Scoperto un enzima che potrebbe fermare la diffusione del cancro. Farmajet news

Gli scienziati hanno identificato un nuovo meccanismo enzimatico che induce le cellule tumorali che stanno per emigrare per distruggere se stesse degradando le loro minuscole centrali elettriche, o mitocondri. Sperano che questa scoperta porti a nuovi trattamenti che possano impedire la diffusione dei tumori.
enzimac

Il cancro metastatico è difficile da prevenire. Potrebbe RIPK1 aiutare?

Il processo attraverso il quale le cellule tumorali si liberano dai loro siti primari e migrano nel tessuto vicino e distante è noto come metastasi.

È “la ragione principale ” che il cancro è una malattia così grave.

Una volta iniziata la metastasi, la malattia è molto più difficile da controllare e pochi tumori possono essere curati una volta che diventano metastatici.

Ad esempio, anche se solo il 5% circa dei tumori al seno nelle donne sono metastatici alla prima diagnosi, la stragrande maggioranza dei decessi è dovuta a metastasi.

Staccare dalla matrice extracellulare

In un rapporto sui risultati che è stato pubblicato di recente sulla rivista Nature Cell Biology , i ricercatori dell’Università di Notre Dame nell’Indiana spiegano come le cellule tumorali debbano prima staccarsi dalla matrice extracellulare – o lo “scaffold proteico” che normalmente detiene le cellule in posto – prima che possano iniziare a migrare.

Per liberarsi con successo, le cellule tumorali devono sconfiggere vari meccanismi che normalmente innescano la morte cellulare quando le cellule si staccano dalla matrice extracellulare. Man mano che i tumori si sviluppano, le loro cellule possono diventare resistenti a questi meccanismi.

Ricerche precedenti suggerivano che un tale meccanismo potesse funzionare aumentando l’ossidazione stress sulla cella, ma i dettagli sono rimasti “mal definiti”, si noti agli autori.

Il nuovo studio ha studiato un enzima cellulare chiamato protein chinasi 1 recettore-recettore (RIPK1), che era già noto per svolgere un ruolo in un tipo di morte cellulare chiamata necrosi.

Un nuovo ruolo sorprendente per RIPK1 nella morte cellulare

Mentre stavano indagando su RIPK1, gli scienziati furono sorpresi di scoprire che l’enzima sembrava avere un effetto sui mitocondri, suggerendo un ruolo in un tipo completamente diverso di morte cellulare.

“Pensavamo davvero”, spiega l’autore dello studio senior Zachary Schafer, professore associato di biologia del cancro, “questa sarebbe stata una storia di necrosi, ma non siamo stati in grado di vederne le prove e sapevamo che doveva esserci qualcosa mancavano.”

Lui ei suoi colleghi hanno rivelato che l’attivazione di RIPK1 mentre la cellula si stacca dalla matrice extracellulare innesca un processo chiamato mitofagia che degrada i mitocondri, che sono i piccoli compartimenti cellulari – a volte indicati come “centrali elettriche” – che forniscono la maggior parte dell’energia della cellula.

La mitofagia innesca ulteriori reazioni nella cellula distaccata che aumenta i livelli di specie reattive dell’ossigeno o i composti che causano l’ossidativo stress che porta alla morte cellulare.

Guardare i numeri mitocondriali ha cambiato radicalmente il nostro modo di pensare e ci ha focalizzato su un modo diverso in cui RIPK1 può far morire le cellule”.

Prof. Zachary Schafer

Ulteriori test hanno rivelato che il blocco del pathway RIPK1 rilevante ha promosso la formazione del tumore in un modello dal vivo.

Gli autori dello studio concludono che i loro risultati suggeriscono che il targeting dell ‘”induzione della mitophagia mediata da RIPK1″ potrebbe essere un modo efficace per fermare la diffusione dei tumori eliminando le cellule tumorali che si staccano dalla matrice extracellulare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...