenza.

prospettiva

La chirurgia della malattia di Crohn è un modo per trattare il danno dalla malattia e ridurre i rischi di effetti nocivi.

Un medico in genere raccomanderà un intervento chirurgico solo quando è assolutamente necessario. Mentre la chirurgia non cura la malattia di Crohn, può aiutare a ridurre i rischi di complicazioni, come infezioni gravi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...