Come fermare il singhiozzo nei neonati

Ci sono diversi modi per fermare o prevenire il singhiozzo nei neonati. Per esempio, prendere delle pause dall’alimentazione al rutto e usare i ciucci può aiutare. È importante ricordare che la maggior parte dei bambini ha un singhiozzo durante il primo anno e di solito non sono motivo di preoccupazione.

Il singhiozzo si verifica quando il diaframma del bambino si contrae. Questo forza l’aria attraverso le corde vocali chiuse, creando il suono singhiozzante.

Una persona può essere preoccupata che il singhiozzo causi un fastidio neonatale. In questo articolo, esploriamo i fattori che scatenano il singhiozzo nei neonati, i modi migliori per fermarli e prevenirli e quando vedere un medico.

Che cosa causa singhiozzo nei neonati?

neonato con singhiozzo farmajet

Il singhiozzo non è generalmente motivo di preoccupazione.

Gli autori di uno studio del 2012 suggeriscono che il riflesso del singhiozzo può servire a rimuovere l’aria in eccesso dallo stomaco. Tuttavia, la comunità medica non è ancora sicura se il singhiozzo abbia uno scopo. Quindi, cosa succede nel corpo per causarli?

Il singhiozzo si verifica quando qualcosa causa uno spasmo al diaframma e le corde vocali si chiudono rapidamente. L’aria viene espulsa attraverso le corde vocali chiuse, creando il suono singhiozzante.

Il diaframma è un grosso muscolo che attraversa il fondo della gabbia toracica. Si muove su e giù mentre una persona respira.

Il singhiozzo nei bambini tende a verificarsi senza una ragione apparente, ma l’alimentazione può occasionalmente causare uno spasmo al diaframma. Possono accadere quando un bambino:

  • overfeeds
  • mangia troppo in fretta
  • ingoia troppa aria

Questi fattori possono causare l’espansione dello stomaco del bambino. Mentre si espande, spinge contro il diaframma, innescando gli spasmi che portano al singhiozzo.

Se il singhiozzo si verifica frequentemente e causa angoscia, possono derivare da una condizione di salute sottostante, come il reflusso gastroesofageo (GER). Ciò si verifica quando il cibo parzialmente digerito e l’acido dello stomaco risalgono attraverso il tubo del cibo. Quando questi fluidi passano attraverso il diaframma, possono irritarlo e provocare spasmi.

L’alimentazione o problemi di stomaco non sempre possono causare singhiozzi. Il diaframma può spasmi per ragioni sconosciute.

Come fermare il singhiozzo del neonato

Il singhiozzo normalmente non danneggia un bambino. Mentre gli adulti possono trovare singhiozzo a disagio, tendono a causare meno angoscia nei bambini.

Di solito è bene lasciare un bambino per smettere di singhiozzare. Se non si fermano, è una buona idea parlare con un medico.

Quando una persona è interessata e non vuole lasciare che il singhiozzo del neonato faccia il suo corso, può trovare utili le seguenti strategie:

Fare una pausa per ruttare il bambino

neonato con ciuccietto farmajet

Succhiare un ciuccio può aiutare con il singhiozzo di un bambino.

Quando lo stomaco si riempie di aria, può spingere sul diaframma, causando spasmi. Prendendo una pausa dall’alimentazione al rutto il bambino può ridurre la quantità di aria nel loro stomaco. Questo può prevenire il singhiozzo.

Secondo l’American Academy of Pediatrics, è una buona idea ruttare i bambini allattati artificialmente ogni volta che consumano 2 o 3 once .

Se un bambino viene allattato al seno, è una buona idea ruttare il bambino mentre passa tra i seni.

Utilizzando un ciuccio

Succhiare un ciuccio può aiutare a rilassare il diaframma e fermare il singhiozzo.

Nutrendoli, si affligge l’acqua

L’acqua gassata è una miscela di erbe e acqua. È tradizionalmente usato per trattare coliche e altri problemi di stomaco.

Le erbe di solito contenute nell’acqua delle lamentele includono:

  • Zenzero
  • finocchio
  • camomilla
  • cannella

Se i problemi di stomaco sono responsabili per il singhiozzo, alcune persone credono che l’acqua potrebbe essere d’aiuto. Tuttavia, nessuna prova scientifica attualmente supporta questo trattamento.

Strofinando la schiena del bambino

Strofinare la schiena e dondolare il bambino avanti e indietro può aiutarli a rilassarsi. Questo può fermare gli spasmi che causano singhiozzo.

Cosa non fare

Alcuni rimedi ben noti per singhiozzo sono interamente radicati nella tradizione e non hanno basi scientifiche. Questi includono:

  • facendo saltare una persona
  • tirando la lingua
  • facendoli sorseggiare acqua a testa in giù

È una cattiva idea provare questi e molti altri rimedi casalinghi su un bambino. Questi presunti rimedi possono turbare un bambino e possono persino essere pericolosi. È improbabile che fermino il singhiozzo.

Prevenzione

Spesso il singhiozzo non è prevenibile, ma seguire le strategie seguenti può aiutare:

  • nutrire il bambino prima che diventino molto affamati, per mantenerli calmi
  • nutrire il bambino frequentemente in piccole quantità
  • sedendo il bambino in posizione verticale per mezz’ora dopo ogni poppata
  • riposizionando la bottiglia in modo che non ci sia aria vicino alla tettarella
  • assicurando che la bocca del bambino sia bloccata sull’intero capezzolo

Quando vedere un dottore

neonato dal dottore farmajet

Un medico dovrebbe essere consultato se un bambino frequentemente ottiene singhiozzo.

Il singhiozzo non è normalmente motivo di preoccupazione nei bambini di età inferiore a 12 mesi.

Parla con un medico se il singhiozzo è frequente o sembra che il bambino si senta angosciato perché questo può indicare una condizione di salute di base.

Il GER può causare singhiozzi frequenti e scomodi. Un bambino può avere GER se anche:

  • piangere più spesso del solito, in particolare intorno alle poppate
  • inarcare la schiena eccessivamente durante o dopo la poppata
  • sputare più spesso del solito

Chiunque sospetti che un bambino possa avere un GER dovrebbe parlare con un medico. La condizione è facile da trattare.

prospettiva

I singhiozzi del neonato non sono di solito un motivo di preoccupazione. La maggior parte dei bambini ha un singhiozzo nel primo anno. Molte delle cause probabili riguardano l’alimentazione.

Seguire le migliori pratiche può ridurre il singhiozzo e alcuni rimedi casalinghi possono anche aiutare.

Se il singhiozzo è frequente o se causa angoscia o altri sintomi, parla con un medico. È anche una buona idea contattare un medico se il singhiozzo si verifica frequentemente dopo che un bambino compie un anno.

Annunci

Nitrati e nitriti, cosa sono, dove si trovano, quali rischi

salumi farmajet

Nitrati e nitriti, è importante conoscerli, sapere cosa sono e dove si trovano, per i potenziali dannì che possono causare alla salute a causa della loro assunzione insieme ai cibi. Sono presenti, infatti, in molte vaschette di salumi affettati, nei wurstel, nella carne in scatola e in molti altri alimenti, anche vegetali.

Come riconoscerli, attenzione alle sigle E249, E250, E251, E252

Ecco quali sono i nitrati e nitriti che troviamo elencati sull’etichetta di molti alimenti preconfezionati, ma soprattutto sulle confezioni di salumi: prosciutto, bresaola, mortadella e molti altri.

E249 Nitrito di potassio
E250 Nitrito di sodio
E251 Nitrato di sodio
E252 Nitrato di potassio

 

In realtà nitriti (E249, E250) e i nitrati (E251, E252) sono sostanze naturalmente presenti negli alimenti animali, vegetali e nell’acqua. Vengono però aggiunti come additivi a insaccati, prosciutti, wurstel, carni in scatola e altri prodotti a base di carne, pesci marinati e a volte anche in prodotti caseari.

Se avete l’abitudine di leggere il libro della lista degli ingredienti in gastronomia, in negozio o nei reparti dei supermercati, quasi certamente vi è capitato di leggere alcune di queste sigle.

Cosa sono

Nitriti e nitrati sono due conservanti molto utilizzati, aggiunti come additivi nelle carni lavorate: insaccati, prosciutti, wurstel, carni in scatola e altri prodotti a base di carne, ma anche in pesci marinati e a volte in prodotti caseari.

Sono stati spesso al centro di discussioni in quanto accusati essere pericolosi per la salute, per i bambini anche molto pericolosi.. Nonostante ciò hanno ormai sostituito i metodi più tradizionali di conservazione delle tipologie di alimenti citati, come il sale e le spezie. La domanda nasce spontanea, perché ?

Perché vengono utilizzati

La larga diffusione di questi additivi risponde prima di tutto alle esigenze dell’industria alimentare, che ragiona in termini di quantità, produttività e durata nel tempo.

Nitriti e nitrati vengono aggiunti senza remore per difendere carni lavorate ed altri alimenti dalle contaminazioni batteriche, ma anche per mantenere a lungo intatti l’aspetto e gli aromi. In assenza di essi le carni sarebbero più scure di come le vediamo, non certo rosse né rosa.

Oltre a migliorare l’aspetto, hanno anche l’importante funzione di prevenire il pericolo botulino. Ne avete certamente sentito parlare. Si tratta del Clostridium botulinum, un microrganismo che vive in assenza di ossigeno e produce spore che resistono nell’ambiente anche per un lungo periodo. Il batterio può produrre diverse tossine, che possono avere effetti gravi o anche letali. Per questo motivo la legge ne consente l’uso entro certi limiti, anche se sono considerati “probabilmente cancerogeni”.

Nitrati e nitriti sono pericolosi?

La rivista Altroconsumo riporta quanto segue in un suo articolo di approfondimento su nitrati e nitriti: “Secondo gli studi dell’IARC, International Agency for Research on Cancer (Agenzia Internazionale per la ricerca sul Cancro), che fa capo all’Organizzazione Mondiale della Sanità, i nitrati di per sé non sono pericolosi per la salute. Tuttavia, una volta ingeriti si trasformano in nitriti, che sono tossici seppure ad alte dosi, e nelle pericolose nitrosammine, alcune delle quali sono riconosciute come cancerogene. Le nitrosammine si formano nel nostro corpo non solo a partire dai nitriti, ma anche a causa della cottura a temperature elevate come il barbecue e la frittura.”

Un ulteriore effetto dell’assunzione di nitrati è che dopo essere stati ridotti a nitriti, a causa dell’intervento di batteri presenti nell’apparato digerente, interferiscono negativamente con il trasporto di ossigeno nel sangue, trasformando l’emoglobina in metaemoglobina, incapace di svolgere le funzioni di base dell’emoglobina. Questo problema può avere effetti gravi nei bambini. Inoltre, i nitrati potrebbero venire assorbiti, prima di essere trasformati in nitriti, nella bocca, nello stomaco e nel primo tratto dell’intestino.

Altra cosa: i nitriti posso generare altre reazioni (con le ammine ad esempio) generando effetti tossici (noti) per l’uomo: effetti mutageni e cancerogeni.

La legge

La legge ha cercato di trovare un equilibrio tra il rischio di formazione delle nitrosammine e l’importanza dei nitriti per contrastare il rischio di germinazione delle spore del botulino. Come detto questo batterio può provocare gravi infezioni alimentari, che possono portare anche alla morte. Per questo motivo sono stati definiti dei limiti ai quantitativi di questi conservanti che possono essere aggiunti agli alimenti.

Il problema: le quantità

Sia nitrati che nitriti sono stati rilevati in quantità anche elevate in una vasta gamma di alimenti, non sempre a causa di aggiunte intenzionali. Ad esempio, le concimazioni dei terreni e l’inquinamento della falda acquifera ha come conseguenza la presenza di queste sostanze in insalate ed altri ortaggi. Per quanto riguarda invece quelli aggiunti come additivi nelle carni lavorate e negli insaccati, principalmente, dando per scontato che le aziende rispettino le normative di legge, bisogna considerare gli effetti legati ai quantitativi e alla continuità di consumo di questi alimenti. Dobbiamo essere consapevoli del rischio che deriva dal fatto che molti degli alimenti con cui ci nutriamo contengano questa sostanza potenzialmente pericolose.

Cosa fare?

Come sapete promuoviamo un’alimentazione prevalentemente vegetale, tuttavia è importante che ognuno di noi sia libero di fare le proprie scelte consapevolmente.

Al di là degli additivi, è sempre consigliabile ridurre il consumo di carni e insaccati, soprattutto se provenienti da allevamenti intensivi. Inoltre, è una buona regola variare il più possibile il tipo di alimentazione: in questo modo possiamo ridurre il rischio. Inoltre, leggete le etichette, potete evitare di acquistare alimenti, come ad esempio il prosciutto crudo, che contengono nitrati e nitriti aggiunti, che devono essere obbligatoriamente dichiarati in etichetta. Anche perché, ad esempio, non c’è l’obbligo di inserire nitrati o nitriti nel prosciutto crudo: ecco perché è utile sapere che i prosciutti crudi a lunga stagionatura come i Dop prosciutto di Parma e San Daniele, non ne contengono.

Altre cose da sapere

nitriti vengono rapidamente assorbiti a livello intestinale, con una rapida permanenza nella circolazione sanguigna. Vengono eliminati senza modifiche per il 40% tramite le urine, ma non si sa esattamente cosa accade al restante 60%. In ogni caso, si è visto che scompaiono dal metabolismo entro 3 settimane dall’ultima ingestione. Per approfondimenti vedere bibliografia (1).

Nella piccola ma interessante Guida Tascabile(2) il sistema a semafori applicato a tutti gli additivi alimentari riserva comunque il semaforo rosso – DA EVITARE – alle sigle che vanno dall’E249 alla E252.

Le descrizioni

Tratte dal testo (2) della bibliografia.

Nitrito di potassio E249

Conservante chimico che potrebbe ostacolare il trasporto dell’ossigeno nel sangue e che può reagire con altri additivi, diventando così molto tossico e cancerogeno.

Altri rischi: soffocamento, verigini, mal di testa. E’ autorizzato solo nei salumi, paté e pancetta, anche in certi prodotti biologici. Da evitare, soprattutto per i bambini.

Nitrito di sodio E250

Conservante chimico che sarebbe esclusivamente mischiato con del cloruro di sodio e si trasformerebbe in nitrosammina nello stomaco. E’ usato nei salumi.

Rischi: iperattività, asma, insonnia, nausea, vertigini, cali di pressione, cancro. Vedi anche E249. Da Evitare.

Nitrato di sodio E251

Conservante chimico molto pericoloso usato anche nella fabbricazione dell’acido nitrico, come fertilizzante e nelle carne fermentate.

Rischi: vedi E250. Da evitare.

Nitrito di sodio E251

Conservante chimico ottenuto dalle carcasse di animali o dai rifiuti vegetali. Usato anche nella polvere da sparo, negli esplosivi, nei fertilizzanti e per conservare la carne.

Rischi: iperattività, cancro; vedi anche E249, E250, E251.

Il parere di Assobio

Roberto Pinton, segretario di Assobio nonchè esperto di agroalimentare, sostiene che “nella maggior parte dei salumi i nitrati e nitriti hanno un effetto esclusivamente estetico. Servono cioè a mantenere il colore rosso vivo, senza alcun effetto tecnologico utile perché il botulino non si sviluppa nei prodotti che hanno un pH inferiore a 4,6. Ad esempio i salami, che sono fermentati, non possono avere sviluppo di botulino”.  Vale a dire che c’è una parte di salumi che non avrebbero bisogno di nitrati e nitriti, ma li contengono per sole ragioni estetiche: probabilmente nessuno comprerebbe un prodotto di colore “marrone”.

I problemi allo stomaco possono causare mal di schiena?

Il mal di schiena e il gonfiore possono essere un’esperienza miserabile e spaventosa quando si verificano insieme. Tuttavia, le cause più comuni di mal di schiena e gonfiore sono solitamente dovute a condizioni di fondo relativamente innocue.

Sebbene il mal di schiena e il gonfiore siano sintomi abbastanza comuni, è una buona idea vedere un medico se dura più di qualche giorno.

Sebbene le cause più comuni di mal di schiena e gonfiore siano relativamente innocue, alcune delle ragioni meno comuni possono essere pericolose per la vita.

Cause comuni di mal di schiena e gonfiore

donna con il mal di schiena farmajet

Il mal di schiena e il gonfiore possono verificarsi insieme ma potrebbero non essere sempre correlati.

Vale la pena ricordare che queste cause comuni sono di gran lunga le ragioni più probabili che una persona svilupperà mal di schiena e gonfiore. Le cause includono:

  • turni ormonali
  • gravidanza
  • ferite alla schiena
  • problemi gassosi e gastrointestinali
  • stress
  • infezione del tratto urinario (UTI)

Un medico verificherà queste condizioni prima di cercare qualcosa di più serio.

Turni ormonali

Gli ormoni sono messaggeri chimici del corpo. Con l’oscillazione dei livelli ormonali, possono influenzare il modo in cui il corpo si comporta. Entrambi i sessi sono vulnerabili ai cambiamenti ormonali.

Molte donne provano dolore alla schiena o crampi con gonfiore durante o immediatamente prima del loro periodo. Se i sintomi seguono uno schema prevedibile e non causano problemi gravi, generalmente non sono nulla di cui preoccuparsi.

Le persone sottoposte a terapia ormonale sostitutiva (TOS) possono anche manifestare gonfiore e dolore. Dovrebbero discutere questi sintomi con un medico.

Gravidanza

A volte, la gravidanza provoca gonfiore, stitichezza e gas. Questo è particolarmente vero in tarda gravidanza quando l’utero inizia a comprimere gli organi.

Il peso aggiuntivo nella parte anteriore del corpo può anche mettere a dura prova la schiena e i fianchi. Chiunque sia in stato di gravidanza deve informare il proprio medico o l’ostetrica di eventuali sintomi che manifestano, dal momento che eventuali condizioni o problemi che la donna incinta ha riscontrato possono influenzare il bambino.

La maggior parte delle cause di gonfiore e mal di schiena in gravidanza sono innocue e in genere si risolvono dopo il parto.

Lesioni alla schiena

Una vasta gamma di lesioni alla schiena, che vanno da distorsioni e stiramenti muscolari minori a lesioni più gravi come ernie discali , possono causare mal di schiena.

A volte il dolore di un’ernia discale si irradia in altre parti del corpo, compreso l’addome, e può creare sensazioni insolite, come il gonfiore.

Gas e problemi gastrointestinali (GI)

Il più delle volte, il gas non è altro che un fastidio minore.

Tuttavia, il gas occasionalmente produce un dolore intenso che rende l’intero addome pieno e tenero. Questo dolore può irradiarsi alla schiena, causando mal di schiena e gonfiore. Minori problemi gastrointestinali, come i virus dello stomaco, possono anche causare intenso dolore al gas.

A volte, i problemi GI possono causare dolore muscolare. Questo può accadere dopo aver sforzato di avere un movimento intestinale o vomito ripetutamente.

Stress

Lo stress cambia il corpo, non solo la mente. Lo stress intenso o l’ ansia possono scatenare sia il mal di schiena che il disagio allo stomaco, compreso il gonfiore.

Il mal di schiena si verifica spesso perché alcune persone che stanno vivendo stress tesa i muscoli inconsciamente. Mal di stomaco e gonfiore sono più comuni nelle persone che hanno lo stress e una condizione di base, come la sindrome dell’intestino irritabile (IBS).

UTI

Un UTI può causare mal di schiena quando si diffonde ai reni. Le UTI innescano anche una frequente necessità di usare il bagno. Alcune persone pensano di aver bisogno di usare il bagno subito dopo averlo usato.

Questa sensazione può causare gonfiore addominale, dolore o pressione. Infezioni renali gravi possono anche causare vomito che porta al gonfiore.

Cause meno comuni di mal di schiena e gonfiore

I seguenti problemi possono anche causare mal di schiena e gonfiore, ma sono molto meno comuni:

  • lesioni e disturbi spinali
  • cancro del pancreas
  • disturbi del fegato
  • aneurismi dell’aorta addominale
  • gravi disturbi gastrointestinali, come peritonite e ostruzione intestinale

Sebbene rari, queste cause e condizioni richiedono un trattamento tempestivo. Chiunque soffra di dolore intenso o pensa di essere a rischio per una causa rara dovrebbe consultare immediatamente un medico.

Quando vedere un dottore

dottore con paziente farmajet

Una persona dovrebbe consultare un medico se il suo dolore è grave o dura diversi giorni.

Il gonfiore addominale e il mal di schiena sono spesso solo fastidi minori che vanno via da soli. In molti casi, i due sintomi non sono correlati.

Ad esempio, le persone con dolore cronico nella parte bassa della schiena possono periodicamente sperimentare gas che fa male all’addome e peggiora il mal di schiena.

Consultare un medico se il dolore non scompare da solo dopo alcuni giorni.

Qualcuno dovrebbe andare al pronto soccorso se:

  • il dolore è insopportabile e si accende all’improvviso
  • il dolore è accompagnato da sanguinamento dal retto
  • hanno una grave condizione medica, come l’insufficienza epatica
  • hanno recentemente subito un grave infortunio, come una lesione del midollo spinale

Vedere un medico entro un giorno se:

  • c’è la febbre insieme al dolore
  • il dolore sta peggiorando
  • il dolore è diverso da precedenti episodi di mal di schiena o di stomaco

Opzioni di trattamento

Il trattamento dipende dalla causa ma può comportare quanto segue:

Trattare infezioni e altre cause

Infezioni batteriche, come infezioni del tratto urinario e infezioni renali, richiedono antibiotici. Appendicite e alcune altre cause di gonfiore nella cavità addominale possono richiedere un intervento chirurgico. Se una gravidanza extrauterina è la causa dei sintomi, la gravidanza deve essere rimossa.

Trattare una condizione di base

È essenziale trattare qualsiasi condizione sottostante. Le persone con insufficienza epatica possono aver bisogno di un trapianto di fegato, mentre quelle con diabete possono richiedere farmaci per l’ insulina o il diabete.

Cosa succede se la causa è sconosciuta?

Prima che un medico possa curare il dolore, devono determinare la causa. Per fare questo, il medico può prendere una storia medica completa, premere sull’addome o sulla schiena per identificare i livelli di dolore e posizione, eseguire il lavoro di sangue, o fare scansioni di imaging della schiena o dello stomaco.

Rimedi casalinghi

ragazza che beve farmajet

Bere molta acqua può aiutare a curare il gonfiore.

Ci sono alcuni rimedi casalinghi che una persona può provare ad alleviare il mal di schiena e il gonfiore. Tuttavia, se i sintomi sono dovuti a una condizione grave, come l’insufficienza epatica, è essenziale parlare con un medico prima di provare qualsiasi rimedio casalingo. Alcuni trattamenti potrebbero essere pericolosi per le persone con insufficienza d’organo o con altre condizioni.

Se il problema è minore, come il gas o il virus dello stomaco, di solito è sicuro gestire i sintomi a casa.

Le strategie che potrebbero aiutare comprendono:

  • prendendo farmaci anti-gas
  • applicare una piastra riscaldante alla schiena o allo stomaco
  • bere molta acqua
  • riposo
  • respirazione profonda
  • antidolorifici da banco

prospettiva

La maggior parte dei casi di gonfiore e mal di schiena scompaiono da soli. Alcuni, come quelli dovuti a infezioni renali o appendicite , richiedono un trattamento, ma possono essere facilmente curati con le cure mediche. La gestione dei sintomi richiederà in alcuni casi un approccio continuo.

Il cancro , l’insufficienza epatica e altri gravi disturbi sono più difficili da trattare. L’intervento precoce e l’immediata assistenza medica migliorano le prospettive in tutti i casi.

Porta via

Il gonfiore addominale e il mal di schiena sono lamentele diffuse, con molte possibili cause. A meno che il dolore sia intenso o accompagnato da altri sintomi preoccupanti, di solito è sicuro vedere se i sintomi scompaiono da soli.

Tuttavia, non eseguire l’autodiagnosi. Solo un medico può determinare la causa del dolore. Con un trattamento tempestivo, anche condizioni serie e potenzialmente letali possono migliorare.

Carcinoma polmonare distrutto con nanoparticelle di foglie di tè

Un nuovo studio ha dimostrato che le cellule tumorali polmonari possono essere distrutte utilizzando nanoparticelle derivate dalle foglie di tè. Queste minuscole particelle, chiamate “punti quantici”, sono 400 volte più sottili di un capello umano e la loro produzione dalle foglie di tè è sicura e non tossica.
te verde tazza farmajet

Le foglie di tè possono essere la chiave per arrestare il cancro ai polmoni.

Sempre più ricerche si sono concentrate sui potenziali usi delle nanoparticelle per l’assistenza sanitaria.

Dalle “nanosonde” usate per individuare i micro-tumori alle nanoparticelle riempite di droga utilizzate per colpire e distruggere le cellule tumorali , la nanotecnologia sembra particolarmente promettente quando si tratta di prendere di mira il cancro .

Ad esempio, uno studio recente ha dimostrato che il cancro dell’endometrio può essere mirato in modo molto più efficace se i farmaci antitumorali vengono caricati in nanoparticelle e consegnati direttamente ai tumori.

Un altro studio che abbiamo riportato ha utilizzato un approccio simile per distruggere le cellule staminali tumorali . E ora, i ricercatori si stanno rivolgendo a un tipo di nanoparticelle chiamato “punti quantici” per aiutare nella lotta contro il cancro.

Scienziati guidati dal ricercatore Sudhagar Pitchaimuthu – un ricercatore della Ser Cymru-II Rising Star del College of Engineering della Swansea University nel Regno Unito – hanno creato punti quantici dall’estratto di foglie di tè e li hanno usati per fermare la crescita delle cellule di cancro ai polmoni .

risultati sono stati pubblicati sulla rivista Applied Nano Materials.

Fino all’80 percento delle cellule tumorali distrutte

I punti quantici hanno un diametro inferiore ai 10 nanometri. Di solito vengono creati chimicamente e sono già stati utilizzati su computer e schermi TV.

Tuttavia, come spiegano Pitchaimuthu e il team, questo processo di produzione chimica è spesso complicato e costoso e può avere una serie di effetti tossici avversi. Quindi, i ricercatori volevano esplorare un’alternativa di produzione non tossica a base vegetale.

Per fare ciò, hanno mescolato l’estratto di foglie di tè con solfato di cadmio e solfuro di sodio. Dopo aver lasciato le sostanze da incubare, sono stati formati punti quantici.

Quindi, hanno applicato i punti quantici alle cellule tumorali. Essi hanno scoperto che le proprietà anti-cancro delle nanoparticelle erano paragonabili a quelle del ampiamente utilizzato la chemioterapia di droga cisplatino .

Infatti, lo studio ha rivelato che i punti quantici si sono infiltrati nei nanopori delle cellule tumorali, distruggendone fino all’80 percento.

Pitchaimuthu commenta i risultati, dicendo: “La nostra ricerca ha confermato la precedente evidenza che l’estratto di foglie di tè può essere un’alternativa non tossica alla produzione di punti quantici usando prodotti chimici”.

La vera sorpresa, tuttavia, è stata che i punti inibivano attivamente la crescita delle cellule del cancro del polmone e non ci aspettavamo che […] i punti quantici siano quindi una strada molto promettente da esplorare per lo sviluppo di nuovi trattamenti contro il cancro”.

Sudhagar Pitchaimuthu

Ha anche condiviso alcuni dei suoi obiettivi per la ricerca futura, dicendo: “Sulla base di questa entusiasmante scoperta, il passo successivo è quello di aumentare le nostre operazioni, si spera con l’aiuto di altri collaboratori”.

“Vogliamo indagare”, continua, “il ruolo dell’estratto di foglie di tè nell’imaging delle cellule tumorali e l’interfaccia tra i punti quantici e la cellula cancerogena”.

In definitiva, i ricercatori vorrebbero “creare una ‘fabbrica di punti quantici”, che consentirà loro di esplorare a fondo la gamma di potenziali applicazioni di punti quantici.

Come puoi aumentare i tuoi livelli di energia?

Ti senti spesso stanco e vorresti essere più energico e in grado di sfruttare meglio il tuo tempo? Continua a leggere per Medical News Today i migliori consigli su come sentirsi più svegli.
donna stanca

Cosa puoi fare per sentirti più eccitato durante il giorno?

Chi di noi non ha vissuto periodi di stanchezza o mancanza di energia, spesso nei momenti peggiori, quando vogliamo solo fare le cose?

Come qualcuno che lavora in ufficio ma ha molti progetti collaterali che vuole perseguire al di fuori dell’orario di lavoro, io per primo tendo a lottare con bassi livelli di energia e la frustrazione che deriva dal non riuscire a ottenere tutto ciò che mi piacerebbe in un giorno.

Le ragioni per le quali potresti sentirti stanco e impoverito di energia possono variare da semplici, come la mancanza di sonno o lo stress sul lavoro, a cose molto più complesse, come vivere con una condizione cronica o seguire un trattamento per una malattia cronica.

Mentre affrontare l’affaticamento causato da una condizione cronica può essere più difficile, la formazione di alcune buone abitudini di vita può aiutarti a massimizzare i tuoi livelli energetici giorno per giorno. Continua a leggere per i nostri consigli su come sentirsi più sveglio e vigile.

1. Presta attenzione alla dieta

Una delle nostre principali fonti di energia è, ovviamente, il cibo che mangiamo. Quindi, se vogliamo mantenere alto il livello di energia, dobbiamo mangiare sano e cercare di integrare gli alimenti più nutrienti nelle nostre diete. Misuriamo l’energia che possiamo ricavare dagli alimenti in calorie .

Se non consumiamo abbastanza calorie, i nostri corpi potrebbero sentirsi stanchi, poiché non hanno abbastanza “carburante” per continuare. Allo stesso tempo, tuttavia, se riceviamo troppe calorie, c’è un sovraccarico di sistema e potremmo finire per sentirci lenti.

Quindi, per sentirsi freschi e pronti all’azione, dobbiamo imparare a mantenere un equilibrio in termini di apporto calorico.

Le linee guida ufficiali dell’Ufficio di prevenzione delle malattie e promozione della salute per il 2015-2020 suggeriscono che le donne dovrebbero avere un apporto calorico di 1.600-2.400 al giorno e uomini di 2.000-3.000 al giorno. La quantità esatta varia a seconda dell’età, del peso corporeo e dell’altezza.

Ma l’energia non è solo la quantità di calorie; riguarda anche la loro qualità. Alcuni alimenti forniscono un calcio energetico ma hanno poco o nessun valore nutrizionale. Ciò significa che non supporteranno una riserva energetica salutare e potrebbero arrecare danno a lungo termine.

Tali alimenti sono una fonte di cosiddette calorie vuote e in genere includono prodotti trasformati e ultra-elaborati, come caramelle, patatine e soda.

Alimenti energetici

Ma quali sono alcuni alimenti specifici che potresti voler aggiungere alla tua dieta in un momento in cui ti senti stanco e hai bisogno urgente di un apporto energetico?

insalata di frutta farmajet

Per ottenere più energia durante il giorno, potresti voler integrare più cereali integrali, noci, frutta e verdure a foglia verde nella tua dieta.

Mentre un rapporto sulla salute dedicato messo insieme dalla Harvard Medical School spiega che c’è poca ricerca su come cibi specifici possono alterare i livelli di energia di una persona, ammette anche che alcuni cibi potrebbero essere più utili per aumentare la resistenza rispetto ad altri.

Pertanto, gli specialisti di Harvard consigliano diandare per alimenti “con un basso indice glicemico” – cioè, il cui contenuto di zucchero è scomposto dai nostri corpi a un ritmo lento.

Ciò significa che l’energia derivata da questi alimenti viene rilasciata gradualmente, contribuendo a farci stare all’erta più a lungo.

Tali alimenti includono cereali integrali, noci e alcuni frutti – in particolare uva, mele, arance, pesche, pere e pompelmi – e verdure e legumi con un alto contenuto di fibre, tra cui piselli, fagioli e verdure a foglia verde.

La ricerca ha anche dimostrato che le banane possono essere una grande fonte di energia. Ad esempio, uno studio pubblicato su PLOS One ha dimostrato che mangiare banane può sostenere meglio l’energia e favorire il recupero metabolico nel caso dei ciclisti rispetto alle bevande sportive, che presumibilmente contengono un “mix” di energia ideale.

Inoltre, se non ti senti al meglio, è importante assicurarsi di rimanere idratato. L’affaticamento può essere un sintomo di disidratazione , quindi assicurarti di bere abbastanza acqua durante il giorno potrebbe aiutare ad alleviare la sensazione di stanchezza.

Caffè o no caffè?

Per molti di noi, il caffè è la soluzione ideale quando non ci sentiamo svegli come vorremmo. Ma questo è davvero ciò di cui abbiamo bisogno per farci sentire più energici? (Mentre scrivo, mi godo l’ultimo sorso del mio terzo caffè della giornata, quindi spero vivamente che la risposta a questa domanda sia “sì”.)

Gli autori del rapporto della Harvard Medical School spiegano che la caffeina – che naturalmente si trova nel caffè, nel tè e nel cacao – può aiutare a migliorare la concentrazione e rendere il nostro cervello più attento e ricettivo.

La caffeina aumenta anche il polso , che può prestarti più forza fisica per un po ‘.

Ma, gli autori avvertono, questi effetti potrebbero non essere visti in bevitori abituali (come me), i cui corpi potrebbero aver sviluppato tolleranza a questa sostanza.

Avvertono anche che le persone che non pensano di ricevere abbastanza energia dalla loro dose giornaliera di caffè possono gradualmente aumentare l’assunzione e diventare dipendenti dalla caffeina, il che influenzerà la salute generale senza apportare alcun beneficio.

Tuttavia, per le persone a cui una tazza di caffè è solo una soluzione occasionale alla lentezza o al crollo pomeridiano, la ricerca ha determinato in quale momento della giornata il caffè dovrebbe essere bevuto per l’effetto migliore.

La risposta? Dovresti prendere una tazza di caffè alle 10:30 del mattino – o almeno tra le 9:30 e le 11:30 – quando i tuoi livelli di cortisolo, l’ormone che aiuta a regolare il metabolismo, sono al massimo.

Questo potrebbe massimizzare l’effetto che la caffeina ha sul tuo corpo, suggerisce lo studio.

2. Fai un po ‘di esercizio leggero

A volte, nel bel mezzo della giornata lavorativa, comincio a sentirmi pigro e il mio cervello può “spegnersi”.

uomo che corre farmajet

Quando ti senti pigro, cerca di alzarti e allenarti.

In quei momenti, trovo utile alzarmi dalla sedia, allungare un po ‘, girare per l’ufficio, e poi continuare a lavorare al tavolo in piedi.

Un piccolo movimento aiuta a rivitalizzare me, e non c’è da meravigliarsi.

Come gli specialisti della Harvard Medical School spiegano nel loro rapporto dedicato, anche se l’esercizio fisico potrebbe non essere la prima cosa che vorresti fare quando ti senti impoverito di energia, stimola il tuo corpo e la tua mente in alcuni modi vitali.

In primo luogo, scrivono, in qualsiasi forma di esercizio, a livello cellulare, più unità produttrici di energia si formano nei muscoli, in modo che il corpo possa sostenere l’attività.

Esercitare anche “aumenta la capacità di trasportare l’ossigeno del corpo” e aumenta la circolazione, così l’ossigeno raggiungerà e “nutrirà” tutte le parti del corpo prima.

Inoltre, stimola il rilascio di ormoni dello stress – con moderazione – che ti fanno sentire più energico e vigile.

“Ma che tipo di esercizio dovresti fare?” Chiedete agli autori del rapporto , che poi spiegheranno che, in breve, qualsiasi cosa succederà – basta che vi impegniate in qualche tipo di attività fisica.

Non devi perdere molto tempo a preoccuparti di questo: quando si tratta di esercizio ed energia, è difficile sbagliare – e non devi correre per miglia o allenarti fino all’esaurimento per iniziare trarre benefici. “

Un recente studio che coinvolge centinaia di partecipanti per un periodo di 15 anni conferma che fare solo mezz’ora di allenamento aerobico leggero ogni giorno ti aiuterà a rimanere in buona salute e porterà profitti a lungo termine.

3. Metti da parte il tempo per lo yoga, la meditazione

Praticare yoga e meditazione potrebbe anche aiutare ad aumentare i livelli di energia. Questo perché queste pratiche si concentrano su tecniche – come la respirazione consapevole – che mirano a promuovere uno stato di calma.

donna che fa yoga farmajet

Lo yoga e la meditazione possono anche aiutarti a respingere lo stress e la stanchezza.

Quindi, se la stanchezza è dovuta – almeno in parte – a un aumento dello stress, assumere lo yoga o la meditazione come un approccio di “cura personale” di routine può aiutarti a diventare più resistente agli stress.

Uno studio dello scorso anno ha rilevato che le persone che praticano la meditazione e lo yoga spesso sembravano avere un sistema immunitario migliore e avere sviluppato capacità di recupero di fronte a stress e ansia .

Un altro studio ha visto che impegnarsi in soli 25 minuti di yoga o meditazione – rispetto ai 25 minuti di lettura tranquilla – potrebbe aumentare l’umore delle persone, così come i loro livelli di energia e la loro funzione esecutiva.

Una revisione di studi che studiano i benefici per la salute dello yoga ha anche concluso che questa pratica può migliorare la capacità di recupero dello stress nelle persone che lavorano in settori ad alta intensità, come pure ridurre l’ansia e migliorare i sintomi della depressione .

4. Impara a delegare compiti

Questo potrebbe non sembrare un’opzione disponibile per molti di noi che hanno assunto cappelli troppo numerosi – forse come partner, genitori o persone di carriera dedicate.

planner farmajet

Prova a delegare alcune delle tue faccende per ottenere un migliore equilibrio.

Potremmo sentirci soffocati dalle nostre responsabilità – dalle piccole faccende quotidiane, come fare i piatti, al meno banale, come un progetto di lavoro vitale con molte ramificazioni.

Tuttavia, se non troviamo una strategia decente per ridistribuire alcune di queste responsabilità, almeno di tanto in tanto, può portare a un esaurimento e ad un costante senso di affaticamento nella nostra vita quotidiana, che non è affatto favorevole alla produttività e alla felicità.

La ricerca ha dimostrato che le persone che investono in servizi che consentono loro di smettere di preoccuparsi di alcune faccende domestiche che non amano, in modo che non debbano affrontare il sovraccarico fisico e mentale, hanno un maggiore senso di benessere generale .

“La nostra ricerca suggerisce”, spiega Elizabeth Dunn, professore nel Dipartimento di Psicologia dell’Università della British Columbia a Vancouver, in Canada, “la gente dovrebbe […] prendere in considerazione l’acquisto di esperienze spiacevoli”.

5. Non sottovalutare il sonno

Infine, è fondamentale assicurarsi di avere abbastanza sonno di buona qualità durante la notte per prevenire l’affaticamento o riprendersi dall’azione di un’attività stancante o stressante durante il giorno.

donna che dorme farmajet

Ottenere abbastanza sonno dovrebbe essere una priorità assoluta.

Sebbene questo possa essere il consiglio più ovvio, molti di noi spesso sottovalutano l’impatto che il tempo di sonno abbreviato o il sonno interrotto possono avere sui nostri livelli di energia, salute e benessere, in generale.

La ricerca ha associato il sonno interrotto con la neurodegenerazione , i problemi di salute mentale e una maggiore predisposizione alle preoccupazioni .

Quanto sonno abbiamo bisogno dipende in gran parte dalla nostra età e da altri fattori. Tuttavia, in media, gli adulti dovrebbero dormire per circa 7-9 ore a notte per sentirsi riposati.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) suggeriscono che, per ottenere una buona notte di sonno, dovremmo formare una routine salutare . Questo include andare a letto all’incirca alla stessa ora ogni notte e alzarsi all’incirca alla stessa ora ogni mattina. E sì, questo significa nessun finto weekend!

Inoltre consigliano di evitare l’esposizione a schermi luminosi – come quelli di smartphone, laptop o tablet – appena prima di andare a letto, poiché questo interferisce con l’orologio biologico naturale, portando a uno stato di vigilanza che ti terrà sveglio anche se sei stanco e piacerebbe dormire

In breve, la chiave di lettura di questo Spotlight è che se ti manca l’energia che pensi di dover avere, assicurati di familiarizzare con i tuoi bisogni e di dare loro la priorità.

La caffeina potrebbe aiutarti a sentirti più attento a breve termine, ma non ci sono scorciatoie per mantenere le tue risorse energetiche ben rifornite. Quindi, è meglio creare abitudini salutari che ti aiutino a far fronte allo stress e ad evitare l’esaurimento di energia.

Che cos’è il cancro alla prostata ?

Il cancro alla prostata colpisce la ghiandola prostatica, la ghiandola che produce parte del liquido nello sperma e svolge un ruolo nel controllo dell’urina negli uomini.

La ghiandola prostatica si trova sotto la vescica e di fronte al retto.

Negli Stati Uniti (USA), è il tumore più comune negli uomini, ma è anche curabile se trovato nelle fasi iniziali.

Nel 2017, l’American Cancer Society prevede che ci saranno circa 161.360 nuove diagnosi di cancro alla prostata, e che a causa di esso si verificheranno circa 26.730 decessi.

Test regolari sono cruciali in quanto il cancro deve essere diagnosticato prima delle metastasi.

Fatti veloci sul cancro alla prostata:Ecco alcuni punti chiave sul cancro alla prostata. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

    • La ghiandola prostatica fa parte del sistema riproduttivo maschile.
    • Il cancro alla prostata è il tumore più comune negli uomini.
    • È curabile se diagnosticato precocemente, prima che si diffonda.
    • Se compaiono i sintomi, includono problemi con la minzione.
    • Screening regolare È il modo migliore per rilevarlo in tempo utile.

Sintomi

cancro alla prostata

Il cancro alla prostata è il tumore più comune che colpisce gli uomini.

Di solito non ci sono sintomi durante le prime fasi del cancro alla prostata. Tuttavia, se compaiono i sintomi, in genere implicano uno o più dei seguenti:

  • frequenti sollecitazioni a urinare, anche di notte
  • difficoltà a iniziare e mantenere la minzione
  • sangue nelle urine
  • minzione dolorosa e, meno comunemente, eiaculazione
  • la difficoltà nel raggiungere o mantenere l’erezione può essere difficile

Il carcinoma prostatico avanzato può comportare i seguenti sintomi:

  • dolore osseo, spesso nella colonna vertebrale, femore, bacino o costole
  • fratture ossee

Se il cancro si diffonde alla colonna vertebrale e comprime il midollo spinale, ci possono essere:

  • debolezza delle gambe
  • incontinenza urinaria
  • incontinenza fecale

Trattamento

Il trattamento è diverso per i tumori della prostata precoce e avanzato.

Cancro alla prostata in fase iniziale

Se il tumore è piccolo e localizzato, di solito è gestito da uno dei seguenti trattamenti:

Attesa o monitoraggio vigile : i livelli ematici di PSA vengono controllati regolarmente, ma non vi è alcuna azione immediata. Il rischio di effetti collaterali a volte supera la necessità di un trattamento immediato per questo tumore a sviluppo lento.

Prostatectomia radicale : la prostata viene rimossa chirurgicamente. La chirurgia tradizionale richiede una degenza ospedaliera fino a 10 giorni, con un tempo di recupero fino a 3 mesi. La chirurgia robotica del buco della serratura comporta un periodo di ospedalizzazione e di recupero più breve, ma può essere più costosa. I pazienti dovrebbero parlare con il loro assicuratore della copertura.

Brachiterapia : i semi radioattivi vengono impiantati nella prostata per fornire un trattamento mirato alle radiazioni.

Radioterapia conforme : i raggi delle radiazioni sono modellati in modo che la regione in cui si sovrappongono sia la più vicina alla stessa forma dell’organo o della regione che richiede un trattamento. Questo riduce al minimo l’esposizione dei tessuti sani alle radiazioni.

Radioterapia ad intensità modulata : vengono utilizzati fasci con intensità variabile. Questa è una forma avanzata di radioterapia conformazionale .

Nelle fasi iniziali, i pazienti possono ricevere radioterapia associata a terapia ormonale per 4-6 mesi.

Le raccomandazioni terapeutiche dipendono dai singoli casi. Il paziente deve discutere tutte le opzioni disponibili con il proprio urologo o oncologo.

Carcinoma prostatico avanzato

Il cancro avanzato è più aggressivo e si è diffuso ulteriormente in tutto il corpo.

La chemioterapia può essere raccomandata, in quanto può uccidere le cellule tumorali in tutto il corpo.

La terapia di deprivazione androgenica (ADT) , o terapia per la soppressione degli androgeni, è un trattamento ormonale che riduce l’effetto dell’androgeno. Gli androgeni sono ormoni maschili che possono stimolare la crescita del cancro. L’ADT può rallentare e persino arrestare la crescita del cancro riducendo i livelli di androgeni.

Probabilmente il paziente avrà bisogno di una terapia ormonale a lungo termine .

Anche se la terapia ormonale smette di funzionare dopo un po ‘, potrebbero esserci altre opzioni. La partecipazione a studi clinici è un’opzione che un paziente potrebbe voler discutere con il medico.

La prostatectomia radicale non è attualmente un’opzione per i casi avanzati, in quanto non tratta il cancro che si è diffuso ad altre parti del corpo.

Fertilità

Poiché la prostata è direttamente coinvolta nella riproduzione sessuale, la sua rimozione influisce sulla produzione e sulla fertilità dello sperma.

La radioterapia colpisce il tessuto prostatico e spesso riduce la capacità di generare figli. Lo sperma può essere danneggiato e lo sperma insufficiente per il trasporto di sperma.

Anche le opzioni non chirurgiche possono inibire gravemente la capacità riproduttiva dell’uomo.

Le opzioni per preservare queste funzioni possono includere la donazione a una banca dello sperma prima dell’intervento chirurgico o lo sperma estratto direttamente dai testicoli per l’inseminazione artificiale in un uovo. Tuttavia, il successo di queste opzioni non è mai garantito.

I pazienti con cancro alla prostata possono parlare con un medico della fertilità se intendono ancora generare figli.

Che cosa causa il cancro alla prostata?

La prostata è una ghiandola esocrina delle dimensioni di una noce. Ciò significa che i suoi fluidi e secrezioni sono destinati all’uso al di fuori del corpo.

La prostata produce il fluido che nutre e trasporta gli spermatozoi nel loro viaggio per fondersi con un ovulo femmina, o uovo, e produrre vita umana. La prostata contrae e costringe questi fluidi fuori durante l’orgasmo.

La proteina escreta dalla prostata, l’antigene prostatico specifico (PSA), aiuta lo sperma a mantenere il suo stato liquido. Un eccesso di questa proteina nel sangue è uno dei primi segni di cancro alla prostata.

L’uretra è il tubo attraverso il quale lo sperma e l’urina escono dal corpo. Passa anche attraverso la prostata.

Come tale, la prostata è anche responsabile del controllo dell’urina. Può stringere e limitare il flusso di urina attraverso l’uretra usando migliaia di minuscole fibre muscolari.

Come inizia?

Di solito inizia nelle cellule ghiandolari. Questo è noto come adenocarcinoma. Piccoli cambiamenti si verificano nella forma e nella dimensione delle cellule della ghiandola prostatica, nota come neoplasia intraepiteliale prostatica (PIN). Questo tende ad accadere lentamente e non mostra sintomi fino a quando non si avanza ulteriormente.

Quasi il 50 percento degli uomini di età superiore ai 50 anni ha il PIN. Il PIN di alta qualità è considerato precanceroso e richiede ulteriori indagini. Il PIN di basso livello non è motivo di preoccupazione.

Il cancro alla prostata può essere curato con successo se diagnosticato prima della metastasi, ma se si diffonde è più pericoloso. E ‘ più comunemente si diffonde alle ossa.

fasi

La stadiazione prende in considerazione la dimensione e l’estensione del tumore e la scala delle metastasi (se ha viaggiato verso altri organi e tessuti).

Allo stadio 0, il tumore non si è diffuso dalla ghiandola prostatica né è penetrato profondamente in esso. Allo stadio 4, il tumore si è diffuso a siti e organi lontani.

Diagnosi

Un medico effettuerà un esame fisico e informerà su qualsiasi anamnesi medica in corso. Se il paziente ha sintomi, o se un esame del sangue di routine mostra livelli di PSA eccessivamente elevati, possono essere richiesti ulteriori esami .

scansione prostata farmajet

Le scansioni di immagini possono mostrare e monitorare la presenza di cancro alla prostata.

I test possono includere:

  • un esame rettale digitale (DRE), in cui un medico verificherà manualmente eventuali anomalie della prostata con il dito
  • un test di biomarker che controlla il sangue, l’urina oi tessuti del corpo di una persona con cancro per sostanze chimiche uniche per individui con cancro

Se questi test mostrano risultati anormali, ulteriori test includeranno:

  • un test PCA3 che esamina l’urina per il gene PCA3 trovato solo nelle cellule tumorali della prostata
  • una scansione ecografica transrettale che fornisce l’imaging della regione interessata utilizzando una sonda che emette suoni
  • una biopsia o la rimozione di 12-14 pezzi di tessuto da diverse aree della prostata per l’esame al microscopio

Questi aiuteranno a confermare lo stadio del cancro, se si è diffuso e quale trattamento è appropriato.

Per tracciare qualsiasi diffusione, o metastasi, i medici possono utilizzare un esame osseo, TC o MRI .

prospettiva

Se la malattia viene trovata prima che si diffonda ad altri organi in un processo noto come metastasi, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è del 99% . Dopo quindici anni, questo diminuisce al 96 percento. Una volta che il cancro si metastatizza o si diffonde, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è del 29%.

Lo screening regolare può aiutare a rilevare il cancro alla prostata mentre è ancora curabile.

Fattori di rischio

La causa esatta del cancro alla prostata non è chiara, ma ci sono molti possibili fattori di rischio.

Età

Il cancro alla prostata è raro tra gli uomini di età inferiore ai 45 anni, ma più comune dopo i 50 anni.

Geografia

Il cancro alla prostata si verifica più frequentemente in Nord America, Europa nord-occidentale, nelle isole dei Caraibi e in Australia. Le ragioni rimangono poco chiare.

Fattori genetici

Alcuni gruppi genetici ed etnici hanno un aumentato rischio di cancro alla prostata.

Negli Stati Uniti, il cancro alla prostata è almeno il 60 percento più comune e da 2 a 3 volte più mortale tra i neri rispetto agli uomini bianchi non ispanici.

Un uomo ha anche un rischio molto più elevato di sviluppare il cancro se il suo gemello identico ce l’ha, e un uomo il cui fratello o padre aveva il cancro alla prostata ha il doppio del rischio di svilupparlo rispetto agli altri uomini. Avere un fratello che ha o ha avuto un cancro alla prostata è più un rischio genetico che avere un padre con la malattia.

Dieta

Gli studi hanno suggerito che una dieta ricca di carne rossa o latticini ad alto contenuto di grassi può aumentare le probabilità di sviluppare un cancro alla prostata, ma il legame non è né confermato né chiaro.

medicazione

Alcune ricerche hanno suggerito che l’uso di farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) può ridurre il rischio di cancro alla prostata. Altri hanno collegato l’uso di FANS con un rischio più elevato di morte per malattia. Questa è un’area controversa e i risultati non sono stati confermati.

Ci sono anche state delle ricerche per capire se le statine potrebbero rallentare la progressione del cancro alla prostata. Uno studio del 2016 ha concluso che i risultati erano “deboli e incoerenti”.

Obesità

Si ritiene spesso che l’ obesità sia legata allo sviluppo del cancro alla prostata, ma l’American Cancer Society sostiene che non esiste un legame chiaro.

Alcuni studi hanno scoperto che l’obesità aumenta il rischio di morte nei tumori avanzati. Gli studi hanno anche concluso che l’obesità diminuisce il rischio che un cancro sia di basso grado se si verifica.

Agente Orange

L’esposizione a Agent Orange, un’arma chimica utilizzata nella guerra del Vietnam, potrebbe essere collegata allo sviluppo di tipi di cancro più aggressivi, ma la portata di questo non è stata confermata.

PROSTADIN Farmajet per la prostatite acuta

L’Ingrossamento della Prostata può causare insufficienza renale?

Circa la metà di tutti gli uomini con sintomi dell’esperienza BPH. La condizione può causare gravi complicazioni, inclusa l’insufficienza renale.

L’iperplasia prostatica benigna (IPB) colpisce oltre il 50% dei maschi di età superiore ai 60 anni e oltre l’80% di quelli di età superiore agli 80 anni.

Questo articolo risponde a molte domande frequenti relative all’insufficienza renale di BPH.

Cos’è l’IPB?

sistema urinario farmajet

Se l’urina non può passare dal corpo a causa di BPH, può verificarsi insufficienza renale.

BPH si riferisce a una prostata ingrossata che non è causata dal cancro .

La prostata è una ghiandola di dimensioni noce situata tra la vescica e il pene. L’uretra, un tubo che trasporta l’urina dalla vescica al pene, passa attraverso il centro della prostata.

La prostata è responsabile della produzione di un liquido alcalino che protegge lo sperma dopo l’eiaculazione.

Questa ghiandola si raddoppia durante la pubertà e continua a crescere nell’età adulta, ma a un ritmo molto più lento. Se la prostata diventa troppo grande, può premere sull’uretra e interferire con il flusso di urina.

Cos’è l’insufficienza renale?

L’insufficienza renale, comunemente nota come insufficienza renale, si verifica quando i reni non riescono più a rimuovere i rifiuti dal flusso sanguigno.

L’IPB può ostruire il flusso di urina e questo può contribuire all’insufficienza renale.

Altre cause di insufficienza renale includono:

  • diabete
  • condizioni autoimmuni
  • infezioni
  • effetti collaterali di alcuni farmaci
  • alta pressione sanguigna
  • grave disidratazione
  • trauma renale

Ci sono cinque fasi di insufficienza renale. Una persona con insufficienza renale allo stadio terminale richiede una dialisi continua o un trapianto. La dialisi comporta il filtraggio artificiale del sangue per rimuovere i prodotti di scarto.

Come può BPH causare insufficienza renale?

L’uretra, che trasporta l’urina fuori dal corpo, attraversa la prostata. Quando la prostata viene ingrandita a causa dell’IPB, può comprimere l’uretra e interferire con il flusso di urina.

Quando l’urina non può essere trasmessa dal corpo, può verificarsi un’insufficienza renale.

Una prostata ingrossata può causare:

  • difficoltà a urinare
  • un basso flusso di urina
  • un’incapacità di svuotare completamente la vescica
  • un’incapacità di passare qualsiasi urina

Altre condizioni che possono influenzare il flusso di urina includono:

  • calcoli renali
  • coaguli di sangue
  • cancro alla prostata

BPH raramente porta a insufficienza renale. Tuttavia, i casi gravi di BPH possono causare altre complicazioni, come danni alla vescica, infezioni e danni ai reni. È essenziale riportare rapidamente i sintomi urinari a un medico.

Segni e sintomi di BPH

incontinenza farmajet

I sintomi dell’IPB possono includere un’aumentata frequenza urinaria, tensioni durante la minzione e un’incapacità di urinare.

Le persone con BPH tendono a notare cambiamenti nelle loro abitudini urinarie. Spesso si lamentano di svegliarsi più di una volta durante la notte per urinare. Questo sintomo è chiamato nicturia.

Altri sintomi di BPH includono:

  • urgenza urinaria
  • aumento della frequenza urinaria
  • la sensazione che la vescica sia sempre piena, anche dopo aver urinato
  • un debole flusso di urina
  • sforzandosi mentre urina
  • un’incapacità di urinare
  • difficoltà a iniziare a urinare
  • urina dribbling

Alcuni possono presentare segni e sintomi aggiuntivi come:

  • sangue nelle urine
  • un’infezione del tratto urinario
  • una completa incapacità di urinare, che richiede un catetere

I sintomi vanno da lievi a gravi e la gravità dei sintomi potrebbe non essere correlata alle dimensioni della prostata.

I sintomi dell’IPB possono peggiorare nel tempo, ma possono stabilizzarsi o addirittura migliorare.

Segni e sintomi dell’insufficienza renale di BPH

Quando l’IPB è responsabile dell’insufficienza renale, le persone sperimenteranno alcuni dei sintomi urinari sopra descritti.

Possono anche notare alcune delle seguenti indicazioni di insufficienza renale:

  • dolore al petto
  • fatica
  • nausea
  • gonfiore alle caviglie, ai piedi e alle gambe
  • mancanza di respiro
  • ridotta produzione di urina

Negli stadi successivi dell’insufficienza renale, i sintomi possono essere pericolosi per la vita. Loro includono:

  • confusione
  • convulsioni
  • coma

Altre cause

Alcune persone con i segni e i sintomi di BPH possono invece avere una condizione diversa, come ad esempio:

  • un’infezione delle vie urinarie
  • vescica o calcoli renali
  • prostatite, che è l’ infiammazione della prostata
  • restringimento dell’uretra, che è chiamato stenosi uretrale
  • cicatrici nella vescica causate da un intervento chirurgico
  • problemi nervosi nella vescica
  • cancro alla prostata
  • cancro alla vescica

L’unico modo per essere sicuri è vedere un medico per una diagnosi.

Quando vedere un dottore

Quando cambiano le abitudini urinarie, una persona dovrebbe rivolgersi al medico. Un medico può controllare la dimensione della prostata attraverso il retto.

Una persona che non riesce a urinare o che nota il sangue nelle urine deve richiedere cure mediche urgenti.

Le persone con diagnosi di BPH dovrebbero ricevere controlli regolari. Tenere monitorate le dimensioni della prostata e segnalare eventuali nuovi sintomi può ridurre il rischio di complicanze.

Prevenzione

Per prevenire danni renali, le persone con BPH dovrebbero seguire il piano di trattamento sviluppato dal loro medico.

Questo può includere l’assunzione di farmaci e il cambiamento dello stile di vita. Casi gravi di BPH possono essere trattati con interventi mini-invasivi o aperti.

Affrontare tempestivamente i sintomi dell’IPB migliorerà la qualità della vita di una persona e preverrà l’insufficienza renale. È importante controllare regolarmente le dimensioni della prostata e segnalare eventuali nuovi sintomi a un medico.

Opzioni di trattamento

whisky farmajet

I cambiamenti dello stile di vita, come la limitazione dell’alcol, possono aiutare a trattare i sintomi minori.

I farmaci per l’IPB possono rilassare i muscoli o impedire la produzione di ormoni che causano la crescita della prostata.

Se i farmaci non funzionano, un medico può raccomandare di rimuovere una sezione della prostata con un intervento chirurgico o una terapia laser. Il trattamento non è sempre necessario, specialmente quando non ci sono sintomi o quando sono lievi.

I sintomi minori possono essere trattati con cambiamenti dello stile di vita, tra cui l’allenamento della vescica, l’esercizio e la limitazione dell’assunzione di caffeina e alcol.

La scelta del trattamento dipenderà dalla salute, dai sintomi e dalla dimensione della prostata di una persona.

Quando una persona ha insufficienza renale, sono necessari altri trattamenti per gestire le complicanze, come l’ipertensione e la ritenzione di liquidi . Un individuo con insufficienza renale allo stadio terminale richiederà un trapianto di rene o dialisi.

prospettiva

La maggior parte delle persone con BPH non svilupperà insufficienza renale, specialmente se riportano prontamente i sintomi.

I sintomi dell’IPB di solito migliorano con il trattamento. Una persona può aver bisogno di assumere farmaci in continuazione o ricevere trattamenti ripetuti per evitare che i sintomi ritornino o peggiorino.

Per le persone con insufficienza renale, il trattamento si concentra sul rallentamento dei danni ai reni. Nelle fasi finali della malattia, una persona avrà bisogno di dialisi regolare o di un trapianto di rene.

farmajet consiglia l’utilizzo del prostadin 

Aglio puro biodisponibile che cos’e’ e a cosa serve.

E’ un integratore alimentare a base di aglio utile per regolare la funzionalità dell’apparato cardiovascolare, di supporto al metabolismo dei trigliceridi e del colesterolo. E’ inoltre utile per le fluidità delle secrezioni bronchiali, per il benessere di naso e gola per la funzione digestiva.

I monoconcentrati racchiudono e conservano tutte le sostanze funzionali presenti nella pianta da cui si ricavano, rendendole disponibili in una forma dall’uso semplice e pratico.

I nostri prodotti non contengono coloranti, conservanti, aromi artificiali, OGM, glutine, lattosio, allergeni. Sono di origine vegetale e adatti a vegetariani. Sono prodotti in laboratori certificati; gli estratti sono naturali e titolati, la concentrazione del principio attivo è garantito da analisi.

Senza glutine, senza lattosio, vegan approved, vegetarian V-Caps.

Proprietà aglio:

I composti caratteristici del bulbo d’Aglio sono rappresentati da una complessa serie di sostanze solforate. Nel bulbo integro i composti solforati sono rappresentati principalmente dall’alliina (85%) e, in misura minore, dalla isoalliina (5%) e dalla metiina (10%), completamente inodori. Quando il tessuto vegetale del bulbo viene spezzettato, contuso o altrimenti processato, dai succhi vacuolari viene rilasciato l’enzima alliinasi (alliina liasi) che rapidamente trasforma i tre composti nei rispettivi acidi sulfenici, responsabili del caratteristico odore dell’Aglio.

Le attività biologiche ed i più noti impieghi clinici descritti per l’Allium sativum sono:

– Attività ipolipemizzante ed antiaterogena. I benefici dell’Allium sativum nella riduzione del rischio cardiovascolare sono stati oggetto di numerosi studi condotti nel corso degli ultimi vent’anni e riassunti in diverse metanalisi e rassegne bibliografiche, le quali hanno esaminato in maniera critica il potenziale della pianta nei diversi settori terapeutici. In particolare, i dati clinici sull’efficacia ipocolesterolemizzante dell’Allium sativum sembrano essere di entità relativamente modesta; molto più interessanti appaiono invece le evidenze relative all’impiego della droga nella prevenzione della malattia aterosclerotica e delle sue complicanze. È noto da tempo che un supplemento dietetico di Aglio riduce l’iperlipemia e rallenta lo sviluppo delle placche aterosclerotiche indotte sperimentalmente nell’animale con una dieta aterogena.

L’Aglio, soprattutto in seguito ad un uso protratto e continuativo, sembra essere un efficace supporto nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, anche alla luce di una presunta correlazione fra l’uso abbondante di Aglio nella dieta mediterranea e la ridotta incidenza di ipercolesterolemia e cardiopatia ischemica osservata nei Paesi del Sud-Europa. Proprio allo scopo di verificare se l’Aglio normalmente impiegato nei cibi mantiene gli effetti medicinali riscontrati per la droga, uno studio ha indagato l’effetto sul metabolismo lipidico di quattro estratti di Aglio (droga in polvere, Aglio bollito per 20 minuti, estratto acquoso ed estratto acquoso di Aglio bollito).

L’effetto ipolipemizzante dell’estratto totale di Aglio e quello di allicina, ajoene, metilajoene e vinilditiine presi isolatamente non differiscono in modo significativo, e ciò sta a significare che il miglior effetto sul quadro lipidico si ha somministrando l’estratto totale della droga titolato in allicina o in alliina.

– Attività antiipertensiva. L’Aglio è utilizzato anche per la sua attività antiipertensiva. L’attività è stata per anni riferita ad un effetto vasodilatatore periferico che certamente può contribuire alla riduzione della pressione arteriosa sistolica e diastolica: l’azione vasodilatatrice è mediata da una inibizione dell’adenosina deaminasi a livello dell’endotelio vascolare con un potenziamento dell’effetto miorilassante della stessa adenosina endogena. Recentemente, però, è stato dimostrato che l’Aglio ha anche attività diuretica e natriuretica nel coniglio e probabilmente questa attività incide sull’azione ipotensiva dell’Aglio più dell’effetto vasodilatatore.

– Attività antiaggregante piastrinica ed antitrombotica. Il fitocomplesso di Aglio e diversi suoi costituenti mostrano di possedere attività antiaggregante piastrinica in vitro ed in vivo. L’Aglio ha anche attività profibrinolitica ed emoreologica. Anche se molti composti presenti nell’Aglio hanno attività antiaggregante piastrinica, l’attenzione dei ricercatori è stata rivolta soprattutto agli ajoeni, composti che inibiscono l’aggregazione piastrinica indotta da diversi agenti e bloccano la liberazione del contenuto dei corpi densi e degli α-granuli piastrinici.

– Diabete. L’estratto di Allium sativum sembrerebbe svolgere un’azione protettiva a livello pancreatico, in particolare sulle beta-cellule. Il trattamento con estratto di Aglio in ratti resi sperimentalmente diabetici con streptozocina, riduceva la glicemia in modo simile a quello ottenibile con la glibenclamide ed aumentava i livelli di insulina. Tale risultato, non osservato in ratti normali, sembra dovuto in parte alla stimolazione della secrezione insulinica dalle cellule beta-pancreatiche e in parte all’attività antilipoperossidante della droga. Ciò suggerisce che gli estratti di Aglio possono costituire un buon fitoterapico da tenere in considerazione per il paziente diabetico come anche per il paziente che presenti i primi segni di una sindrome metabolica.

– Altre attività. Fra le altre attività dell’Aglio, è stato segnalato un effetto antiaritmico nel cane ed una protezione del miocardio nei confronti di ischemie sperimentali. Inoltre, è stata identificata una buona attività dell’Aglio nei confronti dell’Helicobacter pylori, agente corresponsabile in alcune situazioni dell’ulcera gastroduodenale; una attività dell’ajoene su alcuni mcroorganismi Gram-positivi, quali il Bacillus cereus, il Bacillus subtilis, il Mycobacterium smegmatis, Streptomyces griseus, lo Staphylococcus aureus ed il Lactobacillus plantarum, e Gram-negativi, quali l’Escherichia coli, la Klebsiella pneumoniae e lo Xanthomonas maltophilia; una buona efficacia dell’ajoene nelle infezioni micotiche del piede (Tinea pedis), dell’orecchio (otomicosi) e del cavo orale. Ancora, l’Aglio possiede una buona attività antisettica, che può risultare utile in caso di infezioni delle vie respiratorie. È certo che i composti solforati sono da sempre conosciuti come antibatterici, ed anche che la loro struttura tiosulfinata è importante per questa loro azione. Altra interessante attività dell’Allium sativum, per la quale viene impiegato dalla medicina tradizionale, è una buona attività antielmintica, utile nelle infestazioni intestinali da ascaridi ed ossiuri.

Modo d’uso:

Si consiglia di assumere da 2 a 4 capsule al giorno dopo i pasti, con abbondante acqua.

Ingredienti:

Aglio (Allium sativum L.) bulbo estratto secco tit. 1% in allina; involucro: capsula in gelatina vegetale (idrossi-propil-metilcellulosa); agenti di carica: cellulosa; agente antiagglomerante: sali di magnesio degli acidi grassi.

Tenori medi per dose massima giornaliera:

Aglio e.s. 1312 mg, pari ad allina 13,12 mg.

Modalità di conservazione:

Conservare in luogo fresco ed asciutto, al riparo dalla luce. La data di fine validità si riferisce al prodotto correttamente conservato, in confezione integra.

Avvertenze:

Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini di età inferiore a 3 anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano.

L’olio di krill è migliore dell’olio di pesce per omega-3?

Gli integratori di olio di pesce e olio di krill sono due fonti di acidi grassi omega-3 tra cui DHA ed EPA. Mentre l’olio di krill e pesce fornisce benefici per la salute, ci sono differenze nella loro origine, prezzo e benefici.

L’olio di pesce deriva da pesce grasso, come tonno, aringa o sardine. L’olio di krill proviene da un piccolo animale simile a gamberetti chiamato krill.

L’olio di krill ha un caratteristico colore rosso mentre gli integratori di olio di pesce sono in genere gialli o dorati. L’olio di krill è solitamente più costoso dell’olio di pesce.

Mentre ogni tipo di supplemento contiene acidi grassi omega-3, ci sono vari rischi e benefici nel prendere ogni tipo di supplemento. Continua a leggere per saperne di più.

Benefici dell’olio di krill e dell’olio di pesce

olio di krill farmajet

Gli acidi grassi omega-3 sono presenti nell’olio di krill e nell’olio di pesce.

Sia l’olio di krill che l’olio di pesce contengono acidi grassi omega-3. Alcuni degli acidi grassi omega-3 più popolari e benefici sono l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA).

Quando vengono consumati nel pesce, questi acidi grassi hanno dimostrato di aumentare la salute generale del cuore di una persona e ridurre i rischi di infarto e malattia coronarica . Tuttavia, mentre la ricerca ha dimostrato che mangiare pesce intero può avere benefici di protezione del cuore, gli studi scientifici non hanno ancora dimostrato che l’assunzione di integratori di omega-3 offre gli stessi benefici del mangiare pesce.

Tuttavia, il National Institute of Health (NIH) afferma che i benefici specifici dell’assunzione di integratori di omega-3 includono:

  • Ridurre i livelli di trigliceridi alti. Alti livelli di trigliceridi sono associati ad un aumentato rischio di malattie cardiache .
  • Alleviare l’artrite reumatoide. L’evidenza suggerisce che gli integratori di omega-3 possono aiutare ad alleviare i sintomi dell’artrite reumatoide .
  • Alleviare i sintomi dell’occhio secco. Alcuni studi hanno indicato che gli integratori di omega 3 aiutano a migliorare l’idratazione dell’occhio e riducono i sintomi della malattia dell’occhio secco. Tuttavia, altri studi su larga scala hanno scoperto che l’assunzione di integratori di omega-3 non è migliore di un placebo per la secchezza oculare, quindi sono necessarie ulteriori ricerche.

I negozi di droga e i supermercati online vendono sia olio di pesce che integratori di olio di krill .

Cosa dice la ricerca?

Uno studio del 2011 ha confrontato gli effetti del pesce e dell’olio di krill, trovando che hanno portato a livelli simili di EPA e DHA. Tuttavia, la gente ha preso 3 grammi (g) di olio di krill e solo 1,8 g di olio di pesce, il che potrebbe suggerire che una persona ha bisogno di assumere quasi il doppio di olio di krill dell’olio di pesce per ottenere gli stessi benefici.

Tuttavia, la quantità e la concentrazione di omega-3 in krill e olio di pesce variano a seconda del prodotto. Alcuni produttori di olio di krill sostengono che gli omega-3 di krill oil sono meglio assorbiti degli omega-3 di olio di pesce, quindi una concentrazione inferiore funziona altrettanto bene. Tuttavia, non esiste alcuna prova che questa affermazione sia vera.

Secondo gli autori dello studio, il 30-65% degli acidi grassi del krill oil vengono immagazzinati come fosfolipidi, mentre gli acidi grassi negli olii di pesce vengono invece conservati principalmente come trigliceridi. I ricercatori suggeriscono che il corpo può usare più facilmente gli acidi grassi immagazzinati come fosfolipidi. Tuttavia, nonostante questa possibilità, una persona può ancora dover assumere più capsule di olio di krill di olio di pesce per ottenere una quantità equivalente di omega-3.

Un altro studio su piccola scala pubblicato nel 2013 ha rilevato che dopo 4 settimane di assunzione di uno solo degli integratori, l’olio di krill ha portato a livelli più alti di EPA e DHA nel sangue di una persona rispetto all’olio di pesce. Sebbene entrambi integratori aumentati livelli di acidi grassi omega-3 salutari, ma anche un aumento dei livelli di lipoproteina a bassa densità (LDL) colesterolo , che è il colesterolo ‘cattivo’.

Gli studi non sono coerenti, però. Uno studio del 2015 non ha riscontrato differenze nell’olio di krill e nell’olio di pesce nel sangue dopo 4 settimane di assunzione di integratori.

Quindi, mentre alcune ricerche suggeriscono che il corpo potrebbe assorbire meglio l’olio di krill, altri studi non trovano alcuna differenza tra il pesce e l’olio di krill. Sono quindi necessarie ulteriori ricerche.

La ricerca di cui sopra guarda solo gli effetti dell’olio sui livelli ematici, che è solo un indicatore dei loro potenziali benefici. Nessuno studio ha confrontato questi prodotti per vedere se uno funziona meglio dell’altro per gli usi specifici a cui le persone sono interessate, come il bodybuilding o la promozione della salute del cuore.

Rischio di olio di krill e olio di pesce

uomo che odora l'alito farmajet

Non vi è alcun rischio significativo nel prendere integratori di omega-3, ma una persona può sperimentare l’alito cattivo di conseguenza.

Assumere integratori di omega-3 nelle forme di olio di krill e olio di pesce non sembra avere effetti collaterali significativi, ma gli effetti collaterali minori possono includere:

  • alito cattivo
  • diarrea
  • un mal di testa
  • bruciore di stomaco
  • sudore dall’odore sgradevole
  • mal di stomaco

Inoltre, gli integratori di omega 3, come l’olio di krill e l’olio di pesce, hanno il potenziale per interagire negativamente con i farmaci che fluidificano il sangue, come il warfarin (Coumadin). Questo perché gli acidi grassi omega-3 hanno un lieve effetto anticoagulante o fluidificante del sangue. Tuttavia, una persona deve solitamente assumere da 3 a 6 g di olio di pesce al giorno per queste interazioni avverse che si verificano.

Raccomandazioni sul dosaggio

L’ Office of Dietary Supplements (ODS) riporta che non esiste un limite massimo stabilito per l’assunzione di integratori di omega-3. Tuttavia, assumere dosaggi superiori a 900 milligrammi (mg) di EPA e 600 mg di DHA al giorno può ridurre il sistema immunitario di una persona sopprimendo le risposte infiammatorie naturali.

Secondo l’ODS, l’assunzione giornaliera di acidi grassi omega-3 è di circa 1,6 g al giorno per gli uomini e 1,1 g al giorno per le donne.

L’ODS raccomanda inoltre di non superare 2 g di EPA e DHA al giorno da integratori alimentari. Una persona dovrebbe leggere attentamente le etichette supplementari per determinare la quantità di ciascuna sostanza in ciascuna capsula.

Porta via

anziano con artrite al braccio sinistro farmajet

Omega-3 può aiutare a ridurre i sintomi dell’artrite reumatoide.

Secondo l’ ODS , circa il 7,8% degli adulti e l’1,1% dei bambini negli Stati Uniti assumono integratori di acidi grassi omega-3 nelle forme di olio di pesce, olio di krill o alternative senza animali, come l’olio di alghe o l’olio di semi di lino .

L’evidenza è ancora inconcludente sul fatto che l’olio di krill funziona altrettanto bene o meglio dell’olio di pesce. Finora, la maggior parte della ricerca sui benefici degli acidi grassi omega-3 è stata effettuata utilizzando olio di pesce. Non ci sono molte ricerche sull’olio di krill.

L’assunzione di integratori di omega-3 può offrire benefici in termini di riduzione dei livelli di trigliceridi e riduzione dei sintomi di artrite reumatoide. Tuttavia, la prova è inconcludente per quanto riguarda se possono ridurre le malattie cardiache o migliorare la salute cardiovascolare complessiva nella stessa misura di mangiare pesce intero.

Secondo il NIH , mangiare pesce grasso, tra cui tonno e salmone, può offrire una maggiore varietà di nutrienti rispetto agli integratori e ha dimostrato di migliorare la salute del cuore.

A conti fatti, l’assunzione di integratori di olio di krill o di olio di pesce può aiutare ad aumentare i livelli complessivi di acidi grassi omega-3 di una persona, anche se non è chiaro se uno è migliore dell’altro.

Che cosa causa i dossi della lingua?

Gli urti della lingua sono comuni e ci sono molte possibili cause, tra cui lesioni, allergie e infezioni. Anche se i dossi della lingua possono sembrare strani e possono causare preoccupazione, di solito sono innocui.

Alcune persone con la protuberanza sulla lingua possono preoccuparsi del cancro , ma i tumori orali sono relativamente rari. Secondo l’American Cancer Society, nel 2018 circa 50.000 personenegli Stati Uniti saranno diagnosticate con questo tipo di cancro.

Il cancro della lingua è ancora meno comune, ma chiunque sia preoccupato per i loro dossi linguistici dovrebbe parlare con un medico specializzato in salute orale per alleviare la mente.

In questo articolo, esaminiamo le cause e i sintomi dei dossi della lingua. Spieghiamo anche quando vedere un medico, le opzioni di trattamento e le prospettive.

Le cause

lingua con bolle

Le ferite di ulcera possono essere innescate da determinati alimenti.

I dossi della lingua hanno molte possibili cause. La sola presenza di un bernoccolo sulla lingua raramente è sufficiente informazioni su cui basare una diagnosi. Alcune delle cause più comuni di protuberanze della lingua includono:

Lesioni alla lingua

Una lesione alla lingua può far sembrare o sembrare irregolare. Come con altre aree del corpo, la lingua può gonfiarsi in risposta a una ferita.

Le persone che si mordono accidentalmente la lingua a volte notano una protuberanza gonfia per alcuni giorni dopo l’infortunio. Le ustioni da liquidi o cibi caldi sono un’altra causa comune di ferite alla lingua.

Herpes orale

L’herpes è una comune infezione virale, che colpisce circa il 60% degli adulti statunitensi. Alcune persone con herpes orale non hanno mai sintomi. Tuttavia, la maggior parte delle persone sviluppa vesciche doloranti intorno al naso o alla bocca di tanto in tanto.

Alcune persone sviluppano anche vesciche sulla lingua o sulle gengive. Queste bolle possono essere molto dolorose e possono durare una settimana o più.

L’herpes orale è contagioso e può diffondersi attraverso la saliva, il contatto diretto con l’area infetta o il contatto con il rivestimento della bocca e della lingua. Questo può accadere anche se non sono presenti sintomi.

Piaghe di ulcera

Le ferite di ulcera sono tra le cause più comuni di piaghe in bocca. Spesso crescono all’interno delle labbra, ma possono anche apparire sulla lingua. Le piaghe tendono ad essere rosse, bianche o gialle in apparenza e possono sembrare crude e molto dolorose.

Alcune persone notano che certi cibi sembrano scatenare le afte. Tuttavia, la causa delle afte è ancora poco conosciuta.

La maggior parte delle afte vanno via da sole, ma alcune possono diventare molto dolorose e richiedono un viaggio dal medico.

allergie

Intolleranze alimentari e reazioni allergiche possono causare protuberanze sulla lingua o gonfiarsi. Il gonfiore improvviso e immediato dell’intera lingua potrebbe essere un segno di una reazione pericolosa nota come anafilassi .

Una persona dovrebbe cercare assistenza medica immediata se sono:

  • sperimentando gonfiore delle labbra, bocca o lingua
  • sviluppando improvvisi rash o orticaria
  • respiro sibilante o altre difficoltà respiratorie

Cancro

Anche se raro , un bernoccolo sulla lingua potrebbe essere il cancro. Una protuberanza della lingua è più probabile che sia cancerosa se cresce sul lato della lingua, in particolare se è dura e indolore. Vale la pena consultare un medico per qualsiasi nodulo o protuberanza che dura più di una settimana o due.

infezioni

Un’infezione nella bocca o sulla lingua può causare gonfiore e dolore al sito dell’infezione. Se la lingua si gonfia dopo essere stata morsa o in seguito a una lesione significativa, è importante consultare un medico.

Anche una bocca sana è piena di batteri. Qualsiasi lesione può rendere più facile per i batteri entrare nei tessuti della lingua.

Se la protuberanza è molto dolorosa o si presenta con la febbre , è essenziale consultare un medico entro 24 ore poiché potrebbe essere un segno di una grave infezione.

Sifilide

sifilide bocca

Le persone con la sifilide a volte sviluppano irritazioni della lingua come un sintomo precoce della malattia.

La sifilide è un’infezione batterica trattabile ma potenzialmente letale. Le persone possono contrarre l’infezione attraverso il contatto diretto con le afte della sifilide durante il sesso vaginale, anale o orale.

Alcune persone con la sifilide occasionalmente sviluppano piaghe sulla lingua come sintomo precoce della malattia. Questo è più comune se la lingua è il sito di infezione, come nel caso in cui la sifilide si diffonde attraverso il sesso orale.

Tubercolosi

La tubercolosi è una malattia infettiva che di solito colpisce i polmoni. Alcune persone affette da tubercolosi sviluppano lesioni e ferite sul loro corpo. Le piaghe possono essere ovunque, anche sulla lingua.

Le lesioni della lingua dovute alla tubercolosi sono estremamente rare, ma possono essere il primo sintomo del disturbo in una persona appena infetta.

Mughetto orale

Il mughetto orale è un’infezione da lievito in bocca. Il lievito è un tipo di fungo che cresce comunemente in luoghi umidi e scuri. I bambini, in particolare i neonati, spesso sviluppano il mughetto orale.

Altri fattori di rischio per lo sviluppo di mughetto orale comprendono:

  • diabete
  • corticosteroidi, inclusi inalatori di asma
  • condizioni che indeboliscono il sistema immunitario, come l’ HIV , il trapianto di organi, le malattie autoimmuni e il cancro
  • farmaci o condizioni che causano secchezza delle fauci

La maggior parte delle persone con mughetto orale di solito nota macchie bianche ruvide sulla lingua o sulle labbra. C’è spesso rossore e anche una bocca dolorante.

Alcune persone descrivono una sensazione di cotogna in bocca o una sensazione di secchezza. Altri provano crepiti vicino alle labbra, o dolore quando mangiano.

Papillite linguale transitoria (dossi)

papillite linguale

I dossi di bugia sono piccoli dossi localizzati sulla superficie superiore della lingua.

La papillite linguale transitoria, nota anche come bugia, è un’infiammazione temporanea delle papille della lingua. Queste sono le piccole protuberanze che si trovano sulla superficie superiore della lingua.

I dossi possono essere dolorosi e possono causare prurito, estrema sensibilità o sensazione di bruciore sulla lingua. Di solito appaiono all’improvviso. La causa della bugia è poco conosciuta, ma i sintomi tipicamente scompaiono da soli dopo pochi giorni.

Irritazione

Alcuni alimenti, come caramelle acide o cibi molto acidi, possono irritare la lingua, le gengive e le labbra. Ciò può provocare punti duri o sconnessi che durano per alcuni giorni. Se l’area è dolorante e si sente cruda, i recenti cambiamenti nella dieta potrebbero essere responsabili.

Diagnosi e quando vedere un medico

L’unica causa di protuberanze che è un’emergenza medica è l’anafilassi. Le persone che hanno la lingua molto gonfia o che hanno problemi respiratori a fianco delle protuberanze dovrebbero cercare assistenza medica immediata.

A meno che un bernoccolo sulla lingua non provochi un dolore intenso o la persona sia anche febbricitante, di solito è sicuro aspettare alcuni giorni prima di vedere un medico. Se i sintomi persistono più a lungo di una settimana, è meglio parlare con un medico. Un ingrossamento della lingua che non va via potrebbe essere una condizione più grave o potenzialmente un cancro.

Si raccomanda inoltre di consultare un medico per dolori alla lingua che continuano a tornare.

Per diagnosticare i dossi, un medico li ispezionerà e chiederà informazioni sull’anamnesi della persona e eventuali allergie alimentari .

In alcuni casi, un medico può ordinare un esame del sangue per escludere infezioni come la sifilide e la tubercolosi. Se si sospetta un cancro o se la causa dell’urto è sconosciuta, il medico può raccomandare una biopsia o la rimozione del nodulo per la diagnosi.

Trattamento e rimedi casalinghi

Bere molta acqua è un rimedio a casa raccomandato.

Il trattamento dipende dalla causa dell’urto. I farmaci antifungini sono un’opzione di trattamento per il mughetto orale, mentre la maggior parte delle infezioni batteriche richiederà antibiotici .

Alcune condizioni, come i dossi, si risolvono da sole. L’herpes non è curabile, ma i farmaci antivirali possono aiutare a prevenire ulteriori epidemie.

Molte condizioni mediche possono indebolire il sistema immunitario e rendere più probabili i dossi della lingua, quindi il trattamento può includere anche test per altre malattie, come il diabete. Una corretta gestione di queste condizioni può ridurre il rischio di ritorni della lingua.

Indipendentemente dalla causa dei dossi, alcuni rimedi casalinghi possono aiutare. Quelli includono:

  • evitando cibi acidi e piccanti fino alla scomparsa delle protuberanze
  • bere molta acqua
  • Gargarismi con acqua salata tiepida e risciacquo della bicarbonato di sodio su base regolare
  • l’applicazione di rimedi topici, come il trattamento con ulcera per via orale o gel paralizzante orale, per ridurre il dolore
  • evitare i collutori a base di alcol fino a quando i dossi scompaiono

Una buona salute orale può ridurre il rischio di protuberanze e cancro e può aiutare a prevenire i dossi da infetti o dolorosi. Le persone dovrebbero prendersi cura della propria igiene orale:

  • lavarsi i denti due volte al giorno e usare il filo interdentale almeno una volta al giorno
  • vedere il dentista due volte all’anno
  • risciacquare accuratamente la bocca dopo l’uso di inalatori steroidi
  • evitando cibi che irritano le gengive
  • limitando l’uso di snack zuccherini e alimenti che possono causare la carie
  • smettere di fumare ed evitare l’uso di tabacco da masticare o prodotti simili
  • limitando l’alcol
  • trattare eventuali problemi di salute di base, come il diabete

Gli individui fino a 26 anni dovrebbero prendere in considerazione il vaccino per il papillomavirus umano (HPV). L’HPV è il virus legato al cancro orale e genitale.

prospettiva

La maggior parte dei dossi della lingua appaiono senza causa evidente e vanno via da soli. Possono tornare mesi o anni dopo o non si verificano più. In entrambi i casi, i dossi della lingua dovrebbero raramente essere motivo di preoccupazione.

Anche quando i dossi della lingua sono il risultato di una condizione medica più grave, come un’infezione, possono essere un utile segnale di avvertimento precoce che incoraggia un trattamento tempestivo. Vedendo un medico prima o poi, è possibile migliorare le prospettive associate alle condizioni mediche in corso, incluso il cancro.

Porta via

I dossi della lingua possono essere fonte di preoccupazione o imbarazzo. Tuttavia, essi sono un evento comune e sono più probabilmente dovuti a una lesione minore oa una condizione abbastanza innocua.

Le persone con i dossi dovrebbero monitorare i loro sintomi e prendersi cura della bocca e della lingua. Se i sintomi peggiorano o sono molto dolorosi, dovrebbero consultare un medico.