Un Farmaco comune può aiutare a combattere il cancro al seno aggressivo

Il carcinoma mammario basale colpisce le donne in età relativamente giovane ed è difficile da trattare. La scoperta che un farmaco comune per l’osteoporosi possa fermare i suoi progressi è una buona notizia.
carcinoma mammario farmajet

La nuova ricerca offre una strada potenziale per il trattamento del carcinoma mammario di tipo basale.

Il cancro al seno basale-simile si sviluppa nelle donne più giovani e il tasso di prognosi è il peggiore di qualsiasi tipo di cancro .

Spesso catturati in una fase avanzata, i tumori sono normalmente aggressivi e si diffondono rapidamente.

Anche quando il trattamento ha esito positivo, è più probabile che il tumore al seno basale si ripresenti e metastatizzi rispetto ad altri tipi.

Il motivo per cui questo tipo di cancro è così difficile da trattare è che i tre principali bersagli terapeutici non sono solitamente presenti. In questi casi, si parla di carcinoma mammario triplo negativo.

La stragrande maggioranza dei farmaci antitumorali è rivolta ai recettori degli estrogeni , ai recettori del progesterone o al recettore del fattore di crescita epidermico dell’ormone 2. In circa il 10-20%dei casi di cancro al seno non sono presenti, ma senza di essi la maggior parte delle terapie non ha denti.

Il nuovo autore dello studio Co Chenfang Dong, della Scuola di Medicina dell’Università di Zhejiang a Hangzhou, in Cina, ribadisce perché la ricerca su questo tipo di cancro sia così pressante:

“La natura altamente aggressiva e l’assenza di terapie efficaci per il carcinoma mammario di tipo basale ne fanno un’alta priorità per chiarire cosa determina la sua aggressività e identificare potenziali bersagli terapeutici”.

Dettagli del suo ultimo studio sono stati pubblicati di recente sul Journal of Experimental Medicine .

Possiamo rallentare il cancro al seno basale?

Alla ricerca di nuovi modi per rallentare il cancro al seno di tipo basale, il Prof. Dong e colleghi hanno studiato i campioni di 5.000 persone con cancro al seno. Hanno trovato che i livelli di UGT8 erano significativamente elevati nei pazienti con carcinoma mammario basale.

Con l’aumentare dei livelli di UGT8, aumentarono anche le dimensioni del tumore e il grado del tumore. Allo stesso tempo, i tempi di sopravvivenza sono diminuiti.

UGT8 alimenta il primo passo nella sintesi di una sostanza chimica che è stata precedentemente collegata alla progressione del cancro: sulfatide. Il solfatide è un lipide che si trova sulla superficie delle cellule.

Questo composto attiva determinate vie di segnalazione ed è fondamentale per la sopravvivenza delle cellule tumorali. È importante sottolineare che è anche vitale per il processo di metastasi.

Il Prof. Dong ha scoperto che le cellule tumorali con livelli aumentati di UGT8 avevano anche elevati livelli di solfatide.

Il passo successivo è stato capire se l’alterazione dell’attività di UGT8 potrebbe avere un impatto sulla progressione del cancro. Per fare questo, si sono rivolti a un farmaco comunemente usato per trattare l’ osteoporosi e altre condizioni ossee, chiamato acido zoledronico.

La droga per l’osteoporosi offre speranza

L’acido zoledronico inibisce direttamente l’UGT8 ​​ed è già ampiamente utilizzato. In realtà, questo farmaco è sulla lista dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) di farmaci sicuri ed efficaci che sono considerati “essenziali per la salute globale”.

Scoprirono che, una volta che il farmaco aveva messo a tacere l’UGT8 ​​nelle cellule, anche i livelli di solfatide si ridussero e la crescita tumorale fu soppressa. Le cellule del cancro al seno basali non erano più in grado di espandersi e crescere in altre aree del corpo. I risultati sono promettenti.

“Ilnostro studio suggerisce che UGT8 contribuisce all’aggressività del carcinoma mammario basale e che l’inibizione farmacologica di UGT8 da parte dell’acido zoledronico offre un’opportunità promettente per il trattamento clinico di questa difficile malattia.”

Prof. Chenfang Dong

Poiché lo studio è stato condotto su topi e poiché è stato il primo studio a trovare queste interazioni, sarà necessario molto più lavoro.

Tuttavia, poiché il cancro al seno di tipo basale è così difficile da trattare, è probabile che qualsiasi potenziale strada di ricerca riceva una grande attenzione e, si spera, un finanziamento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...