In Arrivo il Cerotto per il monitoraggio del Diabete.

Prove a dito per il monitoraggio della glicemia potrebbero presto diventare un ricordo del passato, grazie agli scienziati che hanno sviluppato un cerotto adesivo che misura i livelli di glucosio ogni 10-15 minuti.
cero1

I ricercatori hanno creato un cerotto adesivo che può monitorare i livelli di glucosio senza pungere la pelle.
Immagine di credito: Università di Bath

Creato da ricercatori dell’Università di Bath nel Regno Unito, il nuovo cerotto ha dimostrato di essere una strategia non invasiva fattibile per il monitoraggio del glucosio nel sangue nei test sia della pelle suina che umana.

Il co-autore dello studio Prof. Richard Guy, del Dipartimento di Farmacia e Farmacologia, e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati sulla rivista Nature Nanotechnology .

Si stima che circa 10,3 milioni di persone in Italia  vivano con il diabete , e ci sono circa 500 mila di nuovi casi diagnosticati ogni anno.

Il diabete di tipo 2 è la forma più comune di diabete e rappresenta il 90-95% di tutti i casi; sorge quando il corpo non è più in grado di usare l’ insulina in modo efficace, o non riesce a produrre abbastanza dell’ormone, facendo diventare i livelli di glucosio nel sangue troppo alti.

Il peso del test da dito

Per gestire efficacemente la condizione, le persone con diabete devono monitorare regolarmente i loro livelli di glucosio nel sangue. Ciò comporta l’uso di un misuratore di glucosio nel sangue, che verifica una goccia di sangue rilasciata attraverso una puntura dell’ago del dito.

La frequenza dei test della glicemia dipende dal tipo di diabete che una persona ha e dal tipo di farmaco che sta assumendo, ma è frequente la sperimentazione quotidiana, che può essere fino a 10 volte al giorno per le persone con diabete di tipo 1 .

Questa forma di test può essere un peso per le persone con diabete; la ricerca ha dimostrato che la paura del dolore e degli aghi, il costo delle strisce per il test del sangue e l’inconveniente del processo di auto-monitoraggio sono ostacoli al buon controllo della glicemia.

“Il più vicino che è stato raggiunto ha richiesto almeno una calibrazione a punto singolo con un classico” finger-stick “o l’impianto di un sensore precalibrato tramite un singolo inserimento dell’ago”, osserva il prof. Guy.

La nuova patch per la pelle creata dal Prof. Guy e colleghi, tuttavia, ha il potenziale per cambiare il volto del monitoraggio del glucosio.

Il Cerotto traccia accuratamente i livelli di glucosio

La patch della pelle consiste in sensori miniaturizzati che usano correnti elettriche per “estrapolare” il glucosio dal fluido che viene secreto dalle cellule sui follicoli piliferi.

Il cerotto raccoglie il glucosio in piccoli “serbatoi” e misura i livelli ogni 10-15 minuti. La speranza è che questa patch sia in grado di inviare letture glicemiche allo smartphone o allo smartwatch di un utente e far sapere loro quando hanno bisogno di farmaci.

È importante sottolineare che il cerotto non forare la pelle. Inoltre, la sua capacità di misurare il glucosio da un’area così piccola sui follicoli piliferi lo rende estremamente preciso, quindi non è necessario confermare le letture tramite il prelievo di sangue.

Il prof. Guy e colleghi hanno confermato l’accuratezza del cerotto testandolo sulla pelle di maiale. Hanno scoperto che era in grado di monitorare i livelli di glucosio a intervalli osservati negli esseri umani con diabete e con elevata precisione.

Ulteriori test su soggetti umani sani hanno scoperto che il cerotto era in grado di monitorare accuratamente i livelli di glucosio nell’arco di 6 ore.

Guardando avanti, il team spera di estendere il periodo di monitoraggio della glicemia a 24 ore, oltre a migliorare il numero di sensori in esso contenuti per aumentare ulteriormente la precisione.

Con tali modifiche, i ricercatori ritengono che il loro cerotto cutaneo possa fornire una tecnica di monitoraggio della glicemia non invasiva tanto necessaria per le persone con diabete.

“Un metodo non invasivo – cioè senza ago – per monitorare la glicemia si è dimostrato un obiettivo difficile da raggiungere”, osserva il prof. Guy.

Il monitor sviluppato a Bath promette un approccio senza calibrazione, un contributo essenziale nella lotta per combattere l’incidenza globale sempre crescente del diabete”.

Prof. Richard Guy

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...