La molecola di “superassassino” di Huntington potrebbe uccidere il cancro

super1

Gli scienziati che hanno sondato la ragione per cui il cancro è molto meno comune negli individui con la malattia di Huntington hanno rivelato che il gene responsabile della condizione del cervello fatale produce una molecola che è mortale per le cellule tumorali.

Perché le persone con la malattia di Huntington hanno meno probabilità di essere diagnosticate con un cancro?

In un recente articolo pubblicato sulla rivista EMBO Reports , gli scienziati della Northwestern University di Chicago, IL, hanno notato esattamente come hanno testato la molecola nelle cellule di cancro umano e di topo , nonché nei topi con cancro ovarico .

“Questa molecola”, spiega l’autore senior dello studio Marcus E. Peter, che è professore di metabolismo del cancro, “è un superassassino contro tutte le cellule tumorali, non abbiamo mai visto nulla di così potente”.

Lui ei suoi colleghi sperano che la scoperta porterà a un trattamento di breve durata in grado di colpire e distruggere le cellule tumorali senza innescare il progressivo danno cerebrale che si verifica a fianco della malattia di Huntington .

La malattia di Huntington è una malattia fatale ed ereditaria che distrugge le cellule nervose nel cervello, causando un progressivo declino delle capacità mentali e fisiche. I sintomi generalmente emergono tra i 30 ei 50 anni e progrediscono in un periodo che dura 10-25 anni.

Ci sono attualmente 30.000 persone negli Stati Uniti che vivono con la malattia di Huntington, così come altri 200.000 che sono a rischio di ereditarla.

Il gene difettoso ha troppi modelli ripetuti

Attualmente non esiste una cura per la malattia di Huntington, che deriva da un difetto nel gene huntingtina. Il gene è passato da genitore a figlio. I bambini con un genitore che ha la malattia hanno una probabilità del 50% di portare il gene.

Il gene huntingtina difettoso contiene più di un numero normale di ripetizioni di una determinata sequenza di nucleotidi nel suo codice di DNA. I nucleotidi sono “l’alfabeto” del DNA e dell’RNA e ce ne sono cinque: A, G, C, T e U.

Nella malattia di Huntington, il gene huntingtina contiene troppe sequenze ripetute di CAG. Le sequenze più ripetute di CAG nel gene, prima si sviluppa la malattia.

Le sequenze ripetute danno origine a molecole chiamate piccoli RNA interferenti che attaccano i geni che sono importanti per la sopravvivenza delle cellule e innescano un tipo di morte cellulare a cui sono sensibili le cellule cerebrali.

Tuttavia, sembra che le cellule tumorali siano molto più vulnerabili a questo tipo di morte cellulare, il che apre la possibilità di utilizzare il processo per eliminare le cellule tumorali in modo tale da non danneggiare le cellule sane.

Riteniamo che una terapia per il cancro a breve termine per alcune settimane potrebbe essere possibile, in cui potremmo trattare un paziente per uccidere le cellule tumorali senza causare i problemi neurologici di cui soffrono i pazienti di Huntington”.

Prof. Marcus E. Peter

Il meccanismo di morte cellulare attivato da piccoli RNA interferenti è stato identificato per la prima volta nella ricerca precedente dal Prof. Peter e dal primo autore dello studio Dr. Andrea E Murmann, che è un ricercatore in medicina.

Huntington’s produce “molecola assassina”

Spiegando la ragione del nuovo studio, il dott. Murmann afferma che i ricercatori si sono chiesti se ci potrebbero essere situazioni in cui il meccanismo di morte cellulare è “iperattivo in certe persone e dove potrebbe causare la perdita di tessuti”.

“Questi pazienti”, aggiunge, “non solo avrebbero una malattia con una componente di RNA, ma dovevano anche avere meno cancro”.

Un esame più attento del gene huntingtina difettoso ha rivelato un modello simile di ripetute sequenze del codice del DNA a quello trovato nel meccanismo di morte cellulare identificato nello studio precedente: entrambi erano alti nei nucleotidi C e G.

“La tossicità”, osserva il dott. Murmann, “va di pari passo con la ricchezza di C e G. Quelle somiglianze hanno scatenato la nostra curiosità”.

Il team ha testato gli effetti dei piccoli RNA interferenti prodotti dalle sequenze ripetute in cellule tumorali umane e di topo sviluppate da linee cellulari di laboratorio.

Li hanno testati nelle cellule del cervello, del seno, del colon, del fegato, dei polmoni, dell’ovaio e della pelle. Le “molecole assassine” hanno ucciso tutte le cellule tumorali da linee di cellule umane e di topi.

Hanno anche testato gli effetti delle molecole su topi vivi con cancro ovarico umano. Le molecole sono state consegnate in nanoparticelle che rilasciavano il loro carico quando raggiungevano i tumori.

I risultati hanno mostrato che le molecole hanno rallentato la crescita tumorale “senza segni di tossicità per i topi” e anche senza prove che i tumori sviluppassero resistenza al trattamento.

Il team sta ora lavorando per migliorare il metodo in modo che le nanoparticelle possano raggiungere i tumori in modo più efficace. Gli scienziati vogliono anche trovare un modo per mantenerli stabili durante lo stoccaggio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...