Due integratori di ferro comuni possono causare il cancro

Un nuovo studio rileva che due composti di ferro, che sono usati negli integratori e negli additivi alimentari, aumentano i livelli di un biomarcatore del cancro – anche se consumati in piccole quantità.
integratore di ferro farmajet

Alcuni integratori di ferro possono aumentare il rischio di cancro del colon-retto, come dimostra uno studio.

La nuova ricerca proviene dalla Chalmers University of Technology di Gothenburg, in Svezia, in collaborazione con il British Medical Research Council e l’Università di Cambridge, sempre nel Regno Unito

Gli scienziati – guidati da Nathalie Scheers, un assistente professore alla Chalmers University of Technology – spiegano che la loro ricerca è stata motivata da studi precedenti che hanno dimostrato che due composti, chiamati citrico ferrico e EDTA ferrico, promuovono i tumori nei topi.

Ma questi precedenti studi non hanno rivelato “se tutte le forme di ferro” biodisponibile “esacerbino le cellule tumorali intestinali ” o se diverse forme di ferro mostrino lo stesso meccanismo.

Così, nel nuovo studio, Scheers e colleghi hanno esaminato l’effetto di questi due composti sulla crescita delle cellule tumorali del colon-retto umano . Inoltre, hanno testato un altro composto di ferro ampiamente disponibile chiamato solfato ferroso.

Nel loro esperimento, i ricercatori hanno usato i livelli dei composti che potrebbero essere trovati realisticamente nel tratto gastrointestinale dopo l’assunzione del supplemento.

A loro conoscenza, Scheer e colleghi sono i primi a studiare l’effetto di questi composti sulle cellule umane. I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista Oncotarget .

Citrato ferrico, l’EDTA può essere cancerogeno

Scheers e il suo team hanno utilizzato una serie di tecniche, tra cui saggi di proliferazione cellulare e analisi Western blot , per svolgere le loro indagini.

Lo studio ha rivelato che anche in basse quantità, sia il citrato ferrico che l’EDTA ferrico hanno innalzato i livelli cellulari di un biomarcatore del cancro chiamato amphiregulin e il suo recettore. Al contrario, il solfato ferroso non ha avuto un tale effetto sulle cellule.

Scheers commenta i risultati, dicendo: “Possiamo concludere che il citrato ferrico e l’EDTA ferrico potrebbero essere cancerogeni, poiché entrambi aumentano la formazione di amphiregulin, un noto marcatore di cancro più spesso associato a cancro a lungo termine con prognosi infausta”.

Tuttavia, aggiunge Scheers, “dobbiamo tenere a mente che lo studio è stato condotto su cellule tumorali umane coltivate in laboratorio, dal momento che non sarebbe stato etico farlo negli esseri umani”.

“Ma i possibili meccanismi ed effetti osservati richiedono ancora cautela e devono essere ulteriormente investigati”.

Il problema con gli integratori di ferro

Il citrato ferrico, spesso commercializzato come Auryxia, è un integratore di ferro ampiamente disponibile usato per trattare l’ anemia nelle persone con malattia renale cronica .

In alcuni paesi, l’EDTA ferrico viene talvolta aggiunto a cereali , farina o bevande in polvere. Negli Stati Uniti, la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato l’uso di EDTA ferrico come additivo alimentare per una varietà di salse, tra cui salsa di soia, salse dolci e salate, teriyaki e salsa di pesce.

Gli integratori di ferro sono usati in medicina da donne incinte, persone che hanno perso sangue e pazienti con malattia renale cronica, tra gli altri. I ricercatori avvertono che questi gruppi di persone potrebbero essere a più alto rischio di consumare livelli nocivi della sostanza chimica cancerogena.

Gli autori avvertono che i consumatori potrebbero avere difficoltà a distinguere tra integratori di ferro perché “[m] eventuali negozi e fornitori non dichiarano in realtà che tipo di composto di ferro è presente – anche nelle farmacie”.

“Di solito, dice solo” ferro “o” minerale di ferro “, che è problematico per i consumatori”, aggiunge Scheers. “Soprattutto, i ricercatori e le autorità devono iniziare a distinguere tra questa forma di ferro e quella forma di ferro: dobbiamo considerare che forme diverse possono avere effetti biologici diversi”.

Al momento, le persone dovrebbero comunque seguire i consigli medici raccomandati: come ricercatore, non posso raccomandare nulla – quel consiglio deve venire dalle autorità”.

Nathalie Scheers

“Ma, parlando personalmente, se avessi bisogno di un integratore di ferro, tenterei di evitare il citrato ferrico”, conclude.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...