Il rischio di morte è aumentato con due farmaci per la pressione del sangue. Farmjet news Condividete l’articolo

L’ipertensione, o ipertensione, è un importante fattore di rischio per le malattie cardiache, la principale causa di morte negli Stati Uniti. Ma un nuovo studio ha scoperto che due classi di farmaci comunemente usati per abbassare la pressione sanguigna potrebbero presentare un rischio di morte tutto da soli.
ipert

I ricercatori hanno identificato due farmaci per la pressione del sangue che potrebbero aumentare il rischio di mortalità.

Gli scienziati dell’Intermountain Medical Center Heart Institute di Salt Lake City, UT, hanno scoperto che individui con ipertensione che usavano alfa bloccanti e alfa-2 agonisti per controllare la pressione sanguigna hanno mostrato un aumento della variabilità della pressione arteriosa, che potrebbe aumentare il rischio di mortalità.

L’autore principale dello studio, il dott. Brian Clements e il team, hanno recentemente presentato i loro risultati alle sessioni scientifiche del 2018 dell’American College of Cardiology (ACC) , tenutasi a Orlando, Florida.

La pressione sanguigna è la forza del sangue che spinge contro il muro delle arterie. E, nel novembre dello scorso anno, l’American Heart Association (AHA) e l’ACC hanno stabilito nuove linee guida .

Ora, una persona è considerata avere ipertensione se la sua pressione sistolica (il numero più alto) è 130 millimetri di mercurio (mmHg) o superiore e la sua pressione diastolica (il numero inferiore) è 80 mmHg o superiore.

La pressione sistolica è la forza del sangue contro le pareti delle arterie quando il cuore batte, mentre la pressione diastolica è la forza del sangue quando il cuore è a riposo o tra i battiti del cuore.

Le linee guida aggiornate indicano che quasi la metà degli adulti negli Stati Uniti soffre di ipertensione, il che li espone a un maggiore rischio di infarto, ictus e malattie cardiache, tra gli altri problemi di salute.

Naturalmente, quando si tratta di trattare l’ipertensione, l’obiettivo è abbassare la pressione sanguigna. Questo può essere ottenuto attraverso i cambiamenti dello stile di vita – come l’adozione di una dieta salutare e l’aumento dell’attività fisica – farmaci, o entrambi.

Ricerche precedenti, tuttavia, hanno scoperto che la coerenza è la chiave per i livelli di pressione sanguigna. Uno studio pubblicato su The BMJ nel 2016, ad esempio, ha associato una maggiore variabilità della pressione sistolica con un aumento del 15% della mortalità per tutte le cause .

Secondo il nuovo studio del dott. Clements e colleghi, alcuni tipi di farmaci usati per abbassare la pressione sanguigna potrebbero contribuire a questo rischio di mortalità.

Due farmaci ‘dovrebbero essere evitati’

Per il loro studio, i ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 10.500 adulti con ipertensione .

I partecipanti hanno misurato la loro pressione sanguigna almeno sette volte tra gennaio 2007 e dicembre 2011 e il tipo di farmaci per la pressione arteriosa che stavano usando è stato monitorato.

Lo studio ha rivelato due classi di farmaci per la pressione del sangue che sono stati collegati a una maggiore variabilità della pressione sanguigna nei soggetti: alfa-bloccanti e alfa-2 agonisti.

Gli alfa-bloccanti – che comprendono doxazosina mesilato e prazosina cloridrato – agiscono dilatando i vasi sanguigni. Gli agonisti Alpha-2, come la metildopa, agiscono concentrando l’attività del sistema nervoso simpatico, riducendo così la costrizione dei vasi sanguigni.

Sulla base dei risultati dello studio, il Dr. Clements e colleghi dicono che questi due farmaci non dovrebbero essere usati per trattare l’ipertensione.

“I pazienti devono sapere qual è la loro pressione sanguigna”, dice, “e se è su e giù per tutto il tempo, il paziente dovrebbe lavorare con il proprio medico per esplorare le opzioni per i migliori farmaci per la pressione del sangue che ridurranno le variazioni”.

Dove possibile, i due tipi di farmaci che mostrano un aumento delle varianze dovrebbero essere evitati.”

Dr. Brian Clements

Il Dr. Clements aggiunge che gli inibitori dell’asso, i bloccanti dei recettori dell’angiotensina, ibloccanti dei canali del calcio e i diuretici tiazidici possono essere opzioni di trattamento più sicure per le persone con ipertensione. “Le persone che si trovano su altri tipi di farmaci per la pressione del sangue hanno un aumentato rischio di morte”, aggiunge.

Tuttavia, la variabilità della pressione arteriosa non è dovuta solo ai farmaci; Il dott. Clements nota che il modo in cui viene misurata la pressione del sangue può avere un effetto significativo sulle letture.

“[…] a causa delle variabili che influenzano le misurazioni della pressione sanguigna”, afferma il dott. Clements, “trovare modi per misurare più accuratamente la pressione arteriosa può identificare meglio i trattamenti efficaci per i pazienti con ipertensione”.

Per letture accurate della pressione sanguigna, raccomanda di sedersi o sdraiarsi per 15 minuti prima di eseguire le misurazioni. Anche evitare situazioni di stress e usare un bracciale per la pressione del sangue ben aderente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...