Il Viagra e un vaccino antinfluenzale potrebbero uccidere il cancro?

Dopo l’intervento chirurgico di rimozione del tumore, il trattamento con farmaci per la disfunzione erettile e un vaccino antinfluenzale può aiutare a fermare il ritorno del cancro.
pillole e siringa

Questi farmaci comuni potrebbero aiutare a prevenire il ritorno del cancro.

Questi farmaci, aiutati dal vaccino antinfluenzale, rimuovono un blocco al sistema immunitario che a volte può derivare da un intervento chirurgico al cancro e anche dargli una spinta.

Questa è stata la conclusione che i ricercatori dell’Università di Ottawa in Canada hanno esaminato l’effetto del tadalafil (Cialis), del sildenafil (Viagra) e di una versione inattivata del vaccino antinfluenzale Agriflu in modelli murini di metastasi postoperatorie.

In un articolo ora pubblicato sulla rivista OncoImmunology , riportano come l’insolita combinazione abbia ridotto la diffusione del cancro nei topi di oltre il 90%.

Una sperimentazione clinica per testare gli effetti e la sicurezza del trattamento negli esseri umani è già in corso.

La chirurgia può promuovere le metastasi

“Chirurgia”, dice l’autore senior dello studio Rebecca C. Auer, professore associato nel Dipartimento di Biochimica, Microbiologia e Immunologia, “è molto efficace nella rimozione di tumori solidi”.

Ma, come lei e i suoi colleghi spiegano nel loro studio, “la chirurgia del cancro” può anche bloccare la capacità del sistema immunitario di eliminare eventuali cellule tumorali rimanenti, che possono poi diffondersi per formare nuovi tumori secondari in un processo noto come metastasi.

La metastasi rappresenta la stragrande maggioranza dei decessi per cancro ed è la ragione principale per cui la malattia è così grave.

Il sistema immunitario ha molte cellule che pattugliano il corpo alla ricerca di agenti potenzialmente dannosi da distruggere. Questi agenti non sono solo batteri, virus e altri agenti patogeni, ma anche cellule tumorali.

La chirurgia del cancro può indebolire il sistema immunitario ” alterando la funzione delle cellule natural killer (NK) “, che sono globuli bianchi che svolgono un ruolo chiave nella rimozione delle cellule tumorali metastatiche.

La chirurgia indebolisce le cellule killer naturali

Test su animali e pazienti umani hanno dimostrato che la chirurgia del tumore può indebolire la capacità delle cellule NK di attaccare e uccidere le cellule tumorali fino a 1 mese dopo la procedura.

Il prof. Auer e colleghi hanno scoperto che la chirurgia fa questo in modo indiretto: stimola un altro gruppo di cellule immunitarie chiamate cellule soppressorie derivate mieloidi (MDSC), che a loro volta inibiranno le cellule NK.

Il nuovo studio mostra che i farmaci per la disfunzione erettile rimuovono i freni sulle cellule NK prendendo di mira gli MDSC “chirurgici”, mentre il vaccino antinfluenzale fornisce alle cellule NK un ulteriore impulso.

I ricercatori hanno testato varie combinazioni di farmaci e vaccino in modelli murini di metastasi post-operatorie. Hanno valutato l’efficacia del trattamento contando il numero di metastasi sorte nei polmoni degli animali.

I risultati hanno mostrato che, in media:

  • Senza chirurgia, il cancro si diffuse e diede origine a 37 metastasi.
  • La chirurgia senza farmaci o vaccino ha provocato 129 metastasi.
  • Dare un farmaco per la disfunzione erettile dopo l’intervento ha limitato la diffusione a 24 metastasi.
  • Dare un farmaco per la disfunzione erettile e il vaccino antinfluenzale dopo l’intervento chirurgico si è ridotto a sole 11 metastasi.

Test clinico

La sperimentazione clinica che è già in corso riguarda 24 pazienti che stanno subendo un intervento chirurgico per rimuovere un tumore addominale all’ospedale di Ottawa.

Lo scopo del piccolo studio è valutare la sicurezza del trattamento – che è basato su Cialis e Agriflu – e osservare come influenza il sistema immunitario.

Se il processo avrà successo, la fase successiva sarà studi più ampi che ne valutano i potenziali benefici.

Il prof. Auer afferma che lei e i suoi colleghi sono “molto eccitati” per il loro lavoro perché potrebbe mostrare che “due terapie sicure e relativamente poco costose potrebbero essere in grado di risolvere un grosso problema nel cancro”.

Se confermato negli studi clinici, questo potrebbe diventare la prima terapia per affrontare i problemi immunitari causati dalla chirurgia del cancro.”

Prof. Rebecca C. Auer

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...