Bicarbonato di sodio: un trattamento sicuro e facile per l’artrite?

Il bicarbonato di sodio è stato usato come rimedio domestico per generazioni a causa delle sue proprietà antiacido. Tuttavia i suoi benefici sono ancora più profondi e una nuova ricerca potrebbe spiegare perché è un aiuto efficace nel trattamento delle malattie autoimmuni come l’artrite.
bicarbonato di sodio

In che modo questa graffatura in cucina cambia la risposta infiammatoria del corpo?

Il bicarbonato di sodio, chiamato anche bicarbonato di sodio, è un alimento da cucina comunemente utilizzato come agente lievitante per dolci.

Detto questo, si è anche fatto un nome come rimedio casalingo per varie condizioni. Mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio è spesso preso per alleviare il bruciore di stomaco o il reflusso acido , per esempio, e questa sostanza è anche usata per sbiancare i denti.

In un nuovo studio, le cui scoperte sono ora pubblicate su The Journal of Immunology , i ricercatori del Medical College of Georgia dell’Università di Augusta rivelano esattamente come l’assunzione di una soluzione di bicarbonato di sodio potrebbe innescare il sistema immunitario da malattie infiammatorie, come l’artrite reumatoide .

Paul O’Connor, un fisiologo renale dell’Università di Augusta, e colleghi hanno testato gli effetti che l’assunzione di una soluzione di bicarbonato di sodio avrebbe avuto, prima sui ratti e poi sugli esseri umani.

I loro esperimenti raccontano una storia complessa di come questo sale fornisce un segnale a un particolare tipo di cellula chiamata “cellule mesoteliali”, dicendo loro che il corpo sta bene e non è sotto attacco, rendendo inutile un sistema immunitario aggressivo. Pertanto, vengono evitate risposte autoimmuni dannose.

Bicarbonato di sodio e cellule mesoteliali

Le cellule mesoteliali rivestono gli organi interni e molte altre cavità nel corpo. Non solo impediscono agli organi e agli altri tessuti interni di aderire, ma servono anche altre funzioni, non tutte studiate in dettaglio.

Nel nuovo studio, O’Connor e il team hanno testato l’effetto che una soluzione di bicarbonato di sodio avrebbe prima sui ratti, e poi su soggetti umani sani, e hanno notato che ha influenzato un meccanismo intrigante.

Il bicarbonato di sodio “stimola” lo stomaco a produrre più acido gastrico, che gli consente di digerire il cibo più velocemente e più facilmente. Ma, oltre a questo, sembra anche dire alle cellule mesoteliali che rivestono la milza di “prendersela comoda”, perché non c’è nessuna minaccia.

Fondamentalmente, nelle parole di O’Connor, le cellule mesoteliali apprendono che “è più probabile che un hamburger non sia un’infezione batterica”. Quindi, a loro volta, non attivano l'”esercito” di milza di macrofagi o globuli bianchi incaricati di eliminare i detriti cellulari potenzialmente dannosi.

“Certamente bere bicarbonato influenza la milza e pensiamo che sia attraverso le cellule mesoteliali”, spiega O’Connor.

Le cellule mesoteliali comunicano con gli organi che si allineano usando piccole proiezioni chiamate microvilli, e il mezzo attraverso il quale mandano il loro messaggio è il neurotrasmettitore acetilcolina .

“Da infiammatorio a antiinfiammatorio”

Quindi cosa succede realmente? Gli autori dello studio osservano che coloro che hanno bevuto la soluzione di bicarbonato di sodio hanno subito un cambiamento nel tipo di cellule immunitarie attivate nella milza. Infatti, i macrofagi pro-infiammatori (M1) diminuivano di numero, mentre i livelli delle cellule anti-infiammatorie (M2) aumentavano.

Gli stessi tipi di cellule sono anche alloggiati nel sangue e nei reni, e il bicarbonato di sodio è usato per il trattamento della malattia renale cronica . Questa idea ha spinto gli autori del nuovo studio ad esplorare i meccanismi attraverso i quali questa sostanza potrebbe aiutare a migliorare la funzionalità renale.

“Abbiamo iniziato a pensare, come fa il bicarbonato a rallentare la progressione della malattia renale?” dice O’Connor.

Inizialmente, i ricercatori hanno analizzato gli effetti della soluzione di bicarbonato di sodio su un modello di ratto di malattia renale, e poi di nuovo su ratti sani, che fungevano da campione di controllo.

Questo è quando i ricercatori hanno notato che i livelli delle cellule M1 nei reni sono diminuiti, mentre quelli delle cellule M2 sono aumentati.

Entrambi i ratti con malattia renale e ratti sani hanno presentato lo stesso sviluppo. Ed è stato questo cambiamento a sottolineare l’idea che il bicarbonato di sodio potrebbe influenzare la risposta infiammatoria a livello cellulare.

Quando i ricercatori reclutarono studenti di medicina sani e chiesero loro di bere la soluzione di bicarbonato di sodio, divenne evidente l’effetto antinfiammatorio di questa sostanza avvenuta nella milza e nel sangue.

Il passaggio dal profilo infiammatorio a quello anti-infiammatorio sta avvenendo dappertutto, lo abbiamo visto nei reni, l’abbiamo visto nella milza, ora lo vediamo nel sangue periferico”.

Paul O’Connor

‘Modo sicuro per curare le malattie infiammatorie’?

Una delle principali rivelazioni degli autori fu il fatto che erano le cellule mesoteliali a mediare i segnali antinfiammatori.

Una teoria di lavoro esistente era che i segnali venivano trasmessi alle cellule pertinenti attraverso il nervo vago , un lungo nervo cranico che comunica con il cuore, i polmoni e vari organi nell’addome.

Ma gli esperimenti hanno rivelato che questa idea non era corretta. Quando gli scienziati hanno provato a tagliare questo nervo, questo non ha influenzato il comportamento delle cellule mesoteliali. Invece, è diventato evidente che queste cellule avevano una comunicazione più diretta con gli organi allineati di quanto si pensasse in precedenza.

O’Connor e il suo team sono venuti a conoscenza di questo quando hanno notato che il movimento delle cellule mesoteliali affette dalla milza che lo rivestivano e che i segnali che modulavano la risposta infiammatoria erano andati persi.

“Pensiamo che i segnali colinergici (acetilcolina) che sappiamo mediare questa risposta antinfiammatoria non provengano direttamente dal nervo vagale innervando la milza, ma dalle cellule mesoteliali che formano queste connessioni alla milza”, spiega O’Connor.

I risultati cominciano a fornire una risposta sul motivo per cui il bicarbonato di sodio può aiutare con le malattie autoimmuni, tra cui l’ artrite , e ulteriori ricerche su questi meccanismi potrebbero aiutare a ottimizzare i risultati ottenuti attraverso questo composto comune.

“È potenzialmente un modo veramente sicuro per curare le malattie infiammatorie”, conclude O’Connor.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...