Consigli dietetici per il morbo di Crohn

La malattia di Crohn è una condizione infiammatoria che colpisce il tratto gastrointestinale. È una condizione cronica oa lungo termine ed è una forma di malattia infiammatoria intestinale.

La malattia di Crohn colpisce più comunemente il colon e la fine dell’intestino tenue, noto come ileo, ma può colpire qualsiasi parte del tratto gastrointestinale.

Come la malattia di Crohn influenza la dieta e la nutrizione

Una persona con la malattia di Crohn può sperimentare riacutizzazioni e remissioni. Possono non avere sintomi per molto tempo e poi, un giorno, ritornano.

peperoncino farmajetLa malattia di Crohn è difficile da trattare in quanto la gravità dei sintomi varia da persona a persona,

La causa esatta della malattia di Crohn non è chiara, ma esiste un legame tra la dieta di una persona e l’incidenza di riacutizzazioni.

Il sistema intestinale di una persona con malattia di Crohn reagisce al cibo e alle sostanze benefiche come se fossero agenti patogeni indesiderati. Questo porta ad un accumulo di globuli bianchi nel sistema digestivo, con conseguente infiammazione cronica .

Una complicazione della malattia di Crohn è il rischio di un cattivo assorbimento dei nutrienti.

Normalmente, l’intestino tenue assorbe la maggior parte dei nutrienti dal cibo. Se l’intestino tenue tratta il cibo come una minaccia, viene assorbito poco cibo. Una persona con la malattia di Crohn può diventare carente di sostanze nutritive e questo può essere pericoloso se lasciato deselezionato.

Una persona affetta da morbo di Crohn può sottoporsi regolarmente a esami del sangue per assicurarsi che siano adeguatamente nutriti. In caso contrario, possono assumere integratori per assicurarsi di assumere ciò di cui hanno bisogno in termini di nutrienti.

Impatto della dieta

Il cibo che una persona mangia e l’incidenza della malattia di Crohn sono strettamente collegati. Non è che determinati alimenti causino il morbo di Crohn, ma alcuni cibi possono peggiorare i sintomi esistenti o causare l’infiammazione della malattia.

I trigger variano da individuo a individuo, ma gli alimenti che possono causare sintomi includono:

  • Cibi eccessivamente piccanti
  • alcool
  • Bevande caffeinate come caffè , tè e soda
  • Prodotti lattiero-caseari se intolleranti al lattosio
  • Grano, orzo, segale e avena se intolleranti al glutine
  • Cibi fritti
  • Cibi ad alto contenuto di grassi
  • Alimenti ad alto contenuto di zucchero

Consigli dietetici per persone con malattia di Crohn

Una persona con malattia di Crohn dovrebbe tenere traccia del loro intero apporto dietetico tenendo un diario alimentare. Sapere esattamente cosa è stato mangiato durante un episodio di Crohn può aiutare a identificare il cibo o le bevande responsabili.

In una recensione pubblicata su Nutrition in Clinical Practice , i ricercatori delineano le crescenti prove relative alla dieta e alle malattie infiammatorie intestinali come quella di Crohn. La revisione suggerisce che apportare modifiche alla dieta può essere molto utile.

Grasso

burroIl burro è ricco di omega-6. Gli studi suggeriscono che un’elevata assunzione di grassi omega-6 può aumentare il rischio di IBD.

Gli acidi grassi dietetici sono una parte importante di una dieta equilibrata, ma il beneficio dipende dal tipo di grasso. I grassi Omega-3 , ad esempio, possono ridurre l’infiammazione nel corpo, mentre i grassi omega-6 tendono ad aumentarlo.

Uno studio osservazionale suggerisce che un’assunzione elevata di grassi omega-6, come l’acido linoleico, è associata a un più alto rischio di malattia infiammatoria intestinale (IBD).

Alimenti ad alto contenuto di grassi omega-6 come l’acido linoleico includono:

  • Pollame
  • Burro
  • Pane
  • Uova
  • Formaggio
  • carne rossa

Un aumentato apporto di grassi omega-3, come l’acido docosaesaenoico (DHA), ha mostrato un rischio ridotto di IBD. Gli alimenti ad alto contenuto di omega-3 includono:

  • Lino
  • Pesce d’acqua fredda
  • Noccioline
  • semi

Alcuni dicono che un semplice supplemento dietetico di oli di pesce omega-3 può ridurre i focolai. Sfortunatamente, non ci sono prove scientifiche sufficienti a sostegno di questa affermazione, ma è improbabile che una persona che assume integratori di omega-3 peggiori i sintomi. Chi prende integratori dovrebbe ricordarsi di annotarli nel loro diario alimentare.

Fibra

La fibra ha anche un impatto sulla malattia di Crohn. Gli esseri umani non sono in grado di digerire la fibra; invece, i batteri che vivono negli intestini ne mangiano.

Una teoria suggerisce che una persona che ha una dieta ricca di fibre potrebbe aumentare la diversità dei batteri nel loro intestino e che questi batteri extra possono ridurre l’infiammazione legata alla malattia di Crohn.

Molte persone con Crohn scoprono che una dieta ricca di fibre porta sollievo dai sintomi, ma sfortunatamente ci sono poche prove cliniche a sostegno di questo.

La dieta a basso residuo

La dieta a basso residuo si basa sull’idea che ridurre la quantità di “residui” che il cibo lascia dopo la digestione ridurrà i sintomi di IBD.

“Residuo” si riferisce a sostanze come la fibra, che non vengono digerite e aumentano la quantità di feci in ogni movimento intestinale. La dieta a basso residuo limita anche determinati prodotti lattiero-caseari e prodotti a base di carne.

Poiché la dieta a basso residuo riduce la quantità di feci che passa attraverso le aree infiammate dell’apparato digerente, i sostenitori ritengono che ciò possa ridurre i sintomi. Tuttavia, ci sono poche recenti evidenze cliniche che la riduzione della fibra alimentare possa aiutare con i sintomi di Crohn a meno che non si tratti di una dieta liquida a breve termine.

Intolleranza al glutine

Uno studio pubblicato su Minerva Gastroenterologia e Dietologia ha rilevato che le persone celiache hanno una probabilità fino a 10 volte maggiore rispetto a chiunque altro di avere la malattia di Crohn o altri tipi di IBD.

Una persona con malattia celiaca ha una grave reazione autoimmune al glutine. I ricercatori osservano che le persone che hanno il morbo di Crohn ma che non hanno celiachia hanno maggiori probabilità di manifestare reazioni avverse al glutine. Questo suggerisce che una dieta priva di glutine può essere utile per le persone che hanno la malattia di Crohn.

Modulazione della microflora per il morbo di Crohn

Gli scienziati stanno attualmente studiando la possibilità che i batteri insalubri possano giocare un ruolo chiave nelle malattie infiammatorie come quella di Crohn.

Sebbene manchi una conferma scientifica, una recente revisione pubblicata dal World Journal of Gastroenterology suggerisce che la regolazione della flora intestinale può alleviare i sintomi di molte malattie intestinali.

La modifica della flora nell’intestino può essere ottenuta in diversi modi, ad esempio introducendo probiotici, prebiotici, antibiotici e più fibre nella dieta. Il rapporto suggeriva che i probiotici erano i meno efficaci, ma mostravano ancora segni di miglioramento dei sintomi come la diarrea . Le persone che hanno reazioni a una di queste sostanze dovrebbero registrarle nella loro rivista dietetica

Un’altra opzione di trattamento è un trapianto di microbi fecali, che comporta la sostituzione dei batteri cattivi con batteri fecali sani da un donatore.

Altre considerazioni dietetiche per il morbo di Crohn

diaro del ciboSi raccomanda di tenere un diario alimentare per tenere traccia di quali cibi potrebbero peggiorare i sintomi di Crohn.

Dopo aver tenuto un diario alimentare durante una riacutizzazione, molte persone cambiano le loro abitudini alimentari.

Ad esempio, le persone con malattia di Crohn che notano che i loro sintomi peggiorano dopo aver mangiato prodotti a base di carne possono passare a una dieta vegetariana per trovare sollievo. Se i prodotti lattiero-caseari mostrano una serie di sintomi, potrebbe essere consigliabile eliminare il caseificio.

Mentre le persone affette dal morbo di Crohn hanno alcuni sintomi in comune, la condizione è molto individuale e il trattamento dovrebbe essere su base uno a uno.

Il fatto che la malattia di Crohn appaia in modo diverso da persona a persona può spiegare perché così tanti studi hanno risultati inconcludenti.

Se una persona tiene un diario alimentare accurato e lavora a stretto contatto con il proprio medico, può essere possibile stabilire quali sono i loro sintomi specifici.

Le persone affette dal morbo di Crohn possono scoprire che, comprendendo ciò che scatena e allevia una fiammata, possono controllare meglio i loro sintomi e migliorare la qualità della loro vita.

Sintomi e complicanze

Poiché la malattia di Crohn colpisce molte parti del tratto gastrointestinale, i sintomi variano da persona a persona. I sintomi più comuni della malattia di Crohn sono:

  • Persistente stipsi , che può portare al blocco intestinale
  • Diarrea persistente
  • Crampi e dolori allo stomaco
  • Urgente necessità di movimento intestinale
  • Una sensazione di movimenti intestinali “non finiti”
  • Sanguinamento rettale

I possibili sintomi di IBD, incluso il morbo di Crohn, sono:

  • Fatica
  • Febbre
  • Perdita di appetito
  • Perdita di peso
  • Cambiamenti nel ciclo mestruale nelle donne
  • Sudorazioni notturne

Nei bambini più piccoli, la malattia di Crohn può ritardare la crescita e lo sviluppo. Nei casi più gravi, può causare lacrime o fessure nel rivestimento dell’ano, causando dolore e sanguinamento quando si svuota l’intestino.

 

FARMAJET  Consiglia —————————–>>  GASTROBIOTIC PLUS

 

GASTROBIOTIC-PLUS-50-CAPSULE-VEGETALI-DA-500-MG

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...