Il numero di Spermatozoi più che dimezzato negli uomini occidentali.

Nel più ampio studio di questo tipo, i ricercatori hanno scoperto che il numero di spermatozoi nei paesi occidentali si è più che dimezzato negli ultimi decenni. Al di fuori di questi paesi, tuttavia, il declino non è significativo.
sperma farmajet.jpg

Il numero di spermatozoi sta davvero calando nel mondo occidentale?

La questione se il conteggio degli spermatozoi sia in diminuzione o meno è stata oggetto di dibattiti accesi da molti anni all’interno della comunità scientifica. Tuttavia, nessuna conclusione definitiva è stata raggiunta.

Ovviamente, un numero ridotto di spermatozoi ha implicazioni importanti per la riproduzione, ma questo non è l’unico motivo di allarme; è stato dimostrato che il basso numero di spermatozoi aumenta il rischio di mortalità e morbilità per tutte le cause.

Ad esempio, uno studio pubblicato nel 2014 ha concluso che “quelli con parametri anormali dello sperma hanno un rischio maggiore di morte, suggerendo una possibile eziologia comune tra infertilità e mortalità”.

Inoltre, il numero ridotto di spermatozoi è associato alla deformazione del pene (ipospadia), un testicolo che non si è spostato nello scroto ( criptorchidismo ) e nel cancro ai testicoli .

Un’altra preoccupazione generale è che il numero di spermatozoi e altre misure di qualità dello sperma potrebbero essere un segno del fatto che viviamo in un ambiente tossico. Più ne capiamo, meglio possiamo avvicinarci apportando modifiche consapevoli alle sostanze chimiche che usiamo ogni giorno.

Raccolta di dati sul conteggio dello sperma

Tenendo a mente questi fattori, un gruppo di ricercatori si è recentemente proposto di condurre una revisione sistematica su larga scala e una meta-analisi delle tendenze del numero di spermatozoi.

Per lo studio, un gruppo della Hebrew University-Hadassah Braun School of Public Health e Community Medicine in Israele ha unito le forze con la Icahn School of Medicine del Mount Sinai a New York City, NY. I loro risultati sono pubblicati questa settimana sulla rivista Human Reproduction Update .

Hanno esaminato 7.500 studi e completato un’analisi di meta-regressione su 185 studi condotti dal 1973 al 2011. I risultati sono stati chiari e sorprendenti.

Uomini provenienti da Europa, Nord America, Australia e Nuova Zelanda hanno avuto un calo del 52,4 per cento nella concentrazione di spermatozoi e un calo del 59,3 per cento del numero totale di spermatozoi.

Al contrario, nessun calo significativo è stato riscontrato negli uomini provenienti da Asia, Sud America e Africa – sebbene ci fossero meno studi da analizzare in queste regioni. E preoccupante, il tasso di declino negli uomini occidentali non sembra rallentare; “la pendenza era ripida”. Anche quando l’analisi era limitata agli studi dal 1996 al 2011, la tendenza era ancora significativa.

Le implicazioni del numero ridotto di spermatozoi

Dal 1992, la questione se il numero di spermatozoi sia in costante calo è stata ampiamente dibattuta. Sebbene studi precedenti abbiano affrontato questo problema con risultati variabili, l’attuale ricerca ha un ambito più ampio.

Per garantire che l’analisi fosse il più accurata possibile, i ricercatori hanno controllato per una serie completa di fattori potenziali. Questi includevano il tempo di astinenza, il metodo di raccolta dello sperma, come sono stati contati gli spermatozoi, l’età del partecipante, come è stata selezionata la popolazione dello studio e quanti sono stati dati i campioni per uomo.

Data l’importanza dei conteggi di spermatozoi per la fertilità maschile e la salute umana, questo studio è un urgente campanello d’allarme per ricercatori e autorità sanitarie in tutto il mondo per indagare sulle cause del forte calo continuo del numero di spermatozoi, con l’obiettivo della prevenzione. ”

Autrice principale Dr. Hagai Levine

Gli autori ritengono che, poiché il declino si osserva solo nei paesi occidentali, “le sostanze chimiche nel commercio” potrebbero giocare un ruolo nella tendenza al ribasso.

Sebbene l’attuale studio non abbia affrontato la causa diretta, il calo della qualità dello sperma è stato precedentemente associato a pesticidi , calore, fattori legati allo stile di vita, dieta, fumo, stress e indice di massa corporea ( BMI ). I ricercatori chiedono se il numero di spermatozoi in calo potrebbe essere il proverbiale “canarino nella miniera di carbone”.

Poiché l’analisi dello studio era così dettagliata e il set di dati così vario – vale a dire, è stato distribuito uniformemente in 39 anni e in 50 paesi – i risultati sono particolarmente solidi e, pertanto, particolarmente preoccupanti.

Con le connessioni già tracciate tra il numero ridotto di spermatozoi e la mortalità complessiva, gli autori scrivono: “La ricerca sulle cause e le implicazioni di questo declino è urgente.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...