Le rughe degli occhi ci fanno apparire più sinceri?

Seguendo le orme di Darwin, che per primo ha stabilito espressioni facciali come un linguaggio universale, uno studio recente ha rivelato che le rughe intorno agli occhi di una persona possono rappresentare quanto sincere o intense siano le loro emozioni.
rughe degli occhi.jpg

Cosa dicono le tue rughe agli occhi di altre persone su di te?

Queste nuove scoperte ci portano ad un passo avanti verso la comprensione delle espressioni facciali e il modo in cui si relazionano alla nostra comprensione delle emozioni.

La ricerca è stata condotta presso la University of Western Ontario a Londra, in Canada, in collaborazione con gli investigatori dell’Università di Miami a Coral Gables, FL.

I risultati sono stati pubblicati di recente sulla rivista Emotion .

Daniel Messinger, Ph.D. – un professore di psicologia all’Università di Miami – dice, “Da Darwin, gli scienziati si sono chiesti se esiste un linguaggio dell’espressione facciale, una ricerca che suggerisce che una chiave di questo linguaggio è la costrizione degli occhi.”

Usando il pennarello Duchenne

Il sorriso di Duchenne è essenzialmente un sorriso “genuino”; prende il nome dal medico francese Duchenne de Boulogne, che ha dimostrato che i sorrisi della “vera felicità” coinvolgono non solo i muscoli della bocca, ma anche gli occhi.

Il nuovo studio si è concentrato sul marker di Duchenne, che è una misura delle rughe degli occhi che appaiono nelle espressioni facciali. Usando un metodo noto come rivalità visiva, ai partecipanti allo studio sono state mostrate fotografie di espressioni facciali con e senza il marcatore di Duchenne.

I test di rivalità visiva sono progettati per trovare quale delle due immagini il cervello presta maggiore attenzione. Hanno scoperto che le espressioni che includevano i marcatori di Duchenne erano percepite come più importanti per il nostro subconscio.

Quando è stato chiesto al gruppo di studio di valutare la scala delle espressioni, le espressioni di Duchenne sono state giudicate anche più intense e sincere rispetto alle loro controparti.

Le espressioni che coinvolgono la Duchenne sono sempre state dominanti, quindi se l’emozione è più intensa, il tuo cervello preferisce effettivamente portarlo nella consapevolezza percettiva per un tempo più lungo.”

Capo investigatore Dr. Julio Martinez-Trujillo

Analisi dell’espressione facciale

Comprendere veramente la relazione tra espressioni facciali ed emozioni potrebbe portare a applicazioni rivoluzionarie del mondo reale. In effetti, le scoperte sul campo hanno già portato a iniziative e programmi che aiutano a insegnare alle persone come leggere le emozioni .

La dott.ssa Martinez-Trujillo è interessata a sapere se i risultati dello studio attuale sarebbero gli stessi per quelli dello spettro autistico. Lui spiega:

“Quando hai interazioni sociali devi percepire se una persona è sincera o no, quindi il mio interesse ora è, quali saranno i risultati se facciamo lo stesso test con le persone con disturbo dello spettro autistico. altre persone, quindi ci chiediamo se questo potrebbe avere a che fare con la loro capacità di leggere questo marcatore per sincerità. “

I ricercatori hanno studiato le espressioni facciali per più di 100 anni. Lo studio di Darwin nel 1872 è considerato il contributo più significativo, essendo il primo a suggerire che le espressioni facciali sono universali.

Ha dedotto che le emozioni e le loro espressioni erano biologicamente innate e evolutivamente adattive, e che le somiglianze possono essere viste in specie strettamente correlate.

Probabilmente il più significativo studio incentrato sul sorriso è stato condotto nel 1989 dallo psicologo Robert Zajonc, che ha chiesto ai soggetti di ripetere i suoni vocalici che hanno costretto i loro volti a sorridere o espressioni imbronciate. Lo studio di Zajonc ha dimostrato che anche un sorriso falso può indurre una sensazione di felicità.

Questo nuovo studio è uno sviluppo interessante nel campo dell’analisi dell’espressione facciale.

Un linguaggio universale per leggere le emozioni

In definitiva, questo studio ha dimostrato che le rughe degli occhi rappresentano e comunicano emozioni sincere. L’autore del primo studio Nour Malek, Ph.D., afferma: “Questi risultati forniscono la prova di un potenziale linguaggio universale per leggere le emozioni”.

“In altre parole,” continua, “una determinata azione del viso può avere un unico ruolo in più espressioni facciali – specialmente se quell’azione facciale plasma le tue interazioni sociali”.

“Ad esempio,” conclude Malek, “sapendo se il sorriso di un estraneo è genuino e se quella persona può essere attendibile, ti avverte se dovresti evadere o meno”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...