In Arrivo La nuova “tripla pillola” che elimina l’ipertensione. Farmajet news

Un nuovo farmaco combinato potrebbe potenzialmente rivoluzionare il trattamento dell’ipertensione in tutto il mondo, dopo che uno studio clinico lo ha dichiarato sicuro e molto efficace.
ipertensione 1.jpg

Un recente studio clinico ha confermato che una nuova pillola può trattare l’ipertensione in modo più efficace rispetto alla terapia tradizionale.

In un recente studio clinico condotto da ricercatori del George Institute for Global Health – con filiali nel Regno Unito, Australia e India – hanno testato l’efficacia e la sicurezza di utilizzare un farmaco innovativo per il trattamento di alta pressione sanguigna , o ipertensione .

Questo farmaco, soprannominato “tripla pillola” dai ricercatori , combina basse dosi di tre farmaci esistenti per la pressione sanguigna .

Vale a dire: telmisartan (20 milligrammi), amlodipina (2,5 milligrammi) e clortalidone (12,5 milligrammi).

Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) del 2008, circa il 40% di adulti di età superiore ai 25 anni hanno aumentato la pressione sanguigna in tutto il mondo. L’OMS stima inoltre che l’ipertensione sia responsabile di 7,5 milioni di tutti i decessi in tutto il mondo.

Questo perché questa condizione è un importante fattore di rischio sia per le malattie cardiache e ictus , rendendo una priorità per avere trattamenti efficaci in atto per la regolazione della pressione sanguigna.

Normalmente, le persone con ipertensione iniziano a prendere un farmaco per la pressione del sangue a basse dosi, solo per dover tornare dai loro medici più e più volte. Poi ricevono prescrizioni per dosi sempre più alte e più farmaci per l’ipertensione.

Secondo la coautrice dello studio, la dott.ssa Ruth Webster, “I pazienti vengono riportati [all’ufficio del medico] a intervalli frequenti per vedere se soddisfano i loro obiettivi con più visite necessarie per adattare i loro trattamenti e il loro dosaggio”.

“Il problema con questo approccio”, aggiunge, è che “non è solo il tempo inefficiente, è costoso. Sappiamo anche che molti medici e pazienti lo trovano troppo complicato e spesso non si attengono al processo”.

Quindi, il dottor Webster e colleghi hanno testato un metodo che, speravano, sarebbe stato più efficiente, non avrebbe avuto effetti collaterali aggiuntivi e avrebbe rimosso alcuni degli inconvenienti legati a un trattamento tradizionale.

È così che è venuta fuori la “tripla pillola”, che combina fisse basse dosi di tre farmaci già esistenti comunemente usati per trattare l’ipertensione.

‘Tripla pillola’ contro terapia tradizionale

Lo studio clinico che ha testato l’efficacia e la sicurezza della nuova pillola di combinazione ha avuto luogo in Sri Lanka. Ha coinvolto 700 partecipanti – in media 56 anni – con una pressione arteriosa media di 154/90 millimetri di mercurio (mm Hg), che è un tipico segno di ipertensione.

Di tutti i partecipanti, alcuni hanno assunto la pillola di combinazione, mentre altri hanno continuato a seguire la loro consueta terapia per abbassare la pressione sanguigna, come da consiglio dei loro medici.

In contrasto con quelli che seguono la terapia tradizionale per l’ipertensione, un numero maggiore di coloro che assumevano la pillola di combinazione erano in grado di abbassare la propria pressione sanguigna in modo efficace, raggiungendo la pressione target di 140/90 mm Hg o inferiore.

L’obiettivo per le persone con diabete o malattia renale era 130/80 mm Hg, che molte persone che prendevano la “tripla pillola” erano in grado di raggiungere.

Più precisamente, il 70% delle persone che assumevano la “tripla pillola” ha raggiunto la pressione sanguigna target, rispetto a poco più del 50% dei partecipanti che hanno continuato la terapia tradizionale di ipertensione.

Nel documento di studio pubblicato su JAMA , gli autori spiegano che dopo 6 mesi dall’inizio del processo, l’83% delle persone che avevano iniziato la “tripla pillola” stavano ancora seguendo questo stesso trattamento.

Al contrario, la maggior parte dei partecipanti che seguivano un trattamento tradizionale avevano aggiunto farmaci o aumentato la quantità di droga entro il limite di 6 mesi.

“La World Heart Federation [ha] fissato un obiettivo ambizioso che entro il 2025 ci sarà una riduzione del 25 per cento dei livelli di pressione sanguigna a livello globale”, afferma il co-autore dello studio Prof. Anushka Patel.

“La tripla pillola”, continua, “potrebbe essere un modo economico di aiutare i paesi di tutto il mondo a raggiungere questo obiettivo”.

‘Questo studio ha rilevanza globale’

I ricercatori del George Institute ritengono che la loro “tripla pillola” possa davvero fare la differenza per la terapia attuale per l’ipertensione.

In questo momento, il team sta esaminando l’efficacia dei costi della droga combinata per vari paesi e sta mettendo in atto strategie per rendere la droga accessibile in tutto il mondo. “Questo studio ha rilevanza globale”, afferma il Prof. Patel.

Mentre il bisogno più urgente, dal punto di vista del carico globale di malattia, è quello di paesi a basso e medio reddito, è ugualmente rilevante in un paese come l’Australia dove stiamo ancora raggiungendo solo il [40-50 percento] tassi di controllo per alta pressione sanguigna.”

Prof. Anushka Patel

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...