Questo “antiossidante naturale” può proteggere la salute del cuore

La bilirubina è un pigmento e un antiossidante naturale. Spesso, un eccesso di bilirubina è un indicatore sicuro della malattia, ma una ricerca emergente suggerisce che alti livelli di questo composto possano effettivamente aiutare a sostenere la salute cardiovascolare.
BILIRUBINA FARMAJET

I livelli più elevati di bilirubina possono aiutare a migliorare il rischio di eventi cardiovascolari?

Questo pigmento ha una colorazione giallastra, che causa la colorazione gialla della pelle nell’ittero .

È un sottoprodotto naturale della scomposizione dei globuli rossi, che si verifica quando le cellule del sangue invecchiano o diventano difettose.

La bilirubina viene quindi processata dal fegato; una parte viene riassorbita nel flusso sanguigno, mentre il resto viene espulso attraverso l’urina o le feci.

A volte, a causa di vari meccanismi biologici disfunzionali, la bilirubina in eccesso non viene elaborata ed eliminata dal corpo. Quando ciò accade, può portare a ittero; a volte, indica che c’è un problema con il fegato o il pancreas.

Eppure, secondo i ricercatori di una serie di rinomate istituzioni negli Stati Uniti – tra cui l’Atlanta Veteran Affairs Medical Center in Georgia, la Yale University di New Haven, CT, la Vanderbilt University di Nashville, TN e la Boston University nel Massachusetts – livelli ematici di la bilirubina può anche essere usata per determinare il rischio di una persona di problemi cardiovascolari.

Le loro scoperte , ora pubblicate sul Journal of American Heart Association , indicano che le persone con livelli più elevati di bilirubina nel sangue possono essere meglio protette da condizioni ed eventi quali insufficienza cardiaca , infarto o ictus .

Una maggiore bilirubina legata a risultati migliori

Ricerche precedenti suggeriscono che i livelli di bilirubina potrebbero predire il rischio cardiovascolare, ma i ricercatori coinvolti nello studio corrente erano interessati a vedere se la relazione fosse diversa tra individui sieropositivi rispetto a soggetti HIV-negativi.

Erano interessati a questo perché le persone che vivono con l’ HIV sono spesso a più alto rischio di malattie cardiovascolari. Allo stesso tempo, l’ ataznavir della droga dell’HIV è noto per elevare i livelli di bilirubina sierica.

“Abbiamo cercato di determinare se l’aumento dei livelli totali di bilirubina fosse associato a eventi [cardiovascolari] ridotti in [ studio di coorte di età dei veterani ] e per determinare se tali associazioni differivano dallo stato di HIV, dall’uso di atazanavir e dalle patologie epatiche”, spiegano gli autori nel loro studio .

A tal fine, hanno lavorato con 96.381 partecipanti con un’età media di 48 anni. Di questi, 31.418 erano sieropositivi e 66.987 erano sieropositivi. Il 97% di questi erano uomini e il 48% identificati come afro-americani.

“Inizialmente volevamo vedere se la bilirubina e le malattie cardiovascolari avevano un rapporto diverso nelle persone che erano sieropositive rispetto all’HIV negativo”, afferma il primo autore Vincent Marconi, dell’Atlanta Veterans Affairs Medical Center.

Marconi e il team dividono i partecipanti in quattro gruppi, o quartili, in base ai loro livelli di bilirubina sierica. Quelli nella più alta categoria di bilirubina sono stati trovati per avere un più basso rischio di infarto, ictus e insufficienza cardiaca.

In altre parole, maggiore è il livello di bilirubina, minore è il rischio di eventi cardiovascolari e viceversa. Il rischio è diminuito “dell’8% per ciascun aumento del quartile della bilirubina totale”, scrivono gli autori.

Inoltre, le tendenze di rischio erano simili tra la coorte HIV-positiva e quella HIV-negativa, sebbene rimanessero leggermente più alte per la prima.

I ricercatori notano anche che “alti livelli” del composto non significavano “fuori classifica” e che la concentrazione di bilirubina sierica rimaneva sempre entro intervalli sani.

“Non sono stati necessari ampi aumenti della bilirubina per vedere un effetto sulla riduzione del rischio [cardiovascolare]”, spiega Marconi, aggiungendo: “La maggior parte del cambiamento è avvenuta bene all’interno del range fisiologico normale e in particolare dal primo al secondo quartile”.

Lo studio non ha trovato un effetto indipendente di ataznavir sui risultati della salute cardiovascolare, ma i ricercatori osservano che precedenti analisi hanno suggerito che il farmaco potrebbe avere un impatto positivo a questo riguardo.

Nella loro conclusione, Marconi e il team osservano che una migliore comprensione dei meccanismi alla base messi in atto dalla bilirubina può aiutare a migliorare le terapie per gli individui ad alto rischio di eventi cardiovascolari, nonché varie malattie infiammatorie.

“È importante determinare se incorporare i livelli di bilirubina negli attuali modelli di stratificazione del rischio potrebbe migliorare la prognosi delle malattie infiammatorie”.

“Inoltre”, concludono gli autori, “un’ulteriore esplorazione dei meccanismi relativi alle proprietà antiossidanti della bilirubina potrebbe fornire nuove intuizioni sulle strategie terapeutiche”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...