Che cosa causa la sclerosi multipla? Studio di riferimento trova indizio

La sclerosi multipla può causare affaticamento debilitante, problemi alla vista, compromissione dell’equilibrio e della coordinazione e rigidità muscolare. Di solito è disabilitante e le sue cause non sono state ancora chiaramente identificate.
donna su sedia farmajet.jpg

La ricerca svizzera identifica un fattore chiave che consente alle cellule immunitarie di attaccare i neuroni, potenzialmente scatenando la SM.

Nella sclerosi multipla (SM), il nostro sistema immunitario attacca erroneamente la mielina o la guaina che ricopre l’assone.

L’assone è la proiezione che consente alle cellule cerebrali di inviare segnali elettrici contenenti informazioni.

Quando il danno si verifica, varie funzioni – come le funzioni motorie e cognitive e la vista – vengono gradualmente compromesse.

Secondo Atlas , una risorsa MS riunita congiuntamente dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dalla Federazione internazionale SM nel 2008, a livello globale, “la prevalenza mediana stimata della SM è 30 su 100.000” e gli Stati Uniti ne hanno uno della più alta prevalenza di casi di SM.

Ciò che causa esattamente la SM non è ancora chiaro, il che significa che, attualmente, i trattamenti si concentrano sulla gestione dei sintomi della condizione piuttosto che sull’eliminazione dei suoi fattori scatenanti biologici.

Ma la ricerca emergente dell’Università di Ginevra e gli ospedali universitari di Ginevra – entrambi in Svizzera – potrebbero aver appena fatto un passo in avanti per capire cosa spinge lo sviluppo di questa malattia.

“Abbiamo deciso”, spiega il ricercatore senior Doron Merkler, “di analizzare i fattori infettivi [nella SM] studiando le reazioni autoimmuni provocate da diversi agenti patogeni”.

“Questo è stato per cercare di individuare un elemento che potrebbe influenzare lo sviluppo di [MS] dove c’è stata un’infezione”, aggiunge.

risultati del team sono stati pubblicati ieri sulla rivista Immunity .

L’agente patogeno virale innesca l’autoimmunità

Merkler e il team hanno deciso di testare la reazione del sistema immunitario a due diversi patogeni, o batteri che causano malattie – virali e batteriche – per capire cosa potrebbe scatenare una risposta coerente con lo sviluppo della SM.

Per farlo, hanno lavorato con un modello di topo, iniettando ogni tipo di agente patogeno in roditori sani.

Quello che hanno notato è che un certo tipo di globuli bianchi – linfociti T CD8 + – che svolgono un ruolo chiave nella risposta immunitaria del corpo, ha reagito in modo simile sia al patogeno virale sia a quello batterico.

“Abbiamo visto una reazione immunitaria quantitativamente identica dai linfociti chiamata CD8 + T”, afferma il primo autore Nicolas Page.

“Tuttavia,” aggiunge, “solo il topo infetto dal patogeno virale ha sviluppato una malattia infiammatoria del cervello che ricorda [della SM]”.

Questa osservazione ha portato gli scienziati ad esaminare l’espressione genica nelle cellule T CD8 +, per vedere come è stata influenzata dal patogeno virale.

Hanno scoperto che i linfociti che avevano reagito al batterio esprimevano un particolare fattore di legame al DNA, o proteine ​​che aiutano a organizzare il DNA: TOX .

TOX contribuisce allo sviluppo di alcuni linfociti che quindi innalzano una risposta immunitaria in risposta a corpi estranei che sono percepiti come minacciosi.

In questo caso, hanno “scoperto che l’ ambiente infiammatorio influenza l’espressione di TOX nei linfociti T e che potrebbe svolgere un ruolo nell’innescare la SM”.

In che modo TOX conduce alla SM?

Ma come potrebbe il team decidere se l’espressione TOX fosse, in effetti, cruciale nello sviluppo di una malattia autoimmune come la SM? Hanno pensato che un buon modo per dimostrare il suo significato fosse reprimendo il fattore di legame al DNA nelle cellule T CD8 + di topi sani.

Ciò che i ricercatori hanno notato è stato, secondo le parole di Merkler, che “sebbene abbiano ricevuto il patogeno virale, i topi non hanno sviluppato la malattia”.

Normalmente, il nostro cervello è ben attrezzato per respingere le reazioni autoimmuni che potrebbero danneggiare i neuroni e impattare il sistema nervoso centrale .

“I nostri cervelli hanno una capacità rigenerativa limitata, motivo per cui devono proteggersi contro le reazioni immunitarie del corpo, che possono distruggere le sue cellule, volendo combattere il virus, creando danni irreversibili”, spiega Merkler.

“Il cervello quindi crea barriere che bloccano il passaggio dei linfociti T”, aggiunge.

Tuttavia, quando il TOX è attivato nei linfociti T CD8 +, rende le cellule incapaci di ricevere alcuni dei segnali inviati dal cervello per impedire loro di attaccare neuroni sani. Quindi, senza questo “memo”, i linfociti montano una risposta autoimmune che colpisce le cellule cerebrali.

“Questo è un risultato incoraggiante per comprendere le cause della malattia, ma c’è ancora molto lavoro da fare per accertare ciò che realmente causa la sclerosi multipla nell’uomo”, dice Page.

Quindi, il prossimo passo da fare per il team di ricerca sarà quello di ottenere una migliore comprensione del ruolo di TOX e di vedere se potrebbe essere coinvolto nell’innescare altre malattie autoimmuni oltre alla SM, così come alcuni tipi di cancro .

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...