Dalla Ricerca un nuovo approccio per curare la Psoriasi.

Gli scienziati hanno ora ricavato un composto dalle proprie cellule immunitarie e l’hanno usato per trattare con successo la psoriasi nei topi. Il modo in cui il composto funziona con il sistema immunitario del corpo lo rende un potenziale candidato per il trattamento di altri disordini autoimmuni, come l’artrite reumatoide e la sclerosi multipla.
psoriasi art

La psoriasi può essere presto trattata usando le proprie cellule immunitarie.

La psoriasi è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario non riconosce il proprio tessuto e inizia ad attaccarlo.

Questo accelera il ciclo di crescita delle cellule della pelle, che le fa accumulare in eccesso sulla superficie della pelle.

in Italia , circa 1,7 milioni di adulti hanno questa condizione, per la quale non esiste ancora una cura.

Ma una nuova ricerca offre speranza, come gli scienziati della Scuola di Medicina dell’Università di Washington a St. Louis, MO, rivelano un nuovo modo di usare l’immunità del corpo per combattere la psoriasi.

I ricercatori – guidati da Maxim Artyomov, un assistente professore di patologia e immunologia presso l’università – hanno scoperto che un composto blocca un percorso infiammatorio che è coinvolto in molte altre malattie autoimmuni.

risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature .

Itaconate e il “lato oscuro” di IL-17

In precedenti ricerche , un team guidato dallo stesso Artyomov ha mostrato che le cellule immunitarie infiammatorie chiamate macrofagi producono quantità significative di itaconato quando rilevano i batteri.

Hanno anche dimostrato che, in modo interessante, itaconato ha un effetto anti-infiammatorio quando questi macrofagi vengono attivati.

Per illuminare i meccanismi alla base di questa osservazione, hanno trattato i macrofagi di topi e umani con dimetilacatonato, che è una versione di itaconato che rende più facile permeare attraverso la membrana delle cellule.

Hanno rivelato che il dimetilacetonato inibisce una via infiammatoria denominata IL-17 . Questo percorso è fondamentale nella capacità del nostro corpo di combattere gli agenti patogeni, ma il suo “lato oscuro” è che facilita la distruzione autoimmune in condizioni come la sclerosi multipla (SM), la psoriasi e l’artrite reumatoide .

In questo caso, in particolare, il nuovo composto ha inibito le citochine IL-17 diminuendo una proteina chiamata IkappaBzeta.

Precedenti studi hanno suggerito che le variazioni genetiche di IkappaBzeta possono aumentare il rischio di psoriasi, quindi i ricercatori hanno ipotizzato che l’abbassamento di questa proteina con itaconato possa trattare la psoriasi.

I poteri nascosti di una piccola molecola

Per testare questa ipotesi, gli scienziati hanno indotto sintomi simili alla psoriasi nelle orecchie dei roditori. Hanno poi trattato i topi con dimetilacatonato al giorno per una settimana. Un altro gruppo di topi ha ricevuto solo un placebo .

Dopo una settimana, i topi che hanno ricevuto l’intervento hanno avuto orecchie normali e dall’aspetto sano, mentre i topi placebo hanno mostrato segni di peggioramento della psoriasi.

“Stiamo sfruttando il potere anti-infiammatorio del corpo e dimostrando che può aiutare in situazioni reali quando il tuo sistema immunitario ti sta facendo del male”, afferma Artyomov.

Lui ei suoi colleghi hanno già iniziato a esaminare l’effetto di itaconate su un modello murino di SM.

“Da quando abbiamo collegato itaconate all’attivazione delle cellule infiammatorie nel 2016, ci ha sorpreso”, dice Artyomov. “Tutti pensavano che se fosse prodotto da cellule infiammatorie dovrebbe combattere le infezioni, ma no – è anti-infiammatorio”.

Ora sappiamo che i composti itaconati possono aiutare con le malattie autoimmuni, in particolare nella psoriasi e potenzialmente nella sclerosi multipla, e questa piccola molecola si sta rivelando molto potente.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...