Come ridurre la prostata in modo naturale

La prostata ingrandita o l’allargamento prostatico benigno si verifica quando le cellule della prostata si dividono e si moltiplicano in modo anomalo, causando un aumento delle dimensioni dell’organo.

L’allargamento prostatico benigno o BPE è anche comunemente chiamato iperplasia prostatica benigna o BPH.

Una prostata ingrossata può causare sintomi frustranti e fastidiosi, più comunemente problemi urinari e sessuali.

Questi problemi possono ridurre la qualità della vita complessiva di un individuo. Tuttavia, l’IPB non è associata al cancro e di solito non rappresenta una seria minaccia per la salute.

Ci sono diverse opzioni di trattamento, tra cui una vasta gamma di rimedi naturali e cambiamenti nello stile di vita, che possono aiutare ad alleviare i sintomi dell’IPB.

Rimedi naturali per un ingrossamento della prostata

I rimedi casalinghi per un ingrossamento della prostata includono:

psa1Pygeum può aiutare a ridurre i sintomi dell’IPB.

1. Pygeum (estratto di prugna africana)

È stato anche dimostrato che Pygeum contiene un’ampia gamma di acidi grassi, alcoli e steroli come il beta-sitosterolo che hanno un effetto antiossidante e antinfiammatorio sul tratto urogenitale.

Alcuni studi indicano che consumare quotidianamente da 100 a 200 mg di estratto di pygeum o dividerlo in due dosi da 50 mg due volte al giorno può aiutare a ridurre i sintomi dell’IPB.

2. Il Saw palmetto

Saw Palmetto è uno dei supplementi di erbe più studiati e popolari usati per il trattamento di BPH.

Numerosi studi hanno associato la saw palmetto a una riduzione dei sintomi dell’IPB. Questo è più probabile perché inibisce la produzione di testosterone e riduce le dimensioni del rivestimento interno della prostata.

Tuttavia, altri studi non sono stati in grado di stabilire se l’uso di integratori di palmetto ha un impatto sui sintomi di BPH rispetto a un placebo .

3. Pillola Zi-Shen (ZSP)

La pillola Zi-Shen (ZSP) contiene una miscela di tre piante, tra cui la cannella cinese .

La formula deriva dall’antica medicina cinese risalente al 13 ° secolo. I ricercatori hanno dimostrato che i ratti che hanno ricevuto la formula di Zi-Shen hanno tassi ridotti di BPH.

Sono necessarie ulteriori ricerche sugli esseri umani per determinare se sia efficace.

4. Cernilton

Alcune persone usano integratori a base di erbe fatte di polline di erba di segale per trattare i sintomi dell’IPB. Questi sintomi fastidiosi possono includere l’incapacità di svuotare completamente la vescica e la necessità di urinare frequentemente nelle ore notturne.

Sotto il marchio Cernilton, il polline di erba di segale è incluso nella formula di diversi integratori farmaceutici registrati mirati ad alleviare i sintomi dell’IPB.

Nonostante la sua popolarità, Cernilton non ha mai avuto effetti sui sintomi dell’IPB in studi scientifici su larga scala. Tuttavia, alcuni indicano che può aiutare a ridurre le dimensioni complessive della prostata.

Sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire se funziona o meno.

5. Orbignya speciosa ( babassu )

Babassu o Orbignya speciosa è una specie di palma originaria del Brasile. Diverse tribù e comunità indigene brasiliane usano i chicchi essiccati o macinati dall’albero per trattare i sintomi e le condizioni urogenitali.

È stato anche dimostrato che l’ olio di noci di babassu inibisce la produzione di testosterone, mentre altre parti della noce contengono composti con proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti.

6. Ortica

L’ortica contiene composti antiossidanti e anti-infiammatori simili a pygeum e saw palmetto.

La radice di ortica è talvolta usata in combinazione con saw palmetto. Sono necessarie ulteriori ricerche , tuttavia, per determinare se è efficace.

7. Cucurbita pepo (semi di zucca)

I semi di zucca contengono beta-sitosterolo, un composto simile al colesterolo e presente in alcune piante. Studi preliminari hanno dimostrato che il beta-sitosterolo può migliorare il flusso di urina e ridurre la quantità di urina rimasta nella vescica dopo la minzione.

Alcuni studi raccomandano di assumere quotidianamente 10 g di estratto di semi di zucca per i sintomi dell’IPB.

8. Licopene

Il licopene è un pigmento presente in natura in molti frutti e verdure. Uno studio ha scoperto che può aiutare a rallentare la progressione dell’IPB.

I pomodori sono la fonte più ricca di licopene disponibile per la maggior parte delle persone. Ma alcuni altri frutti e verdure contengono livelli più bassi di questo antiossidante.

Di solito, più profondo è il colore rosa o rosso della frutta o verdura, maggiore è il contenuto di licopene.

Altre fonti di licopene includono:

  • papaia
  • pompelmo rosa
  • anguria
  • guaiava
  • carote
  • peperoni rossi
  • albicocche
  • cavolo rosso

9. Zinco

psa2Gli integratori di zinco possono aiutare a ridurre i sintomi urinari legati a una prostata ingrossata.

Le carenze croniche di zinco hanno dimostrato di aumentare potenzialmente la probabilità di sviluppare BPH. Assumere integratori di zinco o aumentare l’assunzione di zinco nella dieta può aiutare a ridurre i sintomi urinari associati ad una prostata ingrossata.

Lo zinco si trova nel pollame, nei frutti di mare e in diversi tipi di semi e noci, come il sesamo e la zucca.

10. Tè verde

Il tè verde ha un sacco di antiossidanti chiamati catechine che hanno dimostrato di migliorare il sistema immunitario e potenzialmente rallentare la progressione del cancro alla prostata .

È importante tenere presente che il tè verde contiene caffeina. La caffeina può stimolare la vescica e causare un’improvvisa urgenza di urinare, potenzialmente aggravando i sintomi dell’IPB.

Suggerimenti sullo stile di vita per la gestione di BPH

I consigli sullo stile di vita che possono aiutare qualcuno a gestire i sintomi di una prostata ingrossata sono i seguenti:

  • Tentare di urinare almeno una volta prima di uscire di casa per evitare perdite urinarie o altri incidenti in pubblico che possono essere molto stressanti e imbarazzanti.
  • Doppio vuoto cercando di urinare di nuovo pochi minuti dopo aver urinato la prima volta, per drenare la vescica il più possibile durante le visite al bagno.
  • Cerca di non bere liquidi nelle 2 ore prima di andare a letto per evitare di andare a dormire con la vescica piena.
  • Cerca di rimanere idratato bevendo almeno 2 litri di acqua al giorno.
  • Cerca di mantenere un peso corporeo sano il più possibile.
  • Esercitare regolarmente e il più spesso possibile.
  • Cerca di non bere troppo alla volta.
  • Cerca di ridurre o evitare lo stress per ridurre la necessità di urinare.
  • Evitare o limitare i prodotti che causano disidratazione , come farmaci a freddo e decongestionanti
  • Utilizzare assorbenti o pantaloni urinari assorbenti per assorbire le perdite di urina e ridurre l’umidità e il disagio.
  • Utilizzare guaine urinarie, che sono a forma di preservativo e si adattano al pene per drenare l’urina in una piccola borsa legata alla gamba.
  • Utilizzare il massaggio uretrale, dopo aver urinato, premendo delicatamente le dita verso l’alto dalla base dello scroto per cercare di spremere qualsiasi urina lasciata nell’uretra e prevenire eventuali fuoriuscite successive.

Quali sono le cause di una prostata ingrossata?

psa3L’IPB può essere correlato a cambiamenti ormonali che si verificano con l’età.

Nella stragrande maggioranza dei casi, BPH è idiopatico, il che significa che non ha una causa nota. Medici e ricercatori stanno ancora cercando di capire esattamente come e perché le cellule della prostata di alcune persone iniziano a dividersi in modo anomalo.

Ma la maggior parte dei casi di BPH colpisce uomini di almeno 40 anni, più comunemente quelli di 50 anni o più. Quindi molti studi suggeriscono che l’IPB sia correlato a cambiamenti ormonali, in particolare quelli che si verificano naturalmente con l’età.

Man mano che gli uomini invecchiano, i loro livelli ormonali cambiano, in particolare i livelli di testosterone, estrogeni e un sottoprodotto del testosterone chiamato diidrotestosterone ( DHT ).

Alcuni studi hanno dimostrato che i cambiamenti nell’equilibrio di questi ormoni possono far sì che alcune cellule della prostata crescano e si dividano in modo anomalo.

Rischi per un ingrossamento della prostata

I potenziali fattori di rischio di una prostata ingrossata includono:

  • età
  • diabete
  • obesità
  • storia familiare di BPH
  • malattia del cuore
  • Patrimonio asiatico o discesa

La maggior parte degli uomini ha una probabilità del 50% di avere BPH all’età di 60 anni e una possibilità del 90% all’età di 85 anni.

Alimenti che possono aiutare

Diversi tipi di alimenti e sostanze nutritive possono ridurre o innescare l’IPB e i suoi sintomi associati.

Gli alimenti che possono essere utili per BPH includono:

  • alimenti ricchi di fibre, come cereali integrali, legumi, fagioli e verdure scure e frondose
  • frutta e verdura ricca di antiossidanti, in genere di colore rosso scuro, giallo e arancio
  • alimenti ricchi di zinco, come uova, la maggior parte dei tipi di pesce e noci
  • prodotti che contengono fitoestrogeni, come alimenti a base di soia, ceci, erba medica e fave
  • alimenti ricchi di acidi grassi omega-3 , tra cui la maggior parte dei pesci e alcune noci e semi, come la canapa e la chia

Le persone con BPH, o quelle a rischio di sviluppo, dovrebbero evitare o limitare includere:

  • caffeina
  • dolcificanti artificiali
  • alcool
  • nicotina
  • bevande gassate
  • amidi, cibi raffinati
  • carne rossa

Fare cambiamenti nella dieta può aiutare a gestire o prevenire un ingrossamento della prostata e qualsiasi sintomo conseguente.

Farmajet consiglia il PROSTADIN per problemi di prostatite Acuta

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...