La vitamina D potrebbe ridurre il rischio di morte cardiovascolare?

Le persone che hanno malattie cardiovascolari possono ridurre il rischio di morte di quasi un terzo semplicemente mantenendo normali livelli di vitamina D. Questo è il risultato di un nuovo studio recentemente pubblicato su The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism .
vita dI ricercatori dicono che i livelli di vitamina D troppo bassi o troppo alti potrebbero aumentare il rischio di morte per malattia cardiovascolare.

Le malattie cardiovascolari (CVD) è un termine generico per le condizioni che interessano il cuore ei vasi sanguigni, tra cui le malattie cardiache , infarto , insufficienza cardiaca e ictus.

CVD è il killer numero 1 negli Stati Uniti. Le malattie cardiache da sole sono responsabili di circa 610.000 morti nel paese ogni anno.

Ricerche precedenti suggeriscono che lo stato di vitamina D può giocare un ruolo importante nella salute cardiovascolare.

Uno studio riportato da Medical News Today nel 2016, ad esempio, ha associato bassi livelli di vitamina D con maggiore rischio di ictus, insufficienza cardiaca, infarto e morte cardiovascolare.

Il nuovo studio – condotto dal Prof. Jutta Dierkes, del Dipartimento di Medicina Clinica dell’Università di Bergen in Norvegia – ha approfondito il ruolo dei livelli di vitamina D nel rischio di morte per malattia cardiovascolare.

Mortalità CVD ridotta del 30%

Al fine di raggiungere i loro risultati, il Prof. Dierkes e colleghi hanno analizzato i campioni di sangue di 4,114 adulti che avevano sospettato l’ angina pectoris , che è il dolore al petto a causa di malattia coronarica .

I soggetti avevano un’età media di 62 anni al basale dello studio e sono stati seguiti per una media di 12 anni.

Secondo il National Institutes of Health (NIH) , un livello 25 (OH) D di 50-125 nanomoli per litro (nmol / l) è “generalmente considerato adeguato per l’osso e la salute generale in individui sani”.

Nello studio, i ricercatori hanno scoperto che le concentrazioni di 25 (OH) D ottimali per il rischio di mortalità erano 42-100 nmol / l. Concentrazioni inferiori a 42 nmol / le superiori a 100 nmol / l erano associate a un maggior rischio di morte per CVD.

Infatti, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti con le concentrazioni ottimali di 25 (OH) D avevano il 30% in meno di probabilità di morire di CVD.

“Abbiamo scoperto”, afferma il Prof. Dierkes, “che la giusta quantità di vitamina D riduce sostanzialmente il rischio di morte, tuttavia, troppo o troppo poco aumenta il rischio”.

Sulla base di questi risultati, il Prof. Dierkes raccomanda che tutte le persone con CVD abbiano i loro livelli di vitamina D misurati e monitorati. Se i livelli sono inferiori al normale, potrebbe essere necessario un supplemento di vitamina D.

Detto questo, i ricercatori osservano che la quantità ottimale di vitamina D non è la stessa per tutti. “Dipende da dove vivi e che tipo di dieta hai”, aggiunge il prof. Dierkes.

La fonte primaria di vitamina D è la luce solare, ma possiamo anche ottenerla da determinati alimenti – tra cui salmone, tonno e uova – e integratori alimentari, che sono disponibili per l’acquisto online su  Farmajet  .

Tuttavia, vale la pena notare che sono necessari ulteriori studi prima che la vitamina D possa essere raccomandata come integratore benefico per le persone con CVD.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...