Un nuovo farmaco potrebbe ridurre le vampate di calore ‘del 72%’

Una prova di una nuova classe di farmaci trova che può ridurre le vampate di calore della menopausa di quasi tre quarti entro 4 settimane e che questo effetto inizia entro 3 giorni dall’inizio della terapia.
vamp1

Una nuova classe di farmaci potrebbe ridurre alcuni dei sintomi della menopausa.

Il composto sperimentale, che è stato inizialmente sviluppato per trattare la schizofrenia , ha ancora bisogno di sottoporsi a ulteriori studi per valutare pienamente la sua sicurezza ed efficacia nell’alleviare le vampate di calore nelle donne in menopausa.

Tuttavia, i ricercatori sperano che la nuova classe di farmaci offrirà presto un’alternativa efficace per le donne che non dovrebbero o non desiderano sottoporsi a terapia ormonale sostitutiva (HRT).

I risultati dello studio sono stati riportati nel 2017. Ma più recentemente, i ricercatori hanno effettuato una nuova analisi che ha esaminato più dettagliatamente l’andamento temporale degli effetti della droga.

I risultati della nuova analisi, condotta dall’Imperial College di Londra nel Regno Unito, sono pubblicati sulla rivista Menopause .

“Lo sapevamo già”, dice l’autore senior dello studio Waljit Dhillo, professore al Dipartimento di Medicina dell’Imperial College di Londra, “questo composto potrebbe essere un punto di svolta per le donne in menopausa e liberarsi di tre quarti delle loro vampate di calore in 4 settimane.”

“Ma questa nuova analisi”, continua, “conferma che l’effetto benefico si ottiene molto rapidamente – in soli 3 giorni”.

La menopausa, vampate di calore e HRT

La menopausa è un palcoscenico nella vita di una donna in cui i suoi periodi si fermano e il suo livello di ormone estrogeno – che è prodotto dalle ovaie – inizia a diminuire e perde la sua capacità di rimanere incinta naturalmente. Questo di solito si verifica tra i 45 ei 55 anni.

“Vampate di calore” è un termine comune per gli episodi ricorrenti e temporanei di “sintomi vasomotori”, in cui le donne si avvicinano e attraversano la menopausa, arrossendo, sensazioni calde al viso e alla parte superiore del corpo.

Negli Stati Uniti, circa tre quarti delle donne in menopausa riferiscono di avere vampate di calore.

Alcune donne sentiranno vampate di calore come nient’altro che fastidi o imbarazzi, ma per molti altri, gli episodi possono essere molto scomodi, causando l’inzupparsi di sudore.

Le vampate di calore possono anche verificarsi durante la notte, durante il sonno, e quindi causare sudorazioni notturne. In alcuni casi, i sintomi sono abbastanza gravi da incidere sulla qualità della vita.

L’esperienza di ogni donna di vampate calde tende a seguire uno schema che è unico per lei. Tipicamente, la loro frequenza aumenta man mano che si avvicina alla menopausa, quindi raggiunge un picco per circa 2 anni dopo la menopausa e gradualmente diminuisce successivamente.

L’esperienza delle vampate di calore può durare da 6 mesi a 5 anni, anche se in alcuni casi possono durare 10 anni o più.

La terapia ormonale sostitutiva ha contribuito ad alleviare i sintomi della menopausa in molte donne. Tuttavia, poiché si basa sugli estrogeni, non è privo di rischi.

Ad esempio, nel loro articolo, gli autori dello studio affermano che la terapia ormonale sostitutiva non è raccomandata per le donne con una storia di cancro al seno . Altre ricerche hanno anche collegato la HRT al rischio di cancro ovarico .

Grande riduzione delle vampate di calore entro 3 giorni

Il nuovo articolo descrive come un composto sperimentale – denominato MLE4901 – è stato testato in uno studio randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo. I partecipanti erano 37 donne in menopausa di età 40-62 che stavano avendo almeno sette vampate al giorno.

Il team ha assegnato a caso alle donne un corso di 4 settimane di una dose giornaliera di 80 milligrammi del farmaco o di un placebo .

Dopo le 4 settimane, le donne si sono quindi trasferite, in modo che quelli del farmaco prendessero il placebo e quelli del placebo prendessero il farmaco per altre 4 settimane.

I risultati hanno rivelato che quando assumevano il farmaco sperimentale, le donne hanno sperimentato, in media, meno vampate di calore durante le 4 settimane, rispetto al numero medio riscontrato nelle 4 settimane in cui hanno assunto il placebo.

Ma un risultato di prova altrettanto importante – che è diventato evidente quando i ricercatori hanno effettuato la nuova analisi del tempo – è stato che il composto ha iniziato a mostrare un “effetto significativo” in soli 3 giorni.

Ad esempio, entro il terzo giorno di trattamento con il farmaco, la frequenza delle vampate di calore si è ridotta del 72% “rispetto al basale” e ha mostrato una “riduzione di 51 punti percentuali rispetto al placebo”, osservano gli autori dello studio.

La dimensione di questo effetto “persisteva per tutto il periodo di 4 settimane”, aggiungono, osservando inoltre che il farmaco riduce anche la gravità delle vampate di calore del 38% al giorno 3.

Il nuovo farmaco potrebbe alleviare molti sintomi

Il Prof. Dhillo dice che poiché MLE4901 ha effetti collaterali che hanno un impatto sul fegato, saranno altri farmaci con la stessa azione che saranno testati ulteriormente nelle prove. Un processo è già iniziato negli Stati Uniti

I ricercatori pensano che i composti agiscano inibendo la neurochinina B (NKB), una sostanza nel cervello che studi precedenti su animali ed esseri umani hanno suggerito per scatenare vampate di calore.

La nuova analisi ha anche rilevato che il nuovo farmaco ha alleviato le vampate diurne e quelle notturne.

Inoltre, le donne hanno riferito che il numero di vampate di calore che hanno interrotto il sonno durante la notte è sceso dell’82% e che hanno sperimentato il 77% in meno di compromissione della concentrazione quando si trovava sul farmaco.

Tuttavia, i ricercatori non hanno potuto dire se questi ulteriori miglioramenti fossero il risultato di un minor numero di vampate di calore o di un risultato diretto dell’effetto del composto sul cervello.

Sono fiduciosi, tuttavia, che il farmaco possa migliorare direttamente molti sintomi della menopausa – da vampate di calore a disturbi del sonno e difficoltà di concentrazione e persino aumento di peso – a causa delle molte parti del cervello affette da NKB.

Il prof. Dhillo nota che il processo ha permesso loro di trovare un “nuovo uso terapeutico per il composto – che in precedenza era rimasto sullo scaffale inutilizzato” – e che si aspettano che entro 3 anni, stia facendo “una differenza tangibile la vita di milioni di donne “.

Questa classe di nuovi farmaci può fornire alle donne un’alternativa tanto necessaria alla terapia ormonale sostitutiva.”

Prof. Waljit Dhillo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...