Le saune potrebbero ridurre il rischio di ictus?

Infine, qualcosa di indulgente potrebbe effettivamente essere buono per noi; uno studio recentemente pubblicato afferma che il godimento di saune regolari potrebbe ridurre significativamente il rischio di ictus.
sauna farmajet

Saune potrebbe essere più di un semplice trattamento rilassante.

Sebbene la loro invenzione sia spesso attribuita al popolo della Finlandia, le saune e le logge per il sudore sono apparse indipendentementein molte culture nel corso della storia antica.

Oggi sono relativamente popolari in gran parte del mondo occidentale – e per una buona ragione.

Infatti, le saune erano di gran moda in gran parte dell’Europa nel Medioevo.

Cioè, fino a quando una paura della sifilide spazzò il continente nel 1500, mettendo le saune sul fornello posteriore per un po ‘.

È interessante notare che l’epidemia non ha preso piede in Finlandia, quindi la loro popolarità non è mai diminuita. Negli ultimi decenni, con il peggioramento della sifilide, le saune hanno goduto di una forte ripresa a favore.

Chiunque sia mai entrato in una sauna e rilassato per un po ‘capirà perché sono così popolari. Non c’è niente come sedersi immobili in un capannone buio, umido e caldo. Psicologicamente parlando, si può immaginare che potrebbero fare miracoli per i livelli di stress .

I benefici per la salute delle saune

A parte i potenziali benefici psicologici del relax al caldo, diversi ricercatori si sono chiesti se le saune potrebbero avere un impatto anche sulla salute fisica.

Ad esempio, studi hanno dimostrato che l’uso di una sauna può abbassare la pressione sanguigna , mentre altri hanno concluso che saune regolari potrebbero ridurre il rischio di demenza . Altri hanno ancora trovato un legame tra le saune e un minor rischio di morte correlata alla malattia cardiovascolare.

Per la prima volta, gli scienziati dell’Università di Bristol nel Regno Unito danno un’occhiata al potenziale impatto della sauna sul rischio di ictus .

Lo studio ha seguito 1.628 partecipanti per una media di 15 anni; la loro età media era di 63 anni e nessuno di loro aveva una storia di ictus.

Ogni persona ha compilato un questionario chiedendo quante volte hanno preso saune. Sono state anche poste domande su una serie di altri fattori che potrebbero influenzare il rischio di ictus, come l’assunzione di alcol, i livelli di colesterolo , l’attività fisica e la pressione sanguigna .

I risultati sono stati pubblicati questa settimana sulla rivista Neurology .

In tutto il decennio e mezzo, 155 persone hanno avuto un ictus. Gli individui che hanno preso una sauna a settimana hanno avuto un tasso di 8,1 colpi per 1.000 anni-persona. Per coloro che ne facevano due o tre a settimana, il tasso era di 7,4, e per le persone che prendevano da quattro a sette a settimana, il tasso scendeva a 2,8.

In altre parole, le persone che hanno avuto saune da quattro a sette volte alla settimana avevano il 60% in meno di probabilità di avere un ictus rispetto a quelli che ne avevano goduto solo una alla settimana.

Anche dopo che i ricercatori hanno adattato l’analisi per tenere conto di altri fattori di rischio, come il fumo e il colesterolo, i risultati sono rimasti gli stessi.

Questi risultati sono eccitanti perché suggeriscono che questa attività che le persone usano per il relax e il piacere può anche avere effetti benefici sulla salute vascolare”.

Autrice senior dello studio Setor K. Kunutsor, Ph.D.

Per quanto riguarda il modo in cui le saune potrebbero permettersi questa protezione, Kunutsor spiega: “Le saune sembrano avere un effetto di abbassamento della pressione del sangue, che potrebbe essere alla base dell’effetto benefico sul rischio di ictus”.

Osservazione e associazione

Naturalmente, questo studio è osservativo e può solo mostrare un’associazione tra la quantità di saune prese e il rischio di ictus.

Ad esempio, le persone che colpiscono regolarmente la sauna potrebbero farlo perché hanno più tempo libero; quelli che prendono meno possono condurre vite più occupate, più stressanti, che potrebbero essere la causa dell’aumento del rischio di ictus, piuttosto che essere direttamente correlate alla mancanza di tempo per la sauna.

Come spiega Kunutsor, “il bagno balneare è un’attività sicura per la maggior parte delle persone sane e anche per le persone con problemi cardiaci stabili. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questo risultato e per capire in che modo le saune influenzano il rischio di ictus”.

È fondamentale notare che, per alcuni, le saune potrebbero non essere sicure. Per esempio, le persone che hanno avuto recentemente un attacco di cuore e chiunque abbia dolore al petto o angina instabile dovrebbero evitare la sauna. Inoltre, gli anziani con bassa pressione sanguigna devono essere cauti quando si fa una sauna.

Ma se non rientrano in nessuna di queste categorie ad alto rischio, potrebbe essere il momento di prendere questo passatempo finlandese piuttosto piacevole.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...