Grasso della pancia legato alla carenza di vitamina D.

Un nuovo studio rivela che le persone con livelli più elevati di grasso della pancia e girovita più grandi hanno maggiori probabilità di avere bassi livelli di vitamina D.
vitamina d test del sangue

Dove il grasso è immagazzinato nel corpo può influire sui livelli di vitamina D.

Attualmente, nei circoli medici, la vitamina D è il parlare della città.

Prodotto nella nostra pelle a contatto con la luce solare, svolge una miriade di ruoli nel corpo umano.

Negli ultimi mesi, Medical News Today ha coperto una vasta gamma di ricerche sul gruppo di secosteroidi liposolubili più comunemente noti come vitamina D.

Ad esempio, studi recenti hanno scoperto che la vitamina D potrebbe proteggere da insufficienza cardiaca , diabete e cancro e che la carenza di vitamina D provoca la caduta dei capelli .

La carenza di vitamina D è tradizionalmente legata alla salute delle ossa , ma può anche avere un ruolo nelle infezioni del tratto respiratorio e nelle malattie autoimmuni , tra le altre.

Con più del 40% della popolazione degli Stati Uniti è carente di vitamina D, questo è un problema serio. Alcuni autori hanno indicato come ” un’epidemia ignorata “, stimando che oltre 1 miliardo di persone in tutto il mondo hanno livelli inadeguati.

Comprensione della carenza di vitamina D

Man mano che l’importanza della vitamina D diventa sempre più chiara, i ricercatori dedicano sempre più tempo a capire chi potrebbe essere maggiormente a rischio di carenza e ad elaborare modi per prevenirlo.

Poiché la vitamina sembra svolgere un ruolo in così tante condizioni, affrontare il problema delle carenze potrebbe avere un impatto considerevole sulla popolazione in generale.

Un gruppo di ricercatori che studiano questo argomento proviene dal VU University Medical Center e dal Leiden University Medical Center, entrambi nei Paesi Bassi. Guidati da Rachida Rafiq, hanno recentemente presentato i loro risultati alla riunione annuale della European Society of Endocrinology , tenutasi a Barcellona, ​​in Spagna.

Un legame tra obesità e bassi livelli di vitamina D è stato individuato in precedenza. Rafiq e la squadra hanno scavato un po ‘più a fondo; hanno deciso di capire se il tipo e la posizione del grasso hanno avuto un ruolo. Per fare questo, hanno preso i dati dallo studio di epidemiologia dell’obesità nei Paesi Bassi, tra cui migliaia di uomini e donne tra i 45 ei 65 anni.

Il team si è concentrato sul grasso totale, sul tessuto adiposo sottocutaneo addominale (grasso della pancia sotto la pelle), sul tessuto adiposo viscerale (attorno agli organi) e sul grasso epatico (nel fegato).

Durante la loro analisi, hanno adattato i dati per una serie di variabili potenzialmente confondenti, come assunzione di alcol, fumo, etnia, livello di istruzione, malattie croniche e livelli di attività fisica.

Vitamina D e grasso della pancia esposti

Scoprirono che nelle donne, sia il grasso totale che quello addominale erano associati a livelli più bassi di vitamina D, ma che il grasso addominale aveva il maggiore impatto. Negli uomini, tuttavia, i livelli inferiori di vitamina D erano significativamente legati al grasso nel fegato e nell’addome.

In entrambi i sessi, più grasso della pancia prevedeva livelli più bassi di vitamina D.

Rafiq spiega: “La forte relazione tra quantità crescenti di grasso addominale e bassi livelli di vitamina D suggerisce che le persone con i girovita più grandi corrono un rischio maggiore di sviluppare una carenza e dovrebbero considerare di controllare i loro livelli di vitamina D”.

Il prossimo passo è capire perché questa relazione esiste. Una carenza di vitamina D causa la conservazione del grasso nella regione addominale, o il grasso ventre diminuisce i livelli di vitamina D? Ci vorrà più lavoro per separare causa ed effetto.

Come spiega Rafiq, “A causa della natura osservativa di questo studio, non possiamo trarre conclusioni sulla direzione o la causa dell’associazione tra obesità e livelli di vitamina D.”

Tuttavia, questa forte associazione potrebbe indicare un possibile ruolo della vitamina D nella conservazione e nella funzione del grasso addominale.”

Rachida Rafiq

I legami tra obesità e carenza di vitamina D stanno diventando sempre più robusti. La prossima sfida sta elaborando un modo per affrontare efficacemente questo problema.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...