Per quanto tempo sopravviverò dopo un trapianto di fegato?

Un trapianto di fegato comporta la rimozione chirurgica di un fegato che non funziona più correttamente, e la sostituzione con un fegato sano, o una porzione di uno, da un donatore.

La maggior parte dei fegati donati proviene da persone che sono morte. Provengono da donatori di organi registrati o persone il cui parente più prossimo acconsente a diventare un donatore. Meno comunemente, i trapianti di fegato coinvolgono un donatore vivente, spesso un amico, un membro della famiglia o uno straniero il cui fazzoletto corrisponde e che dona un segmento del loro fegato.

In genere, i chirurghi eseguiranno un trapianto di fegato solo quando tutte le altre opzioni di trattamento sono state escluse. Tuttavia, i trapianti di fegato sono il secondo tipo più comune di trapianto dopo trapianto di reni, con oltre 157.000 effettuati negli Stati Uniti dal 1988.

Solo nel 2015 sono stati effettuati 7.100 trapianti di fegato, con 600 di questi interventi eseguiti su persone di 17 anni o più giovani.

Sebbene i trapianti di fegato comportino il rischio di complicanze significative, la procedura ha un alto tasso di successo. L’operazione tipicamente aiuta a salvare o estendere notevolmente la vita delle persone con gravi patologie epatiche.

Tassi di sopravvivenza

fegato trapianto farmajet

Si stima che il 72% delle persone sia ancora vivo 5 anni dopo l’intervento chirurgico al trapianto di fegato.

A causa di una varietà di fattori complicati, è quasi impossibile prevedere le probabilità di un individuo di avere un trapianto di fegato con successo o per quanto tempo sopravviveranno in seguito.

Tuttavia, l’Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Rene (NIDDK) elencano i seguenti tassi di sopravvivenza media per le persone che hanno subito un intervento chirurgico di trapianto di fegato da un donatore deceduto:

  • L’86 percento è ancora vivo 1 anno dopo l’intervento
  • Il 78 percento è ancora in vita 3 anni dopo l’intervento chirurgico
  • Il 72 percento è ancora vivo 5 anni dopo l’intervento
  • Il 53 percento è ancora vivo 20 anni dopo l’intervento

Le stime dei tassi di sopravvivenza riportati variano a seconda del tipo di informazioni utilizzate, nonché di quando e come sono state calcolate.

Sebbene i trapianti di fegato abbiano un alto successo e tassi di sopravvivenza, le probabilità di sopravvivenza e prosperità di un individuo dipendono da un mix di fattori critici.

I fattori includono:

  • età
  • indice di massa corporea ( BMI ) e principali fluttuazioni del peso corporeo
  • quanto è sana una persona prima dell’intervento
  • gravità della loro insufficienza epatica e di quanti altri organi sono coinvolti, specialmente i reni
  • causa dell’insufficienza epatica
  • storia medica
  • condizioni di salute aggiuntive

Età e indice di massa corporea

L’età e il BMI sono due fattori significativi che influenzano i tassi di sopravvivenza dopo i trapianti di fegato.

Uno studio del 2017 ha rilevato che i tassi di sopravvivenza a lungo termine erano più bassi nelle persone anziane e quelli i cui BMI erano sopra la norma e che erano designati come sovrappeso.

Causa di insufficienza epatica

Secondo uno studio del 2013, la causa dell’insufficienza epatica può anche influenzare l’esito di un trapianto di fegato.

Lo studio ha concluso che i bambini e gli adulti il ​​cui fallimento del fegato era causato da condizioni genetiche avevano tassi di sopravvivenza più alti rispetto a quelli le cui condizioni erano dovute a scelte di stile di vita o infezione.

In attesa di una donazione

donatore farmajet

Si stima che circa 15.000 americani siano in lista d’attesa per un donatore di fegato ogni anno.

Il processo di ricerca di un fegato donatore può essere estremamente impegnativo, stressante e lungo.

Una volta che qualcuno è stato approvato per un trapianto di fegato, il suo medico contatterà l’organizzazione no-profit United Network for Organ Sharing (UNOS) e chiederà che il nome del destinatario sia aggiunto alla lista d’attesa dei donatori di organi nazionali.

Alcune persone devono aspettare fino a 5 anni o più per una partita con un fegato di donatore.

Quando si cerca un fegato donatore corrispondente, i medici considerano diversi fattori, tra cui:

  • gravità dell’insufficienza epatica di una persona
  • il loro gruppo sanguigno
  • la salute generale di una persona
  • la dimensione del corpo di una persona
  • posizione, in quanto alcuni stati degli Stati Uniti hanno popolazioni più grandi, basi per donatori e centri donatori rispetto ad altri
  • disponibilità di fegati corrispondenti nel sistema nazionale di lista d’attesa

La gravità dell’insufficienza epatica di una persona viene misurata in base a un modello per il punteggio della malattia epatica allo stadio terminale (MELD) o al punteggio PELD (Paziente di stadio epatico pediatrico) per i bambini sotto i 12 anni di età. I punteggi vanno da 6 a 40.

Quante persone stanno aspettando

In media, si stima che circa 15.000 americani siano in lista d’attesa per un donatore di fegato ogni anno.

Mentre il numero di persone che necessitano di un trapianto di fegato è in aumento, il numero di nuovi donatori disponibili è in diminuzione.

Il numero di persone che sono morte mentre aspettavano un fegato da donatore o sono state tolte dalla lista d’attesa perché sono diventate troppo malate per sottoporsi al trattamento è aumentato del 30 percento nell’ultimo decennio.

Procedura

I trapianti di fegato in genere comportano la rimozione chirurgica di qualsiasi tessuto epatico malato, morto o ferito, inclusa la rimozione dell’intero organo. I chirurghi ricollegheranno quindi un fegato intero donatore o un segmento del fegato di un donatore deceduto.

I trapianti di fegato segmentali consentono l’uso di donatori vivi e per due persone di ricevere trapianti da un fegato di donatore. Tuttavia, questa procedura è più a rischio a causa di complicanze più frequenti.

Nel 2013, il 96 percento dei trapianti di fegato utilizzava fegati donatori deceduti, mentre solo il 4 percento utilizzava segmenti da donatore vivente.

Man mano che più persone diventano consapevoli della chirurgia segmentale del trapianto di fegato, possono verificarsi più frequentemente e diventare più sicuri.

complicazioni

Un trapianto di fegato è un importante intervento chirurgico che comporta numerosi rischi e potenziali complicanze, che vanno nella gravità e includono:

  • emorragia
  • cicatrici
  • coaguli di sangue nell’arteria epatica che fornisce sangue al fegato
  • rifiuto di organi, in cui il corpo non accetta il fegato del donatore (più comune durante i primi 3-6 mesi dopo l’intervento)
  • fallimento del fegato del donatore
  • perdita o danno del dotto biliare
  • infezione batterica
  • ernia o rottura dei tagli effettuati in chirurgia durante la guarigione
  • insufficienza polmonare
  • guasti di organi multipli
  • sepsi
  • Morte

Recupero

trapianto di fegato farmajet

Dopo l’intervento chirurgico, la maggior parte delle persone rimarrà nell’unità di terapia intensiva per diversi giorni.

Immediatamente dopo l’intervento chirurgico, la maggior parte delle persone rimarrà nell’unità di terapia intensiva (ICU) per diversi giorni. Rimarranno su un ventilatore per aiutarli a respirare ed essere strettamente monitorati per assicurare che il nuovo fegato funzioni correttamente.

Inoltre verranno somministrati farmaci immunosoppressori (anti-rigetto) per aiutare a prevenire il loro corpo dalla distruzione del fegato del donatore. Le persone che hanno un trapianto di organi devono assumere farmaci immunosoppressori per il resto della loro vita.

Dopo l’ICU, una persona che ha avuto un trapianto di fegato dovrà passare almeno altre 2 settimane in ospedale.

Molte persone richiedono 2 o 3 mesi prima che si sentano abbastanza bene per tornare alle attività quotidiane. Inoltre, possono essere necessari anni per realizzare pienamente l’effetto dell’intervento.

Cambiamenti nello stile di vita

La maggior parte delle persone che hanno fegati di donatori dovranno anche apportare alcune modifiche allo stile di vita per mantenere sano il loro nuovo fegato.

Queste modifiche includono:

  • mangiare una dieta sana ed equilibrata, somministrata loro da un nutrizionista o dietista come parte del processo di trapianto
  • rimanendo idratato
  • Smettere di fumare
  • evitare l’alcol
  • prendendo tutti i farmaci esattamente come prescritto
  • frequentando tutti gli appuntamenti medici
  • evitando uova crude o poco cotte, carne e pesce
  • evitando cibi non pastorizzati
  • ridurre gli alimenti che sono difficili da digerire per il fegato, come grassi, colesterolo , zuccheri e sale
  • evitando il contatto con persone malate
  • parlare con un medico immediatamente se malato
  • evitare l’esposizione alla sporcizia indossando scarpe, calze, pantaloni lunghi, ecc.
  • evitando allergeni noti
  • evitando il contatto con rettili, roditori, insetti e uccelli
  • evitando di mangiare pompelmi e bere succo di pompelmo
  • evitare attività faticose nei primi 3 mesi dopo l’intervento e parlare con un medico prima di riprendere le attività o gli esercizi vigorosi
  • parlare con un medico prima di utilizzare nuovi farmaci da banco, vitamine o integratori
  • indossare un repellente per insetti quando fuori in primavera o in estate e non passare molto tempo all’aria aperta durante l’alba o il tramonto
  • evitando di nuotare nei laghi e in altri corpi d’acqua dolce
  • parlare con un medico prima di pianificare qualsiasi viaggio, in particolare per le nazioni in via di sviluppo
  • parlare con un medico prima di usare i contraccettivi o provare a rimanere incinta

Infezione e rifiuto

L’infezione e il rigetto di organi possono portare a sepsi, insufficienza multiorgano e morte. Pertanto, è essenziale che le persone con fegati donatori sappiano riconoscere i segni di queste potenziali complicanze. Dovrebbero sempre cercare assistenza medica il prima possibile per prevenire ulteriori complicazioni.

I segni di infezione includono:

  • febbre o freddo
  • naso tappato
  • tosse
  • vomito e nausea
  • gola infiammata

Il rigetto d’organo non causa sempre sintomi evidenti, ma i sintomi possono includere:

  • esaurimento, indipendentemente dalla quantità di sonno
  • febbre
  • ingiallimento della pelle e del bianco degli occhi
  • dolore e tenerezza nell’addome
  • urina molto scura
  • più leggero delle normali feci

prospettiva

I trapianti di fegato sono procedure ragionevolmente sicure con buoni tassi di sopravvivenza. Tuttavia, molti fattori possono influenzare le probabilità di un intervento chirurgico di successo di un individuo e determinare per quanto tempo vivono dopo l’intervento. Questi fattori includono la loro salute generale, le abitudini di vita e le condizioni aggiuntive.

Il tempo di recupero per le persone che ricevono un trapianto di fegato varia, ma varia tra 3 e 6 mesi prima che possano tornare alle attività quotidiane.

Fintanto che assumono farmaci immunosoppressori, come prescritto per loro e apportano i cambiamenti di stile di vita raccomandati, la maggior parte delle persone può godere di una buona qualità della vita per decenni dopo un intervento chirurgico di trapianto di fegato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...