Artrite reumatoide: come l’infiammazione cronica colpisce il cervello

Uno studio recente dimostra come l’infiammazione cronica che caratterizza l’artrite reumatoide colpisce il cervello. I risultati possono spiegare i sintomi cognitivi descritti come “nebbia del cervello”.
scan cervello.jpg

Usando la risonanza magnetica (mostrata qui), i ricercatori hanno esaminato come l’infiammazione dell’artrite reumatoide cambia il cervello.

Più di 1,3 milioni di persone negli Stati Uniti vivono con l’artrite reumatoide .

Questa è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario non riconosce il liquido sinoviale nelle articolazioni e lo attacca, causando infiammazione cronica .

Ma questa infiammazione cronica interessa anche il cervello? E se sì, come?

Questa domanda ha spinto i ricercatori – coadiuvati da Andrew Schrepf e Chelsea Kaplan, dell’Università del Michigan ad Ann Arbor – a esaminare il cervello di 54 persone affette da artrite reumatoide.

Schrepf, ricercatore presso il Centro di ricerca sul dolore cronico e la fatica della Michigan Medicine, spiega la motivazione dello studio , i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Communications .

Spiega: “Anche se è da molto tempo che l’infiammazione che vediamo nel sangue sta avendo un impatto sul cervello, fino a questo studio non sapevamo esattamente dove e in che modo quei cambiamenti nel cervello stavano realmente accadendo”.

Schrepf aggiunge che gli effetti dell’infiammazione sono più facili da capire quando la malattia è di breve durata, come nel caso dell’influenza .

Ma nota anche che i ricercatori “volevano capire cosa sta accadendo in condizioni in cui i pazienti hanno un’infiammazione per settimane, mesi o anni, come nell’artrite reumatoide”.

Studiare il cervello nell’artrite reumatoide

Più nello specifico, Schrepf e colleghi volevano vedere come l’infiammazione periferica che è un segno distintivo dell’artrite influenzi la struttura e la connettività del cervello.

A tal fine, hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale e la risonanza magnetica strutturale per analizzare il cervello di 54 partecipanti di età compresa tra 43 e 66 anni. Le scansioni del cervello sono state prese sia all’inizio dello studio che 6 mesi dopo.

I partecipanti allo studio avevano vissuto con l’artrite reumatoide per un periodo medio compreso tra 2,85 e oltre 20 anni.

“Abbiamo preso i livelli di infiammazione nel loro sangue periferico, proprio come sarebbe stato fatto clinicamente da un reumatologo per monitorare la gravità della loro malattia e il modo in cui viene controllata”, spiega Schrepf.

“Abbiamo trovato risultati profondi e coerenti in una coppia [di] aree del cervello che stavano diventando collegate a diverse reti cerebrali.Abbiamo quindi guardato di nuovo 6 mesi più tardi e abbiamo visto modelli simili, e questa replica dei risultati non è così comune negli studi di neuroimaging “.

Per studiare come l’infiammazione influenzi i modelli di connettività funzionale in modo più dettagliato, i ricercatori hanno esaminato le connessioni tra 264 regioni del cervello.

I risultati potrebbero spiegare “nebbia del cervello”

“In un grafico di analisi teorica su tutta la rete cerebrale e correlandolo con i livelli di infiammazione, abbiamo visto molta convergenza tra metodi e punti temporali per la quantità di connettività nel lobulo parietale inferiore e nella corteccia prefrontale mediale”, spiega Kaplan, un ricercatore di anestesia alla Michigan Medicine.

Il lobulo parietale inferiore è un’area del cervello trovata all’intersezione tra la corteccia visiva, uditiva e somatosensoriale. È fondamentale nell’elaborazione visuospaziale.

Il ruolo della corteccia prefrontale mediale non è così chiaro. Alcuni scienziati suggeriscono che ci aiuta a prendere decisioni e recuperare informazioni dalla nostra memoria a lungo termine, mentre altri credono che ci aiuti a consolidare nuovi ricordi a breve termine.

Parlando dei risultati, Kaplan afferma che “ci hanno mostrato che il cervello non opera isolatamente”.

[I risultati] hanno anche dimostrato come l’infiammazione che misuriamo nella periferia possa effettivamente alterare le connessioni funzionali nel cervello e svolgere un ruolo in alcuni dei sintomi cognitivi che vediamo nell’artrite reumatoide”.

Chelsea Kaplan

Infatti, molte persone affette da artrite reumatoide hanno riferito di avere la ” nebbia del cervello “, rendendo difficile per loro pensare, concentrarsi e imparare cose nuove.

Gli studi supportano questa evidenza aneddotica, confermando che esiste un danno cognitivo “significativo” nell’artrite reumatoide.

Neil Basu, Ph.D., autore del co-autore dello studio dell’Università di Aberdeen nel Regno Unito, afferma: “Collegando queste avanzate misure di neuroimaging all’esperienza del paziente, forniamo prove che il futuro targeting dei pathway infiammatori centrali potrebbe migliorare notevolmente la qualità della vita dei pazienti con artrite reumatoide “.

Questi dati intriganti supportano l’idea che l’infiammazione dell’artrite reumatoide colpisca il cervello e non solo le articolazioni.”

Neil Basu, Ph.D.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...