La vitamina B-3 può trattare e prevenire la lesione renale acuta. Farmajet news

Una nuova ricerca suggerisce che l’assunzione di vitamina B-3 per via orale potrebbe presto diventare un modo efficace per trattare o addirittura prevenire la lesione renale acuta.

niacina.jpg

L’assunzione di vitamina B-3 può prevenire la lesione renale acuta.

In caso di danno renale acuto , i reni improvvisamente cessano di funzionare – di solito a causa di complicazioni durante il ricovero in ospedale.

Secondo quanto riferito, circa il 10% degli adulti ospedalizzati in Italia lo sviluppano.

Sebbene temporanea, la condizione può essere fatale. Infatti, il National Institutes of Health (NIH) afferma che il 9,5% degli adulti che hanno avuto la malattia nel 2013 è morto di conseguenza.

La lesione renale acuta si verifica quando i prodotti di scarto si accumulano nel sangue ei reni lottano per mantenere un buon equilibrio di liquidi nel corpo. Anziani, persone già ricoverate in ospedale e pazienti in unità di terapia intensiva sono particolarmente vulnerabili alla condizione.

Una nuova ricerca condotta dal Dr. Samir M. Parikh – uno specialista in reni presso il Beth Israel Deaconess Medical Center (BIDMC) di Boston, MA – suggerisce che una forma di vitamina B-3 possa essere usata per prevenire il danno renale acuto nelle persone vulnerabili.

risultati sono ora pubblicati sulla rivista Nature Medicine.

Bassi livelli di enzimi e danno renale acuto

Il dott. Parikh e il gruppo hanno studiato il metabolismo dei topi con danno renale acuto. I test delle urine hanno rivelato livelli più bassi di una sostanza chiamata nicotinamide adenina dinucleotide (NAD +). NAD + è la forma metabolizzata finale di vitamina B-3 dopo che la vitamina è stata ingerita.

Inoltre, i test hanno mostrato alti livelli di un’altra sostanza chiamata chinolina, che è un precursore di NAD +. I ricercatori hanno concluso dalle scoperte che un enzima che normalmente trasforma il chinolininato in NAD + potrebbe essere malfunzionante. Questo enzima si chiama QPRT.

Per testare la loro ipotesi, i ricercatori hanno utilizzato la tecnologia di modifica genetica per creare topi con livelli ridotti dell’enzima QPRT, ma i cui reni erano altrimenti sani.

I topi iniziarono presto a mostrare sintomi di danno renale acuto, tra cui livelli ridotti di NAD + e livelli più elevati di chinolina.

I risultati, concludono gli scienziati, “hanno stabilito il QPRT come mediatore del rene stressresistenza.”

Trattamento con vitamina B-3: sicuro e benefico

Quindi, i ricercatori hanno condotto quattro studi sull’uomo per esaminare se il chinolininato può essere usato per indicare una biosintesi ridotta di NAD +.

Scoprirono che i pazienti che avevano subito un intervento chirurgico maggiore e che erano quindi inclini a sviluppare una lesione renale acuta avevano alti livelli di chinolinato nelle loro urine.

Inoltre, i ricercatori hanno somministrato grandi dosi di vitamina B-3 a 41 persone sottoposte a chirurgia cardiaca.

“I nostri risultati”, spiega il coautore dello studio, il dottor Kamal Khabbaz, il capo della chirurgia cardiaca presso l’Istituto CardioVascolare presso il BIDMC, “suggeriscono che la biosintesi NAD + viene compromessa durante la lesione renale acuta umana e che l’aumento dei livelli di vitamina B-3 può essere sicuro e potenzialmente vantaggioso per i pazienti. “

“Inoltre,” continua il dott. Khabbaz, “abbiamo dimostrato che le misurazioni urinarie nei pazienti a rischio possono indicare questo deficit e, inoltre, prevedere risultati avversi”.

“Il ripristino del NAD + potrebbe costituire un importante progresso per i pazienti a rischio di danno renale acuto, anche se sono necessari ulteriori studi per verificare questi risultati”, conclude il Dr. Khabbaz.

Il Dr. Parikh fa eco alla stessa cautela, dicendo: “Questi risultati sono molto precoci, ma i risultati suggeriscono che un giorno potremmo avere un test non invasivo per lo stato di NAD + e forse anche trattare il danno renale acuto aumentando i livelli di NAD +”.

Siamo stati in grado di rilevare un calo del NAD + nelle urine di pazienti ad alto rischio che si trovavano in una unità di terapia intensiva o sottoposti a un intervento chirurgico maggiore e hanno scoperto che la vitamina B-3 orale poteva tranquillamente elevare il NAD + in pazienti ad alto rischio”.

Dr. Samir M. Parikh

Farmajet consiglia ACUTIL MULTIVITAMINICO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...