Le barbabietole possono contrastare l’Alzheimer alla radice?

La malattia di Alzheimer è caratterizzata da placche di beta-amiloide nel cervello che interrompono il normale funzionamento dei neuroni. Potrebbe un comune pigmento vegetale fornire la soluzione?
barb1

Un nuovo pigmento trovato nelle barbabietole può aprire la strada a una migliore assunzione di farmaci contro l’Alzheimer, suggerisce una nuova ricerca.

La caratteristica fisiologica più importante della malattia di Alzheimer è l’eccesso di accumulo di amminoacidi chiamati beta-amiloide nel cervello.

Questi gruppi possono a volte venire insieme in formazioni ancora più grandi, conosciute come placche beta-amiloide.

Quando troppi raggruppamenti di beta-amiloide sono in grado di “accumularsi” nel cervello, interrompono il normale segnale tra i neuroni. I gruppi beta-amiloidi attivano anche la risposta infiammatoria del sistema nervoso , che è stata collegata alla progressione di questa condizione.

Ma cosa succederebbe se alcuni di questi processi fisiologici potessero essere rallentati grazie ad una sostanza comune trovata in una radice vegetale ampiamente disponibile?

I ricercatori dell’Università del sud della Florida a Tampa hanno sperimentato un composto chiamato betanina , che è il pigmento che dà alle barbabietole il loro colore rosso scuro.

Li-June Ming, Darrell Cole Cerrato ei loro colleghi spiegano che questo pigmento vegetale interagisce con la beta amiloide, prevenendo alcuni dei processi che possono avere effetti dannosi sul cervello.

I risultati della ricerca del team sono stati presentati questa settimana al 255 ° National Meeting & Exposition della American Chemical Society , tenutosi a New Orleans, Los Angeles.

Betanina può prevenire l’ossidazione

Uno studio pubblicato lo scorso anno su The Journals of Gerontology Series A ha dimostrato che bere succo di barbabietola prima dell’esercizio aerobico ha fatto sembrare il cervello vecchio più giovane aumentando il flusso di sangue al cervello e regolando la circolazione dell’ossigeno.

Incuriositi da questa e simili ricerche, Ming e il team hanno deciso di vedere se il betanin, comunemente trovato in questi ortaggi a radice, potesse essere usato per prevenire la formazione di beta amiloide in gruppi che influivano sulla comunicazione tra le cellule cerebrali.

Gli studi dimostrano che l’aggregazione della beta amiloide in cluster dannosi dipende spesso dalla loro interazione con le molecole di metallo – specialmente quelle di zinco e rame – nel cervello.

Quando questi cluster si formano, spiegano i ricercatori del nuovo studio, la beta amiloide facilita l’infiammazione cerebrale e l’ossidazione dei neuroni, il che si traduce in danni irreparabili a queste cellule cerebrali.

Ming e colleghi hanno deciso di vedere se l’aggiunta di betanina nel mix chimico potrebbe interrompere il processo di aggregazione e prevenire il danno.

Per fare ciò, hanno condotto una serie di esperimenti di laboratorio in cui hanno monitorato l’attività dell’amiloide beta in diversi contesti utilizzando 3,5-Di-ter-butilcatecholo (DTBC), un composto che consente ai ricercatori di osservare il processo di ossidazione.

Utilizzando la spettrofotometria ultravioletta-visibile, i ricercatori hanno poi osservato se e in quali circostanze la beta amiloide era in grado di ossidare il DTBC. Non sorprende che abbiano visto che la beta amiloide da sola non ha prodotto molto danno ossidativo – ma quando si è legata alle molecole di rame, l’ossidazione era considerevole.

Tuttavia, in un ulteriore esperimento che ha aggiunto betanin al mix, Ming e colleghi hanno visto che il pigmento riduceva la quantità di ossidazione causata dal beta amiloide fino al 90%.

Tale scoperta ha spinto i ricercatori a ipotizzare che il composto derivato dalla barbabietola potrebbe essere un buon posto per cercare i migliori farmaci di Alzheimer.

“I nostri dati suggeriscono che il betanin, un composto estratto di barbabietola, mostra alcune promesse come inibitore di alcune reazioni chimiche nel cervello che sono coinvolte nella progressione della malattia di Alzheimer”, dice Ming.

Questo è solo un primo passo, ma speriamo che le nostre scoperte incoraggeranno altri scienziati a cercare strutture simili alla betanina che potrebbero essere utilizzate per sintetizzare farmaci che potrebbero rendere la vita un po ‘più facile per coloro che soffrono di questa malattia”.

Li-June Ming

Mentre gli scienziati diffidano nel sostenere che il composto derivato dalla barbabietola possa prevenire completamente l’Alzheimer, suggeriscono che potrebbe fornire la chiave per affrontare le sue radici fisiologiche.

“Non possiamo dire che betanin fermi completamente il misfolding [della beta amiloide], ma possiamo dire che riduce l’ossidazione”, spiega Cerrato.

“Una minore ossidazione”, continua, “potrebbe prevenire un misfolding fino a un certo punto, forse fino al punto di rallentare l’aggregazione dei peptidi beta-amiloide, che si ritiene sia la causa principale dell’Alzheimer”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...