Combattere il cancro alla prostata con una nuova tecnica rivoluzionaria

Le cellule di cancro alla prostata cresciute in laboratorio innovative potrebbero cambiare il modo in cui viene condotta la ricerca. Aumenteranno significativamente la velocità con cui i nuovi farmaci possono essere testati.
ricerca cancro alla prostata.jpg

Nuovi modelli di cancro alla prostata dovrebbero guidare la ricerca in avanti.

A parte il cancro della pelle , cancro della prostata è il più comune di cancro in Italia, con circa 54.000 nuovi casi ogni anno.

Sebbene i trattamenti moderni, inclusi la radioterapia e la chirurgia, abbiano spesso successo quando la malattia viene diagnosticata precocemente, c’è ancora molto da imparare.

Ad esempio, alcuni casi si ripresentano e spesso sono necessari più trattamenti. Gli attuali farmaci possono essere efficaci, ma le cellule tumorali si evolvono così rapidamente che c’è una corsa agli armamenti in corso.

Sono necessari agenti antitumorali nuovi e innovativi, ma lo sviluppo di tali farmaci è relativamente lento.

Accelerare la ricerca

Uno dei motivi principali per cui la creazione e la sperimentazione di nuovi farmaci contro il cancro alla prostata richiede tanto tempo è che il tessuto del cancro alla prostata non sopravvive bene al di fuori del corpo. Una volta che il tessuto è stato rimosso da un paziente, è molto difficile tenerlo in vita.

Pertanto, lo screening precoce dei farmaci deve essere effettuato su cellule tumorali iperspecificate che vengono coltivate in laboratorio. Sebbene queste prove siano utili, le cellule tumorali genuine sono di gran lunga il modo migliore per ottenere una solida comprensione di come un farmaco potrebbe funzionare nel corpo umano.

I ricercatori della Monash University di Melbourne, in Australia, hanno cercato modi per aggirare questo ostacolo. Il gruppo, guidato dal Prof. Gail Risbridger, ha progettato un modo per far crescere tumori in laboratorio da tessuto tumorale donato. Il tessuto risultante è altrettanto complesso dei tumori trovati nelle persone con cancro alla prostata.

Questo accesso a tumori realistici significa che nuovi farmaci e combinazioni di farmaci possono essere sperimentati a un ritmo molto più rapido. Già, il Prof. Risbridger ha più di 20 tumori cresciuti in laboratorio pronti per essere utilizzati per questo scopo.

I tumori cresciuti in laboratorio accelereranno la ricerca sul cancro in modo che le scoperte scientifiche avvantaggino i pazienti prima.”

Prof. Gail Risbridger

Le prove iniziano

Il Prof. Risbridger ha recentemente pubblicato un articolo sulla rivista European Urology con il suo collega Dr. Mitchell Lawrence. Il documento descrive come hanno testato i farmaci antitumorali esistenti utilizzando il nuovo modello di cancro alla prostata con risultati incoraggianti.

Il Dr. Lawrence è entusiasta dei risultati, dicendo: “Questi tumori cresciuti in laboratorio ci hanno permesso di confrontare rapidamente diversi trattamenti e identificare quelli che causano la riduzione più eclatante nella crescita del tumore”.

Spiega che la combinazione di farmaci che hanno usato è stata in grado di sopprimere “la crescita di cellule di cancro alla prostata aggressive che non rispondono ad altri trattamenti”.

Il team è desideroso di condividere la sua nuova metodologia con altri scienziati nello stesso campo. A tal fine, i ricercatori hanno istituito l’Alleanza per la ricerca urologica di Melbourne, che riunisce specialisti del cancro alla prostata tra cui urologi, patologi, oncologi, informatici e rappresentanti dei pazienti.

Vantano la più grande collezione di tumori del cancro alla prostata cresciuti in laboratorio, offrendo ai ricercatori un percorso più rapido ed efficace per sperimentare nuovi modi per attaccare il cancro alla prostata.

Sebbene questa metodologia sia relativamente nuova, promette una svolta più rapida per gli scienziati coinvolti e, alla fine, migliori trattamenti per i pazienti.

 

per prevenire le infiammazioni alla prostata Farmajet consiglia il PROSTADIN 

un ottimo integratore curativo e preventivo di tutte le infiammazioni della prostata

prostadin.jpg

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...