Identificata la causa della Sclerosi Multipla. Farmajet news

Non è ancora chiaro cosa causa la sclerosi multipla, ma una nuova ricerca si chiude sui meccanismi del sistema immunitario difettoso coinvolti nello sviluppo di questa condizione.
multiple-sclerosis-concept-illustration.jpg

Una nuova ricerca ha identificato un altro tipo di cellula immunitaria che può svolgere un ruolo nella SM.

La sclerosi multipla (SM), che è una malattia autoimmune, induce il sistema immunitario ad attaccare erroneamente la mielina.

La mielina è la sostanza che ricopre gli assoni, che sono le proiezioni che consentono ai neuroni di connettersi e trasmettere informazioni.

Questo processo è noto come demielinizzazione e influenza il corretto funzionamento del sistema nervoso centrale .

La condizione è caratterizzata da problemi di equilibrio e coordinazione, oltre che dalla vista, per citarne solo alcuni dei suoi effetti. In Italia , la SM colpisce 250.000-350.000 persone.

I ricercatori non sanno ancora con certezza quali siano le cause della SM, ma a poco a poco stanno scoprendo i meccanismi in gioco e rivelando più colpevoli cellulari coinvolti.

Ora, il neurologo Roland Martin e l’immunologo Mireia Sospedra – presso l’Università di Zurigo e l’Ospedale universitario di Zurigo, entrambi in Svizzera – e colleghi hanno dimostrato che un tipo di cellula immunitaria chiamata cellule B è la chiave per le reazioni autoimmuni che caratterizzano la SM.

In uno studio i cui risultati sono ora pubblicati sulla rivista Cell , gli scienziati spiegano che le cellule B influenzano l’attività di un altro tipo di cellula immunitaria, le cellule T, che quindi causano l’ infiammazione .

Siamo stati in grado di mostrare per la prima volta che alcune cellule B – le cellule del sistema immunitario che producono anticorpi – attivano le cellule T specifiche che causano l’infiammazione nel cervello e le lesioni delle cellule nervose”.

Roland Martin

Le cellule B influenzano le cellule T

Gli studi sulla SM tenderanno a concentrarsi sul ruolo svolto dalle cellule T nello sviluppo di questa condizione, dal momento che le cellule T hanno il compito di innescare una risposta immunitaria adeguata una volta che rilevano la presenza di agenti patogeni.

Quando le cellule T si guastano e confondono le cellule sane nel corpo per i patogeni, questo provoca lesioni e infiammazioni dannose, associate a malattie autoimmuni come la SM.

Martin e colleghi, tuttavia, hanno scoperto che le cellule T potrebbero essere erroneamente attivate da altre cellule immunitarie specializzate: le cellule B.

Questo è diventato evidente ai ricercatori dopo aver osservato gli effetti di alcuni farmaci usati per trattare la SM.

Martin afferma: “Una classe di farmaci per la SM denominati Rituximab e Ocrelizumab ci ha portato a credere che le cellule B abbiano svolto un ruolo importante nella patogenesi della malattia”.

Questi farmaci, notano gli autori, arrestano l’infiammazione del cervello rimuovendo le cellule B, il che suggerisce che queste cellule immunitarie siano in definitiva responsabili dell’attività delle cellule T.

Una catena di reazioni

Al fine di comprendere meglio il ruolo svolto dalle cellule B nell’infiammazione, i ricercatori hanno analizzato campioni di sangue da persone con SM attraverso un metodo sperimentale in vitro.

Hanno notato che le cellule B interagivano con cellule T specializzate, aumentando la loro attività e influenzandole per dividersi di più, alimentando così il loro ciclo di attacco.

È diventato chiaro che le cellule B erano la causa dell’attività delle cellule T perché, quando hanno eliminato il primo, quest’ultimo ha smesso di proliferare.

“Ciò significa che ora possiamo spiegare il meccanismo precedentemente poco chiaro di questi farmaci MS”, spiega Martin.

Gli investigatori notano inoltre che le cellule T attivate che hanno studiato nei campioni di sangue includono la popolazione di cellule T che sono attive nell’infiammazione cerebrale correlata alla SM.

Martin e il suo team suggeriscono che le cellule T sono in grado di leggere entrambe le proteine ​​rilasciate dalle cellule B e riconoscere le cellule nervose nel cervello. Gli scienziati dicono che le cellule T vengono attivate per la prima volta nel sangue periferico, solo per migrare al cervello, dove finiscono per attaccare la mielina.

“I nostri risultati non solo spiegano come i nuovi farmaci MS entrano in vigore, ma aprono anche la strada a nuovi approcci nella ricerca di base e nella terapia per la SM”, afferma Martin.

Annunci

Un pensiero su “Identificata la causa della Sclerosi Multipla. Farmajet news

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...