Cancro colorettale: il trattamento sembra impostato per studi clinici sull’uomo

Un tipo di trattamento che utilizza le cellule immunitarie dei pazienti per attaccare il cancro sembra pronto per i test negli studi clinici sull’uomo di cancro del colon-retto avanzato.
scienziato con dischi farmajet

L’immunoterapia è quasi pronta per essere testata nei partecipanti umani.

In un documento di studio pubblicato sulla rivista Cancer Immunology Research , i ricercatori della Thomas Jefferson University di Philadelphia, PA, riportano come hanno testato il trattamento, che è un tipo di immunoterapia nota come terapia dei linfociti chimerici del recettore dell’antigene (CAR), nei topi che sono stati impiantati con tumori del cancro colorettale umano .

Il trattamento ha ucciso i tumori del colon-retto e ha impedito la loro diffusione.

Il completamento riuscito di questo ultimo stadio preclinico significa che il prossimo passo sarebbe una sperimentazione clinica di fase I in pazienti umani.

Il progresso è significativo perché ci sono poche opzioni di trattamento per il tumore del colon-retto una volta che è avanzato.

“Il concetto di trasferire la terapia [CAR T-cell] al cancro del colon-retto è un importante passo avanti”, afferma la dottoressa Karen Knudsen, che è direttore del Sidney Kimmel Cancer Center presso la Thomas Jefferson University, “e potrebbe affrontare un importante bisogno clinico insoddisfatto “.

Cancro colorettale avanzato

Sebbene il cancro del colon-retto sia il ” terzo più comune ” tumore che colpisce sia gli uomini che le donne negli Stati Uniti, è la seconda causa principale di decessi per cancro.

Le stime suggeriscono che ci sono stati 139.992 nuovi casi di cancro del colon-retto e 51.651 morti per la malattia negli Stati Uniti nel 2014, l’ultimo anno per le cifre ufficiali.

Come con la maggior parte dei tumori, la maggior parte delle morti nel cancro del colon-retto si verificano in pazienti con malattia avanzata, che inizia quando il tumore primario inizia a diffondersi.

Il tumore può diffondersi localmente nel tessuto adiacente o attraverso metastasi, un processo in cui le cellule sfuggono al tumore primitivo e migrano verso altre parti del corpo dove possono creare nuovi tumori secondari.

Non tutte le cellule tumorali che sfuggono a un tumore primario riescono a formare tumori secondari. Il processo è complesso e ha molti passaggi: dall’allontanarsi alla migrazione, dall’eludere il sistema immunitario e dall’accampamento – e può fallire in qualsiasi momento.

Le cellule che alla fine riusciranno potrebbero non assomigliare più alle cellule del tumore primario. Questo è uno dei motivi per cui il cancro metastatico è più difficile da trattare.

La terapia con cellule T di CAR “riprogramma” le cellule T

La terapia con le cellule T è un tipo di immunoterapia in cui i medici riprogrammano i geni nelle “cellule immunitarie” dei pazienti per attaccare le cellule tumorali. ”

Per fare ciò, le cellule T del sistema immunitario vengono prelevate dal paziente, riprogrammate geneticamente in laboratorio, moltiplicate per aumentare notevolmente il loro numero e quindi reinfuse nel paziente.

La riprogrammazione delle cellule T ripristina la loro capacità di trovare e attaccare le cellule tumorali che in precedenza avevano avuto molto successo nel sopprimere gli attacchi.

Tuttavia, affinché le cellule T possano trovare e uccidere solo le cellule tumorali bersaglio, deve esserci un modo per identificarle in modo univoco rispetto alle cellule T. È qui che entra in gioco la riprogrammazione genetica – fa sì che le cellule T cerchino un marcatore unico, chiamato antigene tumorale, sulle cellule.

Lo studio ha utilizzato l’antigene tumorale GUCY2C

Nel caso del nuovo studio, l’antigene tumorale che hanno usato era GUCY2C, il cui potenziale era stato precedentemente identificato dall’autore senior Adam E. Snook, che è un assistente professore nel Dipartimento di Farmacologia e Terapie Sperimentali presso la Thomas Jefferson University.

Inizialmente, gli scienziati hanno testato la terapia su cellule tumorali coltivate in laboratorio. Hanno mostrato che mirava e uccideva solo quelle cellule tumorali che esprimevano il marcatore GUCY2C; le cellule tumorali senza GUCY2C sono state risparmiate.

Il Prof. Snook e colleghi hanno poi dimostrato che la terapia con cellule T CAR che utilizza l’antigene tumorale GUCY2C ha trattato con successo topi impiantati con tumori del colon-retto umano.

Tutti i topi trattati sono sopravvissuti per tutto il tempo di osservazione dello studio, che ammontava a 75 giorni. I topi trattati con una terapia di controllo sono sopravvissuti per una media di 30 giorni.

In un’altra serie di esperimenti, i ricercatori hanno usato topi che avevano sviluppato i loro tumori del cancro del colon-retto “murini” ma che erano stati geneticamente modificati per “esprimere GUCY2C umano”.

Quando hanno trattato quei topi con cellule T programmate per trovare le cellule tumorali con GUCY2C, i ricercatori hanno scoperto che “fornivano una protezione a lungo termine contro le metastasi polmonari”.

Il polmone è un sito comune per tumori secondari nel cancro del colon-retto nell’uomo.

I topi che hanno ricevuto la terapia con cellule T CAR hanno vissuto per altri 100 giorni senza tumori secondari, mentre i topi che hanno ricevuto un trattamento di controllo hanno vissuto solo una media di 20 giorni dopo il trattamento.

Nessun effetto collaterale “fuori bersaglio”

Anche se questo studio non ha testato alcun effetto collaterale derivante dalle cellule T ingegnerizzate “fuori bersaglio”, i ricercatori avevano precedentemente dimostrato, utilizzando una versione di topo della terapia, che non vi erano “effetti fuori bersaglio”. ”

Il Prof. Snook riconosce la “maggiore preoccupazione” per la sicurezza nell’uso della terapia con cellule T CAR. “In altri tumori”, osserva, “il campo ha osservato risposte autoimmuni letali”.

Dice che ci sono sforzi in corso per creare antidoti ad azione rapida a queste risposte fuori bersaglio, ma lui ei suoi colleghi credono che il loro studio dimostra che la terapia con cellule T GUCY2C CAR “può essere molto efficace e sicura nei pazienti oncologici”.

Vedono anche applicazioni più ampie della terapia in altri tumori difficili da trattare che esprimono anche l’antigene tumorale GUCY2C.

“L’antigene che abbiamo come target per il cancro del colon-retto”, spiega il prof. Snook, “è uno che è condiviso tra diversi tumori ad alto tasso di mortalità tra cui il cancro esofageo e pancreatico”.

Presi insieme, il 25% delle persone che muoiono di cancro potrebbero potenzialmente essere trattati con questa terapia”.

Prof. Adam E. Snook

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...