Rughe e perdita di capelli invertiti nei topi

Il sogno di poter preservare la nostra gioventù fisiologica ha ossessionato l’umanità per secoli, e più la scienza avanza, più otteniamo la speranza che un giorno questo sogno diventi realtà.
giovane e vecchio.jpg

Gli scienziati si stanno avvicinando alla ricerca del segreto del ringiovanimento?

La perdita dei capelli e lo sviluppo delle rughe della pelle sono qualcosa che tutti noi iniziamo a sperimentare, in misura maggiore o minore, quando invecchiamo.

Questi sintomi dell’invecchiamento sono in gran parte dettati dal declino della funzione mitocondriale all’interno delle cellule.

I mitocondri sono strutture cellulari chiave che producono adenosina trifosfato (ATP), il “carburante” che mantiene una sana funzione cellulare.

Quando i mitocondri non funzionano più correttamente o producono la quantità necessaria di ATP, ciò può avere conseguenze dannose.

Oltre a provocare la corrugazione della pelle e la perdita dei capelli, la disfunzione mitocondrialepuò contribuire allo sviluppo di molte malattie croniche.

In un recente studio, Keshav Singh – dell’Università di Alabama a Birmingham – e colleghi hanno sperimentato modi per invertire una mutazione del DNA che porta a disfunzioni mitocondriali.

In un articolo pubblicato sulla rivista Cell Death & Disease , i ricercatori riportano che, lavorando con un modello murino, hanno avuto successo nel ripristinare la funzione mitocondriale, invertendo in tal modo le rughe e la perdita di capelli osservate nei roditori.

“A nostra conoscenza, questa osservazione non ha precedenti”, afferma Singh.

La mutazione che scatena i segni dell’invecchiamento

Singh e colleghi spiegano che i cambiamenti nella funzione mitocondriale si verificano a causa di una mutazione che si verifica in un gene nucleare – un tipo di gene trovato nel nucleo delle cellule – che porta a un esaurimento del DNA mitocondriale.

Per indurre questa mutazione nel modello del topo, i ricercatori hanno usato la doxiciclina, un antibiotico che hanno aggiunto al cibo o all’acqua dei roditori. I topi che hanno ricevuto questo trattamento hanno cominciato a mostrare segni coerenti con quelli osservati nell’invecchiamento in sole 4 settimane dal suo inizio.

Ben presto, i loro capelli diventarono grigi, sperimentarono la perdita dei capelli e divennero più letargici. Entro 4-8 settimane dal trattamento, gli animali hanno anche iniziato a presentare la pelle rugosa, e questo ha colpito le femmine più gravemente di quanto non facessero i maschi.

La pelle rugosa ha mostrato il tipo di cambiamenti osservati a causa dell’invecchiamento intrinseco ed estrinseco (esterno) stressche produce danni alla pelle. I cambiamenti consistenti con l’invecchiamento estrinseco comprendevano troppe cellule della pelle, ispessimento dello strato più esterno della pelle, follicoli dei capelli malsani e aumento dell’infiammazione .

Singh e il team hanno anche notato che i topi avevano un’espressione alterata di metalloproteinasi della matrice, che sono enzimi che aiutano a sostenere le fibre di collagene che impediscono l’increspatura del tessuto cutaneo.

Un fattore reversibile?

Tuttavia, i ricercatori hanno osservato pochi cambiamenti nel tessuto di altri organi dopo aver indotto la mutazione genetica. Questo, secondo loro, suggerisce che i mitocondri svolgono un ruolo più importante nella salute del tessuto cutaneo rispetto ad altri tipi di tessuto.

Fortunatamente, gli scienziati hanno scoperto che erano in grado di invertire questi cambiamenti nei topi disattivando la mutazione genetica che avevano inizialmente indotto.

Entro un mese dopo aver interrotto il trattamento con doxiciclina, il DNA mitocondriale stava iniziando a ricostituirsi, ei topi hanno riguadagnato i capelli – nel loro colore iniziale – e le loro rughe sono state levigate.

Questo, sostiene Singh, suggerisce che la funzione mitocondriale possa essere un fattore reversibile legato all’invecchiamento della pelle e dei capelli – che, aggiunge, è un risultato “sorprendente”.

“Suggerisce che i meccanismi epigenetici alla base del cross-talk tra mitocondri e nuclei debbano svolgere un ruolo importante nel ripristino del normale fenotipo della pelle e dei capelli”, spiega Singh.

Questo modello murino dovrebbe fornire un’opportunità senza precedenti per lo sviluppo di strategie di sviluppo di farmaci preventivi e terapeutici per aumentare le funzioni mitocondriali per il trattamento della patologia associata all’invecchiamento della pelle e dei capelli e di altre malattie umane in cui la disfunzione mitocondriale gioca un ruolo significativo”.

Keshav Singh

I ricercatori sperano che ulteriori studi li aiuteranno a chiarire se procedure analoghe potrebbero, in futuro, essere utilizzate per invertire i sintomi dell’invecchiamento in altri tipi di tessuto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...