Quindici cibi buoni per la pressione alta

Cambiare la dieta può ridurre significativamente l’ipertensione. La ricerca ha dimostrato che alcuni alimenti possono abbassare la pressione sanguigna, sia subito che a lungo termine.

Conosciuto anche come l’ipertensione , la pressione alta colpisce 1 a 3 adulti negli Stati Uniti.

Farmaci, cambiamenti nella dieta e altre modifiche allo stile di vita possono ridurre l’ipertensione riducendo il rischio di condizioni associate. Avere la pressione alta aumenta il rischio di una persona di malattie cardiache , ictus e malattie renali.

In questo articolo, discutiamo di alimenti che possono aiutare a ridurre l’ipertensione e fornire prove scientifiche.

Quindici alimenti che aiutano ad abbassare la pressione sanguigna

Molti ricercatori hanno scoperto che alcuni alimenti possono abbassare l’ipertensione. Analizziamo quali alimenti funzionano e come incorporarli in una dieta salutare.

1. Bacche

bacche farmajet.jpg

Mirtilli e fragole contengono antociani, che possono aiutare a ridurre la pressione sanguigna di una persona.

Mirtilli e fragole contengono composti antiossidanti chiamati antociani, un tipo di flavonoidi.

I ricercatori hanno condotto un ampio studio con oltre 34.000 persone con ipertensione.

Hanno scoperto che quelli con il più alto apporto di antociani – principalmente da mirtilli e fragole – avevano una riduzione dell’8% nel rischio di ipertensione, rispetto a quelli con un basso apporto di antocianine.

Goditi le bacche come spuntino o dolcezza dopo i pasti o aggiungile a frullati e fiocchi d’avena.

2. Banane

Le banane contengono un sacco di potassio , un minerale che svolge un ruolo fondamentale nella gestione dell’ipertensione.

Secondo l’American Heart Association, il potassio riduce gli effetti del sodio e allevia la tensione nelle pareti dei vasi sanguigni.

Gli adulti dovrebbero mirare a consumare 4.700 milligrammi (mg) di potassio al giorno. Altri cibi ricchi di potassio includono:

  • avocado
  • melone cantalupo e melone
  • halibut
  • funghi
  • patate dolci
  • pomodori
  • tonno
  • fagioli

Le persone con malattie renali dovrebbero parlare ai loro medici di potassio, in quanto troppo può essere dannoso.

3. Barbabietole

Bere succo di barbabietola può ridurre la pressione sanguigna a breve e lungo termine.

Nel 2015, i ricercatori hanno riferito che l’assunzione di succo di barbabietola rossa ha portato ad abbassare la pressione sanguigna nelle persone con ipertensione che hanno bevuto 250 millilitri, circa 1 tazza, del succo ogni giorno per 4 settimane. I ricercatori hanno notato alcuni effetti positivi entro 24 ore.

In questo studio, coloro che bevevano 1 tazza di succo di barbabietola ogni giorno avevano una caduta media della pressione sanguigna di circa 8/4 millimetri di mercurio (mm Hg). Per molti, questo cambiamento ha portato la loro pressione sanguigna entro il range normale. In media, un singolo farmaco per la pressione del sangue riduce i livelli di 9/5 mm Hg.

I ricercatori hanno suggerito che gli alti livelli di nitrato inorganico della barbabietola hanno causato la riduzione della pressione sanguigna.

Può essere utile bere un bicchiere di succo di barbabietola ogni giorno, aggiungere barbabietole alle insalate o preparare le verdure come contorno sano.

4. Cioccolato fondente

Questo trattamento dolce può abbassare la pressione sanguigna. Una revisione di 15 studi suggerisce che il cioccolato ricco di cacao riduce la pressione sanguigna nelle persone con ipertensione o pre ipertensione.

Scegli cioccolato di alta qualità che contiene un minimo di 70 percento di cacao e consuma un singolo quadrato o un pezzo che misura circa 1 oncia al giorno.

5. Kiwi

Una dose giornaliera di kiwi può ridurre la pressione del sangue nelle persone con livelli lievemente elevati, in base ai risultati di uno studio .

I ricercatori hanno confrontato gli effetti di mele e kiwi su persone con una pressione del sangue leggermente alta.

Hanno scoperto che mangiare tre kiwi al giorno per 8 settimane ha prodotto una riduzione più significativa sia della pressione sistolica che diastolica, rispetto al consumo di una mela al giorno per lo stesso periodo. Gli autori sospettano che le sostanze bioattive nei kiwi abbiano causato la riduzione.

I kiwi sono anche ricchi di vitamina C, che può migliorare significativamente le letture della pressione sanguigna nelle persone che hanno consumato circa 500 mg di vitamina ogni giorno per circa 8 settimane.

I kiwi sono anche facili da aggiungere a pranzi o frullati.

6. Anguria

L’anguria contiene un amminoacido chiamato citrullina, che può aiutare a gestire l’ipertensione.

La citrullina aiuta il corpo a produrre ossido nitrico, un gas che rilassa i vasi sanguigni e favorisce la flessibilità delle arterie. Questi effetti aiutano il flusso di sangue, che può abbassare la pressione alta.

In uno studio , gli adulti con obesità e preipertensione o ipertensione lieve che hanno assunto l’estratto di anguria hanno mostrato una riduzione della pressione arteriosa nelle caviglie e nelle arterie brachiali. L’arteria brachiale è l’arteria principale nella parte superiore del braccio.

I ricercatori hanno anche scoperto che gli animali trattati con una dieta ricca di anguria avevano una migliore salute del cuore. In uno studio , i topi che hanno bevuto una soluzione contenente succo di anguria avevano il 50% in meno di placca nelle loro arterie rispetto al gruppo di controllo.

I topi che hanno bevuto la soluzione avevano anche il 50% in meno di colesterolo lipoproteico a bassa densità , che molti descrivono come colesterolo cattivo e hanno mostrato un aumento di peso del 30 per cento inferiore rispetto agli animali di controllo.

Per aumentare l’assunzione di cocomero, aggiungi la frutta alle insalate e ai frullati o goditela in una zuppa di cocomero fresca.

7. Avena

L’avena contiene un tipo di fibra chiamata beta-glucano, che può ridurre i livelli di colesterolo nel sangue. Il beta-glucano può anche abbassare la pressione sanguigna, secondo alcune ricerche.

Una revisione di 28 studi ha concluso che un maggiore consumo di fibre di beta-glucano può abbassare sia la pressione sistolica che quella diastolica. L’orzo contiene anche questa fibra.

Inizia la giornata con una ciotola di fiocchi d’avena o usa l’avena rotolata al posto del pangrattato per dare consistenza alle polpette di carne o agli hamburger vegetariani.

8. Verdure a foglia verde

Le verdure a foglia verde sono ricche di nitrati, che aiutano a gestire la pressione sanguigna. Alcune ricerche suggeriscono che mangiare 1-2 porzioni di verdure ricche di nitrati ogni giorno può ridurre l’ipertensione fino a 24 ore.

Esempi di verdure a foglia verde includono:

  • cavolo
  • cavolo verde
  • finocchio
  • cavolo
  • lattuga
  • senape
  • spinaci
  • bietola

Per consumare una dose giornaliera di verdure verdi, mescolare gli spinaci in curry e stufati, saltare la bietola con l’aglio per un contorno gustoso o cuocere una porzione di patatine kale.

9. Aglio

aglio farmajet.jpg

Mangiare aglio può aumentare i livelli di ossido nitrico di una persona.

L’aglio è un antibiotico naturale e cibo antifungino. Il suo principale principio attivo, l’allicina, è spesso responsabile di benefici per la salute associati.

Alcune ricerche suggeriscono che l’aglio aumenta la produzione corporea di ossido nitrico, che aiuta i muscoli lisci a rilassarsi ei vasi sanguigni a dilatarsi. Questi cambiamenti possono ridurre l’ipertensione.

Uno studio ha riportato che l’estratto di aglio riduce sia la pressione sistolica che diastolica in persone ipertese.

L’aglio può esaltare il sapore di molti piatti salati, tra cui patatine fritte, zuppe e omelette. L’uso dell’aglio invece del sale può promuovere ulteriormente la salute del cuore.

10. Alimenti fermentati

I cibi fermentati sono ricchi di probiotici, che sono batteri benefici che svolgono un ruolo importante nel mantenimento della salute dell’intestino. Mangiare i probiotici può avere un modesto effetto sull’ipertensione, secondo una rassegna di nove studi.

I ricercatori hanno riportato più effetti potenziati quando i partecipanti allo studio hanno consumato:

  • più specie di batteri probiotici
  • probiotici regolarmente per più di 8 settimane
  • almeno 100 miliardi di unità formanti colonie al giorno

Gli alimenti fermentati da aggiungere alla dieta includono:

  • yogurt naturale
  • kimchi
  • kombucha
  • aceto di sidro di mele
  • miso
  • tempeh

Alcune persone preferiscono assumere concentrati probiotici ogni giorno.

11. Lenticchie e altri legumi

Le lenticchie sono un alimento base di molte diete in tutto il mondo, in quanto sono un’ottima fonte di proteine ​​e fibre vegetariane.

Nel 2014, i ricercatori che hanno studiato gli effetti di una dieta ricca di legumi sui ratti hanno riportato livelli diminuiti di pressione sanguigna e colesterolo. Un totale del 30 percento della dieta dei ratti comprendeva legumi, inclusi fagioli, piselli, lenticchie e ceci.

Le lenticchie sono molto versatili. Molte persone li usano come alternativa vegetariana alla carne macinata o per aggiungere massa a insalate, stufati e zuppe.

12. Yogurt naturale

L’America Heart Association ha riferito che lo yogurt può ridurre il rischio di ipertensione nelle donne.

I ricercatori hanno scoperto che le donne di mezza età che consumavano cinque o più porzioni di yogurt ogni settimana per 18-30 anni mostravano una riduzione del 20% del rischio di ipertensione rispetto alle donne di età simile che raramente mangiavano yogurt.

Gli uomini nello studio non sembravano avere gli stessi benefici, ma le loro prese di yogurt tendevano ad essere più basse.

È importante notare che il National Dairy Council negli Stati Uniti ha finanziato questa ricerca.

Gli yogurt non zuccherati, come gli yogurt naturali o greci, tendono ad avere più benefici. Goditeli con frutta, noci o semi per uno snack o un dessert salutare.

13. Melograni

Bere 1 tazza di succo di melograno al giorno per 28 giorni può abbassare la pressione alta a breve termine, secondo i risultati di uno studio del 2012. I ricercatori hanno attribuito questo effetto al contenuto di antiossidanti del frutto.

Mentre i melograni possono essere gustati interi, alcune persone preferiscono il succo. Al momento dell’acquisto di succo di melograno preconfezionato, verificare che non ci sia zucchero aggiunto.

14. Cannella

La cannella può anche aiutare a ridurre la pressione sanguigna, almeno a breve termine.

Un’analisi di tre studi hanno dimostrato che la cannella diminuzione della pressione sanguigna sistolica breve termine 5,39 millimetri Hg e pressione diastolica di 2,6 mm Hg. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche.

Aggiungi la cannella alla dieta cospargendola sopra farina d’avena o frutta fresca tritata, in alternativa allo zucchero.

15. Pistacchi

pistacchi farmajet.jpg

Il consumo di pistacchi può ridurre il rischio di ipertensione di una persona.

I pistacchi sono noci salutari che possono ridurre l’ipertensione.

Uno studio ha riportato che l’inclusione di pistacchi in una dieta moderata di grassi può ridurre la pressione sanguigna durante i periodi di stress . Ciò può essere dovuto al fatto che un composto nelle noci riduce la tensione dei vasi sanguigni.

È importante notare che la California Pistachio Commission di Fresno e gli American Pistachio Growers hanno finanziato questo studio su piccola scala.

Altri studi hanno scoperto che altri tipi di noci, come le mandorle , hanno avuto un effetto simile.

Fare uno spuntino con i pistacchi, mescolarli in insalate o frullarli in pesto. Le noci non salate sono più salutari.

Alimenti da evitare

Mentre alcuni alimenti possono alleviare l’ipertensione, altri possono causare sostanziali aumenti della pressione sanguigna.

Le persone possono prevenire o ridurre l’ipertensione eliminando quanto segue:

sale

Il sodio può aumentare significativamente la pressione sanguigna. Secondo i risultati di una revisione del 2013, l’apporto calorico inferiore di 4,4 grammi al giorno ha ridotto sostanzialmente la pressione sanguigna sistolica e diastolica.

Caffeina

La caffeina contenuta nel caffè , nel tè, nella cola e nelle bevande energetiche può causare picchi di pressione a breve termine.

Una revisione di cinque studi ha rilevato che bere fino a 2 tazze di caffè forte può aumentare sia la pressione sistolica che quella diastolica per 3 ore dopo il consumo.

Questi risultati non suggeriscono che il caffè aumenti la pressione sanguigna o il rischio di malattie cardiovascolari a lungo termine.

alcool

Consumare quantità moderate di vino rosso può avere alcuni benefici per la salute, ma una maggiore quantità di alcol può causare un aumento drammatico della pressione sanguigna.

L’uso di alcol pesanti aumenta anche i rischi di insufficienza cardiaca , ictus, cancro e obesità.

prospettiva

Una dieta e uno stile di vita salutari possono aiutare a ridurre il rischio di ipertensione.

Gli alimenti che possono abbassare la pressione sanguigna includono frutta, verdura, avena, noci, lenticchie, erbe e spezie.

Incorporare questi in una dieta equilibrata e impegnarsi in un’adeguata attività fisica per trattare l’ipertensione e migliorare la salute generale.

FARMAJET CONSIGLIA l’ INTEGRATORE AGLIO PURO BIODISPONIBILE

AGLIO-PURO-BIODISPONIBILE-50-CAPSULE-DA-500-MG.jpg

Annunci

Perché la depressione ti fa sentire stanco?

La depressione può causare affaticamento debilitante e rendere le attività più semplici, come alzarsi dal letto, troppo difficili da gestire.

Secondo un rapporto del 2018, la fatica colpisce oltre il 90 per cento delle persone con disturbo depressivo maggiore.

In questo articolo, scopri il legame tra depressione e affaticamento, nonché come affrontare.

Cosa causa affaticamento da depressione?

Uomo con la testa tra le mani che soffre di affaticamento da depressione.

L’affaticamento è un sintomo comune della depressione.

Le persone affette da depressione hanno maggiori probabilità di provare affaticamento e le persone affette da stanchezza cronica hanno maggiori probabilità di diventare depresse, creando un ciclo che può essere difficile da rompere.

Le cause potenziali dell’affaticamento della depressione includono problemi di sonno, dieta, stress e persino i farmaci usati per curare la depressione.

Ulteriori informazioni su ciascuna causa di seguito:

Problemi di sonno

Il sonno è essenziale per rigenerare il corpo e reintegrare l’energia. La mancanza di sonno da sola non può causare depressione, ma aumenta il rischio e può peggiorare i sintomi della depressione esistente.

Anche se una persona depressa sta dormendo abbastanza, potrebbe non svegliarsi sentendosi riposata perché la qualità del sonno è spesso inferiore a quella vissuta da una persona che non soffre di depressione.

La ricerca mostra che molte persone con depressione e altre condizioni di salute mentale , come il disturbo bipolare , sperimentano sia l’ insonnia che l’ipersonnia.

Insonnia significa avere difficoltà ad addormentarsi o rimanere addormentato. Ipersonnia si riferisce alla sonnolenza eccessiva.

Apnea ostruttiva del sonno è un altro disturbo del sonno che ha legami con la depressione. Uno studio del 2015 ha rilevato che la depressione è comune nelle persone con apnea del sonno e che colpisce la gravità dell’apnea notturna.

Inoltre, lo studio ha rilevato che il trattamento dell’apnea notturna ha migliorato i sintomi della depressione.

Dieta

I ricercatori hanno a lungo ipotizzato se la dieta influisce sulla salute mentale. Una recente meta-analisi ha esaminato più studi per un collegamento tra il rischio di dieta e depressione.

Il rapporto ha trovato alcune prove che le diete di qualità superiore, come quelle che includono alimenti anti-infiammatori, possono ridurre il rischio di alcune persone per la depressione. Tuttavia, è necessario fare più ricerca

Una seconda meta-analisi ha anche associato specifici schemi alimentari con un aumentato rischio di depressione. In particolare, i ricercatori hanno scoperto che le diete in stile occidentale contenenti carne rossa, carni lavorate, cereali raffinati, dolci e altri cibi non salutari possono aumentare il rischio di sintomi di depressione in alcune persone.

Stress

stress 4.jpg

Eventi di vita stressanti possono contribuire alla depressione.

Lo stress può influenzare i livelli di serotonina e dopamina, che sono sostanze chimiche nel cervello che svolgono un ruolo essenziale nella regolazione dell’umore e dell’energia.

La ricerca indica che gli eventi stressanti della vita possono aumentare significativamente il rischio di sviluppare un disturbo depressivo maggiore.

Questi eventi stressanti della vita possono includere la fine di una relazione o una stretta amicizia, la morte di una persona cara, una perdita finanziaria significativa, cambiamenti di lavoro e eventi correlati alla salute, come una diagnosi di cancro .

La stessa ricerca suggerisce che lo stress può anche causare infiammazione nel corpo, che può portare a ipersonnia e stanchezza. Può anche far sì che una persona si ritiri dalle attività sociali e abbia problemi a pensare chiaramente.

farmaci

Gli antidepressivi agiscono agendo sui neurotrasmettitori del cervello per aiutarli a svolgere un lavoro migliore di regolazione dell’umore di una persona. Alcuni antidepressivi, tuttavia, possono causare affaticamento significativo.

complicazioni

Secondo uno studio del 2015, l’ affaticamento cronico può portare a una depressione più prolungata e grave ea maggiori costi medici . Lo studio ha esaminato 1.982 persone con depressione, 653 delle quali hanno avuto affaticamento significativo.

Le persone affette da stanchezza avevano una maggiore gravità della depressione, dolore, disturbi del sonno e ansia . Le persone affette da stanchezza hanno anche riferito di usare più farmaci e il loro status socioeconomico sembrava essere inferiore rispetto a quelli senza affaticamento.

Come affrontare

I modi per aiutare a gestire l’affaticamento da depressione includono:

Parlare con un dottore

Il modo migliore per affrontare la depressione e la stanchezza è parlare con un medico. Mentre altri metodi di coping possono aiutare, una diagnosi e un trattamento corretti sono essenziali.

Un medico può anche aiutare a determinare se l’affaticamento è dovuto a un’altra condizione medica o se si tratta di un effetto collaterale dei farmaci usati per curare la depressione.

Se la cura della depressione è la causa della fatica, può essere utile passare a un altro antidepressivo.

esercitare

Essere attivi può ridurre l’affaticamento promuovendo un sonno migliore. Una meta-analisi ha rilevato che eseguire più di 20 minuti di esercizio di intensità da bassa a moderata può aumentare l’energia e ridurre l’affaticamento.

Migliorare la qualità del sonno

sonno e depressione.jpg

Il sonno di alta qualità può combattere l’affaticamento.

Praticare una buona igiene del sonno può aiutare una persona a gestire l’affaticamento da depressione. Una buona igiene del sonno significa avere certe abitudini che promuovono un sonno di qualità.

Queste abitudini includono:

  • evitando caffeina e alcol vicino al momento di coricarsi
  • limitando i sonnellini diurni
  • non mangiare pasti pesanti troppo vicini al momento di coricarsi
  • andare a letto e svegliarsi alla stessa ora ogni giorno
  • tenere i dispositivi elettronici fuori dalla camera da letto
  • esercitarsi regolarmente

Mangiare una dieta equilibrata

Può essere difficile mangiare bene se una persona ha a che fare con bassa motivazione e mancanza di appetito. Tuttavia, mangiare cibi ad alto contenuto di grassi e zuccheri può peggiorare i sintomi provocando l’insorgenza di glicemia e disturbi del sonno.

Mangiare cibi che promuovono il buon umore e aumentare l’energia può aiutare a ridurre l’affaticamento. Gli alimenti che possono aiutare includono:

  • verdure a foglia verde
  • pesce grasso
  • tè verde
  • mirtilli
  • yogurt e altri probiotici
  • cioccolato

Porta via

Le persone alle prese con l’affaticamento prolungato dovuto alla depressione dovrebbero parlare con il loro medico.

L’affaticamento non curato può causare una serie di complicazioni nel tempo, incluso il ritiro dagli impegni sociali e lavorativi.

I medici possono aiutare a curare sia la depressione che la fatica. Possono anche aiutare una persona a fare cambiamenti nello stile di vita per ridurre i sintomi.

Che cosa fa il Fegato ? Farmajet medical news

Il fegato è il più grande organo solido e la più grande ghiandola del corpo umano. Svolge oltre 500 compiti essenziali.

Classificati come parte del sistema digestivo, i ruoli del fegato comprendono la disintossicazione, la sintesi proteica e la produzione di sostanze chimiche che aiutano a digerire il cibo.

Questo articolo del Knowledge Center del MNT coprirà i ruoli principali del fegato, come il fegato si rigenera, cosa succede quando il fegato non funziona correttamente e come mantenere il fegato sano.

Fatti veloci sul fegato

  • Il fegato è classificato come una ghiandola.
  • Questo organo vitale svolge più di 500 ruoli nel corpo umano.
  • È l’unico organo in grado di rigenerarsi.
  • Il fegato è il più grande organo solido nel corpo.
  • L’abuso di alcol è una delle principali cause di problemi al fegato nel mondo industrializzato.

Struttura

fegato.jpg

Il fegato è uno degli organi più versatili e importanti.

Con un peso tra 3,17 e 3,66 libbre (lb), o tra 1,44 e 1,66 chilogrammi (kg), il fegato è bruno-rossastro con una consistenza gommosa. Si trova sopra e alla sinistra dello stomaco e sotto i polmoni.

La pelle è l’unico organo più pesante e più grande del fegato.

Il fegato è approssimativamente triangolare e consiste di due lobi: un lobo destro più grande e un lobo sinistro più piccolo. I lobi sono separati dal legamento falciforme, una fascia di tessuto che la tiene ancorata al diaframma.

Uno strato di tessuto fibroso chiamato capsula di Glisson copre l’esterno del fegato. Questa capsula è ulteriormente coperta dal peritoneo, una membrana che forma il rivestimento della cavità addominale.

Questo aiuta a tenere il fegato in posizione e lo protegge dai danni fisici.

Vasi sanguigni

A differenza della maggior parte degli organi, il fegato ha due importanti fonti di sangue. La vena porta porta il sangue ricco di sostanze nutritive dal sistema digestivo e l’arteria epatica trasporta il sangue ossigenato dal cuore.

I vasi sanguigni si dividono in piccoli capillari, ciascuno dei quali termina in un lobulo. I lobuli sono le unità funzionali del fegato e sono costituiti da milioni di cellule chiamate epatociti.

Il sangue viene rimosso dal fegato attraverso tre vene epatiche.

funzioni

Il fegato è classificato come una ghiandola e associato a molte funzioni. È difficile dare un numero preciso, poiché l’organo è ancora in fase di studio, ma si ritiene che il fegato svolga 500 ruoli distinti.

Le principali funzioni del fegato includono:

  • Produzione di bile: la bile aiuta l’intestino tenue a disgregarsi e ad assorbire i grassi , il colesterolo e alcune vitamine . La bile consiste di sali biliari, colesterolo, bilirubina, elettroliti e acqua.
  • Assorbimento e metabolizzazione della bilirubina: la bilirubina è formata dalla scomposizione dell’emoglobina. Il ferro rilasciato dall’emoglobina viene immagazzinato nel fegato o nel midollo osseo e utilizzato per produrre la prossima generazione di cellule del sangue.
  • Sostenere i coaguli di sangue: la vitamina K è necessaria per la creazione di alcuni coagulanti che aiutano a coagulare il sangue. La bile è essenziale per l’assorbimento della vitamina K e viene creata nel fegato. Se il fegato non produce abbastanza bile, i fattori di coagulazione non possono essere prodotti.
  • Metabolizzazione dei grassi: la bile rompe i grassi e li rende più facili da digerire.
  • Carboidrati metabolizzanti: i carboidrati sono conservati nel fegato, dove vengono scomposti in glucosio e convogliati nel flusso sanguigno per mantenere i normali livelli di glucosio. Sono immagazzinati come glicogeno e rilasciati ogni volta che è necessaria una rapida esplosione di energia.
  • Conservazione di vitamine e minerali: il fegato immagazzina vitamine A, D, E, K e B12. Mantiene quantità significative di queste vitamine immagazzinate. In alcuni casi, vitamine di diversi anni vengono conservate come backup. Il fegato immagazzina il ferro dall’emoglobina sotto forma di ferritina, pronto a produrre nuovi globuli rossi. Il fegato memorizza e rilascia anche il rame .
  • Aiuta a metabolizzare le proteine: la bile aiuta ad abbattere le proteine ​​per la digestione.
  • Filtra il sangue: il fegato filtra e rimuove i composti dal corpo, compresi gli ormoni, come gli estrogeni e l’aldosterone, e i composti dall’esterno del corpo, compresi l’alcol e altri farmaci.
  • Funzione immunologica: il fegato fa parte del sistema dei fagociti mononucleati. Contiene un alto numero di cellule di Kupffer che sono coinvolte nell’attività immunitaria. Queste cellule distruggono gli agenti che causano malattie che potrebbero entrare nel fegato attraverso l’intestino.
  • Produzione di albumina: l’ albumina è la proteina più comune nel siero del sangue. Trasporta gli acidi grassi e gli ormoni steroidei per aiutare a mantenere la pressione corretta e prevenire la fuoriuscita dei vasi sanguigni.
  • Sintesi dell’angiotensinogeno: questo ormone aumenta la pressione sanguigna restringendo i vasi sanguigni quando allertato dalla produzione di un enzima chiamato renina nei reni.

Rigenerazione

A causa dell’importanza del fegato e delle sue funzioni, l’evoluzione ha assicurato che può ricrescere rapidamente fintanto che viene mantenuta sana. Questa capacità è visibile in tutti i vertebrati dal pesce all’uomo.

Il fegato è l’ unico organo viscerale in grado di rigenerarsi.

Può rigenerare completamente, a condizione che rimanga almeno il 25% del tessuto. Uno degli aspetti più impressionanti di questa impresa è che il fegato può ricrescere fino alle sue dimensioni e capacità precedenti senza alcuna perdita di funzione durante il processo di crescita.

Nei topi, se vengono rimossi due terzi del fegato, il tessuto epatico rimanente può ricrescere fino alla sua dimensione originale entro 5 o 7 giorni. Negli esseri umani, il processo richiede un po ‘più di tempo, ma la rigenerazione può ancora verificarsi in 8-15 giorni: un risultato incredibile, date le dimensioni e la complessità dell’organo.

Nelle settimane successive, il nuovo tessuto epatico diventa indistinguibile dal tessuto originale.

Questa rigenerazione è aiutata da un numero di composti, inclusi fattori di crescita e citochine. Alcuni dei composti più importanti nel processo sembrano essere:

  • fattore di crescita degli epatociti
  • insulina
  • trasformando il fattore di crescita-alfa
  • fattore di crescita epidermico
  • interleuchina-6
  • norepinefrina

Malattie

fegato malato.jpg

Esiste una serie di condizioni che influenzano il fegato.

Un organo complesso come il fegato può sperimentare una serie di problemi. Un fegato sano funziona in modo molto efficiente. Tuttavia, in un fegato malato o malfunzionante, le conseguenze possono essere pericolose o addirittura fatali.

Esempi di malattie del fegato includono:

Fascioliasi: questo è causato dall’invasione parassitaria di un verme parassita noto come un colpo di fegato, che può rimanere dormiente nel fegato per mesi o addirittura anni. Fascioliasi è considerata una malattia tropicale.

Cirrosi: questo vede il tessuto cicatriziale sostituire le cellule del fegato in un processo noto come fibrosi. Questa condizione può essere causata da una serie di fattori, tra cui tossine, alcol ed epatite . Alla fine, la fibrosi può portare a insufficienza epatica man mano che la funzionalità delle cellule epatiche viene distrutta.

Epatite: l’ epatite è il nome dato a un’infezione generale del fegato e virus, tossine o una risposta autoimmune possono causarlo. È caratterizzato da un fegato infiammato. In molti casi, il fegato può guarire da solo, ma l’insufficienza epatica può verificarsi nei casi più gravi.

Malattia epatica alcolica: bere troppo alcol per lunghi periodi di tempo può causare danni al fegato. È la causa più comune di cirrosi nel mondo.

Colangite sclerosante primitiva (PSC): il PSC è una grave malattia infiammatoria dei dotti biliari che provoca la loro distruzione. Attualmente non esiste una cura, e la causa è attualmente sconosciuta, sebbene si ritenga che la condizione sia autoimmune.

Malattia del fegato grasso: questo di solito si verifica insieme all’obesità o all’abuso di alcol. Nella malattia del fegato grasso, i vacuoli di grasso si accumulano nelle cellule del fegato. Se non è causato da abuso di alcool, la condizione è chiamata malattia del fegato grasso non alcolica (NAFLD).

Di solito è causato da genetica, farmaci o una dieta ad alto contenuto di zucchero fruttosio. È il più comune disturbo del fegato nei paesi sviluppati ed è stato associato alla resistenza all’insulina . La steatoepatite non alcolica (NASH) è una condizione che può svilupparsi se la NAFLD peggiora. La NASH è una causa nota di cirrosi epatica.

Sindrome di Gilbert: si tratta di una malattia genetica che interessa il 3-12% della popolazione. La bilirubina non è completamente decomposta. Può verificarsi lieve ittero , ma il disturbo è innocuo.

Cancro al fegato: i tipi più comuni di cancro al fegato sono il carcinoma epatocellulare e il colangiocarcinoma. Le principali cause sono l’alcol e l’epatite. È la sesta forma di cancro più comune e la seconda causa più frequente di morte per cancro.

Salute

Di seguito sono riportate alcune raccomandazioni per aiutare a mantenere il fegato in funzione come dovrebbe:

  • Dieta: poiché il fegato è responsabile della digestione dei grassi, consumarne troppi può sovraccaricare l’organo e disturbarlo da altri compiti. L’obesità è anche legata alla malattia del fegato grasso.
  • Assunzione moderata di alcool: evitare di consumare più di due drink alla volta. Bere troppo alcol provoca nel tempo cirrosi epatica. Quando il fegato scompone l’alcol, produce sostanze chimiche tossiche, come l’acetaldeide e i radicali liberi. Per i danni gravi che si verificano, prende l’equivalente di un litro di vino ogni giorno per 20 anni negli uomini. Per le donne, la soglia è meno della metà di quella.
  • Evitare sostanze illecite: nell’ultimo sondaggio del 2012, quasi 24 milioni di persone negli Stati Uniti hanno consumato una sostanza illecita e non medica nell’ultimo mese. Questi possono sovraccaricare il fegato con le tossine.
  • Attenzione quando si miscelano i farmaci: alcuni farmaci da prescrizione e rimedi naturali possono interagire negativamente se miscelati. Miscelare i farmaci con l’alcol mette una pressione significativa sul fegato. Ad esempio, la combinazione di alcol e paracetamolo può portare a insufficienza epatica acuta. Assicurati di seguire le istruzioni su eventuali farmaci.
  • Protezione dalle sostanze chimiche trasportate dall’aria: quando si vernicia o si usano detergenti aggressivi o prodotti chimici per il giardinaggio, l’area deve essere ben ventilata o indossare una maschera. Le sostanze chimiche trasportate dall’aria possono causare danni al fegato perché il fegato deve elaborare le tossine che entrano nel corpo.
  • Viaggi e vaccinazioni: la vaccinazione è essenziale se si viaggia in una zona in cui l’epatite A o B potrebbe essere una preoccupazione. La malaria cresce e si moltiplica nel fegato e la febbre gialla può portare a insufficienza epatica. Entrambe le malattie possono essere prevenute con farmaci per via orale e vaccinazione.
  • Sesso sicuro: non esiste alcuna vaccinazione per l’ epatite C , quindi si consiglia cautela in termini di sesso sicuro, tatuaggi e piercing.
  • Evitare l’esposizione a sangue e germi: consultare un medico se si è esposti al sangue di un’altra persona. È inoltre importante non condividere oggetti personali relativi all’igiene, come gli spazzolini da denti e per evitare aghi sporchi.

Nonostante la sua capacità di rigenerarsi, il fegato dipende dall’essere sano a farlo. Il fegato può essere per lo più protetto attraverso scelte di stile di vita e misure dietetiche.

Cosa significa transaminasi elevata?

La transaminite, o ipertransaminasemia, si riferisce a livelli insolitamente alti di una famiglia di enzimi chiamati transaminasi. La transaminite non è una malattia, ma può indicare altre questioni che richiedono un trattamento. Livelli elevati di grasso o problemi simili possono causare infiammazione al fegato.

Le transaminasi giocano un ruolo chiave nel fegato. Aiutano le cellule dell’organo a funzionare, abbattere sostanze e rimuovere le tossine dal corpo.

Quando una persona ha livelli elevati di questi enzimi epatici, potrebbe non esserci alcuna causa apparente, ei livelli spesso ritornano a un range normale senza trattamento.

Tuttavia, la transaminite può essere associata a condizioni gravi. È importante esplorare perché i livelli sono alti e diagnosticare qualsiasi problema sottostante.

Cause e trattamenti comuni

fegato farmajet 4.jpgLe transaminasi svolgono un ruolo chiave nel fegato.

Secondo l’ American Academy of Family Physicians , i seguenti fattori possono portare a livelli elevati di transaminasi:

  • steatosi epatica non alcolica
  • malattia epatica alcolica
  • epatite virale
  • emocromatosi
  • alcuni farmaci

La transaminite è meno comunemente causata da:

  • deficit di alfa-1 antitripsina
  • epatite autoimmune
  • La malattia di Wilson
  • altre condizioni di salute

Malattia grassa non alcolica

Questa condizione si sviluppa quando c’è troppo grasso nelle cellule del fegato e fino al 30% degli adulti in Italia può averlo.

I fattori di rischio includono l’ obesità e il colesterolo alto , ma la causa esatta non è nota. Non ci sono spesso sintomi quando la malattia è in una fase precoce, ma alcune persone provano affaticamento o dolore lieve nella zona superiore destra dell’addome.

Il danno continuo può infine portare a cicatrici o cirrosi che influiscono in modo significativo sulla funzione del fegato.

Le seguenti strategie possono prevenire o aiutare a combattere l’epatopatia grassa non alcolica:

  • mangiare una dieta sana ed equilibrata
  • esercitarsi regolarmente
  • mantenere un peso sano

Malattia epatica alcolica

I danni causati da un eccessivo consumo di alcol portano a questa condizione, che è anche chiamata malattia epatica legata all’alcol.

Nelle prime fasi, di solito non ci sono sintomi. Nelle fasi successive, i sintomi includono:

  • sangue nelle feci o vomito
  • confusione
  • sonnolenza
  • ittero (ingiallimento) della pelle e degli occhi
  • nausea
  • un addome gonfio
  • caviglie gonfie
  • perdita di peso

Uno studio pubblicato nel 2010 comprendeva 256 partecipanti con transaminite lieve. Il consumo di alcol è stato riferito come la causa della malattia del fegato grasso nel 10% dei casi.

È essenziale fornire una relazione accurata sul consumo di alcol. Altrimenti, può essere difficile per un medico distinguere tra questi tipi di malattie del fegato con una biopsia o altri semplici strumenti diagnostici.

Il trattamento per l’epatopatia alcol-correlata comporta l’astinenza dall’alcol e l’adozione di cambiamenti dello stile di vita simili a quelli raccomandati per le persone con steatosi epatica non alcolica.

Quando la malattia epatica correlata all’alcol è grave, una persona può richiedere un trattamento o un trapianto.

Epatite virale

L’epatite si riferisce a un tipo di infiammazione del fegato . È comunemente causato da un’infezione virale, di solito dell’epatite B o dell’epatite C .

I seguenti sono i sintomi di entrambi i tipi di infezione:

  • dolore addominale
  • urina scura
  • fatica
  • febbre
  • pelle e occhi itterici
  • dolore articolare e muscolare
  • una perdita di appetito
  • nausea
  • vomito

Entrambi i tipi di infezione possono durare per alcune settimane o svilupparsi in gravi condizioni di vita. Solo circa il 6-10% degli adulti e dei bambini più grandi affetti da epatite B sviluppa una condizione cronica. Tuttavia, la maggior parte delle persone sviluppa epatite C cronica una volta infettata.

Il trattamento per l’infezione da epatite a breve termine comporta:

  • riposo
  • rimanendo idratato
  • gestione dei sintomi

Le infezioni croniche sono monitorate e trattate con farmaci antivirali. L’epatite virale non trattata può causare danni epatici precoci e permanenti.

emocromatosi

Questa malattia causa troppo ferro da accumulare nel corpo. È immagazzinato in organi come fegato, cuore e pancreas, dove può contribuire a problemi come malattie del fegato e diabete mellito.

L’emocromatosi può essere ereditaria, oppure può svilupparsi a seguito di altre condizioni, inclusi tipi di anemia e malattie croniche del fegato.

Le persone con questa malattia tendono a manifestare sintomi tra i 40 ei 60 anni . I sintomi includono:

  • fatica
  • impotenza
  • dolore articolare e addominale
  • una perdita di libido
  • problemi con cuore, fegato e pancreas
  • debolezza generale

Il trattamento prevede regolarmente prelievo di sangue per ridurre i livelli di ferro, che circola nel sangue. Questo processo è chiamato flebotomia.

Farmaci ed erbe

antidepressivi.jpgGli antidepressivi possono causare transaminite.

Farmaci, integratori ed erbe possono influire sulla salute del fegato perché elabora questi prodotti.

Diversi farmaci sono noti per causare transaminite. Loro includono:

  • antidepressivi , come bupropione (Wellbutrin)
  • antibiotici , come l’isoniazide (Nydrazid)
  • antidolorifici, incluso paracetamolo (Tylenol)
  • farmaci anti-infiammatori non steroidei, come l’ibuprofene (Advil, Motrin)
  • antifungini, come il ketoconazolo (Nizoral)
  • rilassanti muscolari, come baclofen (Lioresal)
  • farmaci che riducono la pressione sanguigna, come losartan (Cozaar) e lisinopril (Zestril)
  • immunosoppressori, come il metotrexato
  • il farmaco antidiabetico acarbose (Precose)
  • il farmaco cuore amiodarone (Cordarone)

Preparati a base di erbe contenenti i seguenti ingredienti possono anche portare a transaminite:

  • kava kava
  • camedrio
  • Chaparral
  • senna
  • efedra

Inoltre, alte dosi di vitamina A può danneggiare il fegato.

Se i farmaci o gli integratori stanno portando a livelli elevati di transaminasi, un medico può raccomandare di ridurre il dosaggio o cambiare i trattamenti.

Alcune persone possono aver bisogno di regolari esami del sangue durante l’assunzione di farmaci per assicurarsi che non interferiscano con il fegato oi suoi livelli di enzimi.

Cause meno comuni

Raramente, le seguenti condizioni possono portare a transaminite:

Carenza di antitripsina alfa-1

Questa malattia genetica danneggia il fegato e i polmoni. Il grado di danno può variare da livelli elevati di transaminasi a insufficienza epatica.

Circa il 15% degli adulti con questo disturbo sviluppa cicatrici del fegato. Hanno anche un rischio più elevato di sviluppare una forma di cancro al fegato chiamata carcinoma epatocellulare .

I sintomi associati al deficit di antitripsina alfa-1 includono:

  • un addome gonfio
  • piedi o gambe gonfi
  • ittero della pelle e degli occhi

Questo disturbo causa anche sintomi polmonari, che di solito compaiono tra i 20 ei 50 anni . Includono mancanza di respiro, respiro sibilante, battito cardiaco accelerato e affaticamento.

Una carenza di alfa-1 antitripsina può essere diagnosticata con un esame del sangue o un test genetico. Non esiste una cura, quindi il trattamento è finalizzato alla gestione dei sintomi.

Epatite autoimmune

Ciò si verifica quando il sistema immunitario attacca le cellule del fegato, ma la causa non è completamente compresa.

I sintomi dell’epatite autoimmune includono:

  • dolore addominale
  • un ingrossamento del fegato
  • fatica
  • itterizia
  • dolori articolari
  • una perdita di mestruazioni
  • eruzioni cutanee
  • l’aspetto di piccoli vasi sanguigni sulla pelle

L’epatite autoimmune può causare cicatrici sul fegato se non trattata e può portare a insufficienza epatica. I trattamenti includono farmaci immunosoppressivi o un trapianto di fegato.

La malattia di Wilson

Questo raro disordine ereditario provoca la raccolta del rame in organi come il fegato e il cervello. Può diventare pericolosa per la vita se i livelli di rame sono troppo alti.

I sintomi includono:

  • dolore addominale
  • problemi di coordinamento
  • colorazione di rame intorno agli occhi, nota come anelli di Kayser-Fleischer
  • difficoltà a parlare o deglutire
  • fatica
  • itterizia
  • una perdita di appetito
  • muscoli rigidi
  • gonfiore alle gambe o all’addome
  • movimenti incontrollati

La malattia di Wilson può essere diagnosticata usando:

  • analisi del sangue
  • test genetici
  • una biopsia epatica

La condizione può essere gestita con farmaci che rimuovono quantità eccessive di rame e prevengono ulteriori accumuli.

Altre condizioni mediche

Diverse condizioni che sembrano non correlate al fegato possono causare transaminite. Spesso non ci sono sintomi correlati al fegato.

Queste condizioni includono:

  • disturbi della tiroide, come l’ ipotiroidismo e ipertiroidismo
  • celiachia , in cui il sistema immunitario reagisce al glutine
  • emolisi, che è la rottura dei globuli rossi
  • disturbi muscolari, come rabdomiolisi e polimiosite

Diagnosi

diagnosi di laboratorio farmajet.jpgUn medico può ordinare esami del sangue per diagnosticare la transaminite.

Per diagnosticare la transaminite, un medico avrà una storia medica completa ed eseguirà un esame fisico. Possono anche ordinare esami del sangue e una persona dovrà digiunare prima di questi.

Gli esami del sangue determineranno i livelli di:

  • glucosio
  • ferro
  • ferritina
  • capacità totale di legare il ferro
  • antigene di superficie dell’epatite B.
  • anticorpo del virus dell’epatite C

Se i livelli sono normali, un medico consiglierà cambiamenti nello stile di vita e chiederà alla persona di partecipare a controlli regolari fino a quando i livelli di transaminasi non scenderanno.

A volte, sono necessari ulteriori test. Questi test possono coinvolgere l’ imaging ecografico o possono verificare la presenza di livelli di anticorpi nel sangue.

Se i livelli di transaminasi rimangono alti per 6 mesi , il medico può ordinare una biopsia.

Home rimedi per la prevenzione

Per prevenire la transaminite:

  • Mangiare una dieta equilibrata.
  • Impegnarsi in attività fisica moderata su base regolare.
  • Mantenere un peso sano.
  • Cercare un trattamento tempestivo per le infezioni virali.
  • Controllare le condizioni croniche, come il diabete mellito o l’epatite autoimmune, seguendo un piano di trattamento prescritto.
  • Assumere i dosaggi raccomandati di integratori e medicinali.
  • Discutere le opzioni alternative, se i farmaci stanno causando elevati livelli di transaminasi.

Porta via

Un aumento temporaneo degli enzimi epatici non è insolito. Spesso, questa situazione può essere risolta modificando lo stile di vita.

La prospettiva dipende dalla causa della transaminite. Quando un’infezione virale o un’infezione cronica sono responsabili dei livelli elevati di transaminasi, è importante lavorare con un medico per ridurre i livelli e prevenire ulteriori danni al fegato.

Ricevere una diagnosi e un trattamento precoce aiuterà a mantenere i sintomi gestibili e ridurre il rischio di complicanze.

 

FARMAJET CONSIGLIA CARDO MARIANO PURO PER DEPURARE IL FEGATO

CARDO-MARIANO-PURO-BIODISPONIBILE-50-CAPSULE-DA-500-G.jpg

Come i batteri intestinali possono aiutare a individuare e affrontare le malattie del fegato. Steatosi Epatica

La steatosi epatica non alcolica spesso non presenta sintomi nelle sue fasi iniziali, quindi può rimanere inosservata fino a quando diventa molto più difficile da trattare o da gestire. Ma un composto rilasciato dai nostri batteri intestinali può aiutare la diagnosi precoce, dicono i ricercatori.
sistema digestivo.jpg

I ricercatori trovano un nuovo biomarcatore per la malattia del fegato grasso e suggeriscono che i batteri intestinali possono essere la chiave per prevenire questa condizione.

Nella malattia del fegato grasso non alcolico (NAFLD), il grasso in eccesso si accumula nel fegato , inibendo così il suo normale funzionamento.

Alcune persone sono più a rischio di sviluppare questa condizione, e questo include quelli con obesità , ipertensione e diabete di tipo 2 .

È difficile diagnosticare la NAFLD nelle sue fasi iniziali, tuttavia, poiché all’inizio non mostra molti sintomi eloquenti.

Ciò potrebbe significare che la condizione può rimanere “nascosta” fino a quando non ha raggiunto uno stadio più avanzato, causando danni al fegato.

Per questo motivo, i ricercatori sono alla ricerca di modi per individuare le malattie del fegato che iniziano a svilupparsi, in modo che possano essere affrontate il prima possibile.

Specialisti provenienti da Gran Bretagna, Italia, Spagna e Francia ora dicono che potrebbe essere possibile rilevare la NAFLD in anticipo osservando determinati biomarcatori intestinali.

“Abbiamo scoperto eccitanti connessioni tra la composizione del microbiota intestinale, il fegato grasso e il metabolismo dei carboidrati “, spiega il prof. José Manuel Fernández-Real, dell’Università di Girona in Spagna.

“Questo contribuisce”, aggiunge, “a capire meglio [ing] perché il 30 percento di [persone] con un’obesità massiccia non sviluppa un fegato grasso nonostante una massa grassa enormemente aumentata”.

risultati del team sono stati pubblicati sulla rivista Nature Medicine .

Un nuovo biomarker per il fegato grasso

I ricercatori hanno analizzato i dati medici rilevanti di 100 donne che avevano una diagnosi di obesità – ma che erano libere dal diabete – e che avevano anche NAFLD.

Più in particolare, il team ha esaminato una serie di campioni raccolti dai partecipanti, inclusi campioni di sangue, urine, feci e biopsie epatiche.

Hanno confrontato questi dati con insiemi di dati corrispondenti raccolti da individui sani, al fine di identificare eventuali differenze significative tra i due insiemi.

Un’analisi dettagliata ha rivelato che i livelli elevati di un composto chiamato acido fenilacetico (PAA), che è rilasciato da alcuni batteri intestinali, era legato all’accumulo di grasso in eccesso nel fegato e all’inizio della NAFLD.

Ciò significa che il PAA potrebbe essere considerato un biomarker NAFLD e diagnosticare questa condizione sarebbe quindi solo un semplice esame del sangue.

“Attraverso questo lavoro potremmo aver scoperto un biomarker per la malattia stessa”, osserva il capo dello studio, il dott. Lesley Hoyles, dell’Imperial College di Londra nel Regno Unito. “Nel complesso, dimostra che il microbioma sta sicuramente avendo un effetto sulla nostra salute”.

Ma gli scienziati hanno anche scoperto che la NAFLD era associata a certi cambiamenti nella composizione del microbioma intestinale.

Un caso di “pollo e uova?”

È interessante notare che i ricercatori hanno visto che con il NAFLD avanzato, il numero di geni codificati dai batteri intestinali diminuiva gradualmente, suggerendo che il microbioma diventava più povero e meno diversificato nella sua composizione microbica.

Sappiamo già che il numero di geni attivi codificati dai batteri intestinali è circa 500 volte maggiore del numero di geni presenti nel DNA umano, ma come questo possa influenzare la nostra salute generale e il funzionamento biologico conserva ancora molti misteri.

Tuttavia, gli scienziati ritengono che un microbioma intestinale meno diversificato possa essere un indicatore di una salute peggiore: le persone con malattie metaboliche, ad esempio, hanno meno geni attivi codificati dai batteri intestinali.

E ora, i ricercatori coinvolti nell’attuale studio hanno osservato un’associazione simile nel caso di una malattia del fegato grasso, osservando che un microbioma intestinale meno diversificato era collegato a sintomi di problemi metabolici. Questo include l’ infiammazione del fegato e la mancata reattività all’insulina , l’ormone che è fondamentale per regolare i livelli di zucchero nel sangue.

Osservando altri studi su modelli animali, i ricercatori hanno scoperto che l’aumento dei livelli di PAA nei topi sani ha causato accumuli di grasso nei fegati dei roditori.

Inoltre, l’esecuzione di trapianti fecali con campioni prelevati da pazienti con NAFLD a topi i cui microbiomi intestinali erano stati puliti con antibiotici portava anche a fegati grassi nei roditori.

Tutte queste prove indicano un forte legame tra un microbioma intestinale più povero con una popolazione batterica modificata e lo sviluppo di NAFLD. Ma nonostante questo, non è chiaro se i cambiamenti nei batteri intestinali causino la malattia, o viceversa.

La letteratura scientifica mostra che il microbioma cambia in una serie di malattie, ma può essere un caso di” pollo e uova “e non necessariamente causa ed effetto”.

Dr. Lesley Hoyles

Metodi di screening più semplici all’orizzonte

Tuttavia, i ricercatori coinvolti nello studio attuale sono entusiasti delle loro scoperte e di quali nuove possibilità possono portare, in termini di procedure diagnostiche.

Come spiega l’autore senior Dr. Marc-Emmanuel Dumas, “Il concetto che potremmo usare i segnali chimici prodotti dai nostri batteri intestinali per individuare le malattie è eccitante.”

“Si apre la possibilità che [un] semplice test di screening in una […] clinica possa un giorno essere utilizzato per individuare i primi segni di malattia”, aggiunge.

Egli avverte, tuttavia, che “questo tipo di test può ancora essere un numero di anni lontano dalla clinica”.

Il prossimo passo da qui, spiega l’autore senior, sarà quello di affinare la nostra comprensione del PAA e di come potrebbe essere usato come strumento diagnostico per la malattia del fegato grasso. Spera anche che, in futuro, potremmo essere in grado di prevenire lo sviluppo di NAFLD prendendo di mira il microbioma intestinale.

“Ora abbiamo bisogno di esplorare ulteriormente questo collegamento e di vedere se composti come il PAA possono effettivamente essere utilizzati per identificare i pazienti a rischio e persino prevedere il decorso della malattia”, ha osservato il dottor Dumas.

“La buona notizia è che manipolando i batteri intestinali, possiamo essere in grado di prevenire la malattia del fegato grasso e le sue complicanze cardiometaboliche a lungo termine”, conclude.

Parkinson: la vitamina B-3 può fermare la morte delle cellule cerebrali

La vitamina B-3 può aiutare a fermare la morte delle cellule nervose che si verifica nel morbo di Parkinson, secondo un recente studio condotto dalla Germania che potrebbe portare a nuovi trattamenti per la malattia da deperimento del cervello.
vitamina b3.jpg

In che modo l’assunzione di vitamina B-3 può influire sulla diagnosi del morbo di Parkinson?

I ricercatori hanno carta è ora pubblicato sulla rivista Reports cella.

In esso, riportano come una forma di vitamina B-3 chiamata riboside di nicotinamide ha contribuito a preservare le cellule nervose aumentando i loro mitocondri, o centri di produzione di energia.

“Questa sostanza”, spiega la dottoressa Michela Deleidi, autrice senior dello studio, che conduce progetti di ricerca sul cervello presso l’Università di Tubinga e l’Associazione Helmholtz – entrambi in Germania – “stimola il metabolismo energetico difettoso nelle cellule nervose colpite e le protegge dalla morte “.

Morbo di Parkinson e mitocondri

La malattia di Parkinson è una condizione che peggiora nel tempo e si manifesta a causa della morte dei neuroni o delle cellule nervose in una parte del cervello responsabile del movimento.

Le cellule producono una sostanza chimica chiamata dopamina che è importante per il controllo del movimento. Con il progredire della malattia, camminare, coordinarsi e bilanciarsi diventano sempre più difficili.

Possono anche manifestarsi altri sintomi come interruzione del sonno, problemi di memoria, affaticamento e depressione .

Ci sono circa 300.000 persone che vivono con il morbo di Parkinson in Italia, dove ogni anno vengono diagnosticati 20.000 nuovi casi.

Il punto di vista prevalente tra gli scienziati è che la malattia deriva da fattori genetici e ambientali che lavorano insieme.

Ciascuna delle nostre cellule contiene centinaia di minuscoli compartimenti chiamati mitocondri che, tra le altre cose, convertono il cibo in energia per la cellula.

Poiché sono affamati di energia rispetto ad altre cellule, le cellule nervose sono ” particolarmente dipendenti dai mitocondri “.

I problemi con la funzione mitocondriale sono una caratteristica comune delle malattie che sono accompagnate dalla morte del tessuto cerebrale, come il morbo di Alzheimer , il morbo di Parkinson, la sclerosi laterale amiotrofica e la malattia di Huntington .

Nel caso del morbo di Parkinson, gli studi hanno dimostrato che le cellule della dopamina che muoiono hanno mitocondri danneggiati.

Causa o effetto collaterale della malattia?

Il dott. Deleidi ei suoi colleghi si sono chiesti se i mitocondri difettosi sono una causa o se sono “solo un effetto collaterale” della malattia.

In primo luogo, hanno preso cellule della pelle da individui con malattia di Parkinson che portavano versioni del gene GBA che sono noti per aumentare il rischio per la malattia.

Hanno fatto in modo che le cellule della pelle regrediscano in cellule staminali immature e poi hanno indotto le cellule staminali a diventare cellule nervose. Queste cellule nervose mostrano una simile disfunzione mitocondriale come quella che si trova nelle cellule cerebrali nella malattia di Parkinson.

Per verificare se sia possibile innescare la crescita di nuovi mitocondri nelle cellule, il team ha aumentato i livelli del coenzima nicotinamide adenina dinucleotide (NAD).

Il team ha fatto questo “alimentando” le cellule con una forma di vitamina B-3 chiamata riboside di nicotinamide, che è un precursore del coenzima.

I precursori del NAD “sono stati proposti per migliorare il declino e la malattia metabolici correlati all’età”, si legge nel documento di studio degli autori.

Ciò ha causato un aumento dei livelli di NAD nelle cellule e portato a nuovi mitocondri e aumento della produzione di energia.

La vitamina B-3 ha portato a un minor numero di cellule nervose morte

Finora, gli esperimenti erano stati limitati agli effetti sulle cellule coltivate in laboratorio. Quindi, il prossimo stadio era di testarli in un organismo vivente.

Gli scienziati hanno scelto le mosche con geni GBA difettosi perché sviluppano anche i sintomi del morbo di Parkinson mentre invecchiano e le loro cellule della dopamina diminuiscono.

I ricercatori hanno usato due gruppi di mosche con GBA difettoso. Hanno aggiunto la vitamina B-3 al cibo per un gruppo, ma non l’altro.

Il team ha osservato un numero significativamente inferiore di cellule nervose morte e una maggiore conservazione della mobilità nelle mosche che hanno ricevuto la vitamina, rispetto a quelle che non lo hanno fatto.

Il dott. Deleidi suggerisce che i risultati mostrano che “la perdita dei mitocondri svolge effettivamente un ruolo significativo” nello sviluppo del morbo di Parkinson.

Ora lei e i suoi colleghi testeranno gli effetti della vitamina sui pazienti con malattia di Parkinson. Prove da altri studi mostrano già che la vitamina non produce effetti collaterali in individui sani.

“L’amministrazione del riboside di nicotinamide può essere un nuovo punto di partenza per il trattamento.”

Dott.ssa Michela Deleidi

Sette (o più) cose che non sapevi sul tuo cervello

Il cervello – la “centralina” centrale dei nostri corpi, deposito di ricordi ed emozioni. Nel corso della storia, i filosofi hanno creduto che il cervello potesse persino ospitare quell’essenza immateriale che ci rende umani: l’anima. Cosa dovremmo sapere del nostro cervello?
cervello farmajet.jpg

Quanto sai veramente del tuo cervello?

 

L’organo principale del sistema nervoso umano, il cervello gestisce la maggior parte delle attività dei nostri corpi e elabora le informazioni ricevute dall’esterno e dall’interno del corpo ed è la sede delle nostre emozioni e capacità cognitive, compreso il pensiero, a lungo ea breve termine memoria e processo decisionale.

La prima menzione di questo organo fu registrata in un antico trattato medico egiziano noto come “il papiro chirurgico di Edwin Smith “, dopo l’uomo che scoprì questo documento nel 1800.

Da allora, la nostra comprensione del cervello si è espansa incommensurabilmente, sebbene continuiamo a lottare con molti misteri che circondano questo organo chiave.

In questo Riflettore, guardiamo alcuni dei fatti più importanti che abbiamo scoperto sul cervello – e alcuni aspetti che rimangono da capire.

1. Quanto sono grandi i nostri cervelli?

La dimensione del cervello varia ampiamente, in base all’età, al sesso e alla massa corporea complessiva. Tuttavia, studi hanno suggerito che il cervello del maschio adulto pesa, in media, circa 1336 grammi , mentre il cervello della femmina adulta pesa circa 1,198 grammi.

In termini di dimensioni, il cervello umano non è il più grande. Di tutti i mammiferi, il capodoglio – un abitante subacqueo che pesa 35-45 tonnellate – è noto per avere il cervello più grande .

Ma, tra tutti gli animali sulla Terra, il cervello umano ha il maggior numero di neuroni, che sono cellule specializzate che immagazzinano e trasmettono informazioni tramite segnali elettrici e chimici.

Tradizionalmente, è stato detto che il cervello umano contiene circa 100 miliardi di neuroni , ma recenti indagini hanno messo in discussione la veridicità di quel numero.

Invece, la neuroscienziata brasiliana Suzana Herculano-Houzel ha scoperto – usando un metodo che richiedeva la liquefazione di cervelli umani donati e trasformandoli in una soluzione chiara – che il numero è più vicino a 86 miliardi di neuroni.

2. Che cosa rende un cervello?

Il cervello umano compone, accanto alla colonna vertebrale, il sistema nervoso centrale . Il cervello stesso ha tre parti principali:

cervello 2 farmajet.jpg

Il cervello ha una forma globulare e fatto di tessuto molle.

  • il tronco cerebrale, che, come il germoglio di una pianta, è allungato e che collega il resto del cervello con la corda spinale
  • il cervelletto, che si trova nella parte posteriore del cervello e che è profondamente coinvolto nella regolazione del movimento, nell’apprendimento motorio e nel mantenimento dell’equilibrio
  • il cervello, che è la parte più grande del nostro cervello e riempie la maggior parte del cranio; ospita la corteccia cerebrale (che ha un emisfero destro e sinistro separati da un lungo solco) e altre strutture più piccole, ognuna delle quali è variamente responsabile del pensiero cosciente, del processo decisionale, della memoria e dell’apprendimento, della comunicazione e della percezione di stimoli esterni e interni

I cervelli sono fatti di tessuto molle, che comprende la materia grigia e bianca, contenente le cellule nervose, le cellule non neuronali (che aiutano a mantenere i neuroni e la salute del cervello) e piccoli vasi sanguigni.

Hanno un elevato contenuto di acqua e una grande quantità (quasi il 60 percento ) di grassi.

Il cervello dell’umano moderno – l’ Homo sapiens sapiens – è globoso , a differenza del cervello di altri ominidi primitivi, che erano leggermente allungati nella parte posteriore. Questa forma, suggerisce la ricerca, potrebbe essersi sviluppata in Homo sapiens circa 40.000-50.000 anni fa.

3. Quanto sono “affamati” i nostri cervelli?

Nonostante il fatto che il cervello umano non sia un organo molto grande, il suo funzionamento richiede un sacco di energia.

“Sebbene il cervello [umano] pesa solo il 2% del corpo [massa], da solo utilizza il 25% di tutta l’energia che il tuo corpo richiede per funzionare al giorno”, ha spiegato Herculano-Houzel in una presentazione.

E perché il cervello ha bisogno di così tanto “carburante?” Sulla base di studi su modelli di ratto, alcuni scienziati hanno ipotizzato che, mentre la maggior parte di questa energia è spesa per il mantenimento del pensiero e dei processi corporei in corso, alcuni di essi sono probabilmente investiti nel mantenimento della salute delle cellule cerebrali.

Ma, secondo alcuni ricercatori, a prima vista, il cervello, apparentemente inspiegabilmente, consuma molta energia durante il cosiddetto “stato di riposo”, quando non è coinvolto in attività specifiche e mirate.

Ma l’ipotesi di Kozloski è che nessuna grande quantità di energia viene spesa senza motivo – quindi perché il cervello sembra farlo? In realtà, dice, non è così.

L’energia spesa “non fare nulla”, dice, è in realtà indirizzata all’assemblaggio di una “mappa” di accumulo di informazioni ed esperienze su cui possiamo ricorrere quando prendiamo decisioni nella nostra vita quotidiana.

4. Quanto del nostro cervello usiamo?

Un mito che circola da molto tempo dice che gli umani in genere usano solo il 10 percento della loro capacità cerebrale, suggerendo che, se solo sapessimo come “incidere” l’altro 90 percento, potremmo essere in grado di sbloccare abilità sorprendenti.

cervello e attivita elettrica.jpg

L’idea che usiamo solo il 10 percento del nostro cervello è un mito. In realtà, usiamo la maggior parte del nostro cervello praticamente tutto il tempo.

Sebbene non sia chiaro esattamente da dove sia nato questo mito e come si sia diffuso così rapidamente, l’idea che potremmo in qualche modo attingere alla potenza cerebrale non ancora reclamata è certamente molto attraente.

Tuttavia, nulla potrebbe essere più lontano dalla verità di questo pezzo di tradizione urbana. Considera solo ciò che abbiamo discusso sopra: anche in uno stato di riposo, il cervello è ancora attivo e richiede energia.

Le scansioni cerebrali hanno dimostrato che usiamo praticamente tutto il nostro cervello per tutto il tempo , anche quando dormiamo – anche se i modelli di attività e l’intensità di tale attività potrebbero differire a seconda di ciò che stiamo facendo e in che stato veglia o sonno siamo dentro

“Anche quando sei impegnato in un’attività e alcuni neuroni sono impegnati in questo compito, il resto del tuo cervello è occupato a fare altre cose, ecco perché, ad esempio, la soluzione a un problema può emergere dopo che non sei stato Pensaci per un po ‘o dopo una notte di sonno, e questo perché il tuo cervello è costantemente attivo “, ha detto il neurologo Krish Sathian, che lavora alla Emory University di Atlanta, GA.

Se fosse vero che usiamo solo il 10 percento del cervello, allora potremmo presumibilmente sostenere danni al 90 percento del nostro cervello, con un ictus […] o qualcosa del genere, e non [sperimentare] alcun effetto, e chiaramente non è vero. ”

Krish Sathian

5. Cervello destro o sinistro?

Hai cervello destro o cervello sinistro? Qualsiasi numero di quiz su Internet dichiarerà di essere in grado di valutare se si utilizza prevalentemente l’emisfero destro o sinistro del cervello.

E questo ha implicazioni sulla tua personalità: presumibilmente, le persone con cervello sinistro dovrebbero essere più matematicamente inclinate e analitiche, mentre le persone con cervello destro sono più creative.

Ma quanto è vero questo? Ancora una volta la risposta, temo, tende verso “non del tutto”. Anche se è vero che ciascuno dei nostri emisferi ha ruoli leggermente diversi, gli individui in realtà non hanno un lato “dominante” del cervello che governa la loro personalità e le loro abilità.

Invece, la ricerca ha rivelato che le persone usano entrambi gli emisferi cerebrali praticamente in egual misura .

Tuttavia, ciò che è vero è che l’emisfero sinistro del cervello è più interessato all’uso del linguaggio, mentre l’emisfero destro è applicato più alla complessità della comunicazione non verbale.

6. Come cambiano i cervelli con l’età?

Mentre invecchiamo, alcune parti del nostro cervello iniziano a ridursi naturalmente e iniziamo a perdere gradualmente i neuroni. Il lobo frontale e l’ippocampo – due regioni chiave del cervello nella regolazione dei processi cognitivi, tra cui la formazione della memoria e il ricordo – iniziano a ridursi quando raggiungiamo il 60 o il 70.

neurone farmajet.jpg

Invecchiando, iniziamo a perdere i neuroni. Ma una nuova ricerca suggerisce che i cervelli adulti possono anche generare nuove cellule.

Ciò significa che potremmo iniziare naturalmente a scoprire cose nuove o svolgere più compiti contemporaneamente, più impegnativi di prima.

Ci sono anche buone notizie, comunque. Fino a non molto tempo fa, gli scienziati credevano che una volta che avremmo iniziato a perdere i neuroni, sarebbe stato impossibile – creare nuove cellule cerebrali e doverci rassegnarci.

Tuttavia, si scopre che questo non è vero. La ricercatrice Sandrine Thuret, del King’s College di Londra nel Regno Unito, ha spiegato che l’ippocampo è una parte cruciale del cervello adulto in termini di generazione di nuove cellule.

(E questo ha senso se si considera che gioca un ruolo importante nei processi di apprendimento e memoria).

Il processo in cui nuove cellule nervose vengono create nel cervello adulto è chiamato neurogenesi e, secondo Thuret, le stime suggeriscono che un essere umano adulto medio produrrà “700 nuovi neuroni al giorno nell’ippocampo”.

Questo, suggerisce, significa che quando raggiungiamo la mezza età, avremo sostituito tutti i neuroni che avevamo in questa regione del cervello all’inizio della nostra vita con quelli che abbiamo prodotto durante l’età adulta.

7. La percezione è ‘un’allucinazione controllata?’

Un grande mistero del cervello umano è legato alla coscienza e alla nostra percezione della realtà. Il funzionamento della coscienza ha affascinato scienziati e filosofi allo stesso modo, e anche se ci stiamo avvicinando lentamente alla comprensione di questo fenomeno, resta ancora molto da imparare.

Anil Seth, professore di neuroscienze cognitive e computazionali dell’Università del Sussex nel Regno Unito, specializzato nello studio della coscienza, ha suggerito che questo intrigante processo si basa su una sorta di “allucinazione controllata”, che i nostri cervelli generano per fare senso del mondo.

“La percezione – capire cosa c’è – deve essere un processo di congetture informate in cui il cervello combina questi segnali sensoriali con le sue precedenti aspettative di convinzioni sul modo in cui il mondo deve formare la migliore ipotesi su ciò che ha causato quei segnali”.

Prof. Anil Seth

Secondo lui, nel fornire percezioni delle cose alla nostra coscienza, i nostri cervelli spesso fanno ciò che potremmo chiamare “ipotesi informate”, basate su come “si aspetta” che le cose siano.

Questo spiega l’effetto inquietante di molte illusioni ottiche, incluso l’ormai famoso ” blu e nero, o vestito bianco e oro “, quando, a seconda di come pensiamo che la luce nella foto sia, potremmo vedere una combinazione di colori diversa.

Di seguito, puoi guardare il TED Talk del Prof. Seth 2017. Spiega come il nostro cervello ha senso del mondo che ci circonda – e dentro di noi.

Nonostante i numerosi progressi nella ricerca e nella tecnologia clinica, molte domande sul cervello rimangono senza risposta. Ad esempio, non capiamo ancora come le informazioni complesse vengano elaborate nel cervello.

Ogni giorno prendiamo ciò che siamo, ciò che percepiamo e ciò che siamo in grado di fare per scontato, senza risparmiare tanto quanto un pensiero per il meraviglioso organo che aiuta a rendere tutto ciò possibile.

Quindi, la prossima volta che scegli un fiore e lo annusi o frughi per la mela più matura al mercato, prenditi un momento per riconoscere quanto sia davvero meravigliosa ciascuna delle tue più piccole azioni.

Diabete: finalmente in arrivo la pillola di Insulina, addio all’iniezione.

Gli individui con diabete di tipo 1 devono iniettarsi quotidianamente la dose necessaria di insulina per gestire la loro condizione. In futuro, le iniezioni potrebbero non essere più necessarie; gli scienziati stanno sviluppando un metodo valido per somministrare l’insulina in forma di pillola.
insulina in pillola.jpg
I ricercatori hanno sviluppato una pillola per la somministrazione orale di insulina e sperano che alla fine sarà messa a disposizione dei pazienti.

Il diabete di tipo 1 è una forma meno diffusa della malattia che, a differenza del diabete di tipo 2 , è spesso ereditaria e non prevenibile.

Nel diabete di tipo 1, il sistema immunitario attacca e danneggia in modo errato le cellule del pancreas che producono insulina , un ormone che è fondamentale per regolare i livelli di zucchero nel sangue.

Il diabete di tipo 1 non gestito può causare molti problemi di salute a causa dei livelli di zucchero nel sangue non regolati.

Per prevenire le complicanze e tenere sotto controllo le condizioni, le persone cui viene diagnosticato questo tipo di diabete devono ricevere dosi giornaliere di insulina trasportate nel sangue attraverso le iniezioni o le pompe per insulina .

Ma questi metodi sono macchinosi e le iniezioni giornaliere multiple sono dirompenti e sgradevoli, specialmente per le persone che possono avere la fobia dell’ago .

Somministrare insulina per via orale, sotto forma di pillola, sarebbe un’alternativa preferibile. Ma sfortunatamente, l’insulina si deteriora rapidamente quando entra in contatto con acido gastrico o enzimi digestivi.

E i ricercatori finora non hanno avuto successo nei loro tentativi di sviluppare un rivestimento che avrebbe portato con sicurezza l’insulina oltre gli ostacoli del sistema digestivo e nel flusso sanguigno.

Di recente, tuttavia, un team di specialisti della facoltà di ingegneria e scienze applicate di Harvard John A. Paulson a Cambridge, MA, ha inventato una pillola che, dicono, è in grado di svolgere questo lavoro.

“Una volta ingerito, l’insulina deve percorrere un impegnativo percorso ad ostacoli prima che possa essere efficacemente assorbita nel flusso sanguigno”, dice l’autore senior dello studio Samir Mitragotri.

Mitragotri e il team descrivono la loro ricerca e la pillola di insulina che hanno sviluppato, in un articolo ora pubblicato sulla rivista PNAS .

“Come un coltellino svizzero”

I ricercatori hanno creato un rivestimento per pillola complesso, progettato per proteggere l’insulina dall’acido gastrico e gli enzimi dell’intestino tenue ed essere in grado di penetrare le barriere protettive dell’intestino.

In questa pillola, l’insulina verrebbe inserita in un liquido ionico contenente colina e acido geranico, esso stesso incapsulato nel rivestimento enterico, che è resistente all’acido gastrico.

Il rivestimento enterico protegge il resto dall’ambiente acido dello stomaco, dissolvendosi solo nell’intestino tenue. Qui, il liquido ionico avrebbe resistito agli enzimi digestivi, proteggendo l’insulina contro di loro.

“Quando una molecola proteica come l’insulina entra nell’intestino”, dice la prima autrice, Amrita Banerjee, “ci sono molti enzimi la cui funzione è quella di degradare le proteine ​​in amminoacidi più piccoli”. Tuttavia, aggiunge, “l’insulina di origine ionica liquida rimane stabile”.

E la combinazione di colina e acido geranico è quindi in grado di perforare sia il muco che riveste l’intestino tenue, sia la parete cellulare densa dell’intestino stesso.

“Il nostro approccio è come un coltellino svizzero, dove una pillola ha gli strumenti per affrontare ciascuno degli ostacoli che si incontrano”.

Samir Mitragotri

Gli scienziati notano anche che la pillola è facilmente prodotta, che questo processo sarebbe più conveniente rispetto alle altre terapie e che la pillola non è facilmente deperibile – può essere conservata in modo sicuro per un massimo di 2 mesi a temperatura ambiente – sopravvivere più a lungo di alcuni dell’insulina iniettabile che viene attualmente distribuita.

‘Risultati notevoli’

Dopo così tanti casi di tentativi ed errori quando si trattava di trovare un modo di somministrare insulina per via orale, altri specialisti ora lodano i ricercatori coinvolti nel nuovo studio per il loro raggiungimento.

“È stato il sacro Graal del rilascio di farmaci per sviluppare modi per somministrare proteine ​​e peptidi come l’insulina per bocca, invece dell’iniezione”, spiega Mark Prausnitz, Regents ‘Professor e J. Erskine Love, Jr. Chair in Ingegneria chimica e biomolecolare al Georgia Institute of Technology di Atlanta.

“Questo studio mostra risultati notevoli in cui l’insulina somministrata per via orale in combinazione con un liquido ionico funziona in modo analogo a un’iniezione convenzionale. Le implicazioni di questo lavoro in medicina potrebbero essere enormi, se i risultati possono essere tradotti in pillole che somministrano in modo sicuro ed efficace insulina e altri farmaci peptidici agli esseri umani “, aggiunge.

L’insulina somministrata per via orale, spiegano i ricercatori, raggiungerebbe il sangue in modo più simile al rilascio naturale di insulina da parte del pancreas. Inoltre, questo metodo può ridurre gli effetti avversi associati alla somministrazione ripetuta di iniezioni di insulina.

Mitragotri spiega che il prossimo passo sarà condurre ulteriori studi su modelli animali e assicurarsi che la pillola che hanno progettato sia completamente sicura per l’ingestione, sebbene gli scienziati siano pienamente ottimisti.

Dicono che la colina e l’acido geranico sono già considerati come composti sicuri, e sperano che ciò contribuisca a facilitare il percorso verso gli studi clinici negli esseri umani.

È possibile prevenire una sbornia?

Esiste una vasta gamma di presunte cure post-sbornia, ma poche sono state effettivamente testate scientificamente o dimostrate di funzionare.

Una sbornia è ciò che alcune persone sperimentano la mattina dopo una serata di alcolismo. I sintomi includono tipicamente mal di testa , disidratazione , stanchezza e nausea e vomito.

La gravità della sbronza di una persona può dipendere da molti fattori, come la quantità e il tipo di alcol che hanno bevuto, la quantità di sonno che hanno ottenuto e se hanno avuto cibo o acqua.

Qui, osserviamo nove modi per prevenire o ridurre la gravità di una sbornia.

1. Bere con moderazione

sbornia farmajet.jpg

Bevi con moderazione Consumare una quantità eccessiva di alcol aumenta la probabilità di una grave sbronza.

Il modo migliore per evitare i postumi di una sbornia è bere alcolici con moderazione o per niente. Più alcol si beve, più è probabile che si verifichi una sbronza grave il giorno successivo.

Quanto è sicuro per un individuo bere varia da persona a persona e dipende da molti fattori, come la quantità di cibo che hanno mangiato, quanta acqua hanno bevuto e quanto sonno hanno avuto.

Tuttavia, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), le Linee guida dietetiche degli Stati Uniti per il 2015-2020 raccomandano che solo gli adulti maggiorenni debbano bere alcolici e dovrebbero consumarlo solo in quantità moderate, consistenti in:

  • fino a un drink al giorno per le donne
  • fino a due bicchieri al giorno per gli uomini

Queste linee guida considerano una bevanda unica

  • 12 once di birra al 5% di alcol in volume (ABV)
  • 8 once di 7% di alcol malto ABV
  • 5 once di vino ABV al 12%
  • 1,5 once di alcol o liquore distillato al 40 percento

2. Acqua potabile

L’alcol è un diuretico , il che significa che aumenta il bisogno di una persona di urinare e può causare il rischio di diventare disidratato.

Bere molta acqua a fianco delle bevande alcoliche può aiutare una persona a rimanere idratata e ridurre i sintomi della disidratazione, come sete, affaticamento e mal di testa.

3. Dormire bene

Bere molto alcol e andare a letto presto non necessariamente vanno di pari passo. Tuttavia, ottenere un sacco di sonno può aiutare a ridurre gli effetti di una sbornia il giorno successivo.

L’alcol può avere un impatto negativo sulla qualità e sulla durata del sonno. Dormendo bene la notte, una persona può aiutare il proprio corpo a riprendersi dalla notte precedente, quindi prova a sdraiarti oa dormire presto il giorno dopo.

4. Evitare i congeneri

bicchiere di whisky.jpg

Le bevande alcoliche che contengono congeneri, come il whisky, possono contribuire ai sintomi della sbornia.

Alcune bevande alcoliche contengono sostanze chimiche note come congeneri. Queste sostanze chimiche sono impurità e possono contribuire ai sintomi della sbronza.

Le bevande ad alto contenuto di congeneri includono:

  • whisky, in particolare bourbon
  • Cognac
  • Tequila

Le bevande con bassi livelli di congeneri includono:

  • Vodka
  • Rum
  • Gin

In uno studio , i ricercatori hanno scoperto che i congeneri hanno colpito la gravità dei postumi di una sbornia, con le persone che si sentivano peggio dopo aver bevuto il bourbon che con la vodka.

5. Prendere integratori

Alcuni esperti pensano che alcuni dei sintomi che una persona prova quando hanno una sbornia derivano da un’infiammazione di basso grado . Pertanto, alcune persone potrebbero beneficiare di assumere integratori di erbe che hanno proprietà anti-infiammatorie, come il ginseng rosso e il fico d’ india.

6. Camminare su se stessi

Le persone che camminano da sole quando bevono alcolici e bevono lentamente hanno meno probabilità di accusare forti sintomi di sbornia il giorno seguente.

La persona media può elaborare una bevanda standard ogni ora . Bere lentamente significa anche che una persona può bere meno in generale.

7. Misurare le vostre bevande

È fondamentale per una persona misurare le proprie bevande ed essere consapevoli di quanto stanno bevendo. Quando si beve a casa, alcune persone possono versarsi misure più sostanziali o essere meno consapevoli dei volumi che stanno usando. Ciò può rendere più difficile per un individuo tenere traccia del proprio consumo di alcol.

8. Mangiare prima di bere

mangiare prima di bere.jpg

Mangiare un buon pasto prima di bere può ridurre il livello di alcol nel sangue di una persona.

È importante che una persona mangi un buon pasto prima di bere.

Mangiare prima o al momento di bere può rallentare l’assorbimento di alcol nel sangue.

Il cibo può aiutare a mantenere bassa la concentrazione di alcol nel sangue di una persona e può ridurre gli effetti di una sbornia.

9. Una buona colazione

Avere bassi livelli di zucchero nel sangue può peggiorare i postumi di una sbornia. Mangiare una buona colazione può aiutare a mantenere i livelli di zucchero nel sangue e fornire al corpo la giusta combinazione di vitamine e minerali per funzionare meglio.

prospettiva

Bere con moderazione o per niente è il modo migliore per evitare una sbornia. Tuttavia, è essenziale ricordare che l’eccessivo consumo di bevande alcoliche e anche il bere moderato possono avere un impatto negativo sulla salute di una persona a breve o a lungo termine .

Le persone che bevono più della quantità raccomandata di alcol si espongono ad un aumentato rischio di:

  • malattia del cuore
  • alcuni tipi di cancro
  • malattia del fegato
  • danno al sistema nervoso, inclusi danni cerebrali e neuropatia periferica

Il rischio di sviluppare queste condizioni aumenta nel tempo con la quantità di alcol che una persona beve.

Lo studio del cervello rivela perché alcune persone non riescono ad attenersi alla loro dieta

Le differenze nell’anatomia cerebrale potrebbero spiegare perché alcuni individui lottano per mantenere una dieta salutare mentre altri no. 
mela dolce.jpg

La tua anatomia cerebrale potrebbe essere responsabile della tua dieta.

Questa è stata la conclusione alla quale sono giunti i ricercatori dopo aver scoperto che il volume della materia grigia in due regioni del cervello predice la capacità di esercitare il controllo sulle scelte alimentari.

Le regioni del cervello sono la corteccia prefrontale dorsolaterale (dlPFC) e la corteccia prefrontale ventromediale (vmPFC). Questi sono ritenuti importanti per valutare le opzioni e l’autocontrollo.

In un articolo pubblicato sul Journal of Neuroscience , i ricercatori suggeriscono che i risultati identificano i marcatori del cervello che potrebbero predire “stare a dieta con successo” e fornire possibili bersagli terapeutici per “obesità e disturbi alimentari correlati”.

Lo studio dovrebbe anche far avanzare la ricerca su metodi migliori per valutare e trattare i disturbi alimentari che comportano problemi di autocontrollo, come ad esempio abbuffate e anoressia nervosa .

“Non è sempre molto chiaro”, afferma l’autore senior dello studio Hilke Plassmann, che è il professore presieduto da INSEAD di Decision Neuroscience, con sede a Fontainebleau in Francia, “come valutare questi disturbi”.

La “neuroeconomia” del cibo

Lo studio appartiene alla scienza della neuroeconomia, che analizza le ” funzioni cerebrali dietro al processo decisionale “.

I ricercatori in questo campo suggeriscono che ci sono due meccanismi che governano il modo in cui scegliamo il cibo che mangiamo. Innanzitutto, valutiamo ciascuna caratteristica di un prodotto alimentare. Una caratteristica, ad esempio, potrebbe essere “gustosità”, mentre un’altra potrebbe essere “salubrità”.

Selezioniamo quindi l’articolo che ha il valore totale più alto dopo aver preso in considerazione l’importanza che diamo a ciascuna funzionalità.

Il Prof. Plassmann e i suoi colleghi hanno voluto indagare su quali strutture cerebrali potrebbero essere coinvolte in tali scelte e se c’è qualcosa su di loro che potrebbe predire la capacità di selezionare quelle sane.

Hanno studiato i dati di imaging da scansioni cerebrali di persone sane – 45 uomini e 78 donne – mentre facevano scelte sul cibo.

Gli uomini e le donne hanno preso parte a una serie di esperimenti mentre si sottoponevano a scansioni MRI dei loro cervelli.

Materia grigia e autocontrollo alimentare

Durante questi esperimenti, i partecipanti hanno esaminato le immagini di prodotti alimentari e gli è stato chiesto di collocare valori su di essi in base alla bontà e alla salubrità. Sono stati anche invitati a fare una scelta basata sulla salubrità.

Quando hanno confrontato i dati di imaging con le scelte, gli scienziati hanno scoperto che il volume di materia grigia nel dlPFC e nel vmPFC era un buon predittore di scelte salutari.

I risultati hanno rivelato che le persone con più volumi di materia grigia tendevano a mostrare più autocontrollo. Lo hanno fatto o attribuendo un valore superiore alla salubrità o un valore inferiore alla bontà quando è stato chiesto di considerare la salute.

I ricercatori hanno anche trovato una relazione simile tra volume di materia grigia nel vmPFC e dlPFC e “autocontrollo alimentare” in un altro insieme di dati con soggetti diversi e un diverso tipo di compito che “comportava distanziamento dalle voglie per cibi malsani e appetitosi”.

Dicono che il loro studio è il primo a dimostrare che le differenze in dlPFC e nell’anatomia vmPFC possono influenzare la scelta delle persone di cibi salutari. Tuttavia, i risultati non suggeriscono che le persone debbano accettare queste condizioni come fissate.

Il cervello ha “plasticità”, il che significa che può adattarsi. Il volume della materia grigia è simile al muscolo e può essere sviluppato con “esercizio”.

In futuro, potremmo essere in grado di proporre interventi basati sul cervello, in modo da poter cambiare la densità della materia grigia in queste regioni”.

Prof. Hilke Plassmann