La vitamina D può aiutare a combattere il diabete?

Con il diabete che ora raggiunge proporzioni epidemiche, dissotterrare un modo innovativo per affrontare la condizione è urgente. Un nuovo studio indaga se la vitamina D potrebbe fornire una nuova via per il trattamento.
vitamina d farmajet 2

Potenziare l’attività della vitamina D potrebbe alla fine contribuire a combattere il diabete.

Attualmente, negli Stati Uniti ci sono circa 30 milioni di persone che vivono con il diabete di tipo 2 , una condizione che non può ancora essere curata per tutta la vita.

L’obesità , uno dei principali fattori di rischio, è in costante aumento, il che significa che il numero di persone con diabete di tipo 2 probabilmente seguirà l’esempio.

La condizione è causata da cellule beta difettose nel pancreas. Queste cellule producono e rilasciano insulina , l’ormone essenziale per il controllo dei livelli di glucosio nel sangue.

Se le cellule beta producono troppa insulina, o nessuna, il glucosio può accumularsi nel sangue a livelli tossici per cellule e tessuti.

Uno studio recente, ora pubblicato sulla rivista Cell , ha esaminato un nuovo modo di proteggere le cellule beta, rallentando così l’insorgenza del diabete . I ricercatori, dal Salk Institute di La Jolla, CA, concentrati su un composto ben noto: la vitamina D .

Vitamina D e diabete

La vitamina D è spesso indicata come la vitamina del sole perché viene creata nella nostra pelle in risposta alla luce solare diretta. Precedenti studi hanno trovato una connessione tra bassi livelli di vitamina D e un più alto rischio di diabete, ma i meccanismi coinvolti sono stati difficili da svelare.

Ciò è dovuto, in parte, alle ampie funzioni fisiologiche della vitamina D; per esempio, la vitamina D è coinvolta nella crescita cellulare, nel mantenimento delle ossa, nell’attività neuromuscolare e nel sistema immunitario. Inoltre, importante per questo studio, è stato implicato nell’infiammazione .

Sappiamo che il diabete è una malattia causata dall’infiammazione, in questo studio abbiamo identificato il recettore della vitamina D come importante modulatore dell’infiammazione e della sopravvivenza delle cellule beta”.

Autore dello studio senior Ronald Evans

Per raggiungere queste conclusioni, i ricercatori hanno creato cellule beta utilizzando cellule staminali embrionali . Quindi, hanno testato una batteria di composti per indagare su quali effetti avevano su di loro.

Aumentare la vitamina D nelle cellule beta

I ricercatori hanno scoperto che un particolare composto – chiamato iBRD9 – ha potenziato l’attività dei recettori della vitamina D quando erano legati a molecole di vitamina D. Questo ha avuto un effetto protettivo sulle cellule beta.

Hanno dimostrato che, in un modello murino di diabete, iBRD9 riportava i livelli di glucosio nella gamma normale.

“Questo studio è iniziato osservando il ruolo della vitamina D nelle cellule beta”, afferma il primo autore dello studio Zong Wei. “Gli studi epidemiologici sui pazienti”, afferma, “hanno suggerito una correlazione tra elevate concentrazioni di vitamina D nel sangue e un rischio minore di diabete, ma il meccanismo sottostante non è stato ben compreso”.

Continua: “È stato difficile proteggere le cellule beta con la sola vitamina e ora abbiamo alcune idee su come possiamo trarre vantaggio da questa connessione”.

Hanno identificato un modo in cui la vitamina D potrebbe proteggere le cellule beta. Sembra implicare la trascrizione, o come i geni vengono decodificati per produrre proteine. L’introduzione di iBRD9 ha causato la trascrizione di geni con un effetto protettivo a tassi più elevati, proteggendo le cellule beta.

“L’attivazione del recettore della vitamina D”, osserva l’autore dello studio co-corrispondente Michael Downes, “può attivare la funzione antinfiammatoria dei geni per aiutare le cellule a sopravvivere in condizioni di stress”.

Usando un sistema di screening che abbiamo sviluppato in laboratorio, siamo stati in grado di identificare un pezzo importante di quel puzzle che consente la super-attivazione del percorso della vitamina D”.

Michael Downes

Mentre i risultati hanno chiare implicazioni per gli scienziati che cercano di progettare nuovi farmaci per il trattamento del diabete, ci sono possibilità di ulteriore portata.

Come spiega la coautrice dello studio Ruth Yu, “[B] perché questo è un recettore importante, potrebbe potenzialmente essere universale per qualsiasi trattamento in cui è necessario aumentare l’effetto della vitamina D. Ad esempio, siamo particolarmente interessati a guardarlo nel cancro del pancreas . ”

Naturalmente, prima che qualsiasi droga possa essere usata negli esseri umani, ci sono molti cerchi essenziali da superare. Sebbene non esistessero effetti collaterali degni di nota nei topi, solo il tempo dirà se è sicuro anche per gli umani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...