Potrebbe la canapa aiutare a battere il cancro ovarico?

Un gruppo di ricercatori del Kentucky si è dedicato ad aumentare il profilo della canapa e dei suoi potenziali benefici per la salute. Dopo i loro studi preliminari, concludono che può essere d’aiuto nella lotta contro il cancro ovarico.
canapa

Potrebbe essere la canapa il prossimo miglior trattamento per il cancro?

La canapa e la marijuana sono nella stessa famiglia botanica, ma la prima non condivide le proprietà psicoattive di quest’ultima.

Come una delle prime piante ad essere coltivata, la canapa è stata utilizzata dagli esseri umani per migliaia di anni.

Abbigliamento, carta, vele, funi e scarpe delle navi sono stati tutti fatti di canapa.

Tuttavia, per una complessa rete di ragioni, è caduto in disgrazia durante il XX secolo.

Ma oggi la canapa si sta godendo un po ‘di Rinascimento e, secondo una nuova serie di studi, potrebbe un giorno svolgere un ruolo nel trattamento del cancro ovarico .

In particolare, il laboratorio di Wasana Sumanasekera – situato presso l’Università della Farmacia di Sullivan a Louisville, Kentucky – è attualmente un focolaio di ricerche sulla potenziale capacità della canapa di combattere il cancro .

Un nuovo ceppo di canapa

All’inizio di questa settimana, due dei ricercatori del laboratorio – Sara Biela e Chase Turner – hanno presentato i loro risultati più recenti alla riunione annuale dell’American Society for Biochemistry and Molecular Biology, che si è svolta a fianco del meeting Experimental Biology del 2018 , tenutosi a San Diego, in California.

Nessuno può aver perso la crescita lenta e costante della cannabis nella medicina tradizionale. La canapa, tuttavia, è stata quasi trascurata.

“La canapa, come la marijuana”, spiega Biela, “contiene componenti terapeuticamente preziosi come cannabidiolo, cannabinolo e tetraidrocannabinolo, ma a differenza della marijuana, l’abilità terapeutica della canapa non è stata studiata in dettaglio”.

Biela e Turner sono determinati a cambiare idea. Per i loro esperimenti, hanno usato un ceppo coltivato di canapa chiamato KY in canapa, coltivato in Kentucky.

È progettato per contenere i livelli ottimali di ingredienti terapeutici e viene coltivato in un ambiente che limita la possibilità di contaminazione.

Metastasi del cancro alla canapa e alle ovaie

Nel primo studio presentato, i ricercatori hanno aggiunto la canapa KY alle cellule di cancro ovarico in coltura. Come previsto, la canapa ha ridotto la capacità di migrazione delle cellule. Studi simili sono stati condotti utilizzando il cannabidiolo, ma questa è la prima volta che si studiano i poteri anti-migrazione della canapa.

Gli scienziati sperano che, potenzialmente, l’estratto possa un giorno essere utile per rallentare o prevenire le metastasi del cancro ovarico. Gli autori dello studio scrivono: “Sulla base dei dati qui, concludiamo che la canapa KY ha significative proprietà anti-metastatiche contro il cancro ovarico”.

Nel secondo studio , hanno deciso di esplorare come la canapa KY potrebbe proteggere attivamente contro il cancro ovarico. Nello specifico, gli scienziati erano interessati all’interleuchina IL-1 beta, una sostanza chimica coinvolta nell’infiammazione che si ritiene possa aiutare il progresso del cancro.

Gli autori scrivono: “Abbiamo ipotizzato che la modulazione della produzione di beta interleuchina-1 indotta dalla canapa possa giocare un ruolo negli effetti anti-cancro indotti dalla canapa”.

Come previsto, la canapa ha ridotto i livelli di beta IL-1 dell’interleuchina che sono stati prodotti. Questo, sperano, potrebbe costituire un nuovo modo di affrontare le future terapie antitumorali.

“Inostri risultati di questa ricerca, così come la ricerca precedente, mostrano che la canapa KY rallenta il carcinoma ovarico paragonabile o addirittura migliore dell’attuale farmaco Cisplatino per il cancro ovarico.”

Chase Turner

Turner continua: “Dal momento che il cisplatino presenta un’elevata tossicità, prevediamo che la canapa produrrebbe meno effetti collaterali, ma è necessario testarla in futuro.”

I due scienziati intendono continuare le loro indagini sulla canapa e sul cancro. Presto, sperano di portare le loro ricerche su un modello di topo: il prossimo passo sulla lunga strada verso le prove umane.

Sebbene questi studi siano preliminari, sottolineano l’importanza di non essere legati a un singolo approccio o composto. Pertanto, testare il maggior numero possibile di materie prime disponibili è un piano ragionevole.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...