In che modo il rumore del traffico può contribuire alle malattie cardiache. farmajet news

I ricercatori hanno scoperto il meccanismo alla base del ruolo del traffico e di altri rumori ambientali nello sviluppo delle malattie cardiache.
traffico

In che modo il rumore ambientale contribuisce al rischio di malattie cardiache?

L’idea che la cardiopatia possa essere causata dal rumore del traffico potrebbe inizialmente sembrarti improbabile.

Ma la crescente evidenza sta collegando il rumore ambientale allo sviluppo di condizioni cardiache tra cui ipertensione arteriosa , ictus , insufficienza cardiaca e malattia coronarica .

Sebbene i fornitori di assistenza sanitaria si concentrino sui fattori di rischio tradizionali quando diagnosticano, prevengono e curano le malattie cardiache, sempre più prove supportano l’idea che anche i fattori di rischio nell’ambiente fisico possono contribuire alle malattie cardiache.

Diversi studi hanno dimostrato un’associazione tra un aumentato rischio di malattie cardiache e il rumore del traffico. Tuttavia, questi studi non sono stati in grado di individuare i meccanismi che possono essere attivi nella cardiopatia indotta dal rumore.

Ora, il Journal of American College of Cardiology ha pubblicato una recensione che studia i potenziali meccanismi con cui il rumore ambientale può contribuire alle malattie cardiache.

Quale meccanismo guida l’associazione?

Per capire quale meccanismo possa guidare l’associazione tra rumore ambientale e malattie cardiache, i ricercatori del Dipartimento di Medicina Interna dell’Università Medical Center Mainz dell’Università Johannes Gutenberg in Germania hanno condotto una revisione della letteratura scientifica disponibile.

Hanno valutato le recenti prove del legame tra cardiopatia e rumore ambientale e hanno esaminato studi che hanno studiato come gli effetti non uditivi del rumore potrebbero avere un impatto sul sistema cardiovascolare.

Inoltre, hanno esaminato gli studi sugli effetti del rumore sul sistema nervoso e quelli che studiano gli effetti negativi del rumore sugli animali e sugli esseri umani.

Dalle prove valutate nella loro revisione, gli autori dello studio suggeriscono che il meccanismo in gioco potrebbe essere un stress risposta nel sistema nervoso che viene attivata dall’esposizione al rumore. lo stress risposta provoca un aumento di ormoni, che danneggia i vasi sanguigni.

Gli autori inoltre collegano il rumore con l’ossidativo stress – uno squilibrio tra la produzione di radicali liberi e la capacità del corpo di annullare i loro effetti – e problemi con i vasi sanguigni, il sistema nervoso e il metabolismo.

Queste associazioni, concludono i ricercatori, aggiungono peso all’idea che il traffico o il rumore degli aerei contribuiscono all’ipertensione, al diabete e ad altri fattori di rischio per le malattie cardiache.

Sono necessarie nuove strategie di riduzione del rumore

Dopo aver valutato alcune delle strategie esistenti utilizzate in tutto il mondo per ridurre l’impatto del rumore, i ricercatori suggeriscono che i pneumatici a bassa rumorosità e il coprifuoco del traffico aereo potrebbero contribuire positivamente alla riduzione del rumore ambientale.

Sottolineano che sono decisamente necessarie nuove strategie di riduzione del rumore.

[A] s la percentuale della popolazione esposta a livelli dannosi di rumore dei trasporti sono in aumento, i nuovi sviluppi e la legislazione per ridurre il rumore sono importanti per la salute pubblica”.

Il principale autore dello studio, Thomas Münzel, direttore del Dipartimento di Medicina Interna

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...